Perché permettere a uomini di competere con le donne? Lettera al Comitato Olimpico

Le Olimpiadi di Tokyo saranno le prime in cui atleti uomini che dicono di “sentirsi donne” parteciperanno nelle categorie femminili, in ossequio all'ideologia dell'identità di genere. L'ex-campionessa di atletica Linda Blade scrive al COI e al popolo giapponese: meritate giochi olimpici onorevoli
Condividi questo articolo

Le Olimpiadi di Tokyo 2020 – questa la denominazione ufficiale nonostante il rinvio – saranno le prime in cui parteciperanno nelle categorie femminili atleti uomini che dicono di “sentirsi donne”, autorizzati dal COI in ossequio all’ideologia dell’identità di genere.

In Giappone, governato quasi ininterrottamente dagli anni ‘50 dal partito conservatore e pronatalista LDP (Liberal Democratic Party o Jimintō) la situazione riguardo al transumanesimo è diversa da quella dei Paesi occidentali.

Gli attivisti dell’identità di genere però sono presenti, ben organizzati e ben finanziati, e stanno cercando di fare leva anche sulle Olimpiadi “aperte ai transgender” per far approvare una proposta di “Legge LGBT” che con il pretesto di “combattere le discriminazioni” istituzionalizzerebbe l’identità e l’autodeterminazione di genere.

Mentre sui media internazionali iniziano a comparire notizie su uomini “trans-identificati” nelle prigioni femminili, detransitioner, atlete private di trofei e di borse di studio da uomini che “si sentono donne”, il pubblico giapponese è invece totalmente ignaro dei veri scopi dell’ideologia dell’identità di genere. E purtroppo anche le femministe locali sono distratte e silenti.

Linda Blade, ex campionessa di atletica ed educatrice sportiva canadese, che ha visto questo fenomeno prendere piede nel suo paese prima che altrove, ha scritto una lettera agli organizzatori dei Giochi Olimpici e al popolo giapponese, affinché siano avvisati della bomba che sta per scoppiare anche da loro, con l’aiuto, tra gli altri, del CIO che ammette gli uomini negli sport femminili.

SUI GIOCHI OLIMPICI E L'INTEGRITÀ:

Perché permettere agli uomini di competere con le donne?

Di Linda Blade, PhD, professionista della performance sportiva

Cari funzionari olimpici e cari Giapponesi,

I giochi olimpici moderni sono stati concepiti come una celebrazione dell'eccellenza su un campo di gioco equo, dove la competizione sportiva è basata sul merito e non è influenzata dallo status sociale o dal patrimonio culturale.

Purtroppo, nel 2015, il Comitato Olimpico Internazionale (COI) ha deciso che i diritti umani di alcuni atleti hanno la precedenza su quelli di altre.

Senza un’ampia discussione e senza informare le interessate, il COI ha deciso di permettere agli atleti maschi di gareggiare con le atlete, a patto che questi si autoidentifichino come donne.

È scandaloso e ingiusto!

Come si può vedere dai record olimpici, il corpo maschile ha un enorme vantaggio su quello femminile.

C'è una ragione scientifica per la differenza nelle prestazioni maschili. Il vantaggio fisico degli uomini va dal 10% al 160% a seconda dell'attività e dello sport. Il corpo maschile è infatti:

- dal 20 al 40% più pesante

- 30-60% più potente (soprattutto più forte nella parte superiore del corpo)

- Potenza esplosiva 33% in più

- Più veloce 10-15% nella corsa

- Calci 20% più forti

- Pugni 160% più forti

- La forza dI mischia (scrum) nel rugby aumenta del 40-60%

- Assorbimento massimo di ossigeno 20-40

- Lancio 20-30% più forte

- Peso 30-50% in più

- Tendini estremamente rigidi

Il COI sostiene che se gli atleti maschi portano i loro livelli di testosterone al di sotto di 10nmol/L (5nmol/L per l’atletica) per un anno, tutti questi benefici scompariranno e potranno gareggiare “alla pari” con le donne.

Questa affermazione è palesemente falsa.

Tutti gli studi che hanno misurato la forza muscolare maschile prima e dopo la riduzione del testosterone non hanno mostrato alcuna diminuzione significativa del vantaggio.

Naturalmente, qualsiasi cittadino giapponese comprende tutto questo anche senza i dati scientifici.

Come possono gli uomini a ridurre le dimensioni delle loro ossa e dei loro corpi per arrivare alle dimensioni delle donne!

Come possono gli uomini ridurre le dimensioni del loro cuore e dei loro polmoni per rendere la loro capacità di trasporto dell'ossigeno uguale a quella di una donna!

La posizione del COI su questo argomento è assurda. È un insulto alle donne, allo sport e alle Olimpiadi stesse.

Il COI amplifica questo insulto supponendo che soltanto pochi atleti maschi avrebbero voluto approfittarsi di questo regolamento per gareggiare con le donne.

Anche questa affermazione è falsa. Negli ultimi anni, c'è stato un numero crescente di uomini nello sport che si identificano come "transgender" ed è stato documentato che hanno già privato le atlete donne di opportunità di partecipare e di vincere.

Il COI insiste che tutti gli spazi per le atlete siano aperti a questi uomini, che si tratti di spogliatoi, bagni o alloggi.

È arrivato il momento di dire al COI: "PER FAVORE, BASTA!”

Il COI deve fermare immediatamente questo folle consenso incondizionato alle politiche dei cosiddetti “diritti transgender".

Una politica drastica come questa, che minaccia l'integrità delle categorie sportive olimpiche femminili, richiede un attento esame, uno studio a lungo termine e un'ampia consultazione.

Nessuno vuole che le Olimpiadi di Tokyo 2020 siano ridicolizzate e svergognate come il momento "storico" in cui un uomo è salito sul podio olimpico che spettava a una donna.

Ora è il momento per tutti i media che seguono le Olimpiadi di raccontare questa storia e di convincere il COI che sta sbagliando, in modo da non infliggere un primato così vergognoso sulle Olimpiadi di Tokyo.

Il popolo del Giappone merita un'"Olimpiade dell'integrità" dopo aver speso così tanto denaro ed energia per rendere le Olimpiadi un successo in un anno travagliato.

Auguriamo al Giappone tutto il meglio durante i prossimi mesi di preparazione.

Cammineremo al fianco dei giapponesi per sostenere i Giochi Olimpici del 2020 a Tokyo.

PER ADESIONI, SCRIVERE A FairSports@protonmail.com

Perché permettere a uomini di competere con le donne? Lettera al Comitato Olimpico

ON THE OLYMPIC GAMES AND INTEGRITY:

Why allow men to compete with women?

By Linda Blade, PhD, Sport Performance Professional

May 4, 2021

Dear Olympic Games Officials and people of Japan:

The modern Olympic Games was envisioned as a festival where sports competition would remain a merit-based domain where excellence could be celebrated on a level playing field without bias towards social rank or cultural heritage. 

Unfortunately, in 2015, the International Olympic Committee (IOC) decided that the human rights of some athletes supersede the rights of others.

Without consulting broadly or notifying many, the IOC decided that male athletes could self-identify as women and would then be allowed to compete against female athletes.

This is outrageous and unfair!

As anyone can see from Olympic record charts, the male body has an enormous advantage over the female body.

And there is a logical reason for this difference in male performance. Males have a physical advantage that ranges from 10%-160% depending upon the activity and the sport:

  • Heavier by 20-40%
  • Stronger by 30-60% [Especially stronger in UPPER BODY activities]
  • More Explosive by 33%
  • Running 10-15%
  • Kicking 20%
  • Punching 160%
  • Scrum forces in Rugby 40-60%
  • VO2max 20-40%
  • Throwing 20-30%
  • Weights 30-50%
  • Tendons much stiffer

The IOC contends that all these advantages disappear and the female playing field will be level IF the male athlete ensures that his testosterone level remains below 10 nmol/L for one year.

This assertion is patently false!

Every single study in history that has measured male strength both before and after testosterone reduction shows that there is no significant reduction of the male strength advantage.

Of course, any citizen of Japan could figure out the same thing without science.

How does a man make his bones and body smaller to match female size?!

How does he reduce the size of his heart and lungs so that oxygen transport capacity is reduced to female level?!

The IOC position on this matter is absurd. It is an insult to women, to sport and to the Olympic Games themselves.

The IOC amplifies this insult by assuming that very few male athletes would want to take advantage of this policy and compete with the women.

This claim is also false. Over the past few years, the world of sport has documented a growing number of males, calling themselves “transgender”, robbing female athletes of opportunities on teams and podiums.

They insist that all female athlete spaces are open to these men – whether they be in change rooms, in toilets or in athlete accommodations.

It is time for the good people of the world to tell the IOC in 2021 to PLEASE STOP!

The IOC should SUSPEND this insane “Transgender Consensus” immediately.

A drastic policy that threatens the integrity of the women’s Olympic sports category requires in-depth scrutiny, long-term study, and broad-ranging consultation.

No person on planet earth wants to see Tokyo 2020 Olympic Games be mocked and shamed as the “historic” moment when a male stood on the female Olympic podium.

It is time for all media surrounding the Olympic Games to tell this story so that the IOC will be convinced to ensure that this infamy is not visited upon the people of Japan.

Japanese people deserve an Olympics of Integrity after exhausting so many funds and energy in making this festival work in a most problematic year.

We wish Japan ALL THE BEST over these next few months of preparation.

We stand with Japan for the preservation of these 2020 Tokyo Games.

Perché permettere a uomini di competere con le donne? Lettera al Comitato Olimpico

ON THE OLYMPIC GAMES AND INTEGRITY:

Why allow men to compete with women?

「オリンピック競技と公平について―なぜ男性と女性の競争を認めるのか?―」

By Linda Blade, PhD, Sport Performance Professional

リンダ・ブレード博士(カナダ サイモンフレイザー大学;アルバータ陸上競技協会会長;スポーツパフォーマンスプロフェッショナル)

2021年5月4日

Dear Olympic Games Officials and people of Japan:        

オリンピック関係者の皆様、そして日本の皆様。

The modern Olympic Games was envisioned as a festival where sports competition would remain a merit-based domain where excellence could be celebrated on a level playing field without bias towards social rank or cultural heritage. 

近代オリンピックは、スポーツ競技が実力主義の領域であり続け、社会的地位や文化的遺産に偏ることなく、公平な場で卓越性を称えることができる祭典として構想されました。

Unfortunately, in 2015, the International Olympic Committee (IOC) decided that the human rights of some athletes supersede the rights of others.

しかし残念なことに、2015年、国際オリンピック委員会(IOC)は、一部の選手の人権が他の選手の人権に優先すると決定しました。

Without consulting broadly or notifying many, the IOC decided that male athletes could self-identify as women and would then be allowed to compete against female athletes.

広く意見を聞いたり、多くの人に知らせたりすることなく、国際オリンピック委員会は「自称女性」つまり男性に生まれ、戸籍上では女性に性別を変更した男性を、女性の競技に参加させることを許したのです。

This is outrageous and unfair!

これはとてつもなく不公平なことです。

As anyone can see from Olympic record charts, the male body has an enormous advantage over the female body.

歴代オリンピックの記録表を見ればわかるように、男性と女性は体の構造が異なり、スポーツ上では男性の体のほうが圧倒的に有利なのです。

And there is a logical reason for this difference in male performance. Males have a physical advantage that ranges from 10%-160% depending upon the activity and the sport:

男性のパフォーマンスの違いには、論理的な理由があります。男性の身体的優位性は、活動内容やスポーツによって10%から160%の幅があります。

  • Heavier by 20-40%
    • 体重が20~40%重い
  • Stronger by 30-60% [Especially stronger in UPPER BODY activities]
    • 30~60%の力強さ(特に上半身の活動で強い)
  • More Explosive by 33%
    • 爆発力 33%増
  • Running 10-15%
    • ランニング 10-15%増
  • Kicking 20%
    • キック 20%増
  • Punching 160%
    • パンチング 160%増
  • Scrum forces in Rugby 40-60%
    • ラグビーのスクラム力 40~60%増
  • VO2max 20-40%
    • 最大酸素摂取量20~40%増
  • Throwing 20-30%
    • スローイング 20-30%増
  • Weights 30-50%
    • ウェイト 30-50%増
  • Tendons much stiffer
    • 腱が非常に硬い

The IOC contends that all these advantages disappear and the female playing field will be level IF the male athlete ensures that his testosterone level remains below 10 nmol/L (for athletics 5 nmol/L) for one year.

国際オリンピック委員会によると、男性選手が1年間、テストステロン値を10nmol/L(陸上競技では5nmol/L)以下に維持すれば、これらの利点はすべてなくなり、女性の競技場は平等になると主張しています。

This assertion is patently false!

この主張は明らかに間違っています。

Every single study in history that has measured male strength both before and after testosterone reduction shows that there is no significant reduction of the male strength advantage.

テストステロン低下の前後で男性の筋力を測定した歴史上のすべての研究で、男性の筋力の優位性が大幅に低下することはないと示されています。

Of course, any citizen of Japan could figure out the same thing without science.

もちろん、日本国民であれば誰でも科学なしに同じことがわかるでしょう。

How does a man make his bones and body smaller to match female size?!

男性はどうやって女性のサイズに合わせて骨や体を小さくするのか!?

How does he reduce the size of his heart and lungs so that oxygen transport capacity is reduced to female level?!

どうやって心臓や肺のサイズを小さくして、酸素運搬能力を女性並みにするのか!?

The IOC position on this matter is absurd. It is an insult to women, to sport and to the Olympic Games themselves.

この問題に関する国際オリンピック委員会の立場は不条理です。これは、女性、スポーツ、そしてオリンピックそのものへの侮辱です。

The IOC amplifies this insult by assuming that very few male athletes would want to take advantage of this policy and compete with the women.

国際オリンピック委員会は、このポリシーを利用して女性と競争したいと考える男性選手はほとんどいないと仮定することで、この侮辱を増幅させています。

This claim is also false. Over the past few years, the world of sport has documented a growing number of males, calling themselves “transgender”, robbing female athletes of opportunities on teams and podiums.

この主張も誤りです。ここ数年、スポーツの世界では、「トランスジェンダー」と名乗る男性が増えており、女性選手からチームや表彰台に上がる機会を奪っていることが記録されています。

They insist that all female athlete spaces are open to these men – whether they be in change rooms, in toilets or in athlete accommodations.

彼らは、更衣室であれ、トイレであれ、選手の宿泊施設であれ、すべての女性選手のスペースがこれらの男性に開放されていると主張しています。

It is time for the good people of the world to tell the IOC in 2021 to PLEASE STOP!

世界中の善良な人々が、2021年の国際オリンピック委員会に「やめてください」と言うべき時が来ました。

The IOC should SUSPEND this insane “Transgender Consensus” immediately.

国際オリンピック委員会はトランスジェンダー・アクティビストの非常識な要求への揺るぎない支持を直ちに停止すべきです。

A drastic policy that threatens the integrity of the women’s Olympic sports category requires in-depth scrutiny, long-term study, and broad-ranging consultation.

女性のオリンピックスポーツカテゴリーの整合性を脅かすような思い切った政策には、綿密な精査、長期的な研究、広範な協議が必要です。

No person on planet earth wants to see Tokyo 2020 Olympic Games be mocked and shamed as the “historic” moment when a male stood on the female Olympic podium.

地球上の誰もが、2020年の東京オリンピックが、男性が女性のオリンピック表彰台を奪いそこに立った「歴史的な」瞬間として嘲笑され、恥をかかされることを望んでいません。

It is time for all media surrounding the Olympic Games to tell this story so that the IOC will be convinced to ensure that this infamy is not visited upon the people of Japan.

今こそ、オリンピックを取り巻くすべてのメディアがこのストーリーを伝え、国際オリンピック委員会が日本の人々にこのような不名誉なことが起こらないように説得する時です。

Japanese people deserve an Olympics of Integrity after exhausting so many funds and energy in making this festival work in a most problematic year.

問題の多い年に多くの資金とエネルギーを費やしてオリンピックを成功させた日本の人々には、「誠実なオリンピック」にふさわしいと思います。

We wish Japan ALL THE BEST over these next few months of preparation.

私たちは、これから数ヶ月間の準備期間中、日本が最善を尽くすことを願っています。

We stand with Japan for the preservation of these 2020 Tokyo Games.

私たちは、2020年の東京大会を維持するために、日本と共に歩みます。

「オリンピック競技と公平について―なぜ男性と女性の競争を認めるのか?―」

リンダ・ブレード博士(カナダ サイモンフレイザー大学;アルバータ陸上競技協会会長;スポーツパフォーマンスプロフェッショナル)

2021年5月4日

オリンピック関係者の皆様、そして日本の皆様。

近代オリンピックは、スポーツ競技が実力主義の領域であり続け、社会的地位や文化的遺産に偏ることなく、公平な場で卓越性を称えることができる祭典として構想されました。

しかし残念なことに、2015年、国際オリンピック委員会(IOC)は、一部の選手の人権が他の選手の人権に優先すると決定しました。

広く意見を聞いたり、多くの人に知らせたりすることなく、国際オリンピック委員会は「自称女性」つまり男性に生まれ、戸籍上では女性に性別を変更した男性を、女性の競技に参加させることを許したのです。

これはとてつもなく不公平なことです。

歴代オリンピックの記録表を見ればわかるように、男性と女性は体の構造が異なり、スポーツ上では男性の体のほうが圧倒的に有利なのです。

男性のパフォーマンスの違いには、論理的な理由があります。男性の身体的優位性は、活動内容やスポーツによって10%から160%の幅があります。

  • 体重が20~40%重い
  • 30~60%の力強さ(特に上半身の活動で強い)
  • 爆発力 33%増
  • ランニング 10-15%増
  • キック 20%増
  • パンチング 160%増
  • ラグビーのスクラム力 40~60%増
  • 最大酸素摂取量20~40%増
  • スローイング 20-30%増
  • ウェイト 30-50%増
  • 腱が非常に硬い

国際オリンピック委員会によると、男性選手が1年間、テストステロン値を10nmol/L(陸上競技では5nmol/L)以下に維持すれば、これらの利点はすべてなくなり、女性の競技場は平等になると主張しています。

この主張は明らかに間違っています。

テストステロン低下の前後で男性の筋力を測定した歴史上のすべての研究で、男性の筋力の優位性が大幅に低下することはないと示されています。

もちろん、日本国民であれば誰でも科学なしに同じことがわかるでしょう。

男性はどうやって女性のサイズに合わせて骨や体を小さくするのか!?

どうやって心臓や肺のサイズを小さくして、酸素運搬能力を女性並みにするのか!?

この問題に関する国際オリンピック委員会の立場は不条理です。これは、女性、スポーツ、そしてオリンピックそのものへの侮辱です。

国際オリンピック委員会は、このポリシーを利用して女性と競争したいと考える男性選手はほとんどいないと仮定することで、この侮辱を増幅させています。

この主張も誤りです。ここ数年、スポーツの世界では、「トランスジェンダー」と名乗る男性が増えており、女性選手からチームや表彰台に上がる機会を奪っていることが記録されています。

彼らは、更衣室であれ、トイレであれ、選手の宿泊施設であれ、すべての女性選手のスペースがこれらの男性に開放されていると主張しています。

世界中の善良な人々が、2021年の国際オリンピック委員会に「やめてください」と言うべき時が来ました。

国際オリンピック委員会はトランスジェンダー・アクティビストの非常識な要求への揺るぎない支持を直ちに停止すべきです。

女性のオリンピックスポーツカテゴリーの整合性を脅かすような思い切った政策には、綿密な精査、長期的な研究、広範な協議が必要です。

地球上の誰もが、2020年の東京オリンピックが、男性が女性のオリンピック表彰台を奪いそこに立った「歴史的な」瞬間として嘲笑され、恥をかかされることを望んでいません。

今こそ、オリンピックを取り巻くすべてのメディアがこのストーリーを伝え、国際オリンピック委員会が日本の人々にこのような不名誉なことが起こらないように説得する時です。

問題の多い年に多くの資金とエネルギーを費やしてオリンピックを成功させた日本の人々には、「誠実なオリンピック」にふさわしいと思います。

私たちは、これから数ヶ月間の準備期間中、日本が最善を尽くすことを願っています。

私たちは、2020年の東京大会を維持するために、日本と共に歩みます。

traduzione di Maria Celeste


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
7 Novembre 2022
Belgio, nuova legge sul femminicidio. Da studiare
In Europa la violenza maschile è la principale causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni. Il Belgio si attrezza con una nuova legge che per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche fondate su statistiche ufficiali. Avendo ben presente che la violenza è un dispositivo del dominio maschile
Fermare la strage delle donne. E’ questo il senso della nuova “legge sulla prevenzione e la lotta contro i femminicidi, i delitti basati sul genere e le violenze che li precedono” adottata in prima lettura nel Consiglio dei ministri lo scorso 25 ottobre in Belgio. Depositata dalla Segretaria di Stato per la Parità di Genere, Sarah Schlitz (Ecolo/Verdi), la legge quadro per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche di lotta fondate su statistiche ufficiali. E in […]
Leggi ora
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora
6 Ottobre 2022
"Distruggi i diritti delle donne": JK Rowling contro la premier scozzese e la sua legge trans
Come in Spagna anche in Scozia il femminismo combatte contro una legge voluta dalla prima ministra Nicola Sturgeon che introduce l'autodeterminazione di genere senza alcuna diagnosi medica e abbassando a 16 anni l'età per l'accesso. E anche stavolta l'autrice di Harry Potter è al fianco delle donne, delle bambine e dei bambini
JK Rowling si fotografa con una maglietta che dice: "Nicola Sturgeon, distruttrice dei diritti delle donne" per sostenere le donne che protestano davanti al parlamento scozzese contro la controversa legge di riforma del riconoscimento di genere voluta dalla Prima Ministra scozzese. Le attiviste di For Women Scotland (Scozia per le donne) si sono riunite questa mattina davanti al Parlamento scozzese per una manifestazione contro il disegno di legge promosso da Sturgeon, che renderebbe più facile l’autodeterminazione di genere –lo abbiamo […]
Leggi ora
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora
4 Ottobre 2022
USA, coppia gay fa causa: l'utero in affitto è un "diritto", va pagato dall'assicurazione sanitaria
La richiesta dei due uomini punta a far riconoscere come "disabilità" il fatto di non disporre di un utero: pretesa assurda, invidiosa e rivelatrice. Se vincessero in tribunale in tutta l'America assicurazioni e datori di lavoro dovrebbero rimborsare le gestazioni per altri for men
Una coppia gay ha avviato una causa al tribunale del lavoro di New York chiedendo che l’assicurazione fornita dal datore di lavoro paghi al posto loro tutti i costi dell’utero in affitto, al fine di garantire “pari opportunità nell’accesso alle cure della fertilità”. A tutti gli effetti si richiede che una coppia di maschi gay diventi per legge una categoria protetta in quanto entrambi privi di utero e privi di accesso a un utero. Se vincessero la causa, in tutti […]
Leggi ora
24 Settembre 2022
SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS
A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- […]
Leggi ora