Tokyo: la trans Hubbard perde ma non fa vincere le donne

Paradossalmente la sconfitta di “Laurel” è più utile alla causa del transumanesimo di una sua vittoria. I trans-attivisti la useranno per “dimostrare” che se un trans non è riuscito a vincere contro le donne, allora è vero che bastano gli ormoni a rendere un corpo maschile "pari" a quello femminile
Condividi questo articolo

Gavin “Laurel” Hubbard, come da pronostico -non solo del CIO ma anche del Feminist Post- è stato eliminato alla finale olimpica di sollevamento pesi femminile +87 kg (pesi supermassimi), dopo un tentativo fallito di sollevare 120 kg e due tentativi falliti a 125 kg nello snatch.

La finale di sollevamento pesi femminile curiosamente non è stata trasmessa nella diretta ufficiale della Rai, pur essendo definita “di rilevanza storica” proprio per la presenza di Hubbard “primo atleta apertamente transgender a competere in un’Olimpiade in una categoria di genere diverso da quello in cui è nato”(vedere qui, BBC Sport).

Hubbard, nella uniforme All Black della Nuova Zelanda, è salito sulla pedana del Tokyo International Forum e con incertezza ha provato a sollevare i pesi rossi, che però ha subito lasciato cadere dietro di sé, e con un sorrisetto e un gesto vezzoso, come a dire: “Era troppo difficile, non ce l’ho fatta!”, ha salutato il pubblico ed è sceso dalla pedana con un inchino. Come se l'avesse fatto apposta.

Paradossalmente, la sconfitta di “Laurel” è più utile alla causa del transumanesimo di una sua eventuale vittoria. I trans-attivisti vogliono infatti usare la sconfitta di Hubbard per “dimostrare” che, se un trans non è riuscito a vincere contro le donne, allora sarebbe vero che il corpo maschile con gli ormoni diventerebbe pari a quello di una donna.

Da quando il CIO ha cambiato le sue linee guida nel 2015 per permettere agli uomini che dicono di “sentirsi donne” di competere alle Olimpiadi nelle categorie femminili – e di conseguenza influenzando le federazioni sportive nazionali e locali di tutto il mondo – la medicina dello sport ha dovuto sprecare tempo e risorse per dimostrare l’ovvio: ovvero che il corpo maschile ha sempre un grande vantaggio a livello sportivo su quello femminile.

Il CIO ha recentemente annunciato l’intenzione di rivedere le sua criticate linee guida sulla cosiddetta “inclusione trans” alle Olimpiadi, lasciandole decidere alle federazioni dei singoli sport (vedere qui).

Eppure bisognerebbe parlare non solo della “scienza” – che nonostante le manipolazioni non è in discussione – ma anche dei diritti. I diritti delle donne ad avere l’opportunità di partecipare alle competizioni sportive d’elite, con tutti i vantaggi che ciò comporta anche a livello di carriera e di reddito, e ad una competizione equa.

Hubbard, che anche dopo essersi ribattezzato “Laurel” ha mantenuto intatto il suo poderoso corpo maschile, seppure ormai 43enne, invecchiato e fuori forma per una carriera da atleta, avrebbe dovuto, se abbastanza forte, competere con altri uomini. La sua invasione della categoria femminile non è un “diritto” ma piuttosto un privilegio, e ha tolto l’opportunità di partecipare alle Olimpiadi a una donna, Roviel Detenamo dalla Repubblica di Nauru, una piccola isola del Pacifico che in passato ha già mandato alle Olimpiadi 8 atlete di sollevamento pesi (vedere qui).

La sconfitta di Hubbard non fa altro che erodere ulteriormente i diritti delle donne e lo sport femminile, illudendo il mondo che in fin dei conti “i trans non vincono”… aprendo la strada a una schiera potenziale di futuri trans nelle competizioni femminili, non solo di nicchia come il sollevamento pesi, ma in tutti gli altri sport.

Le altre 13 atlete donne della finale di sollevamento pesi hanno vinto, ma con l’inclusione di uomini, anche mediocri come Hubbard, tutte le donne hanno perso.

Save Women's Sports!

Maria Celeste



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
10 Maggio 2022
Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane
La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui). Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical. Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen […]
Leggi ora
4 Maggio 2022
Aborto in USA: qualcosa non torna
Una "manina" fa uscire in largo anticipo una sentenza della Corte Suprema che renderebbe illegale l'interruzione di gravidanza. A vantaggio di chi, e perché? Con quali conseguenze sulle elezioni di midterm, in cui Biden era dato perdente? E che cosa c'entra con tutto questo il femminismo gender critical, a cui alcuni osservatori liberal intendono dare la colpa?
Una vera bomba politica scagliata a pochi mesi dalle elezioni di midterm la bozza della sentenza della Corte Suprema americana, fortunosamente fuoruscita, che renderebbe l'aborto illegale negli Stati Uniti, rovesciando la storica sentenza Roe v. Wade che lo rese legale nel 1973. Intanto è una bozza, la sentenza definitiva è attesa per giugno. Si tratta inoltre di capire di chi sia la "manina" che l'ha fatta uscire, e perché. Potrebbe essere stato qualcuno dei giudici conservatori (Clarence Thomas, Samuel Alito che avrebbe […]
Leggi ora
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora
26 Aprile 2022
Trans-medicina: la nuova lobotomia
Secondo Lisa Michele il trattamento di minori sani con ormoni è "uno dei più grandi scandali medici della storia" e può essere paragonato alla lobotomia di 50 mila americani a metà del secolo scorso: in entrambi i casi, nessuna evidenza scientifica e gravi danni per i pazienti. Intanto nasce in Italia un sito di auto-aiuto per genitori di bambine e bambini con disforia di genere
Parlando di quello che definisce "uno dei più grandi scandali medici della storia americana" (e non solo americana, purtroppo: i trattamenti di cui parla si fanno anche in Italia) la femminista americana Lisa Michele,azzarda un paragone molto forte tra le terapie ormonali per le persone con disforia (specie le-i minori) e la pratica chirurgica della lobotomia, trattamento devastante molto in voga negli USA tra gli anni '40 e gli anni '60. Quella che leggerete è una trascrizione del video di […]
Leggi ora