"Possiamo fare qualsiasi cosa".

Il movimento delle ragazze indiane che combattono il matrimonio infantile.
Condividi questo articolo

A 17 anni, Priyanka Bairwa ha deciso di rifiutare il matrimonio combinato per lei. Non solo: ha preso la decisione di fondare Rajasthan Rising per aiutare migliaia di altre ragazze e richiedere un'istruzione gratuita per loro.

Priyanka Bairwa aveva 15 anni quando la sua famiglia ha iniziato a cercare un marito per lei. La pandemia ha accelerato il processo, dal momento che le scuole sono state chiuse e il lavoro si è ridotto drasticamente. Nell'ottobre 2020, i suoi genitori si erano già accordati per il matrimonio con un ragazzo del loro villaggio, Ramathra, nel distretto di Karauli, nel Rajasthan.

Ma Bairwa, ora 18enne, non ne voleva sapere. "Durante la pandemia, ogni famiglia del villaggio era ansiosa di far sposare le proprie figlie. Siccome era obbligatorio invitare meno persone di conseguenza c'erano molte meno spese", dice Bairwa. "Ma io mi sono rifiutata di essere coinvolta in un matrimonio tra bambini. C'è stato un grande scontro nella mia famiglia e litigi continui. Alla fine ho anche minacciato di andarmene e, nel timore che potessi fare qualcosa di drastico, la mia famiglia ha deciso di annullare tutto. Mia madre li ha convinti a lasciarmi studiare e sono entrata in un college".

La pandemia ha esposto milioni di ragazze ad un rischio maggiore di essere costrette a sposarsi e non poter quindi tornare più a scuola. Childline India ha riportato un aumento del 17% dei matrimoni di minori nei mesi di giugno e luglio dello scorso anno, quando il lockdown è stato allentato.

Nel Rajasthan, una donna su tre tra i 22 e i 24 anni si è sposata prima dei 18 anni, secondo i dati del governo.

Ero a conoscenza del fatto che migliaia di altre ragazze stavano affrontando problemi simili, essendo state ritirate da scuola e costrette a sposarsi prematuramente.

Bairwa - che è Dalit, la casta più bassa in India - si è opposta alla situazione corrente. Ha fondato un movimento di giovani donne e ragazze, Rajasthan Rising, incentrato nei villaggi di Karauli, per rivendicare il loro diritto ad un'istruzione gratuita, a borse di studio per l'istruzione superiore ed alla liberazione dal matrimonio infantile, dal lavoro minorile e dalla discriminazione basata su caste e genere.

"Ho lanciato questa campagna perché sapevo che migliaia di altre ragazze stavano affrontando problemi simili, venivano ritirate dalla scuola e costrette al matrimonio prematuramente. L'istruzione dovrebbe essere gratuita fino all'ottavo grado (cioè fino ai 14 anni), ma non lo è mai. Le scuole impongono delle tasse di "sviluppo". Ma le borse di studio offerte agli studenti delle comunità emarginate non arrivano mai in tempo", dice.

Bairwa ha iniziato con dieci sue amiche. "Abbiamo iniziato a visitare altri villaggi e, con l'aiuto di attivisti locali, abbiamo organizzato degli incontri, riunendo ragazze e informandole riguardo ai loro diritti costituzionali. Gli anziani dei villaggi erano sempre diffidenti, molti non ci facevano entrare. Ma noi continuavamo a tornare; in poco tempo eravamo già più di 100 ragazze nel gruppo".

Nei mesi successivi, il numero è salito a più di 1.200 e, nel marzo di quest'anno, è diventata un'alleanza formale, diffondendosi ulteriormente in tutto lo stato. Hanno imparato a usare computer portatili e internet, contattando funzionari dell'istruzione, leader politici e ministri statali organizzando incontri nei quali hanno presentato il loro obiettivo primario, ovvero che ogni ragazza dovrebbe ricevere un'istruzione gratuita fino al 12° grado, dai 17 ai 18 anni, insieme a una borsa di studio minima di 5.000 rupie (49 sterline) all'inizio di ogni anno scolastico.

Le ragazze hanno portato Rajasthan Rising nelle strade. Hanno dipinto slogan sui muri chiedendo un'istruzione gratuita per le ragazze e contro il matrimonio infantile. Hanno scritto sulla discriminazione e hanno inviato un'e-mail al ministro capo del Rajasthan, Ashok Gehlot, che ha inviato loro una nota di incoraggiamento. "Molti abitanti del villaggio ci hanno dato dei pazzi. Ma avevamo un obiettivo chiaro, raggiungere le ragazze vulnerabili in tutti i 33 distretti dello stato e chiedere un cambiamento a lungo termine", dice Bairwa. La più grande di quattro figli, è stata attratta dalla causa quando è andata al lavoro con sua madre, dove si occupa di fare le pulizie presso gli uffici del non-profit, Alwar Mewat Institute of Education and Development, nella città di Sapotara. "Ho trovato la mia voce lì, dove sono stata trattata come un'eguale. Ho ascoltato le riunioni sul matrimonio infantile e sull'istruzione delle ragazze. Ho imparato come creare consapevolezza e condurre campagne", dice.

