UK: a scuola non si parlerà più di identità di genere
Nuovo giro di vite del governo Sunak dopo il rapporto Cass che mette in guardia anche sui rischi della transizione sociale dei minori, la cosiddetta "identità alias" che è già stata adottata anche da molte scuole italiane: in classe non si insegnerà più che si può cambiare sesso e l'educazione sessuale sarà calibrata in base all'età. E mai senza il consenso dei genitori

Condividi questo articolo

Dopo anni e anni che i transattivisti di associazioni come Stonewall e Mermaids fanno il bello e il cattivo tempo con i loro corsi di educazione sessuale nelle scuole inglesi di ogni ordine e grado, il governo di Rishi Sunak annuncia oggi con la ministra dell’Istruzione Gillian Keegan nuove linee guida obbligatorie per scolari e studenti su questi temi. In classe non si insegnerà più che si può cambiare la propria identità di genere, come è stato fino ad ora -anche senza il consenso dei genitori- dato il dibattito in corso su un’ideologia così controversa a cui ha dato un colpo ferale il rapporto Cass. «L’anno scorso sono rimasto piuttosto inorridito nell’apprendere quello che si stava insegnando a scuola», dice Sunak. I bambini sono bambini e devono essere protetti da concetti che non possono ancora capire e fondo. Si tornerà quindi a insegnare la biologia del sesso e non che il genere si situa su uno spettro. Ci sono altre importanti novità: conversazioni esplicite su  contraccezione, malattie sessualmente trasmissibili, violenza sessuale e aborto si potranno proporre a partire dai 13 anni. Prima, e cioè a partire dai 9 anni, si parlerà di concepimento, nascita e di rispetto dell’altro, compresi suggerimenti su come dare voce alle proprie preoccupazioni. A 11 si potrà passare a ragionare su che cosa è una molestia sessuale, il revenge porn, lo stalking, il grooming e il matrimonio forzato. I genitori riprenderanno il controllo sui figli: potranno visionare il materiale e scegliere se mandarli o meno a lezione. «I genitori possono essere rassicurati una volta per tutte che i bambini impareranno solo contenuti adatti alla loro età», ha dichiarato Keegan. MARA ACCETTURA
Condividi questo articolo
Torna in alto