12 Febbraio 2021

Spagna: la Ley Trans divide il Paese e spacca il governo, Psoe contro Podemos. E il femminismo si oppone. Qui il testo della legge spagnola. E quello della proposta italiana già pronta

Condividi questo articolo

Proponiamo qui per vostra documentazione tutto il testo della cosiddetta Ley Trans su cui si sta discutendo in Spagna, con una spaccatura anche nella maggioranza di governo: da una parte i proponenti di Podemos, capitanati dalla Ministra dell’Igualdad Irene Montero e sordi a ogni obiezione, dall’altra il Psoe che si oppone rilevando molte criticità. Insieme al testo della proposta di legge pubblichiamo le obiezioni puntuali e ragionate delle femministe di Contra Borrado (quasi 150 associazioni che si oppongono tenacemente) e la loro controproposta di legge.

I testi sono troppo lunghi per essere mandati in traduzione, ma sono anche facilmente comprensibili per le interessate che intendano seguire la questione nei dettagli.

In sintesi: l’attuale legge spagnola stabilisce che per cambiare la propria identità di genere sul documento d’identità siano necessari almeno due anni di trattamento ormonale e una diagnosi medica o psicologica che attesti la cosiddetta “disforia di genere” (la legge 164/82 che regola la questione in Italia, aggiornata da successive sentenze, prevede un percorso simile).

La nuova proposta di legge spagnola prevede invece l’autodeterminazione (self-id) della propria identità di genere sopra i 16 anni senza la necessità di certificati che attestino la disforia di genere né la necessità di «modifiche dell’aspetto o delle funzioni del corpo della persona attraverso procedure mediche, chirurgiche o di altra natura». Il disegno di legge prevede che sia «sufficiente la libera dichiarazione della persona interessata», senza altri requisiti e riconosce inoltre le identità non binarie, ammettendo che le persone che non si identificano come uomo o come donna possano anche non indicare il proprio sesso sulla carta d’identità.

La nuova legge consente inoltre l’accesso ai trattamenti per la riproduzione assistita alle «persone trans con capacità di gestazione», così come prevede la possibilità di ricorrere alle tecniche di crioconservazione del seme o delle cellule riproduttive delle persone che stanno seguendo dei trattamenti ormonali.

Il Psoe di Sanchez contesta la proposta di legge affermando che «il cosiddetto diritto alla libera determinazione dell’identità di genere o diritto all’autodeterminazione di genere manca di razionalità giuridica».

In calce ai due documenti spagnoli -la proposta di legge di Podemos e l’opposizione di Contra Borrado- troverete anche il progetto di legge italiano dello stesso tenore proposto dal Movimento Identità Trans. 

La legge Zan contro l’omobitransfobia al momento approvata solo alla Camera è l’anticamera a una legge trans italiana, tenendo al centro il concetto di libera identità di genere.

C’è infine da segnalare il fatto importantissimo che proprio in GB, patria del transattivismo, il self-id è stato definitivamente bocciato dal governo ed è stata fermata nelle scuole la propaganda alla libera identità di genereAl self-id, secondo un sondaggio pubblicato da The Times, si oppone il 96 per cento degli inglesi. Non c’è ragione di pensare che spagnoli e italiani lo vedano con maggior favore. 

Quindi Spagna, e in prospettiva anche l’Italia, rischiano di importare un prodotto già scaduto e rifiutato da chi l’ha ideato.


BOZZA DELLA LEY TRANS SPAGNOLA

INFORME SOBRE LA JUSTIFICACION DEL CONVENIO DE COLABORACION ENTRE EL MINISTERIO DE IGUALDAD Y LA ASOCIACION DE PARQUES CIENTIFICOS Y TECNOLOGICOS DE ESPAÑA (APTE) PARA EL FOMENTO DEL ACCESO DE MUJERES DE LA APTE A CONSEJOS DE ADMINISTRACION DE EMPRESAS C

LEY PARA LA IGUALDAD REAL Y EFECTIVA DE LAS PERSONAS TRANS

EXPOSICIÓN DE MOTIVOS

tutto il testo lo trovate qui


LE CRITICHE E LA CONTROPROPOSTA DELLE FEMMINISTE DI CONTRA BORRADO

INFORME SOBRE LA JUSTIFICACION DEL CONVENIO DE COLABORACION ENTRE EL MINISTERIO DE IGUALDAD Y LA ASOCIACION DE PARQUES CIENTIFICOS Y TECNOLOGICOS DE ESPAÑA (APTE) PARA EL FOMENTO DEL ACCESO DE MUJERES DE LA APTE A CONSEJOS DE ADMINISTRACION DE EMPRESAS C

