Ormoni ai bambini: i giudici UK se ne lavano le mani. La sentenza della Corte d'appello sul caso Keira Bell

In risposta all'appello della Tavistock Clinic sulla sentenza Keira Bell, la Corte rilancia la palla ai medici: sono loro, non i giudici, a dover decidere se un-una minore è in grado di esprimere il suo consenso alla "terapia" sperimentale che blocca lo sviluppo e avvia alla transizione. Ma il dibattito ormai è aperto. E la paura di cause da parte di minori pentite-i -detransitioner- induce la classe medica alla cautela
Condividi questo articolo

La Corte d'appello inglese ha parzialmente ribaltato la sentenza che aveva dato ragione alla giovane detransitioner Keira Bell (qui la sua storia) contro la Tavistock Clinic che quando aveva 16 anni l'aveva frettolosamente avviata alla terapia con bloccanti della pubertà.

Con una sentenza pilatesca e meramente formalistica, la Corte ha rilanciato la palla ai medici: tocca a loro, e non ai Tribunali, stabilire se un-una minore può accedere a questa "terapia" con bloccanti ormonali. Devono essere i medici e non i giudici a prendersi la responsabilità di decidere se il minore possieda o meno la cosiddetta Gillick Competence, ovvero la maturità necessaria a valutare le conseguenze di trattamenti ormonali, che sono irreversibili.

I transattivisti hanno accolto con soddisfazione la sentenza, ma il tempo delle transizioni facili per i minori è comunque finito. Come si sta vedendo in tutto il mondo (leggere qui) a fronte del crescente numero di ex bambine-i gender non conforming che una volta adulte-i si pentono dei cambiamenti irreversibili causati dai puberty blocker, soprattutto a fronte del rischio di cause per danni -follow the money- sempre più frequentemente medici e cliniche stanno adottando un principio di cautela. Quindi sarà sempre più difficile che un-una minore sotto i 16 anni venga avviato sperimentalmente alla transizione secondo il principio "affirmation only" -in sostanza, i blocker non si negano a nessuna-o-. In sintesi, la platea di bambine-i trattate-i con bloccanti è destinata in ogni caso a ridursi.

L'epoca in cui si agiva in modo deresponsabilizzato per seguire un'ideologia e non la corretta prassi medica, si è conclusa. Keira Bell, che ha chiesto di potersi rivolgere alla Corte Suprema, ha commentato: Il mio caso ha aperto un dibattito globale, anche se resta molto da fare. È una fantasia profondamente preoccupante che un medico possa credere che un bambino di 10 anni possa acconsentire alla perdita della propria fertilità”.

Marina Terragni


Quello che segue è il commento del sito Transgendertrend dopo la sentenza della Corte d'Appello.

Siamo sconcertati dalla decisione con la quale la Corte di Appello oggi ha accolto l'impugnazione della Tavistock e Portman NHS Foundation Trust contro la decisione di primo grado della Corte di Giustizia di Londra nel caso Bell e Mrs. A contro Tavistock.

L'appello è stato accolto sulla base del fatto che la Corte di primo grado non ha dichiarato l'illegittimità dell'uso dei bloccanti della pubertà per trattare la disforia di genere, e che la pronuncia e le indicazioni emesse dalla Corte di primo grado hanno avuto a oggetto fatti contestati, prove peritali e pareri medici che non potevano essere esaminati e valutati nell'ambito di un procedimento giudiziario.

La Corte di Appello ha stabilito che i principi espressi nel caso GILLICK sono basati su valutazioni mediche, e non compete al giudice di decidere sulla capacità dei minori di 16 anni di dare un valido consenso ad un trattamento medico.

Alla base dell'appello Tavistock c'è l'argomentazione per cui, nella sentenza, la Corte di primo grado si è basata sui principi espressi nel caso Gillick, che stabiliscono che i bambini di età inferiore ai 16 anni sono in grado di prendere valide decisioni se ritenuti competenti a farlo dal loro medico curante dopo una specifica valutazione individuale.

Tavistock aveva eccepito che la Corte "ha sconfinato nell'area decisionale riservata ai medici, ai pazienti ed ai loro genitori, dove in precedenza (ndt la Corte) non si era mai avventurata.

In sostanza la Corte di Appello ha ritenuto che “la Corte di primo grado ha statuito una restrizione impropria sull'utilizzo dei test di competenza Gillick

I Giudici di appello hanno respinto l'idea che l'uso dei bloccanti della pubertà per la disforia di genere sia un caso limite.

