SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS

A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Condividi questo articolo

Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- e il maggiore partito della sinistra per intavolare un dialogo con il Partito Popolare.

Anche in Italia il femminismo ha dovuto lottare a mani nude per rompere il silenzio grazie al quale il ddl Zan stava per introdurre surrettiziamente e senza discussione la libera identità di genere nel nostro ordinamento. Ce l'abbiamo fatta, e il ddl non è diventato legge. Il pericolo per ora è scampato ma non definitivamente. Gli interessi in gioco sono colossali.

Nel 2023 la Spagna andrà al voto: la maggioranza di sinistra sta rischiando e la Ley Trans potrebbe costituire il colpo definitivo al PSOE: questa la cornice in cui il manifesto delle Mujeres Progresistas è stato concepito.

Ve lo riproponiamo perché enumera molti buoni argomenti contro le pretese transattiviste (su alcuni di questi argomenti manteniamo qualche riserva). E forse potrebbe ispirare un atto di coraggio alle omologhe del PD e della sinistra italiana che hanno alzato un muro invalicabile di fronte alle ottime ragioni portate dal femminismo radicale contro la libera identità di genere e in particolare contro la manipolazione farmacologica e chirurgica di bambine e bambini con comportamenti gender nonconforming.

Orribilmente le nuovissime linee guida dell'Associazione professionale mondiale per la salute dei transgender (WPATH) abbassano fino ai 9 anni i limiti di età per bloccanti della pubertà, ormoni o interventi chirurgici allo scopo di allargare il mercato a vantaggio di Big Pharma e massimizzare i profitti del transificio, consigliando agli operatori sanitari di "sfidare" i genitori che non supportano la transizione medica: ne parleremo presto.


PERCHÉ CI OPPONIAMO AL PROGETTO DI LEY TRANS

Dopo le autonome "leggi trans" già approvate ed in vigore, il Consiglio dei ministri ha approvato un progetto di "legge trans" statale, che è stato trasmesso alle Cortes (29-6-22) disponendone l'iter d'urgenza. Ci opponiamo a questo disegno di legge (nonché alle "leggi trans" già varate, che dovrebbero essere abrogate) per i seguenti motivi:

NON PROTEGGE LE PERSONE TRANSESSUALI

Il disegno di legge definisce “trans persone” quelle “la cui identità sessuale non corrisponde al sesso assegnato alla nascita” (art. 3, J). A sua volta, l'"identità sessuale" è definita come "l'esperienza interna e individuale del sesso così come ogni persona la sente e si autodefinisce" (art. 3, h). Tali "definizioni" vaghe e soggettive impediscono di definire l'oggetto del diritto e di soddisfare le sue specifiche esigenze.

Di fronte a persone che esprimono disagio riguardo al proprio sesso/genere, il disegno di legge impone il cosiddetto “trattamento affermativo” (consistente nell'accettazione dell'autodiagnosi del paziente che dichiara di avere un'altra identità di genere). Qualsiasi altra diagnosi si può ritenere ricompresa nelle "metodiche, programmi e terapie di avversione, conversione o controcondizionamento, in qualsiasi forma, volte a modificare l'orientamento sessuale o l'identità o l'espressione di genere delle persone anche se hanno il consenso della persona interessata. persona”. Questi interventi sono vietati (art. 17) e comportano sanzioni fino a 150.000 euro (artt. 75, 4 e 76.3).

Di conseguenza, queste persone perdono il diritto a:

A. una valutazione psicologica (si rivolgeranno direttamente all'endocrinologia o alla medicina di famiglia), necessaria per valutare la presenza e l'intensità del disagio (disforia) e rilevare comorbidità concomitanti (ansia, depressione, disturbi dello spettro autistico, o situazioni di abuso, ecc.) e a una diagnosi differenziale  con altre situazioni simili

B. supporto psicologico che affronti le cause del disagio, che possono avere a che fare con diverse problematiche, tra cui: mancanza di autostima, conflitti con il ruolo di genere assegnato, difficoltà vissute nelle relazioni, ricerca dell'orientamento sessuale, ecc. Inoltre, imponendo detto "modello affermativo" il disegno di legge impedisce di analizzare e affrontare fenomeni sempre più frequenti, quali:

a. “disforia di genere a esordio improvviso”, spesso associata al contagio sociale (gruppi di amici che si dichiarano trans contemporaneamente) e all'aumento (4.000% in dieci anni) dei minori, per lo più femmine, che si dichiarano trans.

b. detransizioni (persone che, dopo una fase di trattamento ormonale e/o interventi chirurgici irreversibili, vogliono tornare indietro).

METTE IN PERICOLO BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI

Il “modello affermativo” imposto dal disegno di legge induce i bambini, gli adolescenti e i giovani che provano disagio nei confronti del proprio sesso/genere a compiere un “transito sociale” (cambio di nome, abbigliamento, ecc.), a cui può seguire un intervento ormonale e trattamenti frequentemente chirurgici: amputazioni di mammelle, genitali, “costruzione” di vagine o peni non funzionali con pelle di altre parti del corpo, ecc., alla ricerca di un “cambio di sesso” biologicamente impossibile.

Questi trattamenti e interventi possono avere (soprattutto se eseguiti in adolescenza) conseguenze gravi e irreversibili: sterilità, anorgasmia e altre ancora poco conosciute, per il fatto che gli studi su bambini e adolescenti hanno solo pochi anni di follow-up .

È prevedibile che tra qualche anno ci sarà (di fatto è già iniziata) un'ondata di querele contro i professionisti che hanno consigliato, consentito o eseguito detti trattamenti.

Consapevoli di questi pericoli, altri paesi intorno a noi stanno limitando l'accesso dei minori a queste cure (Finlandia, Svezia) e consentendo l'indagine su migliaia di casi di minori "trans" per esaminare possibili responsabilità mediche (Regno Unito).

FA MALE ALLE DONNE 

SVUOTA DI CONTENUTO LA CATEGORIA LEGALE “SESSO”

Il disegno di legge non è rivolto alle persone transessuali, ma all'intera popolazione. Se approvato, chiunque può iscriversi all'anagrafe civile e cambiare sesso legale senza alcun obbligo (art. 38).

In questo modo, trasforma la categoria legale "sesso" in qualcosa di arbitrario, vuoto, che non significa nulla. Introduce una nuova categoria che avrà la precedenza su quella del sesso: "identità sessuale", che definisce come "esperienza interna e individuale del sesso come ogni persona la sente e si autodefinisce, che può corrispondere o meno al sesso assegnato alla nascita» (art. 3 ore). L'intera struttura giuridica è quindi costruita su un concetto soggettivo, non scientifico, indefinibile e indimostrabile.

METTE A RISCHIO GLI SPAZI SICURI, I DIRITTI SPECIFICI DELLE DONNE E LE POLITICHE DI PARITÀ TRA I SESSI

Consentendo a qualsiasi uomo di essere legalmente considerato una donna senza alcun obbligo, il disegno di legge mette a repentaglio gli spazi e i diritti sicuri (come la parità di quote) conquistati dalle donne. Si apre la porta alla presenza di uomini, anche aggressori sessuali, nei bagni, negli spogliatoi, nelle squadre sportive, nei centri di accoglienza, nelle carceri, ecc., fino ad oggi riservati alle donne, come già avviene in altri paesi.

Non si può sostenere che "ci sono pochissimi casi" e "solo chi ne ha bisogno farà uso della legge", dal momento che non sappiamo quante "persone trans" ci siano (è un concetto troppo indefinito), né possiamo prevedere quante persone utilizzeranno la legge e per quali scopi (cambiare sesso legale sarà un diritto di chiunque, senza motivazione né requisiti, il che rende impossibile distinguere tra “veri trans” e “truffe”). Inoltre, basta un numero esiguo di individui per alterare i principi di giustizia, fair play, sicurezza, ecc., che riguardano tutte le donne, nonché il concetto stesso di "donna".

RENDE IMPOSSIBILI LE POLITICHE DI PARITÀ

Le politiche di uguaglianza tra i sessi saranno impossibili se la categoria "donna" diventa indipendente dal sesso biologico e viene ridefinita in modo tale da poter includere i maschi.

Ciò impedirebbe, in caso di approvazione della legge, di rendere visibile, misurare e analizzare la disuguaglianza tra uomini e donne. Ad esempio, se gli stupratori maschi si identificano come donne, prima o dopo il crimine, e vengono conteggiati come tali nelle statistiche, queste non descriveranno più adeguatamente la realtà rendendo difficile agire di conseguenza. Altro esempio: come capire il divario salariale se non c'è nemmeno una parola per definire la categoria di persone che possono concepire, partorire e allattare?

LA “LEGGE TRANS” È UNA LEGGE-BAVAGLIO

Il disegno di legge (artt. da 72 a 77) prevede sanzioni molto severe (multe fino a 150.000 euro, chiusura di stabilimenti, interdizione, decadenza dei sussidi...) e di natura amministrativa (senza garanzie di un procedimento giudiziario) a comportamenti descritti in termini ampli e vaghi, quali “rifiuto di servire o assistere coloro che hanno subito qualsiasi tipo di discriminazione basata sull'orientamento e sull'identità sessuale, sull'espressione di genere o sulle caratteristiche sessuali” (art. 75, c) o le già citate “avversione, programmi o terapie di conversione o di controcondizionamento” (art. 75, d).

PERCHÉ CI OPPONIAMO ALL'IDEOLOGIA TRANSGENDER

Sebbene la teoria queer sia varia e complessa, ciò che sta raggiungendo la società è una sua versione schematica e semplificata , che chiameremo "ideologia transgenderista". È questa ideologia che vogliamo criticare, poiché viene accettata dall'opinione pubblica e acquisisce forza normativa.

MESCOLA IN MODO INTERESSATO CONCETTI MOLTO DIVERSI: L, G, T, B, I...

Creando l'acronimo “LGTBIQ”, il transattivismo:

A. in modo interessato confonde concetti molto diversi: orientamento sessuale (lesbiche, gay e bisessuali), autoidentificazione di genere ("persone trans") con al suo interno condizioni molto diverse (semplice cambio di nome, travestitismo, operazioni chirurgiche... ) e anomalie genetiche (intersessualità).

B. fa abusivamente un tutt'uno della propria causa e della causa, in realtà molto diversa (ma molto più popolare), della non discriminazione di omosessuali e bisessuali.

C. si appropria delle lotte femministe per distorcerle e disattivarle.

CELEBRA IL “GENERE” CONTRO CUI IL FEMMINISMO COMBATTE

Il femminismo usa il concetto di "genere" per analizzare le relazioni di potere tra uomini e donne e fare riferimento a una struttura sociale che subordina le donne e all'insieme di ruoli e stereotipi sessisti che servono a radicare e giustificare tale subordinazione. Per il femminismo il "genere" è qualcosa di negativo,  che deve essere combattuto per raggiungere l'uguaglianza.

Il transgenderismo attribuisce al termine “genere” un significato completamente diverso e positivo: un' “identità” individuale, puramente soggettiva, che non viene messa in discussione o combattuta ma celebrata all'unica condizione che possa essere scelta indipendentemente dal sesso biologico. In questo modo il transgenderismo attacca la linea di galleggiamento della lotta femminista.

SACRALIZZA GLI STEREOTIPI DI GENERE ED È OMOFOBICO

Il transgenderismo nega la definizione biologica dei sessi, affermando che essere femmina o maschio è una misteriosa "identità" innata. "La donna è chi si sente donna." Ma questa è una definizione circolare e vuota (se non possiamo definire "donna", come ci si sente a chi afferma di sentirsi donna?).

In pratica quello che fa il transgenderismo è riaffermare vecchi stereotipi sessisti: se a una ragazza piace il calcio, preferisce indossare i pantaloni, è competitiva... è davvero un ragazzo, e se un ragazzo è dolce, le piacciono le bambole e travestirsi da fata è perché è una ragazza.

L'ideologia transgenderista spinge minori il cui comportamento non è conforme ai ruoli di genere, e che possono essere omosessuali, a identificarsi come persone dell'altro sesso (da qui, eterosessuali). 

Fornisce quindi una "spiegazione" e una "soluzione" (omofobica) all'omosessualità.

DISTRUGGE IL SOGGETTO POLITICO “DONNE”

Essere femmina o maschio comporta determinate esperienze corporee, diverse per sesso, che elaboriamo soggettivamente in modi dettati dalla società e dalla cultura.

Allo stesso tempo, il sesso biologico (come la razza o la classe sociale, ma più chiaramente e invariabilmente nel caso del sesso)  colloca ogni individuo in un certo posto all'interno di una struttura sociale. L'essere donna porta a conseguenze che vanno -a seconda del Paese e dell'epoca- dal non nascere (aborto selettivo), a subire mutilazioni genitali o essere venduta, da ragazza, in matrimonio con un uomo più anziano, all'essere vittima di tratta a prostituzione, a dover portare a termine una gravidanza indesiderata, a guadagnare meno di un uomo per lo stesso lavoro, o a svolgere lavori domestici e di cura obbligatori e gratuiti.

Se "donna" diventa il nome di un gruppo che non ha una definizione oggettiva (non può essere delimitato in termini biologici perché sarebbe una definizione "esclusiva"), che può comprendere uomini senza altra motivazione che la loro volontà, che in definitiva non significa nulla o addirittura scompare (sostituito da eufemismi come “persona incinta”, “mestruatori”, “persone con utero”, ecc.), come possiamo concettualmente unire le diverse forme di discriminazione che sono comuni a tutte le donne? Come visualizzare la continuità storica e geografica di queste esperienze, il loro comune denominatore? Come possiamo essere un soggetto politico?

AVANZA VERSO IL "TRANSUMANISMO" CHE COMMERCIALIZZA I CORPI DELLE DONNE

Negando la biologia, affermando che la percezione soggettiva ha la priorità sulla realtà materiale ed è in grado di trasformarla senza limiti, il transgenderismo è un primo passo sulla linea del transumanesimo. Avanza così verso una società in cui le persone privilegiate, coloro che hanno accesso a risorse economiche, mediche, culturali..., potranno -o cercheranno- di esaudire desideri legati al corpo utilizzando come magazzino per i pezzi di ricambio, i corpi delle persone, in particolare delle donne povere (attraverso la “surrogazione” ad esempio).

DIMENTICA L'UGUAGLIANZA IN NOME DELLA “DIVERSITÀ”

Il femminismo ha accolto l'idea di diversità in un senso di "intersezionalità", cioè sottolineando l'inclusione e la difesa delle donne che subiscono molteplici oppressioni o discriminazioni, all'interno del principio di uguaglianza. Il transgenderismo dimentica l'uguaglianza a favore di una "diversità" che, in pratica, significa:

A. amalgamare problemi molto diversi, che richiederebbero ricerche e misure specifiche: Rom, disabili, migranti o lesbiche non hanno gli stessi problemi.

B. eludere le richieste di uguaglianza di metà della popolazione, le donne (obiettivo politico controverso e con un costo economico), offrendo invece la difesa di “identità diverse”, spesso acriticamente (senza mettere in discussione idee patriarcali e gerarchie sessuali), puramente estetiche e riaffermando gli stereotipi.

DIMENTICA QUELLO CHE È MATERIALE E COLLETTIVO IN NOME DI QUELLO CHE È SOGGETTIVO E INDIVIDUALE

Assumendo l'ideologia transgenderista, gran parte della sinistra sta relegando nell'oblio le condizioni materiali e collettive dell'esistenza, e affermando che ciò che conta, ciò che realmente esiste, sono le percezioni soggettive e individuali. Invece di lavorare per migliorare le condizioni di vita delle donne a livello collettivo, offre loro la soluzione illusoria di scegliere di essere uomini. La lotta diventa individuale e individualistica, contro le lotte collettive che per decenni hanno avanzato diritti sociali e paritari.

Allo stesso modo, questa sinistra difende i desideri anziché i diritti, dimenticando che desideri esercitati da un gruppo privilegiato a spese di un altro che si trova in una situazione peggiore: il desiderio di sesso a pagamento a scapito dei diritti delle donne prostituite, quello dei “genitori intenzionali” a scapito dei diritti della donna che per loro conduce la gestazione e partorisce, quello di chi intraprende un “cambio di sesso” a scapito della cancellazione della lotta per i diritti delle donne .

il testo originale lo trovate qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
11 Novembre 2022
Iranian Beauty
In Iran la bellezza femminile diventa la leva di una vera rivoluzione: niente di simile alla mortificazione-mercificazione dei corpi che in Occidente viene propagandata come libertà. La lotta per poter essere donne rivela l'ipocrisia del queer
Sono ormai quasi due mesi che è iniziata la rivolta delle ragazze iraniane contro il velo, un'onda incontenibile che ogni giorno produce di nuove immagini, nuovi contenuti, una ventata di aria fresca rispetto a certe narrazioni sulle donne nel mondo islamico, ma anche uno specchio che rivela quanto di artefatto ci sia dietro tante parole d’ordine politicamente corrette del femminismo intersezionale o transfemminismo. Primo: il velo non è una libera scelta né tantomeno quell'empowerment femminista su cui ci bombarda da […]
Leggi ora
7 Novembre 2022
Belgio, nuova legge sul femminicidio. Da studiare
In Europa la violenza maschile è la principale causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni. Il Belgio si attrezza con una nuova legge che per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche fondate su statistiche ufficiali. Avendo ben presente che la violenza è un dispositivo del dominio maschile
Fermare la strage delle donne. E’ questo il senso della nuova “legge sulla prevenzione e la lotta contro i femminicidi, i delitti basati sul genere e le violenze che li precedono” adottata in prima lettura nel Consiglio dei ministri lo scorso 25 ottobre in Belgio. Depositata dalla Segretaria di Stato per la Parità di Genere, Sarah Schlitz (Ecolo/Verdi), la legge quadro per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche di lotta fondate su statistiche ufficiali. E in […]
Leggi ora
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora
6 Ottobre 2022
"Distruggi i diritti delle donne": JK Rowling contro la premier scozzese e la sua legge trans
Come in Spagna anche in Scozia il femminismo combatte contro una legge voluta dalla prima ministra Nicola Sturgeon che introduce l'autodeterminazione di genere senza alcuna diagnosi medica e abbassando a 16 anni l'età per l'accesso. E anche stavolta l'autrice di Harry Potter è al fianco delle donne, delle bambine e dei bambini
JK Rowling si fotografa con una maglietta che dice: "Nicola Sturgeon, distruttrice dei diritti delle donne" per sostenere le donne che protestano davanti al parlamento scozzese contro la controversa legge di riforma del riconoscimento di genere voluta dalla Prima Ministra scozzese. Le attiviste di For Women Scotland (Scozia per le donne) si sono riunite questa mattina davanti al Parlamento scozzese per una manifestazione contro il disegno di legge promosso da Sturgeon, che renderebbe più facile l’autodeterminazione di genere –lo abbiamo […]
Leggi ora
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora
4 Ottobre 2022
USA, coppia gay fa causa: l'utero in affitto è un "diritto", va pagato dall'assicurazione sanitaria
La richiesta dei due uomini punta a far riconoscere come "disabilità" il fatto di non disporre di un utero: pretesa assurda, invidiosa e rivelatrice. Se vincessero in tribunale in tutta l'America assicurazioni e datori di lavoro dovrebbero rimborsare le gestazioni per altri for men
Una coppia gay ha avviato una causa al tribunale del lavoro di New York chiedendo che l’assicurazione fornita dal datore di lavoro paghi al posto loro tutti i costi dell’utero in affitto, al fine di garantire “pari opportunità nell’accesso alle cure della fertilità”. A tutti gli effetti si richiede che una coppia di maschi gay diventi per legge una categoria protetta in quanto entrambi privi di utero e privi di accesso a un utero. Se vincessero la causa, in tutti […]
Leggi ora