Proposta del trans Allyn Walker: pedofilia come "orientamento sessuale".

L'idea è destigmatizzare i pedofili chiamandoli MAP (Minor Attracted People). Ma il loro nome, replica Julie Bindel, è stupratori di bambini. A cominciare da Michel Foucault
Condividi questo articolo

Il libro A Long, Dark Shadow: Minor-Attracted People and Their Pursuit of Dignity mantiene quello che promette in copertina. Descritto come "un resoconto cruciale delle esperienze vissute di questa popolazione nascosta", il suo autore Allyn Walker argomenta per destigmatizzare gli adulti che sono sessualmente attratti dai bambini in età prepuberale.

Walker dà una sonora pacca sulla spalla a quelle persone attratte da minori (MAP) che scelgono di non violentare i bambini. Loro (perché Walker si identifica come transgender) hanno affermato in un'intervista che è importante dire "MAP" per rispetto della terminologia che "i membri di quel gruppo vogliono che gli altri usino per loro. È meno stigmatizzante di altre parole come pedofilo”.

Suggerendo che coloro che desiderano fare sesso con bambini dovrebbero essere in grado di utilizzare bambole sessuali infantili per soddisfare i loro "bisogni" (vedere qui), Walker sostiene che i MAP "non hanno chiesto" di essere attratti sessualmente dai bambini.

Sono d'accordo con Walker su una cosa: la parola pedofilo è del tutto inappropriata e non dovrebbe essere usata, anche se non saremo d'accordo sui motivi. Sostengo da tempo l'abolizione della parola, preferendo invece "stupratore di bambini" o "abusatore di bambini". Il significato letterale di "pedofilo" è "amante dei bambini". È classificato come una condizione medica, ma non lo è. Una persona non è pre-programmata per "desiderare" il sesso con i bambini. Come nel caso di Jimmy Savile (vedere qui): ha abusato di donne e uomini adulti, bambini e cadaveri.

L'idea che l'attrazione sessuale per i bambini in età prepuberale costituisca un'identità sessuale in qualche modo originaria, anziché scelta o costruita socialmente, è in circolazione dagli anni '60 e promossa da personaggi come il filosofo francese Michel Foucault.

Foucault, famoso per le sue teorie sul potere e sulla sessualità, sembra non rendersi conto dell'enorme potere che un adulto ha su un bambino. Mentre si trovava in Tunisia alla fine degli anni '60 avrebbe abusato sessualmente di bambini in età prepuberale. Secondo il saggista francese Guy Sorman , "Avevano otto, nove, dieci anni. Gli lanciava soldi e diceva 'incontriamoci alle 22:00 al solito posto'". Questo, si è scoperto, era il cimitero locale: “Avrebbe fatto l'amore lì sulle lapidi con i ragazzini. La questione del consenso non è stata nemmeno sollevata».

Ma secondo lo scrittore Queer-identificato Laurie Penny, che ha pubblicato un saggio su Substack intitolato What Foucault Got Right: On violence, libel and Queer Theory: "Michel Foucault è stato demonizzato per decenni, presumibilmente sulla base del fatto che va bene diffamare i morti ed è divertente diffamare i francesi”. 

Non sorprende che ci siano state alcune aspre critiche all'interpretazione di Penny su Twitter, a cui ha risposto : "Beh, se leggessi il pezzo vedresti che quello che sto dicendo è più complesso".

Penny conclude che le rivelazioni su Foucault sono probabilmente voci calunniose e che, in base alla sua valutazione esperta (ha letto i suoi libri nelle ultime settimane) "... sembra improbabile che Foucault abbia effettivamente aggredito dei bambini".

Anch'io ho letto Foucault, ma forse con occhi diversi.

Nel suo libro History of Sexuality c'è una scena inquietante in cui una bambina viene trascinata in un fosso e aggredita sessualmente, fatto che descrive come un "piacere bucolico senza tempo". Foucault ha anche affermato che la sessualità non dovrebbe mai essere criminalizzata, perché criminalizzare lo stupro è sessualmente repressivo. Ha sostenuto che, come reato, essere violentati non è diverso dall'essere presi a pugni in faccia.

