Pedofilo olandese vende bambole sessuali con sembianze di neonati e bambini. Dicendo che sono "terapeutiche"

Secondo Bram Joosten e altri produttori di oggetti simili, le orripilanti bambole "penetrabili" e torturabili servirebbero a ridurre gli abusi reali. E' l'esatto contrario. Le baby sex-doll incrementano la pedofilia e "desensibilizzano" rispetto al danno che si produce abusando delle piccole e dei piccoli. Ripugnante
Condividi questo articolo

" Attenzione: Questa ricerca contiene contenuti inquietanti relativi a temi riguardanti la pedofilia. Tutte le foto in questo articolo sono state censurate da 4W, e le informazioni saranno trasmesse alle autorità per la loro revisione (vedi nota alla fine dell'articolo per i dettagli).
La discrezione dei lettori è apprezzata.

Un commerciante olandese che vende bambole sessuali con le sembianze di bambini e neonati pubblicizza gli inquietanti oggetti come "terapeutici per i pedofili" e ospita forum dove uomini malati - alcuni dei quali dicono di essere padri di giovani ragazze - possono discutere le loro fantasie.

Bram Joosten di Bennekom, Paesi Bassi, è il primo produttore e venditore di bambole penetrabili che sembrano neonati e bambini piccoli, operando in più siti web specializzati nella vendita. La maggior parte dei siti di Joosten forniscono la stessa merce con marche diverse, ospitati soprattutto sulla piattaforma Shopify, che ha recentemente bandito i prodotti in vendita da parte di un'attivista dei diritti delle donne con l'accusa di promuovere la "transfobia".

LoliDolls, uno dei principali punti vendita di Joosten, pubblicizza la sua attività con uno striscione raffigurante dei bambini sorridenti e un testo che recita "Adotta un Loli, diventa un papà".

Pedofilo olandese vende bambole sessuali con sembianze di neonati e bambini. Dicendo che sono "terapeutiche"

"Loli" è un termine che si riferisce a personaggi femminili simili a bambini resi popolari dall'animazione giapponese, ma è diventato sinonimo di rappresentazioni pedofile di giovani ragazze sessualizzate.

Sui siti di Joosten, decine di bambole sessuali sono messe in vendita, la maggior parte delle quali sono state fatte con le sembianze di bambini molto piccoli. Ma Joosten ne elenca diverse che sono descritte persino come neonati.

Pedofilo olandese vende bambole sessuali con sembianze di neonati e bambini. Dicendo che sono "terapeutiche"

Un prodotto venduto come "TPE Baby" è descritto come "La prima bambola sessuale per bambini dettagliata e di alta qualità sul mercato delle bambole Loli". La profondità vaginale della bambola è misurata: "Si prega di notare che non ha funzione orale o anale. Lei è troppo piccola per queste funzioni".

La bambola viene venduta a 800 dollari, con una versione in silicone ancora più realistica offerta a 1.500 dollari. Il costo aggiuntivo offre agli acquirenti pervertiti occhi, capelli, colore della pelle e genitali iper-realistici.

Pedofilo olandese vende bambole sessuali con sembianze di neonati e bambini. Dicendo che sono "terapeutiche"

Spaventosamente, in una delle altre pagine del negozio di Joosten, le stesse bambole sessuali per bambini vengono vendute con un taglio orientato verso i bambini.

Sulla sua splash page, Doll Orphanage ha una foto di una ragazza che tiene in braccio una bambola-bambino. Il sito pubblicizza lo stesso bambolotto- completo di genitali penetrabili - come fatto per "coccolare o fantasticare" e viene mostrato completamente vestito, per un target di ragazze che cercano innocentemente baby doll realistici.

Pedofilo olandese vende bambole sessuali con sembianze di neonati e bambini. Dicendo che sono "terapeutiche"

Nonostante il fatto che queste bambole siano in gran parte illegali nell'Unione Europea, dove Joosten risiede, l'uomo pubblicizza chiaramente la proprietà del sito sul suo profilo Facebook, e ha collegato il suo indirizzo e-mail personale - associato a una società di fitness ora chiusa che una volta gestiva - nel modulo di contatto dei siti web. Il suo Facebook mostra che viaggia frequentemente, con viaggi recenti che includono la Thailandia.

Oltre a vendere bambole sessuali per bambini Joosten gestisce diversi forum associati ai suoi siti web dove i pedofili sono liberi di riunirsi e discutere dettagli sia sulle bambole che sulla cultura "Loli". Joosten stesso era una volta un membro di All the Fallen - sito web pedofilo dedicato ad ospitare chatroom e storie di fantasia che eroticizzano le molestie sui bambini- ma a quanto sembra avrebbe lasciato il sito dopo essere stato criticato per le sue bambole sessuali per bambini non abbastanza realistiche. All the Fallen ospita un intero catalogo di "Nepi Stories" con fiction scritte sulla tortura e lo stupro di bambini.

Sulla bacheca di Joosten, pedofili con nickname come "BabyFan" offrono suggerimenti per "perfezionare" le sex dolls per gli acquirenti, scrivendo:

"Il modello interamente in silicone medico sarebbe fantastico se assomiglia al modello della scultura che mostrate, dovrebbe essere incredibilmente impressionante, con un trucco super realistico e un modellamento realistico dei fori sessuali con piccole pieghe dell'ano per perfezionare la bambina... Siate molto precisi nella vostra fabbricazione, perché solo un piccolo dettaglio trascurato può compromettere il realismo!"

BabyFan si offre poi di fare dei video con una bambola gonfiabile per il piacere di altri utenti che non possono permettersene una.

Un altro utente scrive:

"Se i buchi ti permettono di fare sesso con lei, allora non ha prezzo. Perché i concorrenti di babyclone e reborn non hanno fori per questo. E tra le sex dolls non ce ne sono di così giovani..."

In un thread intitolato "Come non farsi arrestare", Joosten offre ai suoi acquirenti consigli su come eludere la legge - tra cui far aggiungere ai suoi acquirenti seni finti rimovibili alle bambole per aggirare le leggi che prendono di mira solo quelle che assomigliano apertamente ai bambini. Joosten ragguaglia i suoi acquirenti sulle leggi dei vari Stati americani e delle Filippine, e insegna ai pervertiti come mantenere al meglio le loro spedizioni private e slegate dai loro nomi.

Joosten si vanta orgogliosamente che le sue baby dolls sarebbero "completamente legali agli occhi della legge", spiegando che le bambole saranno spedite indossando pannolini e saranno indistinguibili da qualsiasi baby doll per uso non sessuale. In un post rivela che le forze dell'ordine non hanno ancora iniziato a cercare bambole sessuali fatte a somiglianza di neonati.

In un thread su "Toddler Dolls", un utente racconta di avere una giovane figlia che si è imbattuta in una delle sue bambole sessuali per bambini, e di come l'ha convinta a "mantenere il segreto".

Pedofilo olandese vende bambole sessuali con sembianze di neonati e bambini. Dicendo che sono "terapeutiche"

Più avanti nel thread, un altro utente pubblica le foto di una vera bambina, e chiede a Joosten di produrre una sex-doll che sia una replica personalizzata della bambina, scrivendo "Mi piacciono le gambe corte e paffute ed il viso infantile".

Joosten risponde che una bambola su misura potrebbe costare fino a 6.000 dollari.

Pedofilo olandese vende bambole sessuali con sembianze di neonati e bambini. Dicendo che sono "terapeutiche"

Su uno dei post del blog per il suo negozio Loli Dolls, Joosten sostiene che le bambole sessuali per bambini e bambine sono "terapeutiche" per i pedofili. Joosten scrive "Le bambole Loli hanno una forma infantile che le rende attraenti per le persone che si sentono sessualmente attratte dai minori (pedofili)". Scrive che "... le relazioni con gli esseri umani possono essere abbastanza superficiali e per niente soddisfacenti. Non è per niente facile trovare il vero amore o una persona che tenga sinceramente a te. Se sei un pedofilo allora è ancora più difficile".    

Potrebbe sembrare che Joosten sia essere il primo venditore di bambole sessuali- bambini, ma il suo è solo uno dei vari casi nel mondo. Queste bambole sono state oggetto di recenti controversie che riguardo alle persone "attratte dai minori" ("minor attracted people"), con alcune organizzazioni pro-pedofili che fanno campagna per rendere le bambole completamente legali negli Stati Uniti affermando che queste potrebbero ridurre gli abusi sessuali sui bambini.

Tuttavia nel 2019 ricercatori australiani hanno dimostrato che l'uso di bambole sessuali per bambini "può portare a un'escalation nei reati sessuali infantili, dalla visione di materiale di sfruttamento infantile online al reato sessuale di contatto." I ricercatori hanno ipotizzato che tali bambole "... possono anche desensibilizzare l'utente dal danno potenziale che la violenza sessuale infantile provoca, dato che tali bambole non danno alcun feedback emotivo."

I ricercatori hanno anche scritto che "La vendita di bambole sessuali per bambini comporta potenzialmente il rischio che i bambini siano oggettivati come esseri sessuali e che il sesso infantile diventi una merce".

Nota dell'autore: Tutte le informazioni raccolte durante la ricerca su questo articolo, compresi i dati su Bram Joosten, saranno trasmesse all'Expertisebureau Online Kindermisbruik (Ufficio di valutazione degli abusi sui bambini online) per le indagini contro gli abusi sui bambini da parte delle forze dell'ordine dei Paesi Bassi. "

Anna Slatz.

Articolo originale qui.
Visita 4W - Feminist News.

Traduzione di Angela Tacchini.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
1 Febbraio 2023
Olanda: se blocchi lo sviluppo di bambine e bambini li spingi a diventare trans
Il protocollo -mettere in pausa la pubertà per consentire ai minori di “scegliere” il sesso- l’hanno inventato loro. Ma anche gli olandesi ora ammettono che in 9 casi su 10 i blocker non danno più tempo per "decidere" ma sono l’inizio della transizione. Una profezia che si auto-avvera. E che gli effetti di questi farmaci non sono affatto reversibili
La clinica universitaria Amsterdam UMC, pioniera nell'uso dei bloccanti della pubertà, ha ammesso che i bambini che assumono questi farmaci possono trovarsi bloccati in una maggiore medicalizzazione. L’ammissione arriva in seguito alla pubblicazione all'inizio di questo mese di un nuovo studio retrospettivo che esamina 20 anni di interventi ormonali noti come "protocollo olandese", condotto su 1.766 bambini e adolescenti tra il 1972 e il 2018 presso la famosa clinica di Amsterdam e pubblicato su The Journal of Sexual Medicine. Ma […]
Leggi ora
30 Gennaio 2023
Nasce GenerAzioneD, associazione italiana di genitori di minori che si definiscono "trans"
Un sito di orientamento e di informazione per sostenere e accompagnare madri e padri che si trovino a vivere questa complessa esperienza: testimonianze, interviste, e link per contribuire a un dibattito approfondito che oggi non trova spazio sui media mainstream
Si è costituita l’associazione culturale, apolitica, aconfessionale e priva di scopi di lucro GenerAzioneD Scopo primario dell’associazione è quello di informare in merito alle problematiche della disforia/incongruenza di genere in bambini, adolescenti e giovani adulti. Attraverso la divulgazione di testimonianze, notizie, articoli nazionali e internazionali in traduzione e la promozione di occasioni di confronto, GenerAzioneD si propone di favorire la trasparenza necessaria affinché venga garantita la migliore assistenza possibile alle persone coinvolte.  GenerAzioneD nasce infatti dall’incontro di alcuni genitori accumunati dall’esperienza di avere figli […]
Leggi ora
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
21 Gennaio 2023
Anche in Italia si apre -finalmente!- il dibattito sui bloccanti della pubertà
A rompere il silenzio la Società Psicoanalitica Italiana che chiede una discussione scientifica aperta su questi trattamenti che definisce "sperimentali", non supportati da adeguati studi e a forte rischio etico perché predeterminano il destino di bambine e bambini
In notevole ritardo rispetto al Grande Nord europeo, alla Gran Bretagna all'Australia, ad alcuni stati USA -che hanno bruscamente frenato sull'uso del puberty blocker come "terapia" per bambine e bambini dai comportamenti non conformi al genere, anche in Italia si rompe finalmente il silenzio con una lettera indirizzata al governo da parte della Società Psicoanalitica Italiana, che invita alla prudenza e all'apertura di una discussione scientifica pubblica. A seguire riproduciamo le interviste realizzate da Marina Terragni per Il Foglio e […]
Leggi ora