Trans-medicina: la nuova lobotomia

Secondo Lisa Michele il trattamento di minori sani con ormoni è "uno dei più grandi scandali medici della storia" e può essere paragonato alla lobotomia di 50 mila americani a metà del secolo scorso: in entrambi i casi, nessuna evidenza scientifica e gravi danni per i pazienti. Intanto nasce in Italia un sito di auto-aiuto per genitori di bambine e bambini con disforia di genere
Condividi questo articolo

Parlando di quello che definisce "uno dei più grandi scandali medici della storia americana" (e non solo americana, purtroppo: i trattamenti di cui parla si fanno anche in Italia) la femminista americana Lisa Michele,azzarda un paragone molto forte tra le terapie ormonali per le persone con disforia (specie le-i minori) e la pratica chirurgica della lobotomia, trattamento devastante molto in voga negli USA tra gli anni '40 e gli anni '60. Quella che leggerete è una trascrizione del video di Michele, che potete vedere qui in lingua originale.

Trans-medicina: la nuova lobotomia
Lisa Michele

Intanto vi diamo notizia della nascita del sito italiano Genito***ri (De) Generi animato da un gruppo di genitori con figli preadolescenti e adolescenti con disforia di genere o gender questioning. Finalmente un punto di riferimento per chiunque si ritrovi in questa situazione e abbia necessità di confrontarsi e rompere l'isolamento.

"Crediamo che ci siano molte cause e situazioni che possono portare a sviluppare un disagio riguardo al proprio genere" spiegano.."Allo stesso modo, crediamo ci siamo altrettanti percorsi per uscire da questo malessere. Facciamo squadra per fare informazione sui percorsi che garantiscono il rispetto della delicata fase di crescita e costruzione identitaria tipica dell’età evolutiva, mettendo al primo posto la tutela della salute fisica e mentale di bambini e ragazzi. Esigiamo per i nostri figli approcci basati sull’evidenza scientifica e scevri da qualsiasi ideologia".


Ciao. Mi chiamo Lisa Michele. E questo video riguarderà uno dei più grandi scandali medici della storia americana, la lobotomia. E vedremo come si collega alla tendenza in crescita della cosiddetta medicina trans. La storia si ripete? Scopriamolo.

Dagli anni '40 fino agli anni '60 circa 50.000 americani furono sottoposti al trattamento brutale noto come lobotomia. A quel tempo la lobotomia era vista come una svolta nell'assistenza sanitaria. L'inventore della lobotomia, il neurologo portoghese Agus Moniz, ha persino vinto il Premio Nobel per la Medicina per aver aperto la strada alla procedura. Ma quella che un tempo veniva celebrata come una cura miracolosa si è poi rivelata una follia. Le lobotomie erano pratiche scorrette molto diffuse, perpetrate sulle vittime, spesso incapaci di acconsentire, da parte di medici che non avevano ricerche a sostegno dei loro metodi. Negli Stati Uniti, il movimento della lobotomia è stato sostenuto dal Dr. Walter Freeman, un neurologo megalomane che ha eseguito personalmente oltre 5000 lobotomie. A un certo punto ha attraversato gli Stati Uniti in un furgone soprannominato l'Automobile, eseguendo fino a 25 lobotomie al giorno, a volte uccidendo più pazienti al giorno. Possiamo voltarci a guardare questa pratica e vederla per la tragedia che è stata. Riflettere sul passato dovrebbe significare rivolgere lo sguardo al presente e individuare schemi che si ripetono.

Possiamo vedere molte somiglianze con una pratica in corso oggi, la medicalizzazione di genere nei bambini e negli adulti. Qui mi concentrerò principalmente sui bambini, ma la maggior parte di questi trattamenti si applica anche agli adulti. Oggi un numero record di bambini viene medicalizzato per una condizione psicologica chiamata disforia di genere. In alcuni casi, la disforia di genere si dovrebbe più precisamente nominare dismorfia corporea ed estrema insoddisfazione per il proprio corpo, correlata a disturbi come l'anoressia nervosa. A volte quella dismorfia corporea è solo una versione amplificata di ciò che tutti gli adolescenti attraversano durante la pubertà provando disagio nei loro corpi che cambiano. In altri casi la disforia di genere rappresenta la credenza metafisica in uno spirito o anima di genere che non corrisponde al sesso individuale. Ed è lì che senti persone che si definiscono nate nel corpo sbagliato. E in altri casi, la disforia di genere ha molto a che fare con la preferenza del bambino per i giocattoli, i vestiti, le acconciature, ecc. stereotipicamente associati all'altro sesso. Piuttosto che abbattere quegli stereotipi e dire che va bene per un ragazzo indossare abiti e giocare con le bambole, e va bene per una ragazza voler giocare con i camion e avere i capelli corti, i medici patologizzano questi cosiddetti bambini non conformi di genere, il che non fa che rafforzare quegli stereotipi regressivi e dannosi.

Discuteremo ora di DIECI aree in cui lobotomia e ormonizzazione dimostrano pattern sorprendentemente simili. 

Trans-medicina: la nuova lobotomia
USA, 50 mila pazienti lobotomizzati tra gli anni '40 e '50

1. UNA FANTASIA PSEUDOSCIENTIFICA

Una lobotomia prevede l'inserimento di un oggetto metallico appuntito chiamato orbitoclast nella parte frontale del cervello, attraverso un piccolo foro praticato nel cranio o attraverso il condotto lacrimale nel caso delle cosiddette lobotomie transorbitali con punteruolo. Dopo che lo strumento è stato inserito, il chirurgo lo fa ruotare alla cieca, recidendo permanentemente le delicate connessioni nervose e distruggendo indiscriminatamente il tessuto cerebrale. È una procedura imprecisa e barbara, e si basa su una fantasia pseudoscientifica, inventata da pochi uomini che postulavano che i cervelli dei malati di mente non fossero formati correttamente. Hanno progettato la procedura per distruggere intenzionalmente il tessuto cerebrale, per impedire ad alcune aree del cervello di comunicare tra loro. Per una persona razionale questo non ha senso. Il cervello è intricato e complesso e oggi lo sappiamo. Il modo in cui la nostra psicologia e fisiologia interagiscono è molto misterioso. Era davvero solo una fantasia credere ciecamente a qualcosa di così impreciso, cioè che tagliare il cervello migliorerebbe malattie mentali come la schizofrenia e la depressione.

Quando leggiamo la letteratura sulla cosiddetta terapia ormonale sessuale vediamo una mancanza di logica simile e una completa negazione della fisiologia di base. Ad esempio, diamo un'occhiata agli articoli della Mayo Clinic sulla terapia ormonale femminilizzante e mascolinizzante. Entrambi gli articoli contengono questa illogicità. Idealmente il trattamento inizia prima dello sviluppo delle caratteristiche sessuali secondarie in modo che gli adolescenti possano attraversare la pubertà nel genere in cui si identificano. Ma la realtà è molto diversa da questa fantasia. In realtà, nessuno può cambiare o scegliere attraverso quale pubertà sessuale passare. Le femmine, a meno che non siano malate, attraversano la pubertà femminile. E lo stesso vale per i maschi.

2. DANNO INTENZIONALE

Con la terapia ormonale femminilizzante a bambini e adulti maschi vengono somministrati livelli innaturalmente elevati di estrogeni sintetici in combinazione con farmaci come lo spironolattone, che riducono il loro testosterone naturale. Prima del trattamento, questi maschi hanno corpi con livelli ormonali sani per il loro sesso. Il medico che effettua la prescrizione induce quindi intenzionalmente uno stato di malattia nei loro corpi. Bassi livelli di testosterone e alti livelli di estrogeni sono segni di malattia in un maschio, così come i cambiamenti fisici che ne derivano, inclusa la diminuzione dei peli sul viso, lo sviluppo del tessuto mammario, la ridistribuzione del grasso, l'atrofia testicolare, l'atrofia muscolare e la bassa libido. La terapia ormonale maschile è quando alle donne vengono somministrati livelli innaturalmente elevati di testosterone. Anche in questo caso, queste femmine partono da un corpo con livelli ormonali sani per il loro sesso e raggiungono rapidamente uno stato di malattia con sintomi come abbassamento della voce, crescita dei peli del viso e del corpo, redistribuzione del grasso corporeo, perdita delle mestruazioni e atrofia vaginale. Questi sono tutti segni di malattia in una donna, ma questi segni di malattia in maschi e femmine sono in realtà i risultati voluti perché sia ​​il paziente sia il professionista stanno operando sulla base della fantasia che una persona possa letteralmente diventare dell'altro sesso, fantasia rafforzata da termini come MTF e FTM .

