Prof in rivolta contro il transcult

Condividi questo articolo

Da anni il libero pensiero è sotto attacco nelle accademie di tutto il mondo occidentale, Italia compresa, con particolare riguardo alla discussione sui temi relativi al sesso e al genere. Il dilagare della cancel culture, della postura tribalistico-identitaria, dei safe space e l'ossessione della "correttezza politica" stanno strangolando quasi ovunque la libertà di espressione e di ricerca, contribuendo in modo cospicuo a edificare una società terrorizzata e ammutolita da censura e autocensura. Che le/i docenti vengano ridotti al silenzio, minacciati di perdere il loro incarico, costituisce un vero vulnus per tutte e tutti. Qui abbiamo già parlato delle molte docenti gender critical sotto attacco, fino al punto di doversi muovere scortate negli spazi delle università. Intanto sono già centinaia le adesioni alla Rete per la libertà di ricerca scientifica fondata poche settimane fa in Germania su iniziativa di alcuni ricercatori tedeschi. Obiettivo è denunciare il clima di intimidazione che negli ultimi anni opprime sempre più il mondo accademico e promuovere la libertà di ricerca scientifica: ne ha parlato Micromega qui.

Un esempio proprio di queste ore:

l'Università di Edimburgo ha elaborato una guida interna per il personale con elenco di frasi proibite, come "tutte le donne odiano il proprio ciclo" e "ogni tanto capita a tutti di pensare di essere dell'altro sesso". Inoltre i professori non dovrebbero porre "un'eccessiva attenzione sui marcatori sessuali anatomici". Queste sarebbero "microaggressioni" che "negano o annullano i pensieri, i sentimenti o la realtà vissuta delle persone trans e non binarie" e minano la loro transizione a generi diversi.

Diverse università del Russell Group stanno formando i docenti sul "privilegio cisgender", secondo il quale le persone il cui sesso di nascita si allinea con la loro identità di genere godono di vantaggi strutturali nella società britannica.

Anche l'Università di Newcastle spiega al personale: "Essere cisgender comporta privilegi sociali". L'Imperial College e la LSE ricordano ai docenti di usare i loro privilegi "cis" e "eterosessuali" per essere trans-alleati. Gli accademici oppongono il fatto che un'ossessione per l'identità di genere nel campus rischia di "ricattare moralmente" gli studenti e di dimenticare le disuguaglianze meno "woke". Si sta creando una 'monocultura' che spesso è "interessata solo ad aspetti specifici dell'uguaglianza-diversità, mentre di routine minimizza o ignora altri aspetti, come la sottorappresentazione dei bambini bianchi della classe lavoratrice. Questo porta gli accademici a nascondersi o a censurare 'il loro punto di vista per paura di essere ostracizzati".

Se il personale è testimone di comportamenti scorretti, dovrebbe "disarmare la microaggressione, intervenire e fermarsi o deviare" affermando gli standard di condotta dell'università ed "educare l'autore del reato" insegnando a "riconoscere i propri pregiudizi", raccomanda la guida di Edimburgo. 

I docenti sono anche invitati a indossare cordini arcobaleno nel campus "come segno visibile del fatto che le persone trans e/o non binarie che sono al sicuro", e inserire i loro pronomi nelle firme delle e-mail.

La guida trans delle università come Edimburgo, Warwick ed Exeter si riferisce a una "società cisnormativa", in cui le persone trans sono offese dal fatto che si presuma che il binarismo di genere sia la norma (!)

Le femministe hanno espresso la preoccupazione che la guida trans di molte università, influenzata da gruppi di pressione, promuova la sparizione degli spazi riservati per le donne a favore di strutture gender-neutral, e causi l'imbavagliamento dei docenti che la vedono diversamente.

Contro la cancel culture il governo sta progettando una nuova legge in base alla quale gli accademici potrebbero fare causa se vengono messi a tacere. 

_____________________________________________________________________________________________________________________

La piattaforma che vi presentiamo qui nasce per rompere l'isolamento tra docenti gender critical e per offrire supporto, condivisione e coordinamento. Potrete leggere molte storie e, se ritenete, condividere la vostra. E' sempre più urgente che le no-platformed in tutte le categorie -in particolare docenti, giornaliste, professioniste dell'editoria, ma il problema si estende a molti altri settori a cominciare dalla medicina- si coordinino per una strategia comune in difesa della libera espressione e dei diritti di donne e ragazze.

Ecco l'appello:

Siamo un gruppo di professori universitari. Siamo preoccupati per la continua erosione dei diritti delle donne basati sul sesso nella legge, nella politica e nella pratica, e per come vengono trattati coloro - principalmente donne - che ne parlano. Siamo preoccupati che una cultura del "non-dibattito" su questo tema danneggi la libertà accademica e impedisca un approccio aperto e critico alle teorie sul sesso e sul genere. L'impossibilità di parlare di diritti e discriminazione basati sul sesso danneggia le donne e le ragazze. 

Vorremmo ascoltare le storie del personale universitario gender critical (servizi accademici e professionali) e degli studenti. Che cosa comporta assumere una posizione critica rispetto al genere nell'istruzione superiore? Quali sono le tue esperienze, quando parli o stai zitto? Vorremmo sapere cosa ti è successo, quello che hai visto e come ti ha fatto sentire. 

Vogliamo che le università, i responsabili politici e il pubblico in generale comprendessero l'effetto che l'attuale cultura del "non-dibattito" sta avendo su quelli di noi che lavorano e studiano nell'istruzione superiore. Conosciamo l'isolamento che le persone si trovano ad affrontare e vogliamo che questo sia uno spazio in cui raccogliere storie sulle nostre esperienze e preoccupazioni, e per renderci conto che non siamo soli. Aiutaci a rompere il silenzio. 

Tutte le storie già raccolte dalla piattaforma e il link per raccontare la propria storia: qui

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
22 Maggio 2024
Germania: pedofili in festa. Meno rischi penali per il possesso di materiale pedopornografico
Con una modifica legislativa il Bundestag diminuisce le pene per chi possiede e/o distribuisce immagini pornografiche di bambine e bambini, comportamenti declassati a reati minori. Novità accolta entusiasticamente dai gruppi pedofili che spingono per abbassare a 12 anni l’età il limite del consenso sessuale
Anche la libera pedofilia fa parte dell'ombrello transumano: arrivare progressivamente, meglio se velocemente, ad abbattere perfino questo limite, ammettere e perfino incoraggiare il sesso trans-age -del resto bambine e bambini stanno al centro delle politiche transumane-. Un'innovazione legislativa approvata dal Bundestag muove un passo in questa direzione. Ce lo racconta Geneviève Gluck Il Parlamento tedesco ha votato a maggioranza per eliminare una sezione del codice penale che rendeva il possesso di materiale pedopornografico un reato penale. Una volta in vigore […]
Leggi ora
20 Maggio 2024
Perché l'Italia non ha firmato la dichiarazione UE sui diritti LGBTIQ (ne ha firmato un'altra però)
Passata sotto silenzio la dichiarazione contro l’omolesbobitransfobia sottoscritta in Europa da tutti gli stati membri. Grande clamore mediatico invece su una seconda dichiarazione non firmata dall’Italia perché fortemente sbilanciata sull’identità di genere sul modello del fu-ddl Zan: ecco tutti i punti critici
Qualche giorno fa in occasione della Giornata Internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia (IDAHOT) in Europa è passata all'unanimità -Italia compresa, quindi- la seguente risoluzione: 1498th Meeting of the Committee of Ministers (7 May 2024) - EU Statement ahead of the International Day Against Homophobia, Biphobia and Transphobia on 17 May07.05.2024 Press and information team of the Delegation to the COUNCIL OF EUROPE in StrasbourgI have the honour to speak on behalf of the European Union and its […]
Leggi ora
16 Maggio 2024
UK: a scuola non si parlerà più di identità di genere
Nuovo giro di vite del governo Sunak dopo il rapporto Cass che mette in guardia anche sui rischi della transizione sociale dei minori, la cosiddetta "identità alias" che è già stata adottata anche da molte scuole italiane: in classe non si insegnerà più che si può cambiare sesso e l'educazione sessuale sarà calibrata in base all'età. E mai senza il consenso dei genitori
Dopo anni e anni che i transattivisti di associazioni come Stonewall e Mermaids fanno il bello e il cattivo tempo con i loro corsi di educazione sessuale nelle scuole inglesi di ogni ordine e grado, il governo di Rishi Sunak annuncia oggi con la ministra dell’Istruzione Gillian Keegan nuove linee guida obbligatorie per scolari e studenti su questi temi. In classe non si insegnerà più che si può cambiare la propria identità di genere, come è stato fino ad ora […]
Leggi ora
14 Maggio 2024
Da Gaza alle sale parto occidentali, Judith Butler vede fascisti dappertutto
Fasciste, ovviamente, anche noi femministe gender critical, "alleate della destra e del Vaticano". L'intellettuale californiana, rinunciando a ogni sottigliezza filosofica, compila un'agenda politica che coincide con la piattaforma degli universitari in lotta. E auspica un'alleanza tra trans, antifa, movimento pro-Pal, senza casa, persone nere, migranti e anche donne -intese come una delle tante minoranze- per edificare "una democrazia radicale ispirata agli ideali del socialismo". Un resoconto della tappa bolognese del suo trionfale tour europeo
Forse oggi si potrebbe parlare di "Agenda Butler": la sua piattaforma coincide perfettamente con la piattaforma di lotta delle-degli studenti in tutto l'Occidente, con poche certezze sul fatto se sia nato prima l'uovo o la gallina. Certo Judith Butler è a tutti gli effetti la madre delle Gender Theory a cui queste/i studenti (comunque una minoranza) aderiscono con entusiasmo; a loro volta queste/i studenti con le loro mobilitazioni sono fonte di ispirazione per Butler, le loro piattaforme sono anche una […]
Leggi ora
6 Maggio 2024
La chirurgia trans aumenta il rischio-suicidio
Un recentissimo studio su 90 milioni di pazienti dimostra che le persone trans operate corrono "un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico" e necessitano di un supporto psichiatrico. Quindi il coronamento del lungo e faticoso percorso di transizione con la chirurgia "affermativa" non assicura il raggiungimento del benessere sperato
"La chirurgia per l’affermazione di genere è associata a un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, suicidio/autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico rispetto ai gruppi di controllo in questo database del mondo reale. Poiché il suicidio è una delle cause di morte più comuni tra gli adolescenti e gli individui di mezza età, è chiaro che dobbiamo lavorare per prevenire questi esiti sfortunati. Ciò rafforza ulteriormente la necessità di un’assistenza psichiatrica completa negli anni che seguono la chirurgia per […]
Leggi ora
22 Aprile 2024
Lettera a Rishi Sunak: serve un'inchiesta pubblica sull'influenza dell'ideologia transgender
Centotrenta parlamentari, medici, psichiatri, accademici e detransitioner britannici -tra loro anche JK Rowling- hanno scritto una lettera al primo ministro per invitarlo ad esaminare “l’influenza pervasiva” dell’ideologia transgender nelle scuole e nel servizio sanitario nazionale e ad accertare le responsabilità del danno prodotto a migliaia di bambine e bambini
"Rishi, se leggi questa petizione per favore, fai la cosa giusta e avvia con urgenza un’inchiesta pubblica. Il benessere dei nostri figli dipende da questo”. A scrivere è lo psicoterapeuta James Esses, coordinatore della dichiarazione per la realtà biologica e uno dei firmatari di un appello rivolto al primo ministro britannico dopo il grande scandalo del trattamento dei bambini “confusi e vulnerabili” da parte di professionisti medici, reso evidente del rapporto di Hilary Cass. Tra i primi firmatari anche JK […]
Leggi ora