Self-ID e sistema carcerario: uomini nelle prigioni femminili. Un resoconto dal Canada

Condividi questo articolo

Un giornale irlandese, TheJournal.ie, riporta oggi la notizia di una donna arrestata a Dublino per possesso di violente immagini pedopornografiche. Solo alla fine dell'articolo si dice, quasi incidentalmente, che si tratta di un uomo che si identifica come donna. Nei Paesi che consentono il self-id -l'autocertificazione di genere- se un detenuto sostiene di essere una donna può essere traferito in un carcere femminile. Questo comporta gravissimi rischi per la sicurezza e la dignità delle detenute. Ecco che cosa succede in Canada, dove dal 2017 una legge autorizza il self-id.


Lo scorso 7 marzo un gruppo di donne canadesi si è riunito fuori dalla Grand Valley Institution for Women, un carcere femminile in Ontario, per protestare contro il trasferimento di detenuti maschi che dicono di sentirsi donne.

I trasferimenti di uomini nei carceri femminili accadono regolarmente in Canada, nel silenzio generale, da quando nel 2017 è entrata in vigore la legge sull’ “identità di genere” che permette di cambiare genere con una semplice autodichiarazione (self-id). Significa che un detenuto maschio può dichiararsi donna, senza alcuna diagnosi medica o intervento, e chiedere il trasferimento nel carcere femminile. La maggior parte di loro ha commesso omicidi e reati sessuali, e lascia un circuito ad elevato indice di vigilanza per le case e la comunità molto più tranquilla dell’istituto femminile.

Dei 14 detenuti maschi trasferiti di cui siamo a conoscenza, 12 non hanno subito interventi chirurgici né prendono ormoni sessuali femminili.

La voce principale nella difesa delle donne incarcerate è Heather Mason. Ex-prigioniera lei stessa, Heather ha visto il danno che questa politica fa alle donne vulnerabili, che spesso hanno già sofferto una vita di violenza fisica e sessuale, povertà e alienazione.

“Abbiamo scaricato interamente il rischio di violenza tra detenuti nelle prigioni maschili sulle donne”, ha detto nel suo discorso. “Siamo usate come scudi per proteggere gli uomini che si auto-identificano come donne dalla violenza di altri uomini”.

Self-ID e sistema carcerario: uomini nelle prigioni femminili. Un resoconto dal Canada
Steve “Sam” Mehlenbacher. Ha violentato una detenuta alla Grand Valley Institution (vedere qui)

La Mason sta parlando a suo rischio personale (considerando la natura di coloro che sta cercando di limitare - criminali e attivisti di genere) e senza l’appoggio delle istituzioni che hanno storicamente combattuto per le donne incarcerate, catturate dall'ideologia dell’“identità di genere”. La stampa canadese è quasi completamente silenziosa su questo tema e riporta le notizie sui trans solo da un punto di vista positivo. Dato che l'agenzia carceraria federale, Correctional Services Canada, non fornisce informazioni sui detenuti maschi che si trasferiscono, Mason si affida a una rete di donne, dentro e fuori dal carcere, e a un ingegnoso lavoro investigativo per trovare questi uomini e quello che hanno fatto.

Grazie alle indagini della Mason, abbiamo appreso che alcuni dei rischi più ovvii del mettere pericolosi detenuti maschi con donne vulnerabili si sono già realizzati: violenza sessuale e fisica, gravidanza e malattie sessualmente trasmissibili. Le donne hanno sentito il bisogno di armarsi con mezzi di fortuna, come barattoli di zuppa nascosti nei calzini.

Ci sono anche conseguenze meno ovvie ma altrettanto ingiuste per le donne, come la ri-traumatizzazione delle vittime di abusi, le rivalità a causa dell’aggiunta dell’elemento sessuale di essere con un maschio intatto, la perdita di dignità e privacy che le donne conservano quando sono in spazi monosex, ecc. Servizi come il Mother and Child Program, che permette umanamente al bambino di stare con la madre, rischiano di essere cancellati a causa dell’aumento delle misure di sicurezza necessarie per sorvegliare i criminali maschi violenti. I servizi di consulenza offerti alle donne come riabilitazione sono inutili per i detenuti maschi, che hanno modelli di comportamento diversi (nonostante la loro presunta “identità di genere”), come dimostrano i crimini che hanno commesso.

Anche le guardie femminili sono costrette a trattare con questi uomini che si identificano come donne, per esempio durante le perquisizioni, e sentono che la loro sicurezza e dignità vengono compromesse. Infatti il loro sindacato vuole armare le guardie della prigione femminile con pistole e dispositivi antisommossa più potenti. Questo aumento del livello di sicurezza è un risultato diretto dell’afflusso di pericolosi prigionieri maschi, e avrà un effetto negativo sulla popolazione carceraria femminile.

Il Correctional Services Canada ha accettato tutto questo in nome dei diritti umani e dell'equità nei confronti degli uomini. Certamente non è giusto per le donne che devono sopportare queste condizioni ingiuste nella loro prigionia. I loro diritti umani non contano in questa equazione. Per le donne che si identificano come uomini, nessun trasferimento in una prigione maschile è permesso. La possibilità che vengano violentate è troppo alta.

La protesta è stata organizzata da due gruppi creati “dal basso” per combattere per i diritti delle donne in Canada, caWsbar (Canadian Women’s Sex-based Rights) e We The Females. Anche ex-detenute e guardie si sono unite alla manifestazione. Anche se la copertura mediatica è stata scarsa (ad esempio qui), non ci sono state interruzioni da parte degli attivisti di genere, e molti passanti hanno mostrato il loro sostegno. Dopo il successo della prima protesta al GVI, le donne ne hanno tenuta una seconda il 20 marzo: il numero delle manifestanti è cresciuto, è stata animata da canzoni e un gruppo di guardie di passaggio si è fermato e si è unito alle donne. Possiamo solo sperare che la marea stia cambiando per alcune delle donne più emarginate del Canada, rese nuovamente vittime dal sistema carcerario.

Tania Alessandrini per Feminist Post, 26 marzo 2021



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
1 Febbraio 2023
Olanda: se blocchi lo sviluppo di bambine e bambini li spingi a diventare trans
Il protocollo -mettere in pausa la pubertà per consentire ai minori di “scegliere” il sesso- l’hanno inventato loro. Ma anche gli olandesi ora ammettono che in 9 casi su 10 i blocker non danno più tempo per "decidere" ma sono l’inizio della transizione. Una profezia che si auto-avvera. E che gli effetti di questi farmaci non sono affatto reversibili
La clinica universitaria Amsterdam UMC, pioniera nell'uso dei bloccanti della pubertà, ha ammesso che i bambini che assumono questi farmaci possono trovarsi bloccati in una maggiore medicalizzazione. L’ammissione arriva in seguito alla pubblicazione all'inizio di questo mese di un nuovo studio retrospettivo che esamina 20 anni di interventi ormonali noti come "protocollo olandese", condotto su 1.766 bambini e adolescenti tra il 1972 e il 2018 presso la famosa clinica di Amsterdam e pubblicato su The Journal of Sexual Medicine. Ma […]
Leggi ora
30 Gennaio 2023
Nasce GenerAzioneD, associazione italiana di genitori di minori che si definiscono "trans"
Un sito di orientamento e di informazione per sostenere e accompagnare madri e padri che si trovino a vivere questa complessa esperienza: testimonianze, interviste, e link per contribuire a un dibattito approfondito che oggi non trova spazio sui media mainstream
Si è costituita l’associazione culturale, apolitica, aconfessionale e priva di scopi di lucro GenerAzioneD Scopo primario dell’associazione è quello di informare in merito alle problematiche della disforia/incongruenza di genere in bambini, adolescenti e giovani adulti. Attraverso la divulgazione di testimonianze, notizie, articoli nazionali e internazionali in traduzione e la promozione di occasioni di confronto, GenerAzioneD si propone di favorire la trasparenza necessaria affinché venga garantita la migliore assistenza possibile alle persone coinvolte.  GenerAzioneD nasce infatti dall’incontro di alcuni genitori accumunati dall’esperienza di avere figli […]
Leggi ora
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
21 Gennaio 2023
Anche in Italia si apre -finalmente!- il dibattito sui bloccanti della pubertà
A rompere il silenzio la Società Psicoanalitica Italiana che chiede una discussione scientifica aperta su questi trattamenti che definisce "sperimentali", non supportati da adeguati studi e a forte rischio etico perché predeterminano il destino di bambine e bambini
In notevole ritardo rispetto al Grande Nord europeo, alla Gran Bretagna all'Australia, ad alcuni stati USA -che hanno bruscamente frenato sull'uso del puberty blocker come "terapia" per bambine e bambini dai comportamenti non conformi al genere, anche in Italia si rompe finalmente il silenzio con una lettera indirizzata al governo da parte della Società Psicoanalitica Italiana, che invita alla prudenza e all'apertura di una discussione scientifica pubblica. A seguire riproduciamo le interviste realizzate da Marina Terragni per Il Foglio e […]
Leggi ora