Pornoattrici a nostra insaputa

Si chiama pornografia deepfake: intelligenza artificiale che a partire dalle fotografie di qualunque donna crea immagini oscene, non vere ma sempre più realistiche. Pericolosa evoluzione del revenge porn, mette tutte a rischio di essere esposte sul web a scopo di molestia, vendetta o ricatto
Condividi questo articolo

Nel 2019 l’Italia si è dotata di una legge che punisce il reato del cosiddetto revenge porn (la diffusione in rete di immagini a carattere sessuale di una donna da parte dell’ex-compagno), ma dal web arriva un’arma ancora più pericolosa contro le donne: siti che danno la possibilità di creare falso revenge porn, ovvero false immagini pornografiche, foto o video, a partire da una comune foto.

Recentemente i media anglosassoni  hanno segnalato un sito – che non nominiamo – sul quale gli utenti possono caricare la foto di una donna vestita per “spogliarla”, ottenendo un falso nudo deepfake molto realistico, prodotto con una tecnica di deep learning (apprendimento profondo) per la sintesi dell'immagine umana basata sull'intelligenza artificiale (vedere qui The Huffington Post, BBC News e Daily Mail).

La parola deepfake è stata coniata nel 2017 sul social Reddit, dove furono diffusi i primi esempi di deepfake: burle, filmati bufala e di satira politica, ma soprattutto filmati pornografici di attrici e influencer, tra le quali Scarlett Johansson (vedere qui). La tecnologia arrivò ben presto anche in Italia, con video pornografici di politiche come Giorgia Meloni e Laura Boldrini, e anche con video più innocui come quello in cui Renzi faceva pernacchie a Mattarella (vedere qui).

Questo nuovo sito, lanciato nel 2020, tuttavia, desta allarme perché ha sviluppato una tecnologia più avanzata e facile da usare, e sforna rapidamente e gratuitamente falsi nudi praticamente indistinguibili da una foto vera. Come scrive Huffington Post, il sito si vanta del fatto che “la sua tecnologia è così potente che non c’è donna al mondo, indipendentemente dall’etnia o dalla nazionalità, che sia al sicuro dall’essere ‘spogliata’”.

Naturalmente, la tecnologia funziona esclusivamente per i nudi femminili: se si carica la foto di un uomo, il sito la restituisce con i seni e la vulva.

Secondo l’esperto di deepfake Henry Ajder, “il realismo è migliorato in modo massiccio” e “la stragrande maggioranza delle persone che utilizzano questi [strumenti] vogliono prendere di mira donne che conoscono”: colleghe, amiche, compagne di classe, ex, vicine, o sconosciute che hanno brevemente incrociato la loro strada. La tecnologia deepfake è dunque ora usata soprattutto come arma contro donne comuni, non protette dalla celebrità, che per lo meno fa sorgere in chi guarda il dubbio che le immagini pornografiche potrebbero essere false.

Sta destando allarme anche la velocità con cui il sito si è diffuso, e le decine di milioni di uomini che lo usano in tutto il mondo. Non è chiaro chi siano e dove si trovino gli autori del sito; a luglio 2021 la maggioranza degli utenti veniva dagli Stati Uniti, seguiti da Thailandia, Taiwan, Germania e Cina. In particolare, il sito si è diffuso rapidamente attraverso un sistema di incentivi che incoraggia gli utenti a condividere sui social un link personalizzato al deepfake che hanno prodotto, in modo da poter caricare più foto gratis (attualmente il sito permette di caricare una foto ogni due ore).

Il sito dunque ha stabilito un fruttuoso legame con i colossi della tecnologia: non opera nel dark web ma alla luce del sole, infatti è tranquillamente indicizzato su Google. Ma il rapporto più importante è con i social network che a loro volta ne traggono profitto, e, indifferenti alla vittimizzazione delle donne, si guardano bene dall’adottare misure che potrebbero arginarne la diffusione, come bandire lo URL del sito dalle loro piattaforme. Al momento, solo Facebook lo ha fatto, dopo essere stato contattato dai giornalisti dello Huffington Post.

Nel Regno Unito e negli Stati Uniti si stanno elaborando soluzioni legali per ostacolare questa minaccia che potenzialmente potrebbe colpire qualsiasi donna che abbia mai postato sui social network una foto che la ritrae dalla vita in su.

Nel Regno Unito la parlamentare Maria Miller sta lavorando per includere un divieto dell’uso e dello sviluppo di tali “strumenti” nella prossima legge sulla sicurezza online: “Se i fornitori di software sviluppano questa tecnologia, sono complici di un crimine molto grave e dovrebbero essere obbligati a progettare i loro prodotti per impedire che questo accada” (vedere qui).

Negli Stati Uniti Mary Anne Franks, docente di diritto all’Università di Miami e presidente della Cyber ​​Civil Rights Initiative (organizzazione senza scopo di lucro che offre servizi alle vittime di crimini informatici, vedere qui), sta elaborando una proposta di legge penale incentrata su “falsificazione e furto dell’identità digitale” (digital impersonation forgery) che punirebbe coloro che creano o distribuiscono consapevolmente pornografia deepfake, e che limiterebbe le protezioni alle piattaforme web della Sezione 230 del Communications Decency Act, una legge controversa e vecchia di decenni (è del 1996) che garantisce l’immunità da responsabilità per i contenuti di terze parti.

È essenziale che anche in Italia, dove donne e ragazze, spesso anche minorenni, continuano a essere martoriate dal revenge porn, i legislatori siano al corrente della letale tecnologia della pornografia deepfake, già arrivata anche da noi nonostante il cronico ritardo tecnologico del nostro paese, e che prendano misure preventive senza attendere il suicidio di una o più donne rimaste vittime di falso revenge porn.

Maria Celeste



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
7 Novembre 2022
Belgio, nuova legge sul femminicidio. Da studiare
In Europa la violenza maschile è la principale causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni. Il Belgio si attrezza con una nuova legge che per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche fondate su statistiche ufficiali. Avendo ben presente che la violenza è un dispositivo del dominio maschile
Fermare la strage delle donne. E’ questo il senso della nuova “legge sulla prevenzione e la lotta contro i femminicidi, i delitti basati sul genere e le violenze che li precedono” adottata in prima lettura nel Consiglio dei ministri lo scorso 25 ottobre in Belgio. Depositata dalla Segretaria di Stato per la Parità di Genere, Sarah Schlitz (Ecolo/Verdi), la legge quadro per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche di lotta fondate su statistiche ufficiali. E in […]
Leggi ora
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora
6 Ottobre 2022
"Distruggi i diritti delle donne": JK Rowling contro la premier scozzese e la sua legge trans
Come in Spagna anche in Scozia il femminismo combatte contro una legge voluta dalla prima ministra Nicola Sturgeon che introduce l'autodeterminazione di genere senza alcuna diagnosi medica e abbassando a 16 anni l'età per l'accesso. E anche stavolta l'autrice di Harry Potter è al fianco delle donne, delle bambine e dei bambini
JK Rowling si fotografa con una maglietta che dice: "Nicola Sturgeon, distruttrice dei diritti delle donne" per sostenere le donne che protestano davanti al parlamento scozzese contro la controversa legge di riforma del riconoscimento di genere voluta dalla Prima Ministra scozzese. Le attiviste di For Women Scotland (Scozia per le donne) si sono riunite questa mattina davanti al Parlamento scozzese per una manifestazione contro il disegno di legge promosso da Sturgeon, che renderebbe più facile l’autodeterminazione di genere –lo abbiamo […]
Leggi ora
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora
4 Ottobre 2022
USA, coppia gay fa causa: l'utero in affitto è un "diritto", va pagato dall'assicurazione sanitaria
La richiesta dei due uomini punta a far riconoscere come "disabilità" il fatto di non disporre di un utero: pretesa assurda, invidiosa e rivelatrice. Se vincessero in tribunale in tutta l'America assicurazioni e datori di lavoro dovrebbero rimborsare le gestazioni per altri for men
Una coppia gay ha avviato una causa al tribunale del lavoro di New York chiedendo che l’assicurazione fornita dal datore di lavoro paghi al posto loro tutti i costi dell’utero in affitto, al fine di garantire “pari opportunità nell’accesso alle cure della fertilità”. A tutti gli effetti si richiede che una coppia di maschi gay diventi per legge una categoria protetta in quanto entrambi privi di utero e privi di accesso a un utero. Se vincessero la causa, in tutti […]
Leggi ora
24 Settembre 2022
SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS
A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- […]
Leggi ora