Spagna: anche il sesso woke tra le ragioni della fine di Podemos

Ley Trans. Legge “solo sì è sì” che ha ridotto le pene ai criminali sessuali. E ora anche un Manifesto per l’educazione sessuale per tutt* che mette a rischio la sicurezza di bambine e bambini. Lo spirito è sempre lo stesso: una sessualità queer promossa dalla ministra uscente Irene Montero. Che però a quanto pare elettrici ed elettori non gradiscono. Un’analisi della docente Juana Gallego, femminista colpita dalla cancel culture
Condividi questo articolo

Alle elezioni amministrative di ieri in Spagna la sinistra ha rovinosamente perso -come in Italia, del resto. In particolare si è registrata la bruciante sconfitta di Podemos che in molte regioni arriva quasi a estinguersi. Nelle analisi sul voto spagnolo forse non si dà sufficiente rilievo a due leggi-manifesto di Podemos, e in particolare della ministra transfemminista Irene Montero: la legge “Solo sì è sì”, che ha ridotto le pene per i crimini sessuali, e la Ley Trans, che ha introdotto in Spagna il self-ID, cioè la libera autodeterminazione del “genere” anche per i minorenni senza l’intervento di medici o giudici.

Quanto alla legge “Solo sì è sì”, ha comportato una riduzione delle pene e perfino la scarcerazione per molti criminali sessuali (vedere qui) proprio mentre la Procura della Repubblica dava l'allarme sull’aumento dei reati sessuali commessi da minori su minori, fenomeno che il governo spagnolo -ormai in dirittura d'arrivo: il primo mnistro Pedro Sanchez ha anticipato il voto politico a luglio- ritiene di poter arginare puntando su un' educazione sessuale “per tutt*” che intende “democratizzare la sessualità” ed è imperniata sui concetti di “scelta”, “consenso” e, naturalmente “diritti” (“il sesso è un diritto”). Lo spirito del progetto è lo stesso delle due controverse leggi volute da Irene Montero.

Le femministe spagnole lanciano l’allarme: insegnando a bambine e bambini che possono esprimere il loro consenso si agevolano di fatto i predatori sessuali. Parole come “scelta” e “diritti” nascondono prevaricazione e volontà di dominio sui più deboli.

Ancora una volta, sulla pelle di bambine e bambini.

Juana Gallego è docente all'Universitat Autònoma di Barcellona, per la quale ha creato il master di Genere e Comunicazione. Anche lei l’anno scorso è stata colpita dalla cancel culture ovvero dalla censura queer (ve ne abbiamo parlato qui), com'è successo a molte altre intellettuali e docenti.

A seguire un suo testo sul Manifesto per l'educazione sessuale per tutt* che verosimilmente entrerà a far parte del programma della sinistra alle nuove elezioni politiche.


Simone de Beauvoir racconta nel suo libro La cerimonia dell’addio che Sartre, nei suoi ultimi anni, viveva solo per firmare manifesti, senza distinguere i diversi tipi o le richieste in essi contenute. Sembra che si alzasse e chiedesse: "Che manifesto c’è da firmare oggi?". Non sappiamo se si tratta di una vendetta dell’autrice de Il secondo sesso nei confronti del compagno di una vita o di una presa di coscienza del fatto che, quando declinano le facoltà mentali, una persona brillante può diventare un automa privo di capacità di discernimento.

Mi viene in mente questo aneddoto perché è appena stato messo in circolazione, promosso da una sedicente e finora sconosciuta Rete per un’educazione sessuale femminista e comunitaria, un Manifesto per un’educazione sessuale per tutt*, a cui hanno appena aderito enti e istituzioni, le cui facoltà mentali assomigliano a quelle di Sartre al termine della sua vita. Se bisogna firmare, allora si firma.

Questo manifesto, che si può trovare anche nella pagina SidaStudi, chiede adesioni collettive o individuali per “democratizzare la sessualità, ed è vincolato in modo sospetto alle linee guida attualmente impartite dall’ ONU, dall’ OMS, dall’ UNICEF e da altre istituzioni per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile 2030 (obiettivi n.4 e n.5). Hanno firmato individualmente molte persone, tra le quali riesco ad individuare solo quattro nomi conosciuti, mentre non riconosco nessuna associazione femminista.

Desideri e piaceri

E qual è la rivendicazione perentoria di questo manifesto, spuntato dalla sera alla mattina, senza quasi alcun sostegno da parte di organizzazioni femministe o di persone pubblicamente conosciute? "Aprire una finestra sul campo dei desideri e dei piaceri” con un’educazione sessuale “a tutte le età, per tutt* e per ciascuno".