BORRADOR ANTEPROYECTO DE LEY PARA LA IGUALDAD DE LAS PERSONAS LGTBI Y PARA LA NO DISCRIMINACIÓN POR RAZÓN DE ORIENTACIÓN SEXUAL, IDENTIDAD DE GÉNERO, EXPRESIÓN DE GÉNERO O CARACTERÍSTICAS SEXUALES

EXPOSICIÓN DE MOTIVOS

tutto il testo lo trovate qui


IL PROGETTO DI LEGGE TRANS IN ITALIA

Garantire la piena effettività del diritto all’identità di genere e all’espressione di generePunti programmatici per una proposta di riforma della L. 164/1982 –“Norme in materia di rettificazione di attribuzione di sesso”A cura di MIT –Movimento Identità Trans Settore Sportello Legale–13 febbraio 2020.

Come vedrete i principi ispiratori sono sovrapponibili a quelli della Ley Trans: totale libertà di decidere a quale genere si appartiene, indipendentemente dal sesso biologico, da qualunque trattamento farmacologico e/o chirurgico, e senza alcuna necessità di diagnosi mediche, di perizie o di interventi da parte dei Tribunali.

Il testo lo trovate qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
1 Febbraio 2023
Olanda: se blocchi lo sviluppo di bambine e bambini li spingi a diventare trans
Il protocollo -mettere in pausa la pubertà per consentire ai minori di “scegliere” il sesso- l’hanno inventato loro. Ma anche gli olandesi ora ammettono che in 9 casi su 10 i blocker non danno più tempo per "decidere" ma sono l’inizio della transizione. Una profezia che si auto-avvera. E che gli effetti di questi farmaci non sono affatto reversibili
La clinica universitaria Amsterdam UMC, pioniera nell'uso dei bloccanti della pubertà, ha ammesso che i bambini che assumono questi farmaci possono trovarsi bloccati in una maggiore medicalizzazione. L’ammissione arriva in seguito alla pubblicazione all'inizio di questo mese di un nuovo studio retrospettivo che esamina 20 anni di interventi ormonali noti come "protocollo olandese", condotto su 1.766 bambini e adolescenti tra il 1972 e il 2018 presso la famosa clinica di Amsterdam e pubblicato su The Journal of Sexual Medicine. Ma […]
Leggi ora
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
14 Gennaio 2023
UK: il servizio sanitario fa marcia indietro sui servizi per la "maternità transgender" dopo la rivolta delle ostetriche
Lottare serve: in Gran Bretagna levatrici e infermiere si ribellano all’annunciata apertura di corsi e reparti dedicati a gravidanza e parto di persone “trans e non binarie”. E l’NHS stoppa l’iniziativa. Intanto negli USA si parla di trapianto di utero tra viventi: donne donatrici a vantaggio di uomini che desiderano vivere "esperienze fisiologiche femminili". Il vecchio sogno patriarcale di sempre: prendere il posto delle donne. Oggi agito dai neopatriarchi T
Lottare serve. La rivolta di ostetriche e infermiere ha sventato il piano del Servizio Sanitario Nazionale inglese (NHS) di organizzare servizi dedicati alla "maternità transgender". Il 16 dicembre scorso era apparso un annuncio per reclutare personale per gestire la formazione delle "persone trans e non binarie che partoriscono" in 40 servizi di maternità dell'NHS, annuncio che ha provocato l’immediata reazione di addette al settore. Un gruppo di circa 300 infermiere, ostetriche e psicologhe ha scritto una lettera aperta a Lizzie […]
Leggi ora
9 Gennaio 2023
Credevo che mio figlio -4 anni- fosse trans: mi sbagliavo
Madre lesbica e “vera credente” del culto queer accompagna e autorizza il suo bambino a identificarsi come femmina. Finché non comprende di avere sbagliato a causa dell’ideologia. Piangendo sul suo errore oggi ha intrapreso un percorso di “guarigione” insieme a lui che è tornato a dirsi maschio. Una testimonianza illuminante
Ero una vera credente.Ero un’attivista per la giustizia sociale prima ancora che il movimento per la giustizia sociale prendesse il sopravvento nel mondo. Ero in prima linea ad introdurre il concetto di intersezionalità in organizzazioni progressiste e a convincere la gente a condividere i suoi pronomi. Io e i miei amici ci sentivamo quelli “cool”, l’avanguardia di un’opera rivoluzionaria che avrebbe cambiato il mondo, che avrebbe raggiunto quella che le persone all’interno del movimento per la giustizia sociale chiamano “liberazione […]
Leggi ora