C'è poi la famigerata lettera del 1977 firmata da Foucault, in cui si sosteneva che lo stupro non dovrebbe essere un reato penale (cancellando così il concetto giuridico di età del consenso). La lettera faceva parte di una più ampia difesa di due uomini adulti che avevano violentato (o, come dice Penny, "fatto sesso con") ragazze in età prepuberale.

“[Foucault] e altre teste d'uovo degenerate si sono opposte al concetto di età legale del consenso. La cosa è sicuramente successa. Ed è stata decisamente un po' una cazzata", scrive Penny.

L'apologia dell'abuso di minori è diffusa tra un certo numero di liberal maschi. Alcuni anni fa, l'attivista per i diritti dei gay Peter Tatchell ha ritenuto opportuno lodare un libro la cui introduzione conteneva la frase : "Gli adulti che amano i bambini e lo esprimono sessualmente stanno sostituendo i gay e i neri come nuovi capri espiatori della società". Il libro ha denunciato l'"isteria" e la "caccia alle streghe" contro gli abusatori di bambini e ha condannato la protezione dei bambini come una forza opprimente di controllo sui giovani. Foucault e Tatchell hanno entrambi sostenuto che punire il sesso tra bambini e adulti "consenzienti" frena lo sviluppo sessuale e il potenziale piacere per i bambini.

La maggior parte degli abusi sessuali sui bambini avviene in ambito domestico, perpetrata da uomini noti alle vittime. Questi uomini di solito non sono etichettati come "pedofili": la parola è riservata a Colin Pitchfork e ai suoi simili, uomini dall'aspetto malvagio che depredano bambini a loro precedentemente sconosciuti.

Etichettare gli stupratori di bambini come "pedofili" dà l'impressione che soffrano di una patologia e che ci sia un qualche tipo di gene che li predispone ad essere sessualmente attratti dai bambini, quando non ci sono prove scientifiche o altre prove credibili per dimostrarlo. Gli uomini che abusano dei bambini devono essere fermati, puniti e scoraggiati, non curati per la “malattia” nota come pedofilia.

Alcuni esperti che cercano di sbrogliare il fenomeno della pedofilia danno l'impressione che essere “attratti” dai bambini sia un orientamento sessuale più che una scelta che li danneggia; che queste persone fanno parte di un sottogruppo strano e diverso dai membri “ordinari” della società; che esiste una spiegazione medica, piuttosto che sociale, per il loro comportamento; e che sono diversi dai padri e dagli altri parenti maschi che abusano dei bambini in casa.

La prima volta che ho sentito il termine "persone attratte da minori" è stato in un'intervista con Tom O'Carroll , un membro chiave del Pedophile Information Exchange che è eccitato sessualmente da bambini in età prepuberale. O'Carroll mi ha detto che secondo lui il termine tedesco "kinder" dovrebbe sostituire "pedophile" perché "sembra uno zio gentile". 

La soluzione femminista per fare piazza pulita degli abusi sessuali sui minori è sbarazzarsi di tutti gli eufemismi e dei termini medicalizzati e chiamare questi individui stupratori di bambini e apologeti degli abusi sui minori.

articolo originale qui traduzione di Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora
12 Aprile 2024
Chiuse in un recinto. Come a Kabul
Lettera aperta al Sindaco Gualtieri e alle altre autorità competenti sull’incredibile scena di discriminazione nel quartiere Centocelle a Roma: donne isolate come animali impuri per le celebrazioni di fine Ramadan. Chi ha dato il permesso per l’inaccettabile manifestazione? E che iniziative si intendono intraprendere contro questa barbarie misogina?
Al Sindaco di Roma Roberto Gualtieri Al Presidente del Municipio V Mauro Caliste Alla Commissione Pari Opportunità del Comune di Roma e p.c. Alla Ministra Pari Opportunità e Famiglia Eugenia Roccella Al Ministro dell'Interno Matteo Piantedosi Gentile Sindaco, gentile Presidente, gentili membri della Commissione Pari Opportunità, manifestiamo sgomento e sconcerto a fronte delle modalità con cui nel Municipio V della Capitale -piazza dei Mirti, quartiere Centocelle, a pochi metri dalla scuola intitolata ad Artemisia Gentileschi- si sono svolte le celebrazioni […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora