Pornoattrici a nostra insaputa

Si chiama pornografia deepfake: intelligenza artificiale che a partire dalle fotografie di qualunque donna crea immagini oscene, non vere ma sempre più realistiche. Pericolosa evoluzione del revenge porn, mette tutte a rischio di essere esposte sul web a scopo di molestia, vendetta o ricatto
Condividi questo articolo

Nel 2019 l’Italia si è dotata di una legge che punisce il reato del cosiddetto revenge porn (la diffusione in rete di immagini a carattere sessuale di una donna da parte dell’ex-compagno), ma dal web arriva un’arma ancora più pericolosa contro le donne: siti che danno la possibilità di creare falso revenge porn, ovvero false immagini pornografiche, foto o video, a partire da una comune foto.

Recentemente i media anglosassoni  hanno segnalato un sito – che non nominiamo – sul quale gli utenti possono caricare la foto di una donna vestita per “spogliarla”, ottenendo un falso nudo deepfake molto realistico, prodotto con una tecnica di deep learning (apprendimento profondo) per la sintesi dell'immagine umana basata sull'intelligenza artificiale (vedere qui The Huffington Post, BBC News e Daily Mail).

La parola deepfake è stata coniata nel 2017 sul social Reddit, dove furono diffusi i primi esempi di deepfake: burle, filmati bufala e di satira politica, ma soprattutto filmati pornografici di attrici e influencer, tra le quali Scarlett Johansson (vedere qui). La tecnologia arrivò ben presto anche in Italia, con video pornografici di politiche come Giorgia Meloni e Laura Boldrini, e anche con video più innocui come quello in cui Renzi faceva pernacchie a Mattarella (vedere qui).

Questo nuovo sito, lanciato nel 2020, tuttavia, desta allarme perché ha sviluppato una tecnologia più avanzata e facile da usare, e sforna rapidamente e gratuitamente falsi nudi praticamente indistinguibili da una foto vera. Come scrive Huffington Post, il sito si vanta del fatto che “la sua tecnologia è così potente che non c’è donna al mondo, indipendentemente dall’etnia o dalla nazionalità, che sia al sicuro dall’essere ‘spogliata’”.

Naturalmente, la tecnologia funziona esclusivamente per i nudi femminili: se si carica la foto di un uomo, il sito la restituisce con i seni e la vulva.

Secondo l’esperto di deepfake Henry Ajder, “il realismo è migliorato in modo massiccio” e “la stragrande maggioranza delle persone che utilizzano questi [strumenti] vogliono prendere di mira donne che conoscono”: colleghe, amiche, compagne di classe, ex, vicine, o sconosciute che hanno brevemente incrociato la loro strada. La tecnologia deepfake è dunque ora usata soprattutto come arma contro donne comuni, non protette dalla celebrità, che per lo meno fa sorgere in chi guarda il dubbio che le immagini pornografiche potrebbero essere false.

Sta destando allarme anche la velocità con cui il sito si è diffuso, e le decine di milioni di uomini che lo usano in tutto il mondo. Non è chiaro chi siano e dove si trovino gli autori del sito; a luglio 2021 la maggioranza degli utenti veniva dagli Stati Uniti, seguiti da Thailandia, Taiwan, Germania e Cina. In particolare, il sito si è diffuso rapidamente attraverso un sistema di incentivi che incoraggia gli utenti a condividere sui social un link personalizzato al deepfake che hanno prodotto, in modo da poter caricare più foto gratis (attualmente il sito permette di caricare una foto ogni due ore).

Il sito dunque ha stabilito un fruttuoso legame con i colossi della tecnologia: non opera nel dark web ma alla luce del sole, infatti è tranquillamente indicizzato su Google. Ma il rapporto più importante è con i social network che a loro volta ne traggono profitto, e, indifferenti alla vittimizzazione delle donne, si guardano bene dall’adottare misure che potrebbero arginarne la diffusione, come bandire lo URL del sito dalle loro piattaforme. Al momento, solo Facebook lo ha fatto, dopo essere stato contattato dai giornalisti dello Huffington Post.

Nel Regno Unito e negli Stati Uniti si stanno elaborando soluzioni legali per ostacolare questa minaccia che potenzialmente potrebbe colpire qualsiasi donna che abbia mai postato sui social network una foto che la ritrae dalla vita in su.

Nel Regno Unito la parlamentare Maria Miller sta lavorando per includere un divieto dell’uso e dello sviluppo di tali “strumenti” nella prossima legge sulla sicurezza online: “Se i fornitori di software sviluppano questa tecnologia, sono complici di un crimine molto grave e dovrebbero essere obbligati a progettare i loro prodotti per impedire che questo accada” (vedere qui).

Negli Stati Uniti Mary Anne Franks, docente di diritto all’Università di Miami e presidente della Cyber ​​Civil Rights Initiative (organizzazione senza scopo di lucro che offre servizi alle vittime di crimini informatici, vedere qui), sta elaborando una proposta di legge penale incentrata su “falsificazione e furto dell’identità digitale” (digital impersonation forgery) che punirebbe coloro che creano o distribuiscono consapevolmente pornografia deepfake, e che limiterebbe le protezioni alle piattaforme web della Sezione 230 del Communications Decency Act, una legge controversa e vecchia di decenni (è del 1996) che garantisce l’immunità da responsabilità per i contenuti di terze parti.

È essenziale che anche in Italia, dove donne e ragazze, spesso anche minorenni, continuano a essere martoriate dal revenge porn, i legislatori siano al corrente della letale tecnologia della pornografia deepfake, già arrivata anche da noi nonostante il cronico ritardo tecnologico del nostro paese, e che prendano misure preventive senza attendere il suicidio di una o più donne rimaste vittime di falso revenge porn.

Maria Celeste



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
1 Febbraio 2023
Olanda: se blocchi lo sviluppo di bambine e bambini li spingi a diventare trans
Il protocollo -mettere in pausa la pubertà per consentire ai minori di “scegliere” il sesso- l’hanno inventato loro. Ma anche gli olandesi ora ammettono che in 9 casi su 10 i blocker non danno più tempo per "decidere" ma sono l’inizio della transizione. Una profezia che si auto-avvera. E che gli effetti di questi farmaci non sono affatto reversibili
La clinica universitaria Amsterdam UMC, pioniera nell'uso dei bloccanti della pubertà, ha ammesso che i bambini che assumono questi farmaci possono trovarsi bloccati in una maggiore medicalizzazione. L’ammissione arriva in seguito alla pubblicazione all'inizio di questo mese di un nuovo studio retrospettivo che esamina 20 anni di interventi ormonali noti come "protocollo olandese", condotto su 1.766 bambini e adolescenti tra il 1972 e il 2018 presso la famosa clinica di Amsterdam e pubblicato su The Journal of Sexual Medicine. Ma […]
Leggi ora
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
14 Gennaio 2023
UK: il servizio sanitario fa marcia indietro sui servizi per la "maternità transgender" dopo la rivolta delle ostetriche
Lottare serve: in Gran Bretagna levatrici e infermiere si ribellano all’annunciata apertura di corsi e reparti dedicati a gravidanza e parto di persone “trans e non binarie”. E l’NHS stoppa l’iniziativa. Intanto negli USA si parla di trapianto di utero tra viventi: donne donatrici a vantaggio di uomini che desiderano vivere "esperienze fisiologiche femminili". Il vecchio sogno patriarcale di sempre: prendere il posto delle donne. Oggi agito dai neopatriarchi T
Lottare serve. La rivolta di ostetriche e infermiere ha sventato il piano del Servizio Sanitario Nazionale inglese (NHS) di organizzare servizi dedicati alla "maternità transgender". Il 16 dicembre scorso era apparso un annuncio per reclutare personale per gestire la formazione delle "persone trans e non binarie che partoriscono" in 40 servizi di maternità dell'NHS, annuncio che ha provocato l’immediata reazione di addette al settore. Un gruppo di circa 300 infermiere, ostetriche e psicologhe ha scritto una lettera aperta a Lizzie […]
Leggi ora
8 Gennaio 2023
Anche l’Olanda frena sui "bambini trans"
Lo studio del 2006 su cui si fonda il cosiddetto “protocollo olandese” esportato in tutto il mondo-la somministrazione di bloccanti della pubertà ai minori con comportamento non conforme al sesso di nascita- fu finanziato dall’azienda farmaceutica che produce i blocker, ed è stato più volte screditato. Come in UK, Svezia, Finlandia, anche in quel Paese oggi si chiede uno stop a queste “terapie” che causano seri danni alla salute
Si chiama “protocollo olandese” il trattamento di bambini con disforia di genere con bloccanti della pubertà. E si basa su un unico studio del 2006 che introduce il concetto del “cambio di sesso per bambini transgender” e che sarebbe stato finanziato da Ferring Pharmaceuticals, l'azienda che commercializza la triptorelina, il farmaco con cui viene fermato il naturale sviluppo di bambine e bambini. Lo rivela un reportage del giornalista Jan Kuitenbrouwer e del sociologo Peter Vasterman pubblicato recentemente sul NRC Handelsblad, […]
Leggi ora
27 Dicembre 2022
L'abolizione globale del sesso
La legge appena approvata in Scozia che sostituisce il sesso con la libera scelta del genere. Quella in via di approvazione in Spagna. E il progetto della Germania. Nel suo articolo su Newsweek Kara Dansky mette in guardia sul self-id anche gli Stati Uniti. Ma da Gran Bretagna, Svezia, Finlandia arrivano segnali in netta controtendenza: la partita è ancora tutta da giocare
Il 22 dicembre è stato un giorno nero per il femminismo gender critical: nonostante le vivaci proteste fuori dal Parlamento la Scozia ha approvato la legge che consente l'autoidentificazione di genere o self-id -senza eccezione per gli autori di reati sessuali che potranno liberamente accedere, identificandosi come donne, agli spazi femminili. Anche in Spagna la Ley Trans che ha un impianto molto simile ha superato il primo step alla Camera Bassa e si avvia nelle prossime settimane verso l'approvazione definitiva […]
Leggi ora