Vineeta Meena, 20 anni, si è unita a Bairwa. "Il nostro gruppo è intervenuto e ha fermato diversi matrimoni tra bambini. Nel mio villaggio, Gokalpur, la mia vicina Saira Bano, 16 anni, stava per sposarsi l'anno scorso. Abbiamo formato un gruppo e abbiamo continuato ad andare a casa sua a protestare finché la sua famiglia non ha promesso di annullarlo", dice. Bano ora si è unita a Rajasthan Rising. A marzo circa 120 giovani donne hanno lasciato le loro case per recarsi a Jaipur, accompagnate da attivisti regionali dell'educazione, per il primo incontro del gruppo a livello statale. Per tre giorni, hanno discusso di come rompere le barriere di genere e portare il cambiamento.

"Possiamo fare qualsiasi cosa".
Le proteste di Rajasthan Rising sono nate in tutto lo stato negli ultimi sei mesi.

"Le nostre richieste sono piuttosto basilari, quindi siamo fiduciosi che saremo ascoltati. È chiaro che se l'istruzione è resa completamente gratuita, possiamo prevenire l'abbandono e, a sua volta, il matrimonio tra minori", dice Najiya Saleem, 19 anni, una leader di Rajasthan Rising di Alwar, la cui sorella si è sposata presto.

Abhishek Bairwa, il capo villaggio di Salempur, è uno di quelli che sostengono la campagna. "Le loro richieste sono importanti per ogni casa del nostro villaggio, che è tra i più arretrati della regione. Quando le ragazze diventano più consapevoli dei loro diritti, lo stesso vale per le loro famiglie. Spero che diventi un movimento nazionale", dice.

Il responsabile dell'istruzione di Karauli, Ganpat Lal Meena, ha invitato il gruppo a sottoporgli i loro suggerimenti, notando che questo livello di mobilitazione segna un cambiamento nel modo in cui l'istruzione e il matrimonio tra minori sono visti nella regione. Vineeta Meena è d'accordo: "Essere parte di questo collettivo mi fa sentire che non siamo meno di nessuno. Possiamo fare qualsiasi cosa. Mi sento più libera.

Articolo originale qui .
Traduzione di Angela Tacchini


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
6 Febbraio 2023
Mail-bombing a Repubblica: Inaccettabile la disinformazione sui bloccanti della pubertà
In un inaccettabile articolo -senza alcun riferimento a dati scientifici- Michela Marzano dice che i puberty blockers sarebbero “temporanei e reversibili” e proteggerebbero dal suicidio, ma tutto questo è smentito da numerose ricerche.
Testo per un Mail-bombing, da inviare al direttore Maurizio Molinari m.molinari@repubblica.it Gentile Direttore Molinari, leggiamo l’articolo di Michela Marzano, titolo “Nessuno tocchi l’identità di genere”, pubblicato sul suo giornale domenica 5 febbraio. E non possiamo non rilevare con sconcerto che l’autrice affronta la delicatissima questione dei minori “disforici” senza alcun riferimento scientifico, sostenendo tra le altre cose che “ la sospensione” indotta dai farmaci che bloccano la pubertà “è temporanea e reversibile”, che il ricorso a detti farmaci “permette di […]
Leggi ora
1 Febbraio 2023
Olanda: se blocchi lo sviluppo di bambine e bambini li spingi a diventare trans
Il protocollo -mettere in pausa la pubertà per consentire ai minori di “scegliere” il sesso- l’hanno inventato loro. Ma anche gli olandesi ora ammettono che in 9 casi su 10 i blocker non danno più tempo per "decidere" ma sono l’inizio della transizione. Una profezia che si auto-avvera. E che gli effetti di questi farmaci non sono affatto reversibili
La clinica universitaria Amsterdam UMC, pioniera nell'uso dei bloccanti della pubertà, ha ammesso che i bambini che assumono questi farmaci possono trovarsi bloccati in una maggiore medicalizzazione. L’ammissione arriva in seguito alla pubblicazione all'inizio di questo mese di un nuovo studio retrospettivo che esamina 20 anni di interventi ormonali noti come "protocollo olandese", condotto su 1.766 bambini e adolescenti tra il 1972 e il 2018 presso la famosa clinica di Amsterdam e pubblicato su The Journal of Sexual Medicine. Ma […]
Leggi ora
30 Gennaio 2023
Nasce GenerAzioneD, associazione italiana di genitori di minori che si definiscono "trans"
Un sito di orientamento e di informazione per sostenere e accompagnare madri e padri che si trovino a vivere questa complessa esperienza: testimonianze, interviste, e link per contribuire a un dibattito approfondito che oggi non trova spazio sui media mainstream
Si è costituita l’associazione culturale, apolitica, aconfessionale e priva di scopi di lucro GenerAzioneD Scopo primario dell’associazione è quello di informare in merito alle problematiche della disforia/incongruenza di genere in bambini, adolescenti e giovani adulti. Attraverso la divulgazione di testimonianze, notizie, articoli nazionali e internazionali in traduzione e la promozione di occasioni di confronto, GenerAzioneD si propone di favorire la trasparenza necessaria affinché venga garantita la migliore assistenza possibile alle persone coinvolte.  GenerAzioneD nasce infatti dall’incontro di alcuni genitori accumunati dall’esperienza di avere figli […]
Leggi ora
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora