Pedofilo olandese vende bambole sessuali con sembianze di neonati e bambini. Dicendo che sono "terapeutiche"

Secondo Bram Joosten e altri produttori di oggetti simili, le orripilanti bambole "penetrabili" e torturabili servirebbero a ridurre gli abusi reali. E' l'esatto contrario. Le baby sex-doll incrementano la pedofilia e "desensibilizzano" rispetto al danno che si produce abusando delle piccole e dei piccoli. Ripugnante
Condividi questo articolo

" Attenzione: Questa ricerca contiene contenuti inquietanti relativi a temi riguardanti la pedofilia. Tutte le foto in questo articolo sono state censurate da 4W, e le informazioni saranno trasmesse alle autorità per la loro revisione (vedi nota alla fine dell'articolo per i dettagli).
La discrezione dei lettori è apprezzata.

Un commerciante olandese che vende bambole sessuali con le sembianze di bambini e neonati pubblicizza gli inquietanti oggetti come "terapeutici per i pedofili" e ospita forum dove uomini malati - alcuni dei quali dicono di essere padri di giovani ragazze - possono discutere le loro fantasie.

Bram Joosten di Bennekom, Paesi Bassi, è il primo produttore e venditore di bambole penetrabili che sembrano neonati e bambini piccoli, operando in più siti web specializzati nella vendita. La maggior parte dei siti di Joosten forniscono la stessa merce con marche diverse, ospitati soprattutto sulla piattaforma Shopify, che ha recentemente bandito i prodotti in vendita da parte di un'attivista dei diritti delle donne con l'accusa di promuovere la "transfobia".

LoliDolls, uno dei principali punti vendita di Joosten, pubblicizza la sua attività con uno striscione raffigurante dei bambini sorridenti e un testo che recita "Adotta un Loli, diventa un papà".

Pedofilo olandese vende bambole sessuali con sembianze di neonati e bambini. Dicendo che sono "terapeutiche"

"Loli" è un termine che si riferisce a personaggi femminili simili a bambini resi popolari dall'animazione giapponese, ma è diventato sinonimo di rappresentazioni pedofile di giovani ragazze sessualizzate.

Sui siti di Joosten, decine di bambole sessuali sono messe in vendita, la maggior parte delle quali sono state fatte con le sembianze di bambini molto piccoli. Ma Joosten ne elenca diverse che sono descritte persino come neonati.

Pedofilo olandese vende bambole sessuali con sembianze di neonati e bambini. Dicendo che sono "terapeutiche"

Un prodotto venduto come "TPE Baby" è descritto come "La prima bambola sessuale per bambini dettagliata e di alta qualità sul mercato delle bambole Loli". La profondità vaginale della bambola è misurata: "Si prega di notare che non ha funzione orale o anale. Lei è troppo piccola per queste funzioni".

La bambola viene venduta a 800 dollari, con una versione in silicone ancora più realistica offerta a 1.500 dollari. Il costo aggiuntivo offre agli acquirenti pervertiti occhi, capelli, colore della pelle e genitali iper-realistici.

Pedofilo olandese vende bambole sessuali con sembianze di neonati e bambini. Dicendo che sono "terapeutiche"

Spaventosamente, in una delle altre pagine del negozio di Joosten, le stesse bambole sessuali per bambini vengono vendute con un taglio orientato verso i bambini.

Sulla sua splash page, Doll Orphanage ha una foto di una ragazza che tiene in braccio una bambola-bambino. Il sito pubblicizza lo stesso bambolotto- completo di genitali penetrabili - come fatto per "coccolare o fantasticare" e viene mostrato completamente vestito, per un target di ragazze che cercano innocentemente baby doll realistici.

Pedofilo olandese vende bambole sessuali con sembianze di neonati e bambini. Dicendo che sono "terapeutiche"

Nonostante il fatto che queste bambole siano in gran parte illegali nell'Unione Europea, dove Joosten risiede, l'uomo pubblicizza chiaramente la proprietà del sito sul suo profilo Facebook, e ha collegato il suo indirizzo e-mail personale - associato a una società di fitness ora chiusa che una volta gestiva - nel modulo di contatto dei siti web. Il suo Facebook mostra che viaggia frequentemente, con viaggi recenti che includono la Thailandia.

Oltre a vendere bambole sessuali per bambini Joosten gestisce diversi forum associati ai suoi siti web dove i pedofili sono liberi di riunirsi e discutere dettagli sia sulle bambole che sulla cultura "Loli". Joosten stesso era una volta un membro di All the Fallen - sito web pedofilo dedicato ad ospitare chatroom e storie di fantasia che eroticizzano le molestie sui bambini- ma a quanto sembra avrebbe lasciato il sito dopo essere stato criticato per le sue bambole sessuali per bambini non abbastanza realistiche. All the Fallen ospita un intero catalogo di "Nepi Stories" con fiction scritte sulla tortura e lo stupro di bambini.

Sulla bacheca di Joosten, pedofili con nickname come "BabyFan" offrono suggerimenti per "perfezionare" le sex dolls per gli acquirenti, scrivendo:

"Il modello interamente in silicone medico sarebbe fantastico se assomiglia al modello della scultura che mostrate, dovrebbe essere incredibilmente impressionante, con un trucco super realistico e un modellamento realistico dei fori sessuali con piccole pieghe dell'ano per perfezionare la bambina... Siate molto precisi nella vostra fabbricazione, perché solo un piccolo dettaglio trascurato può compromettere il realismo!"

BabyFan si offre poi di fare dei video con una bambola gonfiabile per il piacere di altri utenti che non possono permettersene una.

Un altro utente scrive:

"Se i buchi ti permettono di fare sesso con lei, allora non ha prezzo. Perché i concorrenti di babyclone e reborn non hanno fori per questo. E tra le sex dolls non ce ne sono di così giovani..."

In un thread intitolato "Come non farsi arrestare", Joosten offre ai suoi acquirenti consigli su come eludere la legge - tra cui far aggiungere ai suoi acquirenti seni finti rimovibili alle bambole per aggirare le leggi che prendono di mira solo quelle che assomigliano apertamente ai bambini. Joosten ragguaglia i suoi acquirenti sulle leggi dei vari Stati americani e delle Filippine, e insegna ai pervertiti come mantenere al meglio le loro spedizioni private e slegate dai loro nomi.

Joosten si vanta orgogliosamente che le sue baby dolls sarebbero "completamente legali agli occhi della legge", spiegando che le bambole saranno spedite indossando pannolini e saranno indistinguibili da qualsiasi baby doll per uso non sessuale. In un post rivela che le forze dell'ordine non hanno ancora iniziato a cercare bambole sessuali fatte a somiglianza di neonati.

In un thread su "Toddler Dolls", un utente racconta di avere una giovane figlia che si è imbattuta in una delle sue bambole sessuali per bambini, e di come l'ha convinta a "mantenere il segreto".

Pedofilo olandese vende bambole sessuali con sembianze di neonati e bambini. Dicendo che sono "terapeutiche"

Più avanti nel thread, un altro utente pubblica le foto di una vera bambina, e chiede a Joosten di produrre una sex-doll che sia una replica personalizzata della bambina, scrivendo "Mi piacciono le gambe corte e paffute ed il viso infantile".

Joosten risponde che una bambola su misura potrebbe costare fino a 6.000 dollari.

Pedofilo olandese vende bambole sessuali con sembianze di neonati e bambini. Dicendo che sono "terapeutiche"

Su uno dei post del blog per il suo negozio Loli Dolls, Joosten sostiene che le bambole sessuali per bambini e bambine sono "terapeutiche" per i pedofili. Joosten scrive "Le bambole Loli hanno una forma infantile che le rende attraenti per le persone che si sentono sessualmente attratte dai minori (pedofili)". Scrive che "... le relazioni con gli esseri umani possono essere abbastanza superficiali e per niente soddisfacenti. Non è per niente facile trovare il vero amore o una persona che tenga sinceramente a te. Se sei un pedofilo allora è ancora più difficile".    

Potrebbe sembrare che Joosten sia essere il primo venditore di bambole sessuali- bambini, ma il suo è solo uno dei vari casi nel mondo. Queste bambole sono state oggetto di recenti controversie che riguardo alle persone "attratte dai minori" ("minor attracted people"), con alcune organizzazioni pro-pedofili che fanno campagna per rendere le bambole completamente legali negli Stati Uniti affermando che queste potrebbero ridurre gli abusi sessuali sui bambini.

Tuttavia nel 2019 ricercatori australiani hanno dimostrato che l'uso di bambole sessuali per bambini "può portare a un'escalation nei reati sessuali infantili, dalla visione di materiale di sfruttamento infantile online al reato sessuale di contatto." I ricercatori hanno ipotizzato che tali bambole "... possono anche desensibilizzare l'utente dal danno potenziale che la violenza sessuale infantile provoca, dato che tali bambole non danno alcun feedback emotivo."

I ricercatori hanno anche scritto che "La vendita di bambole sessuali per bambini comporta potenzialmente il rischio che i bambini siano oggettivati come esseri sessuali e che il sesso infantile diventi una merce".

Nota dell'autore: Tutte le informazioni raccolte durante la ricerca su questo articolo, compresi i dati su Bram Joosten, saranno trasmesse all'Expertisebureau Online Kindermisbruik (Ufficio di valutazione degli abusi sui bambini online) per le indagini contro gli abusi sui bambini da parte delle forze dell'ordine dei Paesi Bassi. "

Anna Slatz.

Articolo originale qui.
Visita 4W - Feminist News.

Traduzione di Angela Tacchini.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora
6 Agosto 2022
California, transificio di bambine/i
Lo stato americano si propone come meta di turismo "sanitario" per le/i minori che non riescono ad accedere alla transizione nel luogo in cui vivono. Esautorando i genitori e sollevando gli operatori da ogni rischio di causa in caso di successivi "pentimenti". Intanto in UK, dopo la chiusura della Tavistock, occhi puntati su una clinica scozzese dove il modello sperimentale (bloccanti della pubertà e chirurgia) continua a essere applicato
Negli Stati Uniti è in corso una vera e propria guerra sull’ideologia dell’identità di genere e la sua promozione nelle scuole. Una “guerra culturale” che vede contrapposte le élite, che finanziano e promuovono la gender ideology, e la gente comune che vi si oppone (vedere qui il caso Disney). Mentre Biden fin dal primo giorno ha fatto molte concessioni legislative all’attivismo trans a livello federale, i repubblicani hanno intercettato lo scontento della cittadinanza con diverse contro-leggi a livello statale, come […]
Leggi ora
29 Luglio 2022
UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical
L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro […]
Leggi ora
28 Luglio 2022
Argentina: stop al linguaggio neutro nelle scuole
E' stato il primo paese a introdurre l’auto-identificazione di genere. Dieci anni dopo è tra i primi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole in quanto "nemmeno così inclusivo: crea una barriera per i bambini con difficoltà di apprendimento”
Nel 2012 l’Argentina è stato il primo paese al mondo a introdurre il self-id o auto-identificazione di genere nel suo ordinamento giuridico. Dieci anni dopo è uno dei primi paesi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole. Come insegnano le madri del femminismo radicale e del pensiero della differenza, il neutro è uno specchietto per le allodole che di fatto riporta al centro il punto di vista maschile. Se l’illusione del neutro salta meno all’occhio nella lingua inglese, è subito […]
Leggi ora
20 Luglio 2022
Dove sta andando la Casa delle Donne di Roma?
"La Casa siamo tutte" recita il bello slogan dello storico enclave di Trastevere. Ma in quello spazio, che è pubblico e dovrebbe essere aperto, l'agibilità è solo transfemminista. E dopo il sostegno acritico al ddl Zan -per fermare i femminicidi!-, il sì all'utero in affitto e al "sex work", ora anche l'inno agli ultracorpi maschili negli sport femminili: forse è il momento che si apra una riflessione
La Casa Internazionale delle Donne di Roma condivide la proposta dell'università della Pennsylvania di nominare Lia Thomas "atleta donna dell'anno". Lia Thomas, di cui abbiamo parlato più volte qui, è la celebre nuotatore che ha sbaragliato più volte le avversarie gareggiando nelle categorie femminili, ma che ha avuto quanto meno il merito di far finalmente esplodere la questione degli ultracorpi maschili negli sport delle donne. Il post condiviso dalla Casa Internazionale delle Donne, un piccolo confusionario trattato di femminismo Intersezionale, […]
Leggi ora
6 Luglio 2022
Maya Forstater, licenziata per aver detto che il sesso non si può cambiare, vince in tribunale: fu discriminazione
Decisiva per il femminismo gender critical in tutto il mondo la vittoria di Maya, ricercatrice che perse il suo lavoro per un tweet in cui scriveva che il sesso biologico è immutabile e che le donne hanno diritti basati sul sesso. La Gran Bretagna ribadisce il diritto a criticare l'identità di genere: minacce e accuse di transfobia sono illegittime. "Un'ulteriore prova" dice Forstater "che il vento sta cambiando". La sentenza definitiva del tribunale del lavoro ha anche condannato a un risarcimento la società che non ha rinnovato il contratto alla ricercatrice, cofondatrice di Sex Matters. Un trionfo su tutta la linea
Un anno fa, giugno 2021, Feminist Post ha pubblicato un articolo sul caso di Maya Forstater, la ricercatrice britannica il cui contratto di lavoro non fu rinnovato dal suo datore di lavoro per aver espresso delle opinioni critiche sul concetto di identità di genere ed aver riaffermato l’importanza dei diritti delle donne fondati sul sesso. L’articolo si chiudeva ricordando ai lettori e alle lettrici che il caso di Maya non era ancora concluso e, anche se la sentenza d'appello del […]
Leggi ora