Al punto 76 della sentenza viene addirittura affermato che il consenso ai bloccanti della pubertà non è diverso al consenso alla contraccezione:

Nulla circa la natura o implicazioni del trattamento con i bloccanti della pubertà consente che sia fatta una reale distinzione tra la valutazione della contraccezione in (ndt nel caso) Gillick e dei bloccanti della pubertà in questo caso, tenendo a mente che, quando fu deciso il caso Gillick 35 anni fa, le questioni sollevate con riferimento alla contraccezione per i minori di 16 anni erano fortemente controverse, in una maniera difficile da immaginare oggi

Nell'insieme il giudizio, sebbene a parole dia atto del fatto che sulla questione ci sono diffusi pareri contrari, prende per buone le prove di Tavistock senza approfondire.

Ad esempio: l'affermazione che solo il 16% dei bambini è in seguito trattato con bloccanti della pubertà quando in testimonianze precedenti la dott. Polly Carmichael ha suggerito che la percentuale nell'insieme è piuttosto del 41-45%; l'affermazione che solo il 55% dei bambini trattati con bloccanti della pubertà passa poi alla terapia con gli ormoni del sesso opposto quando sullo stesso sito della GIDS la percentuale indicata è del 98%; e l'affermazione che “lo scopo primario dei bloccanti della pubertà era dare al paziente il tempo di riflettere sulla sua identità di genere” e “il trattamento con il bloccanti della pubertà era separato dal successivo trattamento con gli ormoni del sesso opposto” quando l'Autorità di Ricerca sulla Salute, nelle sue verifiche all'interno degli studi sull'Intervento Precoce di Tavistock, ha stabilito:

“La confusione sarebbe stata ridotta se la descrizione dello scopo del trattamento avesse precisato che esso veniva offerto specificatamente a bambini che dimostravano una disforia di genere forte e persistente ad uno stadio iniziale della pubertà, sicché la soppressione della pubertà stessa avrebbe consentito al successivo trattamento con ormoni del sesso opposto di evitare di ricorrere alla chirurgia per cambiare o altrimenti mascherare gli indesiderati effetti fisici della pubertà nel genere di nascita”

Sebbene sia stato dato molto spazio alla considerazione che non è compito dei tribunali valutare prove mediche, è inevitabile che i tribunali saranno influenzati dalle prove che verranno loro messe a disposizione.

Nel caso dei bloccanti della pubertà, la prova (fornita da Tavistock) è debole, le considerazioni etiche coinvolte assai serie e comunque Tavistock non ha mai reso disponibile la somministrazione di trattamenti alternativi e meno invasivi. Neppure gli organi di controllo hanno mai messo in dubbio le basi ideologiche dell'approccio “affermativo”.

La sentenza di primo grado in Bell & Mrs A contro Tavistock viene citata in maniera estesa dal provvedimento della Corte di Appello e nessuno dei suoi punti viene contestato se non da un punto di vista meramente legale/formale.

Tutte le “preoccupazioni” sussistono ancora.

La Corte di Appello stabilisce:

I medici dovranno inevitabilmente prestare grande attenzione prima di prescrivere il trattamento a un bambino, ed essere tanto avveduti da assicurarsi che il consenso ottenuto sia dal bambino che dai genitori sia stato preceduto da adeguata informazione sui vantaggi e gli svantaggi della terapia proposta, alla luce della evoluzione della ricerca, e dalla chiara comprensione delle implicazioni e delle conseguenze a lungo termine di tale trattamento. E' necessaria grandissima attenzione per assicurare che i consensi necessari siano ottenuti in maniera corretta. Così come Gillick ha chiarito, i medici potranno comunque essere oggetto di azioni disciplinari  e civili quando, nei singoli casi, sorgessero problemi

L'originaria pronuncia giudiziaria e il conseguente appello hanno portato la questione della prevenzione della pubertà nei bambini alla pubblica ribalta, e all'attenzione del mondo medico e politico.

Keira Bell ha aperto il confronto.

Verrà richiesta autorizzazione all'ulteriore impugnazione presso la Corte Suprema.

(traduzione di La Crissy)

qui l'articolo originale

qui la sentenza dell'Alta Corte


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
29 Giugno 2022
Finiscono le scuole, ricominciano i prelievi coatti dei bambini
Nonostante una recente sentenza della Cassazione abbia definito "fuori dallo stato di diritto" il prelievo coatto dei minori, questa mattina in provincia di Lodi un bambino di 11 anni è stato strappato a sua madre, trattenuta con la forza e con l'inganno mentre il figlio veniva prelevato. Ecco come sono andati i fatti nel racconto di una testimone
Questa mattina in provincia di Lodi, a Casalmaiocco, un bambino di 11 anni, Gioele, è stato strappato con la forza ed allontanato in modo improvviso e traumatico dalla madre con cui viveva. Ecco i fatti come vengono raccontati da un'attivista di MaternaMente presente in quel momento: "Deborah e suo figlio erano stati convocati per un incontro dai servizi sociali stamattina. L'incontro si è  svolto online e i ss hanno usato toni rassicuranti. La mamma si è poi recata in comune per […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
New England Journal of Medicine: il divieto di aborto è una catastrofe sanitaria
La prestigiosa rivista lancia l'allarme: saranno soprattutto le donne povere e di colore a pagare il prezzo della sentenza della Corte Suprema, ricacciate ad abortire nella clandestinità con gravi rischi per la loro salute. Anche la pillola del giorno dopo e perfino la spirale potrebbero essere vietati e perseguiti come mezzi abortivi
La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in Dobbs v. Jackson Women's Health Organization rappresenta uno straordinario capovolgimento (...) Eppure non era inaspettato. Nel lungo e doloroso preludio alla decisione, molti stati hanno gravemente limitato l'accesso all'assistenza sanitaria riproduttiva. La foglia di fico che copriva queste restrizioni era che l'aborto indotto era una procedura pericolosa che richiedeva una regolamentazione più severa per proteggere la salute delle donne che cercavano tale assistenza. I fatti smentiscono questa falsa retorica.  Gli ultimi dati disponibili negli Stati Uniti […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
Come hanno fatto a vincere la guerra contro Roe
Non avere trasformato la Roe v. Wade in legge è stato l'errore capitale della sinistra americana, a cominciare da Barack Obama. L'aborto era una questione del tutto secondaria per i liberal assorbiti dalle trans-politics, che hanno passato gli anni a cancellare la parola "donna" rinominandola come "mestruatore" e "portatore di utero", anziché occuparsi dei diritti delle donne
Come hanno fatto i pro-life americani a vincere la guerra contro la sentenza Roe v. Wade? Nell’articolo di cui vi presentiamo ampli stralci la giornalista Sarah Ditum spiega come l’incuria e l’arroganza dei democratici hanno involontariamente aiutato a riportare indietro di 50 anni i diritti delle donne in America. "Quando è diventato certo che il diritto all'aborto delle donne americane sarebbe stato revocato? La sentenza della Corte Suprema secondo la quale "Roe era terribilmente sbagliata fin dall'inizio" è trapelata quasi due mesi fa, […]
Leggi ora
25 Giugno 2022
Elezioni di midterm negli USA: dopo la sentenza sull'aborto le donne saranno decisive?
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti in una quasi-guerra civile? Il voto di novembre sarà il primo banco di prova. Le donne potrebbero costituire il nucleo forte di quel fronte moderato che negli USA non riesce a trovare espressione politica
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto, tenendo insieme le cattoliche e le agnostiche, le donne di sinistra e quelle di destra in difesa della legge 194/78? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti, per descrivere con un eufemismo la quasi-guerra civile in corso negli Stati Uniti? Le elezioni di midterm a novembre, che vedevano favoriti i repubblicani, saranno il primo banco di prova: quante elettrici, sia pure […]
Leggi ora
23 Giugno 2022
Questione trans: cambio di vento tra i progressisti
Il "la" lo danno i democratici americani, ma anche nel resto d'Occidente la trans-filia dei progressisti comincia a dare segni di cedimento. Opportunismo elettoralistico, certo. Ma il cambiamento va registrato. Tenendo gli occhi bene aperti
Michele Serra è un amico e apprezzo molto che si sia assunto la responsabilità di rompere il silenzio da sinistra -finalmente-sull'insopportabile ingiustizia dei corpi maschili negli sport femminili (L'Amaca su La Repubblica ieri, 22 giugno), ingiustizia contro la quale lottiamo da molto tempo (qui troverete un'infinità di testi su questo tema). Un appunto, se possibile: avrei evitato di usare la definizione woke cisgender, imposta dal transattivismo, e nella quale la stragrande maggioranza delle donne del mondo, atlete e non atlete, […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ma le donne esistono ancora
Il titolo non ci piace troppo, in particolare quel laconico "ancora", ma grazie a La Repubblica per avere ospitato il nostro intervento nel dibattito che si è aperto a partire dal testo di Michela Marzano intitolato "Se non è il sesso a fare la donna". Lo ripubblichiamo qui perché non lo trovate sull'online
Pubblicato su La Repubblica il nostro testo nel dibattito aperto da Michela Marzano con il suo intervento sulle "donne con il pene" e altre meraviglie. Manteniamo il titolo originale che è stato dato al nostro intervento per non fare confusione, anche se non ci piace granché. Ecco il testo integrale a seguire. Che cos’è una donna? È quella che ci ha messi al mondo, tutte e tutti. Su questo non può esserci alcun dubbio. Il che non significa affatto che […]
Leggi ora