Ciò che importa sottolineare è il perché proprio ora stia iniziando a diffondersi, tramite manifesti e social network, tanto interesse per l’educazione sessuale di bambini e adolescenti, sulla falsariga della International Technical Guidance on Sexuality Education (ITGSE)  promossa dall’ ONU,  dove si può trovare un vasto repertorio di consigli per l’educazione sessuale per bambini tra i 5 e gli 8 anni, tra i 9 e i 12 e per adolescenti dai 12 ai 15 anni.

Non è dato sapere come, quando e chi svolgerà le attività di formazione, salvo il fatto che si potrà includere o meno nel curriculum scolastico. E qui salta agli occhi una lacuna importante: chi potrà svolgere questa formazione e da quale prospettiva. Un bel bottino da spartire.

Spagna: anche il sesso woke tra le ragioni della fine di Podemos
Trai materiali didattici una proposta sul "sexting positivo". Sexting è la condivisione di foto e video personali a carattere sessuale, spesso poi usati per ricatti e revenge porn. Fonte qui.

Né misoginia né coeducazione

La Guida (ITGSE), nonostante l’uso di un linguaggio apparentemente neutro, cordiale ed egualitario, svela che i suoi obiettivi sono in linea con la corrente woke e il transgenderismo. Nel glossario infatti si definiscono concetti come transfobia, omofobia, identità di genere ma non concetti come misoginia o coeducazione, termine mai citato nella Guida. Inoltre, in varie definizioni, si dà per scontato che “il sesso si assegna alla nascita”.

Tutti questi indizi ci avvertono del fatto che ci troviamo agli inizi di una nuova Finestra di Overton, che consiste nel “rendere possibile ciò che è impensabile”, e che ciò che si pretende di fare è normalizzare le relazioni sessuali intergenerazionali.

Non lo dico in modo più volgare, non vorrei che mi denunciassero, nonostante questa sia la stessa idea che espresse la ministra Irene Montero in Commissione di Uguaglianza (il 21/09/2022) a proposito del fatto che i bambini, le bambine e * bambin* hanno il diritto ad amare a ad avere relazioni sessuali con chiunque vogliano, ovviamente previo consenso”, parole che sembrano uscite dalla ITGSE. Potete vedere il video dell’intervento qui (al minuto 1:57).

Il consenso: la nuova parola feticcio che sembra ignorare che lo stesso si può ottenere in molti modi, o che può essere viziato fin dall’inizio, in base alle relazioni di potere tra gli individui coinvolti.

Ipersessualizzazione e violenza sessuale

Come si legge nel Comunicato di Dofemco (Docenti Femministe per la Coeducazione) sul Manifesto per un’educazione sessuale integrale per tutt*, un insegnamento di questo tipo deve far parte di una coeducazione basata sul principio di uguaglianza tra i sessi nonché sulla protezione e cura dell’ infanzia, “ma comporta anche la necessità di adottare un punto di vista critico verso l’ ipersessualizzazione e la violenza sessuale camuffate da trasgressioni liberatrici che sostengono e hanno come scopo l’accesso degli adulti al sesso con minorenni”.

Parallelamente, vediamo sui social network un proliferare di spettacoli erotici di drag queen ai quali assistono bambini in tenera età. Insomma, c’è una nuova offensiva che, sotto la copertura del “diritto all’ educazione sessuale”, inizia a diffondere sottilmente l’idea della “democratizzazione del sesso”, che non si capisce esattamente che cosa voglia dire.

D’ora in avanti il nuovo mantra,che gli attivisti postmoderni ripeteranno come pappagalli sarà “Il diritto al sesso è un diritto umano di tutt*”.

E voglio proprio vedere chi sarà la sfrontata che lo metterà in discussione senza aver paura di essere spedita dritta all’inferno.

Juana Gallego

Traduzione di @Fede_RRe

Articolo originale qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora
12 Aprile 2024
Chiuse in un recinto. Come a Kabul
Lettera aperta al Sindaco Gualtieri e alle altre autorità competenti sull’incredibile scena di discriminazione nel quartiere Centocelle a Roma: donne isolate come animali impuri per le celebrazioni di fine Ramadan. Chi ha dato il permesso per l’inaccettabile manifestazione? E che iniziative si intendono intraprendere contro questa barbarie misogina?
Al Sindaco di Roma Roberto Gualtieri Al Presidente del Municipio V Mauro Caliste Alla Commissione Pari Opportunità del Comune di Roma e p.c. Alla Ministra Pari Opportunità e Famiglia Eugenia Roccella Al Ministro dell'Interno Matteo Piantedosi Gentile Sindaco, gentile Presidente, gentili membri della Commissione Pari Opportunità, manifestiamo sgomento e sconcerto a fronte delle modalità con cui nel Municipio V della Capitale -piazza dei Mirti, quartiere Centocelle, a pochi metri dalla scuola intitolata ad Artemisia Gentileschi- si sono svolte le celebrazioni […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora