Pornoattrici a nostra insaputa

Si chiama pornografia deepfake: intelligenza artificiale che a partire dalle fotografie di qualunque donna crea immagini oscene, non vere ma sempre più realistiche. Pericolosa evoluzione del revenge porn, mette tutte a rischio di essere esposte sul web a scopo di molestia, vendetta o ricatto
Condividi questo articolo

Nel 2019 l’Italia si è dotata di una legge che punisce il reato del cosiddetto revenge porn (la diffusione in rete di immagini a carattere sessuale di una donna da parte dell’ex-compagno), ma dal web arriva un’arma ancora più pericolosa contro le donne: siti che danno la possibilità di creare falso revenge porn, ovvero false immagini pornografiche, foto o video, a partire da una comune foto.

Recentemente i media anglosassoni  hanno segnalato un sito – che non nominiamo – sul quale gli utenti possono caricare la foto di una donna vestita per “spogliarla”, ottenendo un falso nudo deepfake molto realistico, prodotto con una tecnica di deep learning (apprendimento profondo) per la sintesi dell'immagine umana basata sull'intelligenza artificiale (vedere qui The Huffington Post, BBC News e Daily Mail).

La parola deepfake è stata coniata nel 2017 sul social Reddit, dove furono diffusi i primi esempi di deepfake: burle, filmati bufala e di satira politica, ma soprattutto filmati pornografici di attrici e influencer, tra le quali Scarlett Johansson (vedere qui). La tecnologia arrivò ben presto anche in Italia, con video pornografici di politiche come Giorgia Meloni e Laura Boldrini, e anche con video più innocui come quello in cui Renzi faceva pernacchie a Mattarella (vedere qui).

Questo nuovo sito, lanciato nel 2020, tuttavia, desta allarme perché ha sviluppato una tecnologia più avanzata e facile da usare, e sforna rapidamente e gratuitamente falsi nudi praticamente indistinguibili da una foto vera. Come scrive Huffington Post, il sito si vanta del fatto che “la sua tecnologia è così potente che non c’è donna al mondo, indipendentemente dall’etnia o dalla nazionalità, che sia al sicuro dall’essere ‘spogliata’”.

Naturalmente, la tecnologia funziona esclusivamente per i nudi femminili: se si carica la foto di un uomo, il sito la restituisce con i seni e la vulva.

Secondo l’esperto di deepfake Henry Ajder, “il realismo è migliorato in modo massiccio” e “la stragrande maggioranza delle persone che utilizzano questi [strumenti] vogliono prendere di mira donne che conoscono”: colleghe, amiche, compagne di classe, ex, vicine, o sconosciute che hanno brevemente incrociato la loro strada. La tecnologia deepfake è dunque ora usata soprattutto come arma contro donne comuni, non protette dalla celebrità, che per lo meno fa sorgere in chi guarda il dubbio che le immagini pornografiche potrebbero essere false.

Sta destando allarme anche la velocità con cui il sito si è diffuso, e le decine di milioni di uomini che lo usano in tutto il mondo. Non è chiaro chi siano e dove si trovino gli autori del sito; a luglio 2021 la maggioranza degli utenti veniva dagli Stati Uniti, seguiti da Thailandia, Taiwan, Germania e Cina. In particolare, il sito si è diffuso rapidamente attraverso un sistema di incentivi che incoraggia gli utenti a condividere sui social un link personalizzato al deepfake che hanno prodotto, in modo da poter caricare più foto gratis (attualmente il sito permette di caricare una foto ogni due ore).

Il sito dunque ha stabilito un fruttuoso legame con i colossi della tecnologia: non opera nel dark web ma alla luce del sole, infatti è tranquillamente indicizzato su Google. Ma il rapporto più importante è con i social network che a loro volta ne traggono profitto, e, indifferenti alla vittimizzazione delle donne, si guardano bene dall’adottare misure che potrebbero arginarne la diffusione, come bandire lo URL del sito dalle loro piattaforme. Al momento, solo Facebook lo ha fatto, dopo essere stato contattato dai giornalisti dello Huffington Post.

Nel Regno Unito e negli Stati Uniti si stanno elaborando soluzioni legali per ostacolare questa minaccia che potenzialmente potrebbe colpire qualsiasi donna che abbia mai postato sui social network una foto che la ritrae dalla vita in su.

Nel Regno Unito la parlamentare Maria Miller sta lavorando per includere un divieto dell’uso e dello sviluppo di tali “strumenti” nella prossima legge sulla sicurezza online: “Se i fornitori di software sviluppano questa tecnologia, sono complici di un crimine molto grave e dovrebbero essere obbligati a progettare i loro prodotti per impedire che questo accada” (vedere qui).

Negli Stati Uniti Mary Anne Franks, docente di diritto all’Università di Miami e presidente della Cyber ​​Civil Rights Initiative (organizzazione senza scopo di lucro che offre servizi alle vittime di crimini informatici, vedere qui), sta elaborando una proposta di legge penale incentrata su “falsificazione e furto dell’identità digitale” (digital impersonation forgery) che punirebbe coloro che creano o distribuiscono consapevolmente pornografia deepfake, e che limiterebbe le protezioni alle piattaforme web della Sezione 230 del Communications Decency Act, una legge controversa e vecchia di decenni (è del 1996) che garantisce l’immunità da responsabilità per i contenuti di terze parti.

È essenziale che anche in Italia, dove donne e ragazze, spesso anche minorenni, continuano a essere martoriate dal revenge porn, i legislatori siano al corrente della letale tecnologia della pornografia deepfake, già arrivata anche da noi nonostante il cronico ritardo tecnologico del nostro paese, e che prendano misure preventive senza attendere il suicidio di una o più donne rimaste vittime di falso revenge porn.

Maria Celeste



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
27 Giugno 2022
New England Journal of Medicine: il divieto di aborto è una catastrofe sanitaria
La prestigiosa rivista lancia l'allarme: saranno soprattutto le donne povere e di colore a pagare il prezzo della sentenza della Corte Suprema, ricacciate ad abortire nella clandestinità con gravi rischi per la loro salute. Anche la pillola del giorno dopo e perfino la spirale potrebbero essere vietati e perseguiti come mezzi abortivi
La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in Dobbs v. Jackson Women's Health Organization rappresenta uno straordinario capovolgimento (...) Eppure non era inaspettato. Nel lungo e doloroso preludio alla decisione, molti stati hanno gravemente limitato l'accesso all'assistenza sanitaria riproduttiva. La foglia di fico che copriva queste restrizioni era che l'aborto indotto era una procedura pericolosa che richiedeva una regolamentazione più severa per proteggere la salute delle donne che cercavano tale assistenza. I fatti smentiscono questa falsa retorica.  Gli ultimi dati disponibili negli Stati Uniti […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
Come hanno fatto a vincere la guerra contro Roe
Non avere trasformato la Roe v. Wade in legge è stato l'errore capitale della sinistra americana, a cominciare da Barack Obama. L'aborto era una questione del tutto secondaria per i liberal assorbiti dalle trans-politics, che hanno passato gli anni a cancellare la parola "donna" rinominandola come "mestruatore" e "portatore di utero", anziché occuparsi dei diritti delle donne
Come hanno fatto i pro-life americani a vincere la guerra contro la sentenza Roe v. Wade? Nell’articolo di cui vi presentiamo ampli stralci la giornalista Sarah Ditum spiega come l’incuria e l’arroganza dei democratici hanno involontariamente aiutato a riportare indietro di 50 anni i diritti delle donne in America. "Quando è diventato certo che il diritto all'aborto delle donne americane sarebbe stato revocato? La sentenza della Corte Suprema secondo la quale "Roe era terribilmente sbagliata fin dall'inizio" è trapelata quasi due mesi fa, […]
Leggi ora
25 Giugno 2022
Elezioni di midterm negli USA: dopo la sentenza sull'aborto le donne saranno decisive?
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti in una quasi-guerra civile? Il voto di novembre sarà il primo banco di prova. Le donne potrebbero costituire il nucleo forte di quel fronte moderato che negli USA non riesce a trovare espressione politica
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto, tenendo insieme le cattoliche e le agnostiche, le donne di sinistra e quelle di destra in difesa della legge 194/78? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti, per descrivere con un eufemismo la quasi-guerra civile in corso negli Stati Uniti? Le elezioni di midterm a novembre, che vedevano favoriti i repubblicani, saranno il primo banco di prova: quante elettrici, sia pure […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ciao ciao "Lia": stop mondiale ai nuotatori trans nelle gare femminili
Nonostante lo scandaloso e opportunistico silenzio dei media sportivi, La Federazione Mondiale del Nuoto chiude ai corpi maschili nelle gare femminili (qualcosa del genere è stato deciso anche per il ciclismo). Presto, si spera, arriveranno tutte le altre categorie. I casi "Lia" Thomas, trans ruba-trofei, non si ripeteranno più. Onore alle atlete che hanno combattuto contro questa colossale ingiustizia. E a tutte noi che resistiamo da anni alla violenza misogina della gender ideology
Lottare serve: un pezzo dopo l'altro il muro della trans-ideologia sta crollando. E mentre i democratici americani -parola di Hillary Clinton- prendono clamorosamente le distanze dal transattivismo perché si rendono conto che su questi temi rischiano di giocarsi la presidenza degli Stati Uniti, la Fina (Fédération Internationale de Natation), organo di governo mondiale del nuoto, ha votato a favore di nuove regole secondo le quali gli atleti transgender non potranno gareggiare nelle competizioni d'élite femminili se hanno attraversato una qualsiasi parte del […]
Leggi ora
19 Giugno 2022
Hillary Clinton: se continuiamo a parlare di trans perderemo le elezioni
Intervistata dal Financial Times ammette che ci sono ben altre priorità e che se si continuerà su questa strada i democratici perderanno la presidenza, a cominciare dal midterm di novembre. Un clamoroso giro di boa nella speranza di salvare il salvabile. I partiti democratici occidentali -a cominciare dal PD- seguiranno il cambio di rotta gender critical?
Per la prima volta dopo anni i democratici americani rompono il tabù: lo fanno nientemeno con la voce autorevole dell'ex Segretaria di Stato nonché candidata alla presidenza Hillary Clinton, secondo la quale continuare a parlare di trans farà rischiare la sconfitta ai progressisti. L'intervista è pubblicata sul Financial Times. Domanda Edward Luce: "I democratici sembrano fare di tutto per perdere le elezioni tenendo alte le cause degli attivisti -in particolare il dibattito sui transgender- che sono rilevanti solo per una […]
Leggi ora
19 Giugno 2022
Corsi-pubblicità per la transizione nelle scuole medie del New Jersey
Mentre grandi testate come The New York Times e The Times pubblicano articoli sempre più preoccupati sulla transizione dei minori -e in Italia assordante silenzio stampa- nelle scuole dello stato americano si proietta "Ten Years of Testosterone" di Aydian Dowling, influencer FtM che fa propaganda alla vendita online di ormoni, fasce schiaccia-seno e peni di gomma. I trans-spot prendono esplicitamente il posto dell'educazione sessuale
Quasi contemporaneamente al New York Times, anche The Times dedica due lunghi articoli allo scandalo della transizione dei minori (potevano anche svegliarsi prima che migliaia di ragazzine e ragazzini venissero rovinati con farmaci e ormoni, e invece hanno taciuto fino all'ultimo). Titoli Che cosa si è sbagliato alla Tavistock Clinic per teenager trans? e La mia pubertà è stata chimicamente ritardata: sono stato la loro cavia. Attendiamo che si sveglino anche i media italiani, dal Corriere della Sera a La […]
Leggi ora