Quindi, quando una donna si fa crescere la barba e perde il ciclo, la fantasia è che stia letteralmente diventando maschio perché quelli sono stati normali e sani in un maschio che non ha il ciclo e si fa crescere la barba. Il problema è che non è un maschio e non lo sarà mai per quanto possa desiderarlo. È ancora un corpo femminile e quelli sono sintomi di malattia in una donna e nulla può cambiare questa realtà. Nella lobotomia i pazienti sono nati con la normale materia bianca e grigia nel cervello. Sebbene soffrissero di problemi emotivi o psicologici, il loro cervello era strutturalmente normale. A volte, come nel caso di pazienti schizofrenici e maniacali, l'intenzione era quella di provocare una lesione cerebrale traumatica. Un effetto molto comune della lobotomia era qualcosa che si potrebbe chiamare inerzia, condizione che si osserva anche nel trauma cranico. L'inerzia è quando un paziente diventa estremamente docile e quasi catatonico. In alcuni pazienti rumorosi e turbolenti tipo il protagonista di Qualcuno volò sul nido del cuculo, indurre un trauma cranico per creare uno stato passivo e docile era l'obiettivo desiderato, in modo da rendere quei pazienti più tranquilli e più gestibili. 

3. CONGETTURE

Delle Circa 50.000 lobotomie eseguite negli Stati Uniti, la prima fu praticata nel 1946 su una casalinga di 29 anni dal dottor Walter Freeman. Il dottor Freeman era un egocentrico che pensava di essere Dio e che agiva con spavalderia e senza riguardo per le conseguenze delle sue pratiche. Non è mai stato certificato come chirurgo, e quindi probabilmente non sorprenderà che abbia agito per istinto e intuizione piuttosto che basando le sue azioni su ricerche rigorose o studi. Poiché Freeman eseguiva molte lobotomie, c'era un piccolo follow up con i pazienti, nulla che si potrebbe chiamare studio scientifico. Le affermazioni sull'efficacia della pratica si basavano su aneddoti. I fallimenti erano evidenti, con persone che sono morte durante o subito dopo la procedura. 490 dei pazienti di Freeman sono rientrati  in quella categoria, il 10%. A una donna con cancro alla mascella è stata somministrata una lobotomia per ridurre il dolore. Dopo la lobotomia era incontinente e apatica, a malapena in grado di parlare, aveva bisogno di cure 24 ore su 24, ma il suo caso fu considerato un successo.

È passato quasi un secolo dai primi interventi chirurgici di Freeman, eppure il rigore scientifico è altrettanto assente quando osserviamo i trattamenti che alterano gli ormoni. In una revisione fatta nell'aprile del 2021, il National Institute of Health and Care Excellence del Regno Unito ha affermato che gli studi esistenti sui cosiddetti farmaci bloccanti la pubertà erano scarsi, mal progettati, soggetti a pregiudizi e confusione, mancavano di gruppi di controllo, producevano pochissimi dati ed era difficile trarre conclusioni a partire di lì. Hanno riscontrato problemi simili con gli studi sull'uso degli ormoni cross sex, ritenendo che le prove dell'efficacia e della sicurezza clinica fossero di qualità molto bassa. Hanno notato che questi farmaci hanno profili di sicurezza che a lungo termine sono in gran parte sconosciuti. Una revisione sistematica del 2016 sulla rivista Neuropsychiatric Disease and Treatment ha rilevato che l'uso di ormoni sessuali cross sex non migliora molti aspetti della salute mentale, tra cui la depressione, la psicopatologia globale e il funzionamento psicosociale, sebbene sembri giovare ai pazienti con una riduzione del disagio corporeo.

Nel 2019, l'Istituto di ricerca JVI ha pubblicato un'altra revisione sistematica di studi sull'uso degli ormoni cross sex, scoprendo che sebbene i pazienti ottenessero migliori punteggi di qualità della vita in alcune aree, mancava una ricerca seria. E poiché i risultati sul miglioramento della qualità della vita, sulla depressione e sull'ansia derivanti dall'assunzione di ormoni andavano da molto bassi a bassi, il trattamento non poteva essere raccomandato. Come possono essere somministrati farmaci quando gli studi non hanno dimostrato che sono sicuri ed efficaci? La risposta è che i medici li stanno dando off-label, il che gli consente di prescriverli ai pazienti senza il fastidio dell'approvazione della FDA. Questi farmaci sono sul mercato perché in precedenza sono stati studiati e hanno dimostrato di essere sicuri ed efficaci su una certa popolazione e a un certo dosaggio per certe patologie, ma ora i medici li stanno prescrivendo per popolazioni e per patologie per le quali non sono mai stati studiati o approvati. La sicurezza e l'efficacia rimangono grandi punti interrogativi.

4. DISPERAZIONE

 Nella prima parte del 20° secolo c'è stata un'esplosione di diagnosi di problemi mentali e ricoveri ospedalieri. Tra il 1903 e il 1933 gli ospedali psichiatrici americani sono più che raddoppiati in termini di dimensioni e a metà del secolo oltre mezzo milione di americani sono stati ricoverati. Vivere in un manicomio americano in quel momento significava soffrire tremendamente. Nell'era precedente alla psicofarmacologia le lobotomie hanno portato la speranza che i pazienti potessero riprendersi a sufficienza per potere tornare a casa e possibilmente a una vita normale. Molte famiglie erano anche preoccupate per le tendenze al suicidio della persona amata. Questo ha creato un'urgenza che ha condotto a trascurare la mancanza di dati di ricerca e la reale possibilità di morte o paralisi in seguito a lobotomia. Qualcosa di molto simile sta accadendo oggi con l'esplosione del numero di persone che lamentano un disagio estremo in una determinata area. Uno studio sul Journal of Interpersonal Violence rileva che l'86% dei cosiddetti giovani transgender afferma di provare tendenze suicidarie e il 56% ha tentato il suicidio. Quindi è comprensibile che i genitori siano disperati e indotti ad agire in fretta con qualunque trattamento per il loro bambino, compresi quelli che non sono garantiti da prove di efficacia o sicurezza. Lo stesso studio ha mostrato che la causa principale di quei sentimenti depressivi era spesso il bullismo a scuola. Ma non è il bullismo che viene affrontato e curato, si interviene invece sulla fisiologia del bambino. Va anche notato qui le minacce di suicidio a volte sono autentiche, ma sono anche una classica tecnica di manipolazione. La ricerca non è sufficientemente dettagliata per riuscire a distinguere separare la reale tendenza al suicidio dalla finzione al fine di manipolare. 

5. PROPAGANDA

Sia nel caso della lobotomia che dei trattamenti di genere un esame accurato farebbe luce su pratiche discutibili, ma il controllo è marcatamente assente. Naturalmente non dovrebbe provenire da medici desiderosi di sperimentare, né da pazienti disperati o dalle loro famiglie. Il controllo dovrebbe essere esercitato dai media, ma sfortunatamente non succede. Nel 1937, il dottor Freeman e colleghi presentarono scimpanzé lobotomizzati a una conferenza dell'American Medical Association. Gli scimpanzé adulti sono straordinariamente forti e normalmente aggressivi nei confronti degli umani, ma quelli che Freeman portò alla conferenza erano docili, amichevoli e potevano anche essere accarezzati. In seguito, il New York Times ha pubblicato un entusiastico articolo in prima pagina. Nonostante una parte di scettici, si è propagandato il grande potenziale delle lobotomie, definendole chirurgia dell'anima e affermando che il 65% delle persone trattate era da moderatamente a molto migliorato. Sono stati elencati 16 diversi disturbi curabili con lobotomia. Sicuramente una prospettiva eccitante per i lettori. Nel 1942, il New York Times scrisse una recensione del libro di Freeman Psycho Surgery, affermando che era più eccitante della maggior parte dei romanzi. E perché no? Sondare nel cervello, vedere menti fuori controllo tornare a modi di pensare più normali? Nessun romanziere ha mai trattato un argomento più emozionante. Vengono evidenziate le percentuali di successo di Freeman e l'approccio pratico e realistico. Freeman ha fatto conto su questi elogi della stampa per preparare l'opinione favorevole all'efficacia della lobotomia, compresi i suoi colleghi e il pubblico. Ma mentre quell'elogio del New York Times per la sperimentazione umana potrebbe essere giustificato come ingenua speranza, il Times di oggi è a dir poco una macchina manipolatrice e pubblica molti articoli che celebrano ogni aspetto dell'ideologia trans. A volte il sostegno è più sottile e insidioso.

A gennaio il New York Times ha riferito di un disegno di legge dell'Arkansas che impedirebbe ai medici di prescrivere farmaci che altera il sistema ormonale di bambini sani. L'articolo è pieno di citazioni iperboliche di adolescenti e famiglie trans. Il Times menziona un adolescente. “E' come se la mia vita fosse stata cancellata. Se la legge entrasse in vigore, sarebbe davvero la morte di Sabrina. Non sarei in grado di vivere ed essere me stesso”. Un altro adolescente: “Siamo solo ragazzini che cercano di vivere le nostre vite”. E un genitore ha aggiunto: “E' piuttosto straziante sentirsi dire dallo stato che sarà illegale dare a tuo figlio ciò di cui ha bisogno per esistere”. L'articolo menziona ripetutamente pensieri o azioni suicidarie dei bambini in seguito alla semplice notizia del disegno di legge, ma riferisce a malapena lo scopo del disegno di legge, salvaguardare i bambini dall'essere oggetto di sperimentazione con trattamenti ormonali noti per causare infertilità permanente e perdita della densità ossea. Anziché fare giornalismo equilibrato, i media sono diventati un potente portavoce utilizzato esclusivamente da una parte del dibattito.

 6. SCETTICI IGNORATI

Oggi sappiamo ciò che accade alle persone che parlano e provano a mettere in discussione il genere, l'ideologia e le relative cure mediche, compreso l'uso di ormoni sessuali cross sex e i vari interventi chirurgici. Gli scettici vengono messi a tacere, rimossi dalle posizioni accademiche, bollati come transfobici, ostracizzati e deplatformizzati persino per il semplice fatto di fare domande. I politici che propongono una legislazione per proteggere i bambini dalla sperimentazione sono considerati odiosi. Quando i media riferiscono sulla medicina trans, le voci degli scettici vengono minimizzate e incluse come pensieri a latere.

Quando J.K. Rowling ha twittato la sua preoccupazione è stata accusata dai media popolari e sui social media di essere transfobica, anche se il suo tweet stava semplicemente dando voce alle preoccupazioni molto ragionevoli del professor Carl Hennigan di Oxford, che ha affermato che data la scarsità di prove l'uso off label di farmaci per il trattamento della disforia rappresenta in gran parte un esperimento dal vivo non regolamentato su bambini. Ci sono stati sicuramente degli scettici, ma alla fine sono diventati irrilevanti. Negli anni '30, Walter Freeman lavorò al St Elizabeth's Hospital di Washington, DC, un manicomio pieno di potenziali soggetti per i suoi esperimenti. William White, il sovrintendente dell'ospedale, definì la lobotomia un trattamento spurio e irresponsabile e disse a Freeman che avrebbe dovuto attendere a lungo prima di potere operare qualcuno dei suoi pazienti. Ma dopo la morte di White nel 1937, Freeman ebbe carta bianca per lobotomizzare la popolazione di St Elizabeth, cosa che fece. Più tardi Freeman incontrò scetticismo in Germania, dove i medici erano diffidenti nei confronti di qualsiasi cosa somigliasse alla sperimentazione umana fatta durante la Seconda Guerra Mondiale. Sapevano che una lobotomia era, in effetti, una lesione cerebrale traumatica indotta che violava il Codice di etica medica di Norimberga del 1947. Il Codice di Norimberga richiede, tra l'altro, il consenso volontario esplicito dei pazienti per la sperimentazione. Ma ovunque incontrasse scettici Freeman si scrollò di dosso le preoccupazioni etiche e la mancanza di scientificità e continuò a operare.

7. CONSENSO

La mancanza del consenso del paziente è l'ennesima analogia tra le lobotomie e i trattamenti transgender di oggi. Molti pazienti lobotomizzati non sono stati in grado di dare il consenso a causa della natura della loro malattia mentale. Alcuni erano stati involontariamente ricoverati in ospedale o avevano disturbi come la schizofrenia che rendevano nel migliore dei casi dubbio il loro consenso. Ma il consenso come concetto legale negli anni Quaranta e Cinquanta non era importante come oggi. Quindi alcuni dei pazienti del dottor Freeman non sono stati nemmeno informati su ciò che la procedura avrebbe comportato, né sono stati informati dei rischi. Un grosso problema con il consenso nella medicina trans oggi riguarda il trattamento dei minori. La World's Professional Association for Transgender Health Path fornisce linee guida ai medici per iniziare trattamenti sui bambini. Nel corso degli anni, il percorso Wpath ha abbassato l'età consigliata per l'inizio dei trattamenti. La loro attuale raccomandazione è di 14 anni per l'inizio della terapia ormonale, 15 anni per la doppia mastectomia e 17 anni per la chirurgia genitale. Il fatto che i bambini dovrebbero essere legalmente in grado di acconsentire alle cure mediche varia a seconda dello stato e in alcuni casi dipende dal tipo di trattamento. Ad esempio, nel Connecticut non esiste un'età minima per consentire a un bambino di accadere al trattamento per malattie sessualmente trasmissibili, per abuso di droghe o per salute mentale. Ma anche se la legge permette ai bambini di dare il consenso, l'etica medica rimane discutibile. Gli ormoni cross sex e i bloccanti della pubertà hanno alcuni effetti già noti, come la perdita di densità ossea e l'infertilità. Ma a causa della mancanza di dati a lungo termine restano molte incognite.

Dunque come possono i bambini dare il loro consenso? Non hanno la capacità di prendere decisioni come gli adulti e non possono valutare il rischio di conseguenze a lungo termine, tendendo a a favorire la gratificazione immediata. Questo è il motivo per cui non permettiamo loro di fumare sigarette o di farsi tatuaggi, e per il quale in tante aree è necessario il permesso dei genitori. 

8. SOMMINISTRAZIONE CASUALE 

I pazienti potrebbero non rendersi conto dei seri guai in cui si stanno cacciando anche perché i trattamenti vengono distribuiti in modo incredibilmente casuale. L'anno scorso, la giornalista Abigail Schrier ha parlato del modo casuale in cui il testosterone viene somministrato da Planned Parenthood, uno dei maggiori fornitori di testosterone per le giovani donne. Racconta di ragazze che si presentano in gruppi di amici, ridacchiano mentre aspettano il loro testosterone e firmano documenti di consenso informato senza leggerli. Nota che non vengono mai rifiutati o indirizzati a una consulenza psicologica piuttosto che a un medico. Questi pazienti incontrano un consulente di genere che non ha precedenti esperienze mediche, una formazione specifica o credenziali professionali. In questo ambiente casual non sorprende che i pazienti non capiscano la gravità di ciò che stanno intraprendendo. Capitava più o meno lo stesso nelle lobotomie, e anche se la lobotomia è sicuramente un intervento chirurgico al cervello Walter Freeman e colleghi lo vedevano come una semplice procedura ambulatoriale. Come accennato in precedenza, Freeman non era specializzato in chirurgia, ma riteneva che martellare con un rompighiaccio nel cervello di qualcuno era solo un lieve aggiustamento neurologico. Eseguiva lobotomie nel suo ambulatorio, non in un ospedale, e non seguiva protocolli sterili. Spesso le lobotomie richiedevano solo un paio di minuti. L'intero intervento si realizzava in circa 15 minuti. Ma i risultati spesso non sono stati di poco conto ma estremi. 

9. CONSEGUENZE DEVASTANTI 

Una delle migliaia di storie tragiche di lobotomia andate storte è quella di Rosemary Kennedy. Rosemary era piuttosto ribelle, aveva difficoltà di apprendimento causate da danni cerebrali subiti durante la nascita e divenne una giovane donna vivace ma a volte turbolenta. Suo padre si rivolse a Walter Freeman per curare la stranezza di Rosemary. Le fu somministrata una lobotomia che ha alterato la sua capacita di parlare, l'ha lasciata parzialmente paralizzata, incontinente. Ha dovuto imparare di nuovo a camminare, a lavarsi i denti e a vestirsi da sola. Vergognandosi per l'orrore che le aveva perpetrato, suo padre la fece spedire in una casa di cura dove visse in isolamento per il resto della sua vita. La storia di Rosemary non era affatto unica nel mondo delle lobotomie. Molti pazienti sono morti durante l'operazione. L'emorragia cerebrale fatale era comune. Inoltre erano comuni infezioni, incontinenza, paralisi, convulsioni e catatonia. Risultati non piacevoli, peccato che fossero permanenti. Non c'era modo di tornare indietro.

Trans-medicina: la nuova lobotomia
Rosemary Kennedy, lobotomizzata perché "strana" e "ribelle"

Oggi vediamo un danno irreversibile simile nei pazienti trans-medicalizzati. Alcuni professionisti sostengono che gli effetti dei trattamenti sono reversibili, ma queste affermazioni sono dubbie perché sebbene i benefici del trattamento ormonale non siano stati ben studiati, le complicazioni sono già note nelle donne e includono rischi di infertilità e problemi di coagulazione, ipertensione, colesterolo alto, diabete, aumento di peso, apnea notturna e atrofia vaginale. Le donne sottoposte a isterectomia hanno un rischio maggiore di malattia coronarica, insufficienza cardiaca congestizia, alcuni tipi di cancro, depressione e demenza. Le donne che subiscono l'intervento chirurgico noto come falloplastica hanno a che fare con cicatrici estese che spesso richiedono una terapia, possono finire con uretra bloccata, fistole o con la morte completa del tessuto trapiantato. Queste non sono complicazioni minori e il paziente non può mai tornare al corpo sano che aveva. Negli uomini i rischi di alterazione ormonale includono la cosiddetta castrazione chimica, atrofia testicolare, perdita della libido, disfunzione erettile e sterilità. Ma anche coaguli di sangue, colesterolo alto, aumento di peso, ipertensione, diabete, ictus e cancro al seno. Queste sono condizioni che alterano la vita e non semplici effetti collaterali. Negli uomini sottoposti a chirurgia genitale le complicanze si verificano nel 20-70%, secondo uno studio del 2021 sulla rivista Andrology. Comprese infezioni, necrosi tissutale, lesioni all'uretra, complicazioni della ferita, sanguinamento eccessivo e coaguli. Alcune complicanze richiedono ulteriori interventi chirurgici, ma il nessun intervento può riportare il corpo al suo precedente stato di salute. Ciò che è fatto non può essere annullato. 

10.

VITTIMIZZAZIONE DELLE MINORANZE 

La maggior parte dei pazienti con lobotomia, il 60%, erano donne. La lobotomia era vista come un rimedio ai tratti di personalità ostinati e turbolenti, considerati inaccettabili nelle donne. Un altro gruppo preso di mira erano gli omosessuali. L'omosessualità era considerata un disturbo mentale dall'American Psychiatric Association fino al 1973. Il comportamento omosessuale era considerato deviante e l'inerzia che derivava da molte lobotomie diminuiva l'interesse per il sesso.

Oggi vediamo qualcosa di simile accadere con gli stessi gruppi demografici. I bambini che non sono conformi al genere vengono indirizzati a un percorso di medicalizzazione. invece di dire che una ragazza può essere qualsiasi cosa, fare qualsiasi cosa, l’industria del genere dice che se le piacciono le cose da ragazzo, in realtà è un ragazzo e ha bisogno di questi farmaci e interventi chirurgici in modo che il suo corpo possa assumere caratteristiche fisiche maschili. Sto menzionando le ragazze in particolare qui perché, come con le lobotomie, le femmine sono la maggior parte di questi pazienti. Nel Regno Unito, le segnalazioni per cambiamenti di sesso nei minori di 18 anni sono aumentate da 77 nel 2009 a 2590 nel 2018-19. E il 70% erano donne. E molte di queste bambine sarebbero diventate lesbiche, che è sempre più vista come un'identità vergognosa e transfobica. In altre parole, l'omofobia sta dilagando ancora una volta e l'omosessualità è vista come qualcosa che deve essere curata dal punto di vista medico. 

CONCLUSIONE

 Se apriamo le nostre menti e un libro di storia possiamo imparare dal passato e vedere modelli che si tradurranno in una tragedia diffusa. Se studiamo con intelligenza la storia possiamo prevenire molte sofferenze. I ciarlatani del passato hanno commesso gravi crimini contro i più vulnerabili, ricorrendo a deliri fantascientifici per giustificare danni intenzionali su disperati. Pazienti non consenzienti, spesso appartenenti a minoranze, erano soggetti agli esiti devastanti di procedure somministrate casualmente.

Tutte queste vergognose caratteristiche della lobotomia si ritrovano oggi nella medicina trans. I trattamenti ormonali e la chirurgia vengono etichettati come health care, proprio come lo erano le lobotomie. E se sei scettico, se fai domande tipo: non dovremmo seguire un metodo scientifico prima di prescrivere farmaci off label di efficacia sconosciuta a un gran numero di persone? Oppure: i bambini possono capire l'implicazione a lungo termine di questi trattamenti? Possono davvero prendere decisioni a 14 anni sulla loro fertilità ed esporsi a rischi per la salute a lungo termine? Sterilizzare un gran numero di bambini gay e non conformi al genere non è una forma di eugenetica? Se fai domande sei etichettato come un bigotto o transfobico che vuole negare alle persone l'accesso alle cure di cui hanno bisogno. Ma non è più premuroso, più compassionevole non volere che le persone siano sottoposte a esperimenti, voler evitare un'altra tragedia diffusa come le lobotomie? Abbiamo il vantaggio del senno di poi e dobbiamo usarlo. Una cosa che possiamo fare è ascoltare gli scettici, gli informatori e i detrans, coloro che sono già stati feriti da questo sistema e sono disposti a raccontare le loro storie.

"Sostieni le persone trans" significa incanalarle in un sistema medico che non ha a cuore i loro migliori interessi. Suggerisco un approccio diverso per sostenere questa popolazione vulnerabile, che consiste nel guardare il sistema con occhio critico e ri-orientarlo per ridurre al minimo i danni.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
26 Maggio 2022
Femminista norvegese rischia 3 anni di carcere per avere detto che un uomo non può essere madre
Christine Ellington, referente per la Norvegia di WDI, indagata dalla polizia per crimine d'odio nei confronti di tale Jentoft che si dice "lesbica". E che ha denunciato, con il sostegno di Amnesty International. Oggi dirsi donna è possibile per tutti. Tranne che per le donne
Mentre Netflix è sotto attacco transattivista per avere trasmesso lo stand-up dell’attore Ricky Gervais, che ha osato ironizzare sulle “donne con il pene”, in Norvegia si scherza molto meno. Christina Ellington, rappresentante di WDI (Women’s Declaration International) è indagata dalla polizia e rischia 3 anni di galera per avere twittato che i maschi non possono essere lesbiche e per avere detto in tv a  tale Jentoft, maschio che si identifica come una donna lesbica: "Tu sei un uomo. Non puoi essere […]
Leggi ora
24 Maggio 2022
Il Congresso USA promuove una Carta dei Diritti delle Donne ispirata dai testi del femminismo
Potersi dire donne, non essere ridotte a "mestruatori" o "buchi davanti", avere i propri spazi riservati: i repubblicani americani assumono la resistenza del femminismo contro il progressismo woke e propongono una legge di portata storica. Le associazioni delle donne, da WoLF a WDI, approvano. Ma a dividere resta la questione dell'aborto, con la sentenza della Corte suprema in dirittura d'arrivo
Mentre ACLU (American Civil Liberties Union), la più grande associazione americana per i diritti civili, sta conducendo una campagna per sostenere che escludere dalle carceri femminili maschi incriminati per reati sessuali è un fatto discriminatorio e incostituzionale, il 19 maggio scorso un gruppo di rappresentanti repubblicani al Congresso USA, americani, prima firmataria Debbie Lesko, ha presentato una risoluzione per introdurre una Carta dei Diritti delle Donne, allo scopo di definire legalmente cosa sia una "donna", riconoscere che le donne e […]
Leggi ora
21 Maggio 2022
Aborto: precisamente che cosa vogliono i pro-life?
Oggi a Roma la Manifestazione per la Vita che tornerà a gridare no all'aborto, in attesa della sentenza della Corte Suprema che potrebbe renderlo illegale negli USA. Ma l'abolizione della legge 194 è impensabile, non esiste una maggioranza che la sosterrebbe. Che cosa si chiede allora? Quali sono i veri obiettivi del movimento?
Oggi a Roma si svolgerà la Manifestazione per la Vita. Al netto del terremoto che sta scuotendo il mondo dei cosiddetti pro-life (un buon resoconto lo potete trovare qui), la piazza di oggi è fortemente corroborata dal vento USA e dal fatto che nel giro di poche settimane la Corte Suprema americana potrebbe confermare con sentenza definitiva la messa fuori legge dell'interruzione di gravidanza (ne abbiamo parlato qui). Nel rispetto delle opinioni di tutti, la posizione dei pro-life italiani è […]
Leggi ora
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
13 Maggio 2022
Destra, sinistra, umano, transumano
Il tema dei "diritti" -dall'identità di genere all'utero in affitto- non è complementare o a latere, ma delinea l'orizzonte verso il quale ci si muove. Ma la prospettiva post-umana perseguita dai progressisti non è unica e ineluttabile. L'alternativa esiste: una civiltà a radice femminile
Ripresentando il ddl Zan, al Senato con scarsissime possibilità che passi -quando invece altre soluzioni, tipo il ddl Scalfarotto, avrebbero assicurato una legge contro l'omobitransfobia- il segretario PD Letta ha più volte sottolineato che il tema dei diritti è decisivo per il suo partito. Tema dei diritti che tuttavia è sempre posto come complementare, a latere di questioni ritenute ben più rilevanti: la guerra, certo, i temi economici ma anche semplicemente la legge elettorale. In verità il più della partita […]
Leggi ora
10 Maggio 2022
Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane
La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui). Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical. Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen […]
Leggi ora