"Possiamo fare qualsiasi cosa".

Il movimento delle ragazze indiane che combattono il matrimonio infantile.
Condividi questo articolo

A 17 anni, Priyanka Bairwa ha deciso di rifiutare il matrimonio combinato per lei. Non solo: ha preso la decisione di fondare Rajasthan Rising per aiutare migliaia di altre ragazze e richiedere un'istruzione gratuita per loro.

Priyanka Bairwa aveva 15 anni quando la sua famiglia ha iniziato a cercare un marito per lei. La pandemia ha accelerato il processo, dal momento che le scuole sono state chiuse e il lavoro si è ridotto drasticamente. Nell'ottobre 2020, i suoi genitori si erano già accordati per il matrimonio con un ragazzo del loro villaggio, Ramathra, nel distretto di Karauli, nel Rajasthan.

Ma Bairwa, ora 18enne, non ne voleva sapere. "Durante la pandemia, ogni famiglia del villaggio era ansiosa di far sposare le proprie figlie. Siccome era obbligatorio invitare meno persone di conseguenza c'erano molte meno spese", dice Bairwa. "Ma io mi sono rifiutata di essere coinvolta in un matrimonio tra bambini. C'è stato un grande scontro nella mia famiglia e litigi continui. Alla fine ho anche minacciato di andarmene e, nel timore che potessi fare qualcosa di drastico, la mia famiglia ha deciso di annullare tutto. Mia madre li ha convinti a lasciarmi studiare e sono entrata in un college".

La pandemia ha esposto milioni di ragazze ad un rischio maggiore di essere costrette a sposarsi e non poter quindi tornare più a scuola. Childline India ha riportato un aumento del 17% dei matrimoni di minori nei mesi di giugno e luglio dello scorso anno, quando il lockdown è stato allentato.

Nel Rajasthan, una donna su tre tra i 22 e i 24 anni si è sposata prima dei 18 anni, secondo i dati del governo.

Ero a conoscenza del fatto che migliaia di altre ragazze stavano affrontando problemi simili, essendo state ritirate da scuola e costrette a sposarsi prematuramente.

Bairwa - che è Dalit, la casta più bassa in India - si è opposta alla situazione corrente. Ha fondato un movimento di giovani donne e ragazze, Rajasthan Rising, incentrato nei villaggi di Karauli, per rivendicare il loro diritto ad un'istruzione gratuita, a borse di studio per l'istruzione superiore ed alla liberazione dal matrimonio infantile, dal lavoro minorile e dalla discriminazione basata su caste e genere.

"Ho lanciato questa campagna perché sapevo che migliaia di altre ragazze stavano affrontando problemi simili, venivano ritirate dalla scuola e costrette al matrimonio prematuramente. L'istruzione dovrebbe essere gratuita fino all'ottavo grado (cioè fino ai 14 anni), ma non lo è mai. Le scuole impongono delle tasse di "sviluppo". Ma le borse di studio offerte agli studenti delle comunità emarginate non arrivano mai in tempo", dice.

Bairwa ha iniziato con dieci sue amiche. "Abbiamo iniziato a visitare altri villaggi e, con l'aiuto di attivisti locali, abbiamo organizzato degli incontri, riunendo ragazze e informandole riguardo ai loro diritti costituzionali. Gli anziani dei villaggi erano sempre diffidenti, molti non ci facevano entrare. Ma noi continuavamo a tornare; in poco tempo eravamo già più di 100 ragazze nel gruppo".

Nei mesi successivi, il numero è salito a più di 1.200 e, nel marzo di quest'anno, è diventata un'alleanza formale, diffondendosi ulteriormente in tutto lo stato. Hanno imparato a usare computer portatili e internet, contattando funzionari dell'istruzione, leader politici e ministri statali organizzando incontri nei quali hanno presentato il loro obiettivo primario, ovvero che ogni ragazza dovrebbe ricevere un'istruzione gratuita fino al 12° grado, dai 17 ai 18 anni, insieme a una borsa di studio minima di 5.000 rupie (49 sterline) all'inizio di ogni anno scolastico.

Le ragazze hanno portato Rajasthan Rising nelle strade. Hanno dipinto slogan sui muri chiedendo un'istruzione gratuita per le ragazze e contro il matrimonio infantile. Hanno scritto sulla discriminazione e hanno inviato un'e-mail al ministro capo del Rajasthan, Ashok Gehlot, che ha inviato loro una nota di incoraggiamento. "Molti abitanti del villaggio ci hanno dato dei pazzi. Ma avevamo un obiettivo chiaro, raggiungere le ragazze vulnerabili in tutti i 33 distretti dello stato e chiedere un cambiamento a lungo termine", dice Bairwa. La più grande di quattro figli, è stata attratta dalla causa quando è andata al lavoro con sua madre, dove si occupa di fare le pulizie presso gli uffici del non-profit, Alwar Mewat Institute of Education and Development, nella città di Sapotara. "Ho trovato la mia voce lì, dove sono stata trattata come un'eguale. Ho ascoltato le riunioni sul matrimonio infantile e sull'istruzione delle ragazze. Ho imparato come creare consapevolezza e condurre campagne", dice.

