Ormoni ai bambini: i giudici UK se ne lavano le mani. La sentenza della Corte d'appello sul caso Keira Bell

In risposta all'appello della Tavistock Clinic sulla sentenza Keira Bell, la Corte rilancia la palla ai medici: sono loro, non i giudici, a dover decidere se un-una minore è in grado di esprimere il suo consenso alla "terapia" sperimentale che blocca lo sviluppo e avvia alla transizione. Ma il dibattito ormai è aperto. E la paura di cause da parte di minori pentite-i -detransitioner- induce la classe medica alla cautela
Condividi questo articolo

La Corte d'appello inglese ha parzialmente ribaltato la sentenza che aveva dato ragione alla giovane detransitioner Keira Bell (qui la sua storia) contro la Tavistock Clinic che quando aveva 16 anni l'aveva frettolosamente avviata alla terapia con bloccanti della pubertà.

Con una sentenza pilatesca e meramente formalistica, la Corte ha rilanciato la palla ai medici: tocca a loro, e non ai Tribunali, stabilire se un-una minore può accedere a questa "terapia" con bloccanti ormonali. Devono essere i medici e non i giudici a prendersi la responsabilità di decidere se il minore possieda o meno la cosiddetta Gillick Competence, ovvero la maturità necessaria a valutare le conseguenze di trattamenti ormonali, che sono irreversibili.

I transattivisti hanno accolto con soddisfazione la sentenza, ma il tempo delle transizioni facili per i minori è comunque finito. Come si sta vedendo in tutto il mondo (leggere qui) a fronte del crescente numero di ex bambine-i gender non conforming che una volta adulte-i si pentono dei cambiamenti irreversibili causati dai puberty blocker, soprattutto a fronte del rischio di cause per danni -follow the money- sempre più frequentemente medici e cliniche stanno adottando un principio di cautela. Quindi sarà sempre più difficile che un-una minore sotto i 16 anni venga avviato sperimentalmente alla transizione secondo il principio "affirmation only" -in sostanza, i blocker non si negano a nessuna-o-. In sintesi, la platea di bambine-i trattate-i con bloccanti è destinata in ogni caso a ridursi.

L'epoca in cui si agiva in modo deresponsabilizzato per seguire un'ideologia e non la corretta prassi medica, si è conclusa. Keira Bell, che ha chiesto di potersi rivolgere alla Corte Suprema, ha commentato: Il mio caso ha aperto un dibattito globale, anche se resta molto da fare. È una fantasia profondamente preoccupante che un medico possa credere che un bambino di 10 anni possa acconsentire alla perdita della propria fertilità”.

Marina Terragni


Quello che segue è il commento del sito Transgendertrend dopo la sentenza della Corte d'Appello.

Siamo sconcertati dalla decisione con la quale la Corte di Appello oggi ha accolto l'impugnazione della Tavistock e Portman NHS Foundation Trust contro la decisione di primo grado della Corte di Giustizia di Londra nel caso Bell e Mrs. A contro Tavistock.

L'appello è stato accolto sulla base del fatto che la Corte di primo grado non ha dichiarato l'illegittimità dell'uso dei bloccanti della pubertà per trattare la disforia di genere, e che la pronuncia e le indicazioni emesse dalla Corte di primo grado hanno avuto a oggetto fatti contestati, prove peritali e pareri medici che non potevano essere esaminati e valutati nell'ambito di un procedimento giudiziario.

La Corte di Appello ha stabilito che i principi espressi nel caso GILLICK sono basati su valutazioni mediche, e non compete al giudice di decidere sulla capacità dei minori di 16 anni di dare un valido consenso ad un trattamento medico.

Alla base dell'appello Tavistock c'è l'argomentazione per cui, nella sentenza, la Corte di primo grado si è basata sui principi espressi nel caso Gillick, che stabiliscono che i bambini di età inferiore ai 16 anni sono in grado di prendere valide decisioni se ritenuti competenti a farlo dal loro medico curante dopo una specifica valutazione individuale.

Tavistock aveva eccepito che la Corte "ha sconfinato nell'area decisionale riservata ai medici, ai pazienti ed ai loro genitori, dove in precedenza (ndt la Corte) non si era mai avventurata.

In sostanza la Corte di Appello ha ritenuto che “la Corte di primo grado ha statuito una restrizione impropria sull'utilizzo dei test di competenza Gillick

I Giudici di appello hanno respinto l'idea che l'uso dei bloccanti della pubertà per la disforia di genere sia un caso limite.

Al punto 76 della sentenza viene addirittura affermato che il consenso ai bloccanti della pubertà non è diverso al consenso alla contraccezione:

Nulla circa la natura o implicazioni del trattamento con i bloccanti della pubertà consente che sia fatta una reale distinzione tra la valutazione della contraccezione in (ndt nel caso) Gillick e dei bloccanti della pubertà in questo caso, tenendo a mente che, quando fu deciso il caso Gillick 35 anni fa, le questioni sollevate con riferimento alla contraccezione per i minori di 16 anni erano fortemente controverse, in una maniera difficile da immaginare oggi

Nell'insieme il giudizio, sebbene a parole dia atto del fatto che sulla questione ci sono diffusi pareri contrari, prende per buone le prove di Tavistock senza approfondire.

Ad esempio: l'affermazione che solo il 16% dei bambini è in seguito trattato con bloccanti della pubertà quando in testimonianze precedenti la dott. Polly Carmichael ha suggerito che la percentuale nell'insieme è piuttosto del 41-45%; l'affermazione che solo il 55% dei bambini trattati con bloccanti della pubertà passa poi alla terapia con gli ormoni del sesso opposto quando sullo stesso sito della GIDS la percentuale indicata è del 98%; e l'affermazione che “lo scopo primario dei bloccanti della pubertà era dare al paziente il tempo di riflettere sulla sua identità di genere” e “il trattamento con il bloccanti della pubertà era separato dal successivo trattamento con gli ormoni del sesso opposto” quando l'Autorità di Ricerca sulla Salute, nelle sue verifiche all'interno degli studi sull'Intervento Precoce di Tavistock, ha stabilito:

“La confusione sarebbe stata ridotta se la descrizione dello scopo del trattamento avesse precisato che esso veniva offerto specificatamente a bambini che dimostravano una disforia di genere forte e persistente ad uno stadio iniziale della pubertà, sicché la soppressione della pubertà stessa avrebbe consentito al successivo trattamento con ormoni del sesso opposto di evitare di ricorrere alla chirurgia per cambiare o altrimenti mascherare gli indesiderati effetti fisici della pubertà nel genere di nascita”

Sebbene sia stato dato molto spazio alla considerazione che non è compito dei tribunali valutare prove mediche, è inevitabile che i tribunali saranno influenzati dalle prove che verranno loro messe a disposizione.

Nel caso dei bloccanti della pubertà, la prova (fornita da Tavistock) è debole, le considerazioni etiche coinvolte assai serie e comunque Tavistock non ha mai reso disponibile la somministrazione di trattamenti alternativi e meno invasivi. Neppure gli organi di controllo hanno mai messo in dubbio le basi ideologiche dell'approccio “affermativo”.

La sentenza di primo grado in Bell & Mrs A contro Tavistock viene citata in maniera estesa dal provvedimento della Corte di Appello e nessuno dei suoi punti viene contestato se non da un punto di vista meramente legale/formale.

Tutte le “preoccupazioni” sussistono ancora.

La Corte di Appello stabilisce:

I medici dovranno inevitabilmente prestare grande attenzione prima di prescrivere il trattamento a un bambino, ed essere tanto avveduti da assicurarsi che il consenso ottenuto sia dal bambino che dai genitori sia stato preceduto da adeguata informazione sui vantaggi e gli svantaggi della terapia proposta, alla luce della evoluzione della ricerca, e dalla chiara comprensione delle implicazioni e delle conseguenze a lungo termine di tale trattamento. E' necessaria grandissima attenzione per assicurare che i consensi necessari siano ottenuti in maniera corretta. Così come Gillick ha chiarito, i medici potranno comunque essere oggetto di azioni disciplinari  e civili quando, nei singoli casi, sorgessero problemi

L'originaria pronuncia giudiziaria e il conseguente appello hanno portato la questione della prevenzione della pubertà nei bambini alla pubblica ribalta, e all'attenzione del mondo medico e politico.

Keira Bell ha aperto il confronto.

Verrà richiesta autorizzazione all'ulteriore impugnazione presso la Corte Suprema.

(traduzione di La Crissy)

qui l'articolo originale

qui la sentenza dell'Alta Corte


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
1 Febbraio 2023
Olanda: se blocchi lo sviluppo di bambine e bambini li spingi a diventare trans
Il protocollo -mettere in pausa la pubertà per consentire ai minori di “scegliere” il sesso- l’hanno inventato loro. Ma anche gli olandesi ora ammettono che in 9 casi su 10 i blocker non danno più tempo per "decidere" ma sono l’inizio della transizione. Una profezia che si auto-avvera. E che gli effetti di questi farmaci non sono affatto reversibili
La clinica universitaria Amsterdam UMC, pioniera nell'uso dei bloccanti della pubertà, ha ammesso che i bambini che assumono questi farmaci possono trovarsi bloccati in una maggiore medicalizzazione. L’ammissione arriva in seguito alla pubblicazione all'inizio di questo mese di un nuovo studio retrospettivo che esamina 20 anni di interventi ormonali noti come "protocollo olandese", condotto su 1.766 bambini e adolescenti tra il 1972 e il 2018 presso la famosa clinica di Amsterdam e pubblicato su The Journal of Sexual Medicine. Ma […]
Leggi ora
30 Gennaio 2023
Nasce GenerAzioneD, associazione italiana di genitori di minori che si definiscono "trans"
Un sito di orientamento e di informazione per sostenere e accompagnare madri e padri che si trovino a vivere questa complessa esperienza: testimonianze, interviste, e link per contribuire a un dibattito approfondito che oggi non trova spazio sui media mainstream
Si è costituita l’associazione culturale, apolitica, aconfessionale e priva di scopi di lucro GenerAzioneD Scopo primario dell’associazione è quello di informare in merito alle problematiche della disforia/incongruenza di genere in bambini, adolescenti e giovani adulti. Attraverso la divulgazione di testimonianze, notizie, articoli nazionali e internazionali in traduzione e la promozione di occasioni di confronto, GenerAzioneD si propone di favorire la trasparenza necessaria affinché venga garantita la migliore assistenza possibile alle persone coinvolte.  GenerAzioneD nasce infatti dall’incontro di alcuni genitori accumunati dall’esperienza di avere figli […]
Leggi ora
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
21 Gennaio 2023
Anche in Italia si apre -finalmente!- il dibattito sui bloccanti della pubertà
A rompere il silenzio la Società Psicoanalitica Italiana che chiede una discussione scientifica aperta su questi trattamenti che definisce "sperimentali", non supportati da adeguati studi e a forte rischio etico perché predeterminano il destino di bambine e bambini
In notevole ritardo rispetto al Grande Nord europeo, alla Gran Bretagna all'Australia, ad alcuni stati USA -che hanno bruscamente frenato sull'uso del puberty blocker come "terapia" per bambine e bambini dai comportamenti non conformi al genere, anche in Italia si rompe finalmente il silenzio con una lettera indirizzata al governo da parte della Società Psicoanalitica Italiana, che invita alla prudenza e all'apertura di una discussione scientifica pubblica. A seguire riproduciamo le interviste realizzate da Marina Terragni per Il Foglio e […]
Leggi ora