Trans-Europa: Irlanda, UK, Spagna, le leggi-gender ai primi posti nelle agende politiche

Mentre la nuova premier britannica Liz Truss lavora per bloccare l'autocertificazione di genere in Scozia, il governo iberico impedisce il dibattito parlamentare sulla Ley Trans, che consente il cambio di sesso perfino ai bambini di 12 anni, per andare ad approvare in fretta e furia: per questo le femministe spagnole rompono con la sinistra e aprono il dialogo con il Partito Popolare. Intanto in Irlanda un professore viene arrestato per aver rifiutato di usare il linguaggio fluido
Condividi questo articolo

Un professore di una scuola cristiana irlandese, Enoch Burke, è stato sospeso e quindi arrestato per aver rifiutato di appellare uno studente transgender con un pronome neutro.

Trans-Europa: Irlanda, UK, Spagna, le leggi-gender ai primi posti nelle agende politiche
L'arresto del professor Enoch Burke

Intanto la nuova premier britannica Liz Truss starebbe cercando di bloccare i piani della Scozia per consentire l'autoidentificazione per le persone transgender (self-id) e avrebbe chiesto agli avvocati consigli su come "mettere in pausa o prevenire" le riforme.

Truss, responsabile del brief sulle uguaglianze oltre che ex-ministro degli esteri, è stata determinante nell'escludere l'autoidentificazione in Inghilterra mantenendo la necessità di controlli medici per acquisire un certificato di riconoscimento di genere (GRC). In Scozia, il Gender Recognition Act (GRA) eliminerebbe invece la necessità di una diagnosi medica di disforia di genere.

Truss è "preoccupata" che le persone trans in altre parti del Regno Unito si rechino in Scozia per ottenere un GRC. Gli attivisti LGBT hanno chiesto al governo scozzese di essere "più audace" nelle riforme che godono del sostegno di quattro su cinque dei principali partiti del parlamento scozzese (escluso il Tory ).

Un informatore ha dichiarato: “Truss ha chiesto ai team legali di trovare il modo per 'mettere in pausa o prevenire' lo Scotland Gender Recognition Act Bill. Non sarei sorpreso se Truss lo fermasse con successo. Truss sarebbe "furiosa per ciò questo piano potrebbe fare ai diritti delle donne nel resto del Regno Unito, ma è preoccupata anche per la Scozia. Ciò comporta la sua richiesta di consulenza legale sui potenziali impatti della legge scozzese sui diritti dei residenti nel resto del Regno Unito".

potete leggere la notizia integrale qui

Per finire, la Spagna. Il Comitato del Congresso ha concordato di approvare la cosiddetta Ley Trans con procedura d'urgenza, dimezzando perciò i tempi e azzerando di fatto il dibattito parlamentare. Promossa dalla ministra dell'Uguaglianza Irene Montero , la legge potrebbe essere approvata entro questo mese.

Il progetto consente il cambio di sesso all'anagrafe senza perizia medica o psicologica: dall'età di 12 anni con autorizzazione giudiziariadai 14 anni, con l'assistenza dei genitori; e dall'età di 16 anni autonomamente. Nelle loro relazioni, sia il Consiglio di Stato sia il Consiglio Generale della Magistratura (CGPJ) hanno difeso la necessità dell'intervento giudiziario per tutti i minori.

Il femminismo spagnolo si oppone alla norma, fortemente sostenuta dal governo di sinistra (Psoe + Podemos) perché include una "autodeterminazione del genere" che potrebbe annullare le conquiste delle donne. E insieme a molti esperti avverte dei pericoli per la salute dei minori, che potrebbero essere sottoposti a trattamenti che appaiono esplicitamente come "non raccomandati" per loro nel fascicolo dell'Agenzia spagnola dei medicinali e dei prodotti sanitari (AEMPS).

La legge, emanata lo scorso giugno dal Consiglio dei ministri , consentirebbe infatti l'uso di farmaci utilizzati per sopprimere la pubertà:  gli agonisti del GnRH (ormone di rilascio delle gonadotropine) . I suoi analoghi - triptorelina e leuprorelina - sono fortemente scoraggiati dall'AEMPS perché "la sicurezza e l'efficacia nei pazienti pediatrici non sono state stabilite" e quindi " non è raccomandato l'uso nei bambini o negli adolescenti fino a quando non saranno disponibili dati sull'efficacia e la sicurezza" . 

L'uso a lungo termine nella popolazione pediatrica è infatti sperimentale e le conseguenze esatte sono sconosciute. L' Alleanza contro la cancellazione delle donne (Contraborrado) ha presentato un rapporto pionieristico al riguardo. La piattaforma che riunisce migliaia di femministe spagnole si è richiamata a uno studio pubblicato da Lesbians United, organizzazione lesbica USA che ha dimostrato che i farmaci che bloccano lo sviluppo della pubertà, necessari per la transizione , hanno conseguenze molto negative sulla la fisiologia dei minori.

Tra le problematiche rilevate, quelle legate "allo scheletro, al sistema cardiovascolare, alla tiroide, al cervello, ai genitali, all'apparato riproduttivo, all'apparato digerente, alle vie urinarie, ai muscoli, agli occhi e al sistema immunitario". Come se non bastasse, gli agonisti del GnRH " possono essere dannosi per la salute mentale e aumentare il rischio di suicidio ".

Trans-Europa: Irlanda, UK, Spagna, le leggi-gender ai primi posti nelle agende politiche

A giugno 2022 la FDA (l'agenzia farmaceutica statunitense) aveva ricevuto più di  60.400 segnalazioni di effetti avversi all'uso di comuni agonisti del GnRH, inclusi quasi 8.000 decessi . 

Le femministe di Contraborrado hanno chiesto che il testo della Ley Trans venga ritirato per aprire un dibattito che permetta alla società di conoscerne le conseguenze pratiche per i bambini e i diritti delle donne. Il presidente del Partito Popolare, Alberto Núñez Feijóo , ha voluto ascoltarle e ha annunciato che abrogherà la norma non appena arriverà al governo.

la notizia la leggete qui

La Spagna andrà a elezioni nel 2023. Secondo gli ultimi sondaggi i popolari sarebbero in testa con oltre il 30% dei voti contro il 28,2% dei socialisti. Podemos tornerebbe a essere la terza forza con il 13%, mentre Vox conquisterebbe il 12%.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
6 Ottobre 2022
"Distruggi i diritti delle donne": JK Rowling contro la premier scozzese e la sua legge trans
Come in Spagna anche in Scozia il femminismo combatte contro una legge voluta dalla prima ministra Nicola Sturgeon che introduce l'autodeterminazione di genere senza alcuna diagnosi medica e abbassando a 16 anni l'età per l'accesso. E anche stavolta l'autrice di Harry Potter è al fianco delle donne, delle bambine e dei bambini
JK Rowling si fotografa con una maglietta che dice: "Nicola Sturgeon, distruttrice dei diritti delle donne" per sostenere le donne che protestano davanti al parlamento scozzese contro la controversa legge di riforma del riconoscimento di genere voluta dalla Prima Ministra scozzese. Le attiviste di For Women Scotland (Scozia per le donne) si sono riunite questa mattina davanti al Parlamento scozzese per una manifestazione contro il disegno di legge promosso da Sturgeon, che renderebbe più facile l’autodeterminazione di genere –lo abbiamo […]
Leggi ora
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora
4 Ottobre 2022
USA, coppia gay fa causa: l'utero in affitto è un "diritto", va pagato dall'assicurazione sanitaria
La richiesta dei due uomini punta a far riconoscere come "disabilità" il fatto di non disporre di un utero: pretesa assurda, invidiosa e rivelatrice. Se vincessero in tribunale in tutta l'America assicurazioni e datori di lavoro dovrebbero rimborsare le gestazioni per altri for men
Una coppia gay ha avviato una causa al tribunale del lavoro di New York chiedendo che l’assicurazione fornita dal datore di lavoro paghi al posto loro tutti i costi dell’utero in affitto, al fine di garantire “pari opportunità nell’accesso alle cure della fertilità”. A tutti gli effetti si richiede che una coppia di maschi gay diventi per legge una categoria protetta in quanto entrambi privi di utero e privi di accesso a un utero. Se vincessero la causa, in tutti […]
Leggi ora
1 Ottobre 2022
Ragazze che si tolgono il seno
La propaganda transattivista invita le bambine a disagio con le proprie forme femminili a comprimere il seno con apposite fasce (binder), primo passo verso la mastectomia finale. La stessa violenza misogina della tradizionale "stiratura del seno" praticata in Africa. In UK l'associazione di beneficienza Mermaids -finanziata con fondi pubblici- sotto accusa per aver inviato fasce ad adolescenti contro il parere dei genitori
La stiratura del seno (breast ironing) è un'orribile pratica tuttora in uso in alcune regioni dell'Africa, in particolare nel Camerun. Si tratta della distruzione della mammelle delle adolescenti prodotta con strumenti arroventati -vecchi ferri da stiro, spatole, sassi o conchiglie- e in genere praticata dalle donne adulte della famiglia. Lo scopo è rendere le ragazze meno attraenti per sottrarle a stupri e gravidanze precoci che potrebbero infangare l'onore del gruppo familiare. La pratica causa gravi danni alla salute delle adolescenti, […]
Leggi ora
27 Settembre 2022
Il femminismo e la destra
In risposta a Julie Bindel, che considera il muro eretto dalla sinistra transattivista ma anche i rischi di un'alleanza con la destra: in Italia la novità storica -una donna di destra premier, Giorgia Meloni- complica ulteriormente il quadro. Che fare allora? Quello che sta capitando in Spagna sull'orribile Ley Trans forse indica una strada buona per tutte
Julie Bindel e Harvey Jeni prendono il toro per le corna: visto che da troppo tempo con la sinistra non c'è possibilità di dialogo, il femminismo radicale e gender critical può guardare a destra senza correre rischi? Tema che in Italia abbiamo ben presente e che ha agitato tutta la campagna elettorale conclusasi con la vittoria schiacciante di una donna di destra, Giorgia Meloni, che non si è mai dichiarata femminista. Il fatto che oggi la destra in Italia sia […]
Leggi ora
24 Settembre 2022
SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS
A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- […]
Leggi ora