Vineeta Meena, 20 anni, si è unita a Bairwa. "Il nostro gruppo è intervenuto e ha fermato diversi matrimoni tra bambini. Nel mio villaggio, Gokalpur, la mia vicina Saira Bano, 16 anni, stava per sposarsi l'anno scorso. Abbiamo formato un gruppo e abbiamo continuato ad andare a casa sua a protestare finché la sua famiglia non ha promesso di annullarlo", dice. Bano ora si è unita a Rajasthan Rising. A marzo circa 120 giovani donne hanno lasciato le loro case per recarsi a Jaipur, accompagnate da attivisti regionali dell'educazione, per il primo incontro del gruppo a livello statale. Per tre giorni, hanno discusso di come rompere le barriere di genere e portare il cambiamento.

"Possiamo fare qualsiasi cosa".
Le proteste di Rajasthan Rising sono nate in tutto lo stato negli ultimi sei mesi.

"Le nostre richieste sono piuttosto basilari, quindi siamo fiduciosi che saremo ascoltati. È chiaro che se l'istruzione è resa completamente gratuita, possiamo prevenire l'abbandono e, a sua volta, il matrimonio tra minori", dice Najiya Saleem, 19 anni, una leader di Rajasthan Rising di Alwar, la cui sorella si è sposata presto.

Abhishek Bairwa, il capo villaggio di Salempur, è uno di quelli che sostengono la campagna. "Le loro richieste sono importanti per ogni casa del nostro villaggio, che è tra i più arretrati della regione. Quando le ragazze diventano più consapevoli dei loro diritti, lo stesso vale per le loro famiglie. Spero che diventi un movimento nazionale", dice.

Il responsabile dell'istruzione di Karauli, Ganpat Lal Meena, ha invitato il gruppo a sottoporgli i loro suggerimenti, notando che questo livello di mobilitazione segna un cambiamento nel modo in cui l'istruzione e il matrimonio tra minori sono visti nella regione. Vineeta Meena è d'accordo: "Essere parte di questo collettivo mi fa sentire che non siamo meno di nessuno. Possiamo fare qualsiasi cosa. Mi sento più libera.

Articolo originale qui .
Traduzione di Angela Tacchini


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
25 Febbraio 2024
Il "latte" degli uomini
Il Servizio Sanitario Nazionale inglese assicura che il latte prodotto da un corpo maschile -stimolato con terapia farmacologica ad hoc- è buono per il neonato come quello di sua madre, che viene cancellata. Minimizzando i rischi per la salute del bambino ampiamente compensati dai benefici ideologici e simbolici. È il transumano, bellezze!
Il "latte" degli uomini è un esempio perfetto di quello che chiamiamo transumano. Il latte delle donne invece è umano, troppo umano, è il modello perfetto dell'umano che resiste e perciò l'allattamento naturale va degradato, sbeffeggiato, stigmatizzato come qualcosa di cui vergognarsi e da tenere nascosto. Anzi, è un atto perfino inutile e poco etico. Viceversa promuovere e magnificare l'"allattamento" maschile indica plasticamente la strada da percorrere. Secondo la prestigiosa rivista Pediatrics, organo dell’American Academy of Pediatrics, è «rischioso» definire […]
Leggi ora
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
11 Gennaio 2024
Bambini stupratori: rapporto shock in UK
In Gran Bretagna 18 stupri al giorno vengono commessi da minori sui loro coetanei: nel 2022 questi casi sono stati 15 mila quasi sempre a opera di giovanissimi maschi. Un rapporto della polizia britannica dimostra come il libero accesso alla pornografia violenta online sta normalizzando i comportamenti sessuali criminali in Inghilterra e in tutti gli altri Paesi occidentali
Da anni segnaliamo i danni psicologici e materiali prodotti su un'intera generazione dal libero accesso alla pornografia violenta online, consumata da bambini e bambine a partire dai 7 anni ma anche molto prima: gli stupri di gruppo commessi dai minori sono solo la punta dell'iceberg di questo fenomeno drammatico che oggi è stato analizzato e quantificato da uno studio delle polizia britannica. Su questo tema potete trovare articoli precedenti qui, qui, qui, qui, qui e qui. Siamo state quasi solo […]
Leggi ora
7 Gennaio 2024
New Hampshire: mai più chirurgia sui minori per il "cambio di sesso"
Lo stato americano ha approvato un disegno di legge che vieta ai chirurghi di effettuare sugli under 18 anni operazioni come la rimozione delle ovaie e del seno per le femmine e del pene e testicoli per i maschi. Il ddl afferma che questi interventi violano il "consenso informato" del paziente e sottolinea che gli studi non hanno dimostrato una diminuzione del rischio suicidio dei minori dopo gli interventi. Anzi: il pericolo aumenta
Il New Hampshire si appresta a vietare ai minori di 18 anni di sottoporsi ad interventi per il cambio di sesso. Giovedì scorso la Camera del New Hampshire ha approvato, anche con l’aiuto di alcuni deputati democratici, un disegno di legge in tal senso. L’House Bill 619 proibisce ai medici di eseguire “qualsiasi intervento chirurgico di riassegnazione del genere genitale”, cioè l’asportazione di utero, ovaie e seno nel caso delle donne; di testicoli e pene per l’uomo, a chiunque nel […]
Leggi ora