Ormoni ai bambini: il mondo si rivolta

Arkansas, e presto Texas e Tennessee. Svezia, Finlandia, Uk, Australia: cresce il numero dei Paesi occidentali che abbandonano il trattamento farmacologico per bambine/i "non conformi al genere". E il prestigioso Lancet chiede di riconsiderare queste "terapie" che in Italia continuano invece a essere prescritte. E' ora di dare battaglia
Condividi questo articolo

Un articolo del prestigioso Lancet Child & Adolescent Health (vedere qui) propone maggiore cautela nell'uso dei bloccanti della pubertà sui bambini diagnosticati come disforici di genere.

Secondo Lancet Child & Adolescent Health sono necessarie ulteriori ricerche per determinare il migliore trattamento dei minori che hanno ricevuto questa diagnosi, in particolare per quelli in cui il disturbo si è manifestato solo dopo la pubertà.

Il genere è un tema fortemente politicizzato e qualsiasi articolo scientifico che rappresenti una minaccia per le narrazioni mainstream in genere viene ritirato, sottoposto a ulteriore ciclo di revisione tra pari e correzione o più probabilmente respinto. Significativo, quindi, che stavolta Lancet abbia pubblicato.

L'Arkansas è stato il primo stato Usa a vietare l'uso di bloccanti per i minori, e leggi simili sono allo studio in Tennessee e in TexasLo scetticismo su questi farmaci cresce in tutto il mondo, e la politica comincia a prenderne atto. Nel 2020, l'Alta Corte inglese ha stabilito che è improbabile che i bambini sotto i 16 anni siano in grado di acconsentire al trattamento che coinvolge i bloccanti della pubertà (sentenza Keira Bell, attualmente in fase di appello). Svezia e Finlandia oggi sono tornate agli interventi psicologici per i minori con disforia di genere

Intanto migliaia di pediatri americani si sono mobilitati contro i puberty blocker, promuovendo addirittura una causa contro l'amministrazione Biden, mentre in Australia alcune cliniche richiedono l'ok di un tribunale per procedere a terapie ormonali sui minori, onde evitare il rischio di future azioni legali: il rischio di perdere soldi è un efficace disincentivo per il transificio.

Sempre in Australia sta per aprire la prima clinica per il trattamento delle/dei destransitioner, sempre più numerose-i, allo scopo di offrire assistenza specialistica e terapie di supporto a chi sia pentita/o della transizione a cui è stata-o sottoposta-o.

Ancora, in UK: una madre, Sara Hertz, ha indirizzato ai medici un'articolata e argomentata lettera intitolata "Doctors, it's time. Primum, non nocere" contro la transizione dei minori, mentre Sonia Appleby, responsabile della tutela dei bambini per Tavistock e Portman NHS Trust -clinica londinese specializzata transizioni minorili- ha vinto una causa contro il servizio sanitario britannico ed è stata risarcita per il trattamento subito da parte dell'amministrazione dopo che aveva espresso la sua preoccupazione "che alcuni bambini piccoli siano attivamente incoraggiati a essere transgender senza un controllo efficace della loro situazione".

Sul rischio di abusi aveva già rotto il silenzio il decano della Tavistock, lo psichiatra David Bell.

In tutto l'Occidente il vento sta cambiando, ma al momento in Italia non si muove foglia.

Nel nostro Paese i bloccanti della pubertà continuano a essere somministrati con semplice diagnosi medica e senza l'intervento di un Tribunale. Ed è dei giorni scorsi la notizia di un sedicenne di Lucca autorizzato dal Tribunale a cambiare sesso all'anagrafe, eventualmente ricorrendo anche a intervento chirurgico di "rettificazione".

Urge una ricognizione sul numero delle-i minori trattati in Italia, al momento sconosciuto, un chiarimento sui protocolli che vengono applicati, oltre a un'attenta verifica del grooming -adescamento e indottrinamento sull'identità di genere- sui social network più frequentato dai giovanissimi, come Instagram e TikTok-

Vanno inoltre interpellati con urgenza la Società italiana di Pediatria, la Società italiana di Endocrinologia e l'Ordine degli Psicologi per sollecitare una loro presa di posizione a partire dal fatto ormai accertato che gli effetti dei bloccanti della pubertà non sono affatto reversibili, come da tenace propaganda, per non dire delle possibili patologie iatrogene indotte da questi farmaci.

Per arrivare infine a una legge che, come ormai in molti Stati occidentali, limiti fortemente o proibisca il ricorso ai bloccanti ormonali per i minori non conformi al genere, anzitutto promuovendo la libertà dagli stereotipi -è questo il primo campo di battaglia contro l'industria della transizione dei bambini- e privilegiando-ove vi sia sofferenza- il percorso psicoterapeutico.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
22 Aprile 2024
Lettera a Rishi Sunak: serve un'inchiesta pubblica sull'influenza dell'ideologia transgender
Centotrenta parlamentari, medici, psichiatri, accademici e detransitioner britannici -tra loro anche JK Rowling- hanno scritto una lettera al primo ministro per invitarlo ad esaminare “l’influenza pervasiva” dell’ideologia transgender nelle scuole e nel servizio sanitario nazionale e ad accertare le responsabilità del danno prodotto a migliaia di bambine e bambini
"Rishi, se leggi questa petizione per favore, fai la cosa giusta e avvia con urgenza un’inchiesta pubblica. Il benessere dei nostri figli dipende da questo”. A scrivere è lo psicoterapeuta James Esses, coordinatore della dichiarazione per la realtà biologica e uno dei firmatari di un appello rivolto al primo ministro britannico dopo il grande scandalo del trattamento dei bambini “confusi e vulnerabili” da parte di professionisti medici, reso evidente del rapporto di Hilary Cass. Tra i primi firmatari anche JK […]
Leggi ora
21 Aprile 2024
Il gender è un campo di battaglia
Joe Biden in piena campagna elettorale sostituisce la parola sesso con identità di genere. Germania e Svezia approvano nuove leggi trans che consentono l’autoidentificazione (self-id): i genitori tedeschi potranno decidere di che sesso è la creatura neonata a prescindere dal fatto che abbia un pene o una vagina. Intanto dopo l’Inghilterra anche la Scozia proibisce I bloccanti della pubertà per i minori “non conformi”. E in Spagna a un anno dall’entrata in vigore della Ley Trans i “cambi di sesso” sono aumentati del 400 per cento. Perfino una trentina di militari barbuti si sono dichiarati donne. La lobby spinge furiosamente e il caos è indicibile
Mentre anche in Scozia, dopo l'Inghilterra, non si prescriverà più la "terapia affermativa" (puberty blocker seguiti da ormoni e chirurgia) ai minorenni, decisione assunta in seguito alla pubblicazione del clamoroso Cass Review, negli Stati Uniti il presidente Biden - o meglio, la sua amministrazione saldamente obamiana- in piena campagna elettorale per le presidenziali di novembre ha di fatto abolito il Titolo IX dell'Education Amendments in vigore dal 1972. L'emendamento prescriveva che nessuno/a sulla base del sesso potesse essere escluso dalla […]
Leggi ora
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora