Si può chiamare "uomo" un maschio che si percepisce donna? Per il tribunale australiano non è diffamazione

"Conveniamo che la discussione e il dibattito su questo tema siano nell'interesse pubblico" afferma la sentenza. Dando ragione alla giornalista Beth Rep accusata da Bridget Clinch -al secolo Matthew Clinch, ex-capitano dell’esercito australiano- di averlo «vittimizzato» dicendo che è un uomo
Condividi questo articolo

Si chiama compelled speech, e l’obiettivo è farci dire che loro, gli uomini, sono donne se si percepiscono tali.

E' la base dell’ideologia dell’identità di genere: sono donna se lo dico io. Chiamarli «donne» ma chiamare le donne «mestruatori»; nuovi nomi -carriera alias- e pronomi : il neolinguaggio serve a fermare l’opposizione e il libero pensiero sul nascere. Per questo sostengono che è un oltraggio che si dica che “loro” non siano donne a tutti gli effetti, e addirittura che sia «violenza». E spesso per questo “reato di parola”, i transattivisti fanno causa. Soprattutto se a dirlo e’ una donna.

Dunque si può dire “quello non è una donna, è un uomo” ? O meglio, la domanda è: una donna puo' dire che un uomo che si percepisce donna è un uomo?

Recentemente un tribunale di Camberra ha stabilito che si può, e che "non è necessariamente diffamazione".

La giornalista radiofonica Beth Rep (a sinistra nella foto) era stata accusata per dei post su Facebook in cui scriveva, appunto, che “le donne trans sono uomini”. La causa era stata intentata da Bridget Clinch (a destra), al secolo Matthew Clinch, ex-capitano dell’esercito australiano che si era sentito «vittimizzato» dai post Facebook in quanto, appunto, si percepisce come donna.

Nel 2020 la giornalista era stata condannata, ma la nuova sentenza ha stabilito che i suoi post non hanno determinato alcuna vittimizzazione, e che solo nove dei 46 post sotto accusa potevano essere considerati diffamazione. Il risarcimento che Beth Rep dovra’ pagare e’ stato dimezzato, e soprattutto le e’ stato tolto il bavaglio -la precedente sentenza ordinava infatti «che la signora Rep sia trattenuta dal fare post sui social media simili a quelli contestati».

Inoltre, in un momento in cui le femministe protestano contro l'accesso di uomini trans-identificati ai servizi e ai luoghi riservati alle donne, il tribunale d'appello ha ritenuto l’affermazione legittima. La sentenza dice esplicitamente : "Accettiamo che la discussione e il dibattito su questo tema siano nell'interesse pubblico".

Clinch, che sta tentando una carriera politica nei Verdi -il terzo partito in Australia-, ha detto che non ha intenzione di fare ricorso.

La frase trans women are men, abbreviata in TWAM, e` diventata un vero e proprio slogan del femminismo gender critical. Attorno a questa frase si sono coalizzate le donne che hanno subito abusi dai cosiddetti «transwomen»  nei paesi in cui vige il regime di autocertificazione di genere (self-ID): dalle lesbiche costrette a rapporti sessuali da «donne con il pene» alle mamme che hanno trovato nei loro spazi «transwomen» con il fetish della gravidanza o dell’allattamento (vedere qui).

I transattivisti conoscono il potere delle parole: per questo tremano e si incattiviscono davanti ai tweet di JK Rowling, di Maya Forstater, ma anche di donne femministe come Kellie-Jay Keen, conosciuta come Posie Parker, o la scozzese Marion Millar. In ambito italiano, per le stesse parole sono state attaccate Alessandra Asteriti e Marina Terragni.

Ma, come molti hanno notato, il vento sta cambiando e la sentenza australiana ne è un ulteriore segnale.

Maria Celeste

Puoi offrirci il tuo contributo CLICCANDO QUI

oppure inviando a

ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
22 Maggio 2024
Germania: pedofili in festa. Meno rischi penali per il possesso di materiale pedopornografico
Con una modifica legislativa il Bundestag diminuisce le pene per chi possiede e/o distribuisce immagini pornografiche di bambine e bambini, comportamenti declassati a reati minori. Novità accolta entusiasticamente dai gruppi pedofili che spingono per abbassare a 12 anni l’età il limite del consenso sessuale
Anche la libera pedofilia fa parte dell'ombrello transumano: arrivare progressivamente, meglio se velocemente, ad abbattere perfino questo limite, ammettere e perfino incoraggiare il sesso trans-age -del resto bambine e bambini stanno al centro delle politiche transumane-. Un'innovazione legislativa approvata dal Bundestag muove un passo in questa direzione. Ce lo racconta Geneviève Gluck Il Parlamento tedesco ha votato a maggioranza per eliminare una sezione del codice penale che rendeva il possesso di materiale pedopornografico un reato penale. Una volta in vigore […]
Leggi ora
20 Maggio 2024
Perché l'Italia non ha firmato la dichiarazione UE sui diritti LGBTIQ (ne ha firmato un'altra però)
Passata sotto silenzio la dichiarazione contro l’omolesbobitransfobia sottoscritta in Europa da tutti gli stati membri. Grande clamore mediatico invece su una seconda dichiarazione non firmata dall’Italia perché fortemente sbilanciata sull’identità di genere sul modello del fu-ddl Zan: ecco tutti i punti critici
Qualche giorno fa in occasione della Giornata Internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia (IDAHOT) in Europa è passata all'unanimità -Italia compresa, quindi- la seguente risoluzione: 1498th Meeting of the Committee of Ministers (7 May 2024) - EU Statement ahead of the International Day Against Homophobia, Biphobia and Transphobia on 17 May07.05.2024 Press and information team of the Delegation to the COUNCIL OF EUROPE in StrasbourgI have the honour to speak on behalf of the European Union and its […]
Leggi ora
16 Maggio 2024
UK: a scuola non si parlerà più di identità di genere
Nuovo giro di vite del governo Sunak dopo il rapporto Cass che mette in guardia anche sui rischi della transizione sociale dei minori, la cosiddetta "identità alias" che è già stata adottata anche da molte scuole italiane: in classe non si insegnerà più che si può cambiare sesso e l'educazione sessuale sarà calibrata in base all'età. E mai senza il consenso dei genitori
Dopo anni e anni che i transattivisti di associazioni come Stonewall e Mermaids fanno il bello e il cattivo tempo con i loro corsi di educazione sessuale nelle scuole inglesi di ogni ordine e grado, il governo di Rishi Sunak annuncia oggi con la ministra dell’Istruzione Gillian Keegan nuove linee guida obbligatorie per scolari e studenti su questi temi. In classe non si insegnerà più che si può cambiare la propria identità di genere, come è stato fino ad ora […]
Leggi ora
14 Maggio 2024
Da Gaza alle sale parto occidentali, Judith Butler vede fascisti dappertutto
Fasciste, ovviamente, anche noi femministe gender critical, "alleate della destra e del Vaticano". L'intellettuale californiana, rinunciando a ogni sottigliezza filosofica, compila un'agenda politica che coincide con la piattaforma degli universitari in lotta. E auspica un'alleanza tra trans, antifa, movimento pro-Pal, senza casa, persone nere, migranti e anche donne -intese come una delle tante minoranze- per edificare "una democrazia radicale ispirata agli ideali del socialismo". Un resoconto della tappa bolognese del suo trionfale tour europeo
Forse oggi si potrebbe parlare di "Agenda Butler": la sua piattaforma coincide perfettamente con la piattaforma di lotta delle-degli studenti in tutto l'Occidente, con poche certezze sul fatto se sia nato prima l'uovo o la gallina. Certo Judith Butler è a tutti gli effetti la madre delle Gender Theory a cui queste/i studenti (comunque una minoranza) aderiscono con entusiasmo; a loro volta queste/i studenti con le loro mobilitazioni sono fonte di ispirazione per Butler, le loro piattaforme sono anche una […]
Leggi ora
6 Maggio 2024
La chirurgia trans aumenta il rischio-suicidio
Un recentissimo studio su 90 milioni di pazienti dimostra che le persone trans operate corrono "un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico" e necessitano di un supporto psichiatrico. Quindi il coronamento del lungo e faticoso percorso di transizione con la chirurgia "affermativa" non assicura il raggiungimento del benessere sperato
"La chirurgia per l’affermazione di genere è associata a un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, suicidio/autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico rispetto ai gruppi di controllo in questo database del mondo reale. Poiché il suicidio è una delle cause di morte più comuni tra gli adolescenti e gli individui di mezza età, è chiaro che dobbiamo lavorare per prevenire questi esiti sfortunati. Ciò rafforza ulteriormente la necessità di un’assistenza psichiatrica completa negli anni che seguono la chirurgia per […]
Leggi ora
22 Aprile 2024
Lettera a Rishi Sunak: serve un'inchiesta pubblica sull'influenza dell'ideologia transgender
Centotrenta parlamentari, medici, psichiatri, accademici e detransitioner britannici -tra loro anche JK Rowling- hanno scritto una lettera al primo ministro per invitarlo ad esaminare “l’influenza pervasiva” dell’ideologia transgender nelle scuole e nel servizio sanitario nazionale e ad accertare le responsabilità del danno prodotto a migliaia di bambine e bambini
"Rishi, se leggi questa petizione per favore, fai la cosa giusta e avvia con urgenza un’inchiesta pubblica. Il benessere dei nostri figli dipende da questo”. A scrivere è lo psicoterapeuta James Esses, coordinatore della dichiarazione per la realtà biologica e uno dei firmatari di un appello rivolto al primo ministro britannico dopo il grande scandalo del trattamento dei bambini “confusi e vulnerabili” da parte di professionisti medici, reso evidente del rapporto di Hilary Cass. Tra i primi firmatari anche JK […]
Leggi ora