Prof in rivolta contro il transcult

Condividi questo articolo

Da anni il libero pensiero è sotto attacco nelle accademie di tutto il mondo occidentale, Italia compresa, con particolare riguardo alla discussione sui temi relativi al sesso e al genere. Il dilagare della cancel culture, della postura tribalistico-identitaria, dei safe space e l'ossessione della "correttezza politica" stanno strangolando quasi ovunque la libertà di espressione e di ricerca, contribuendo in modo cospicuo a edificare una società terrorizzata e ammutolita da censura e autocensura. Che le/i docenti vengano ridotti al silenzio, minacciati di perdere il loro incarico, costituisce un vero vulnus per tutte e tutti. Qui abbiamo già parlato delle molte docenti gender critical sotto attacco, fino al punto di doversi muovere scortate negli spazi delle università. Intanto sono già centinaia le adesioni alla Rete per la libertà di ricerca scientifica fondata poche settimane fa in Germania su iniziativa di alcuni ricercatori tedeschi. Obiettivo è denunciare il clima di intimidazione che negli ultimi anni opprime sempre più il mondo accademico e promuovere la libertà di ricerca scientifica: ne ha parlato Micromega qui.

Un esempio proprio di queste ore:

l'Università di Edimburgo ha elaborato una guida interna per il personale con elenco di frasi proibite, come "tutte le donne odiano il proprio ciclo" e "ogni tanto capita a tutti di pensare di essere dell'altro sesso". Inoltre i professori non dovrebbero porre "un'eccessiva attenzione sui marcatori sessuali anatomici". Queste sarebbero "microaggressioni" che "negano o annullano i pensieri, i sentimenti o la realtà vissuta delle persone trans e non binarie" e minano la loro transizione a generi diversi.

Diverse università del Russell Group stanno formando i docenti sul "privilegio cisgender", secondo il quale le persone il cui sesso di nascita si allinea con la loro identità di genere godono di vantaggi strutturali nella società britannica.

Anche l'Università di Newcastle spiega al personale: "Essere cisgender comporta privilegi sociali". L'Imperial College e la LSE ricordano ai docenti di usare i loro privilegi "cis" e "eterosessuali" per essere trans-alleati. Gli accademici oppongono il fatto che un'ossessione per l'identità di genere nel campus rischia di "ricattare moralmente" gli studenti e di dimenticare le disuguaglianze meno "woke". Si sta creando una 'monocultura' che spesso è "interessata solo ad aspetti specifici dell'uguaglianza-diversità, mentre di routine minimizza o ignora altri aspetti, come la sottorappresentazione dei bambini bianchi della classe lavoratrice. Questo porta gli accademici a nascondersi o a censurare 'il loro punto di vista per paura di essere ostracizzati".

Se il personale è testimone di comportamenti scorretti, dovrebbe "disarmare la microaggressione, intervenire e fermarsi o deviare" affermando gli standard di condotta dell'università ed "educare l'autore del reato" insegnando a "riconoscere i propri pregiudizi", raccomanda la guida di Edimburgo. 

I docenti sono anche invitati a indossare cordini arcobaleno nel campus "come segno visibile del fatto che le persone trans e/o non binarie che sono al sicuro", e inserire i loro pronomi nelle firme delle e-mail.

La guida trans delle università come Edimburgo, Warwick ed Exeter si riferisce a una "società cisnormativa", in cui le persone trans sono offese dal fatto che si presuma che il binarismo di genere sia la norma (!)

Le femministe hanno espresso la preoccupazione che la guida trans di molte università, influenzata da gruppi di pressione, promuova la sparizione degli spazi riservati per le donne a favore di strutture gender-neutral, e causi l'imbavagliamento dei docenti che la vedono diversamente.

Contro la cancel culture il governo sta progettando una nuova legge in base alla quale gli accademici potrebbero fare causa se vengono messi a tacere. 

_____________________________________________________________________________________________________________________

La piattaforma che vi presentiamo qui nasce per rompere l'isolamento tra docenti gender critical e per offrire supporto, condivisione e coordinamento. Potrete leggere molte storie e, se ritenete, condividere la vostra. E' sempre più urgente che le no-platformed in tutte le categorie -in particolare docenti, giornaliste, professioniste dell'editoria, ma il problema si estende a molti altri settori a cominciare dalla medicina- si coordinino per una strategia comune in difesa della libera espressione e dei diritti di donne e ragazze.

Ecco l'appello:

Siamo un gruppo di professori universitari. Siamo preoccupati per la continua erosione dei diritti delle donne basati sul sesso nella legge, nella politica e nella pratica, e per come vengono trattati coloro - principalmente donne - che ne parlano. Siamo preoccupati che una cultura del "non-dibattito" su questo tema danneggi la libertà accademica e impedisca un approccio aperto e critico alle teorie sul sesso e sul genere. L'impossibilità di parlare di diritti e discriminazione basati sul sesso danneggia le donne e le ragazze. 

Vorremmo ascoltare le storie del personale universitario gender critical (servizi accademici e professionali) e degli studenti. Che cosa comporta assumere una posizione critica rispetto al genere nell'istruzione superiore? Quali sono le tue esperienze, quando parli o stai zitto? Vorremmo sapere cosa ti è successo, quello che hai visto e come ti ha fatto sentire. 

Vogliamo che le università, i responsabili politici e il pubblico in generale comprendessero l'effetto che l'attuale cultura del "non-dibattito" sta avendo su quelli di noi che lavorano e studiano nell'istruzione superiore. Conosciamo l'isolamento che le persone si trovano ad affrontare e vogliamo che questo sia uno spazio in cui raccogliere storie sulle nostre esperienze e preoccupazioni, e per renderci conto che non siamo soli. Aiutaci a rompere il silenzio. 

Tutte le storie già raccolte dalla piattaforma e il link per raccontare la propria storia: qui

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora
6 Agosto 2022
California, transificio di bambine/i
Lo stato americano si propone come meta di turismo "sanitario" per le/i minori che non riescono ad accedere alla transizione nel luogo in cui vivono. Esautorando i genitori e sollevando gli operatori da ogni rischio di causa in caso di successivi "pentimenti". Intanto in UK, dopo la chiusura della Tavistock, occhi puntati su una clinica scozzese dove il modello sperimentale (bloccanti della pubertà e chirurgia) continua a essere applicato
Negli Stati Uniti è in corso una vera e propria guerra sull’ideologia dell’identità di genere e la sua promozione nelle scuole. Una “guerra culturale” che vede contrapposte le élite, che finanziano e promuovono la gender ideology, e la gente comune che vi si oppone (vedere qui il caso Disney). Mentre Biden fin dal primo giorno ha fatto molte concessioni legislative all’attivismo trans a livello federale, i repubblicani hanno intercettato lo scontento della cittadinanza con diverse contro-leggi a livello statale, come […]
Leggi ora
29 Luglio 2022
UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical
L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro […]
Leggi ora
28 Luglio 2022
Argentina: stop al linguaggio neutro nelle scuole
E' stato il primo paese a introdurre l’auto-identificazione di genere. Dieci anni dopo è tra i primi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole in quanto "nemmeno così inclusivo: crea una barriera per i bambini con difficoltà di apprendimento”
Nel 2012 l’Argentina è stato il primo paese al mondo a introdurre il self-id o auto-identificazione di genere nel suo ordinamento giuridico. Dieci anni dopo è uno dei primi paesi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole. Come insegnano le madri del femminismo radicale e del pensiero della differenza, il neutro è uno specchietto per le allodole che di fatto riporta al centro il punto di vista maschile. Se l’illusione del neutro salta meno all’occhio nella lingua inglese, è subito […]
Leggi ora
20 Luglio 2022
Dove sta andando la Casa delle Donne di Roma?
"La Casa siamo tutte" recita il bello slogan dello storico enclave di Trastevere. Ma in quello spazio, che è pubblico e dovrebbe essere aperto, l'agibilità è solo transfemminista. E dopo il sostegno acritico al ddl Zan -per fermare i femminicidi!-, il sì all'utero in affitto e al "sex work", ora anche l'inno agli ultracorpi maschili negli sport femminili: forse è il momento che si apra una riflessione
La Casa Internazionale delle Donne di Roma condivide la proposta dell'università della Pennsylvania di nominare Lia Thomas "atleta donna dell'anno". Lia Thomas, di cui abbiamo parlato più volte qui, è la celebre nuotatore che ha sbaragliato più volte le avversarie gareggiando nelle categorie femminili, ma che ha avuto quanto meno il merito di far finalmente esplodere la questione degli ultracorpi maschili negli sport delle donne. Il post condiviso dalla Casa Internazionale delle Donne, un piccolo confusionario trattato di femminismo Intersezionale, […]
Leggi ora
6 Luglio 2022
Maya Forstater, licenziata per aver detto che il sesso non si può cambiare, vince in tribunale: fu discriminazione
Decisiva per il femminismo gender critical in tutto il mondo la vittoria di Maya, ricercatrice che perse il suo lavoro per un tweet in cui scriveva che il sesso biologico è immutabile e che le donne hanno diritti basati sul sesso. La Gran Bretagna ribadisce il diritto a criticare l'identità di genere: minacce e accuse di transfobia sono illegittime. "Un'ulteriore prova" dice Forstater "che il vento sta cambiando". La sentenza definitiva del tribunale del lavoro ha anche condannato a un risarcimento la società che non ha rinnovato il contratto alla ricercatrice, cofondatrice di Sex Matters. Un trionfo su tutta la linea
Un anno fa, giugno 2021, Feminist Post ha pubblicato un articolo sul caso di Maya Forstater, la ricercatrice britannica il cui contratto di lavoro non fu rinnovato dal suo datore di lavoro per aver espresso delle opinioni critiche sul concetto di identità di genere ed aver riaffermato l’importanza dei diritti delle donne fondati sul sesso. L’articolo si chiudeva ricordando ai lettori e alle lettrici che il caso di Maya non era ancora concluso e, anche se la sentenza d'appello del […]
Leggi ora