Ormoni ai bambini: i giudici UK se ne lavano le mani. La sentenza della Corte d'appello sul caso Keira Bell

In risposta all'appello della Tavistock Clinic sulla sentenza Keira Bell, la Corte rilancia la palla ai medici: sono loro, non i giudici, a dover decidere se un-una minore è in grado di esprimere il suo consenso alla "terapia" sperimentale che blocca lo sviluppo e avvia alla transizione. Ma il dibattito ormai è aperto. E la paura di cause da parte di minori pentite-i -detransitioner- induce la classe medica alla cautela
Condividi questo articolo

La Corte d'appello inglese ha parzialmente ribaltato la sentenza che aveva dato ragione alla giovane detransitioner Keira Bell (qui la sua storia) contro la Tavistock Clinic che quando aveva 16 anni l'aveva frettolosamente avviata alla terapia con bloccanti della pubertà.

Con una sentenza pilatesca e meramente formalistica, la Corte ha rilanciato la palla ai medici: tocca a loro, e non ai Tribunali, stabilire se un-una minore può accedere a questa "terapia" con bloccanti ormonali. Devono essere i medici e non i giudici a prendersi la responsabilità di decidere se il minore possieda o meno la cosiddetta Gillick Competence, ovvero la maturità necessaria a valutare le conseguenze di trattamenti ormonali, che sono irreversibili.

I transattivisti hanno accolto con soddisfazione la sentenza, ma il tempo delle transizioni facili per i minori è comunque finito. Come si sta vedendo in tutto il mondo (leggere qui) a fronte del crescente numero di ex bambine-i gender non conforming che una volta adulte-i si pentono dei cambiamenti irreversibili causati dai puberty blocker, soprattutto a fronte del rischio di cause per danni -follow the money- sempre più frequentemente medici e cliniche stanno adottando un principio di cautela. Quindi sarà sempre più difficile che un-una minore sotto i 16 anni venga avviato sperimentalmente alla transizione secondo il principio "affirmation only" -in sostanza, i blocker non si negano a nessuna-o-. In sintesi, la platea di bambine-i trattate-i con bloccanti è destinata in ogni caso a ridursi.

L'epoca in cui si agiva in modo deresponsabilizzato per seguire un'ideologia e non la corretta prassi medica, si è conclusa. Keira Bell, che ha chiesto di potersi rivolgere alla Corte Suprema, ha commentato: Il mio caso ha aperto un dibattito globale, anche se resta molto da fare. È una fantasia profondamente preoccupante che un medico possa credere che un bambino di 10 anni possa acconsentire alla perdita della propria fertilità”.

Marina Terragni


Quello che segue è il commento del sito Transgendertrend dopo la sentenza della Corte d'Appello.

Siamo sconcertati dalla decisione con la quale la Corte di Appello oggi ha accolto l'impugnazione della Tavistock e Portman NHS Foundation Trust contro la decisione di primo grado della Corte di Giustizia di Londra nel caso Bell e Mrs. A contro Tavistock.

L'appello è stato accolto sulla base del fatto che la Corte di primo grado non ha dichiarato l'illegittimità dell'uso dei bloccanti della pubertà per trattare la disforia di genere, e che la pronuncia e le indicazioni emesse dalla Corte di primo grado hanno avuto a oggetto fatti contestati, prove peritali e pareri medici che non potevano essere esaminati e valutati nell'ambito di un procedimento giudiziario.

La Corte di Appello ha stabilito che i principi espressi nel caso GILLICK sono basati su valutazioni mediche, e non compete al giudice di decidere sulla capacità dei minori di 16 anni di dare un valido consenso ad un trattamento medico.

Alla base dell'appello Tavistock c'è l'argomentazione per cui, nella sentenza, la Corte di primo grado si è basata sui principi espressi nel caso Gillick, che stabiliscono che i bambini di età inferiore ai 16 anni sono in grado di prendere valide decisioni se ritenuti competenti a farlo dal loro medico curante dopo una specifica valutazione individuale.

Tavistock aveva eccepito che la Corte "ha sconfinato nell'area decisionale riservata ai medici, ai pazienti ed ai loro genitori, dove in precedenza (ndt la Corte) non si era mai avventurata.

In sostanza la Corte di Appello ha ritenuto che “la Corte di primo grado ha statuito una restrizione impropria sull'utilizzo dei test di competenza Gillick

I Giudici di appello hanno respinto l'idea che l'uso dei bloccanti della pubertà per la disforia di genere sia un caso limite.

Al punto 76 della sentenza viene addirittura affermato che il consenso ai bloccanti della pubertà non è diverso al consenso alla contraccezione:

Nulla circa la natura o implicazioni del trattamento con i bloccanti della pubertà consente che sia fatta una reale distinzione tra la valutazione della contraccezione in (ndt nel caso) Gillick e dei bloccanti della pubertà in questo caso, tenendo a mente che, quando fu deciso il caso Gillick 35 anni fa, le questioni sollevate con riferimento alla contraccezione per i minori di 16 anni erano fortemente controverse, in una maniera difficile da immaginare oggi

Nell'insieme il giudizio, sebbene a parole dia atto del fatto che sulla questione ci sono diffusi pareri contrari, prende per buone le prove di Tavistock senza approfondire.

Ad esempio: l'affermazione che solo il 16% dei bambini è in seguito trattato con bloccanti della pubertà quando in testimonianze precedenti la dott. Polly Carmichael ha suggerito che la percentuale nell'insieme è piuttosto del 41-45%; l'affermazione che solo il 55% dei bambini trattati con bloccanti della pubertà passa poi alla terapia con gli ormoni del sesso opposto quando sullo stesso sito della GIDS la percentuale indicata è del 98%; e l'affermazione che “lo scopo primario dei bloccanti della pubertà era dare al paziente il tempo di riflettere sulla sua identità di genere” e “il trattamento con il bloccanti della pubertà era separato dal successivo trattamento con gli ormoni del sesso opposto” quando l'Autorità di Ricerca sulla Salute, nelle sue verifiche all'interno degli studi sull'Intervento Precoce di Tavistock, ha stabilito:

“La confusione sarebbe stata ridotta se la descrizione dello scopo del trattamento avesse precisato che esso veniva offerto specificatamente a bambini che dimostravano una disforia di genere forte e persistente ad uno stadio iniziale della pubertà, sicché la soppressione della pubertà stessa avrebbe consentito al successivo trattamento con ormoni del sesso opposto di evitare di ricorrere alla chirurgia per cambiare o altrimenti mascherare gli indesiderati effetti fisici della pubertà nel genere di nascita”

Sebbene sia stato dato molto spazio alla considerazione che non è compito dei tribunali valutare prove mediche, è inevitabile che i tribunali saranno influenzati dalle prove che verranno loro messe a disposizione.

Nel caso dei bloccanti della pubertà, la prova (fornita da Tavistock) è debole, le considerazioni etiche coinvolte assai serie e comunque Tavistock non ha mai reso disponibile la somministrazione di trattamenti alternativi e meno invasivi. Neppure gli organi di controllo hanno mai messo in dubbio le basi ideologiche dell'approccio “affermativo”.

La sentenza di primo grado in Bell & Mrs A contro Tavistock viene citata in maniera estesa dal provvedimento della Corte di Appello e nessuno dei suoi punti viene contestato se non da un punto di vista meramente legale/formale.

Tutte le “preoccupazioni” sussistono ancora.

La Corte di Appello stabilisce:

I medici dovranno inevitabilmente prestare grande attenzione prima di prescrivere il trattamento a un bambino, ed essere tanto avveduti da assicurarsi che il consenso ottenuto sia dal bambino che dai genitori sia stato preceduto da adeguata informazione sui vantaggi e gli svantaggi della terapia proposta, alla luce della evoluzione della ricerca, e dalla chiara comprensione delle implicazioni e delle conseguenze a lungo termine di tale trattamento. E' necessaria grandissima attenzione per assicurare che i consensi necessari siano ottenuti in maniera corretta. Così come Gillick ha chiarito, i medici potranno comunque essere oggetto di azioni disciplinari  e civili quando, nei singoli casi, sorgessero problemi

L'originaria pronuncia giudiziaria e il conseguente appello hanno portato la questione della prevenzione della pubertà nei bambini alla pubblica ribalta, e all'attenzione del mondo medico e politico.

Keira Bell ha aperto il confronto.

Verrà richiesta autorizzazione all'ulteriore impugnazione presso la Corte Suprema.

(traduzione di La Crissy)

qui l'articolo originale

qui la sentenza dell'Alta Corte


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
28 Settembre 2023
Comprare e vendere embrioni e feti umani: primo sì della UE
Una bozza di regolamento del Parlamento Europeo (SoHo) approvata a maggioranza da liberali, socialisti e verdi apre definitivamente al mercato transfrontaliero delle “sostanze di origine umana” compresi gameti, embrioni e feti. Con il rischio che le legislazioni nazionali possano essere bypassate in forza delle indicazioni di Bruxelles
Il Parlamento europeo ha approvato in prima istanza una proposta di regolamento che equipara gli embrioni umani a cellule e tessuti, definendoli "sostanze di origine umana", e apre le porte all'eugenetica e agli usi industriali. La proposta di regolamento sugli standard di qualità e sicurezza delle sostanze di origine umana destinate all'applicazione sull'uomo (o regolamento SoHO) è stata approvata il 12 settembre da un'ampia maggioranza di socialisti, verdi e liberali, nonostante l’allarme lanciato da varie organizzazioni di esperti. Ufficialmente lo […]
Leggi ora
20 Settembre 2023
UK, non si può più dire "donna" o "madre": le disposizioni woke del General Medical Council
Decisione di inaudita violenza del registro dei medici britannici: la parola donna va cancellata a ogni livello. Non può essere nominata nemmeno quando si parla di maternità, di parto, di allattamento, di menopausa. Perfino il 999, numero delle emergenze, non può più chiedere di che sesso è la persona che chiede aiuto. I woke sanno benissimo che il corpo femminile è il principale ostacolo al progetto transumano. E vogliono cancellarlo perfino nel linguaggio
Continua a succedere: le donne e le madri vanno cancellate anche dal vocabolario, a ogni livello. Non si arrendono perché il simbolico materno è l'ostacolo più resistente al progetto transumano. Non ci arrenderemo neanche noi. Se lo scordino Il General Medical Council -ente pubblico che conserva il registro ufficiale dei medici nel Regno Unito- ha sostituito la parola "madre" con termini neutri nella sua guida alla maternità per il personale. La guida aggiornata per le dipendenti che rimangono incinte omette […]
Leggi ora
11 Settembre 2023
Uteri femminili in corpi maschili
Il sogno invidioso di sempre -poter fare figli senza le donne, cancellare le madri, insomma il Graal- è sempre più vicino a realizzarsi: nel giro di 5-10 anni anche le persone trans MtF, biologicamente uomini, potranno ricevere un trapianto di utero e condurre una gestazione. Desiderio-diritto “inclusivo” che migliorerebbe la qualità della loro vita e attenuerebbe i sintomi della disforia. Mentre la vita e la salute di bambine e bambini nati da queste pratiche non preoccupano i bioetici
Euronews dà conto dei rapidi progressi della ricerca sul fronte del trapianto di utero, con particolare riferimento alla richiesta delle persone trans MtF il cui corpo resta biologicamente maschile, mentre le persone FtM, se conservano il loro apparto genitale femminile, possono intraprendere una gravidanza come qualunque altra donna: i "padri incinti" di cui la stampa mainstream ama dare notizia non sono altro che donne che si autoidentificano come uomini. Nell'articolo, che qui traduciamo, le donne vengono definite donne cis-, suffisso […]
Leggi ora
7 Settembre 2023
Appello alla FDA: basta tacere sui farmaci che bloccano la pubertà
Una petizione chiede all’ente americano del farmaco -che non ha mai autorizzato l’uso off label di queste sostanze per bambine e bambini con disforia- di contrastare la disinformazione che propaganda questi trattamenti come efficaci e sicuri e di pretendere studi che lo dimostrino.Tra il 207 e il 2021 il numero dei minori trattati è più che raddoppiato e l’FDA non può più fingere di non vedere
Nel suo sito Gender Clinic News Bernard Lane dà notizia di un importante petizione rivolta alla FDA (Food and Drug Administration, ente regolatore dei farmaci negli Stati Uniti) perché intraprenda un'azione urgente sull'uso non approvato (off label) di farmaci soppressori ormonali per bloccare la pubertà di bambine e bambini che si identificano come transgender. Sebbene quest'uso non sia mai stato approvato dalla FDA, non è possibile che l'ente ignori il possibile danno per i minori che vengono sottoposti a questi […]
Leggi ora
29 Agosto 2023
Grecia, traffico di uteri e di bambini: neonati "sequestrati", coppie bloccate in attesa
Arrestata l’equipe del Mediterranean Fertility Institute di Creta per sospetto mercato di esseri umani e di gameti, frode e falsificazione. Molte decine di donne povere dell’Europa dell’Est convinte a lasciarsi sfruttare per fornire bambini ai committenti in gran parte australiani
Il Mediterranean Fertility Institute, clinica della maternità surrogata di Creta, è stata perquisita dalla polizia per sospetto traffico di esseri umani e frode e l'intera equipe medica è stata arrestata e condotta in carcere con l'accusa di traffico di bambini. Secondo la polizia greca un gruppo di trafficanti avrebbe cooptato 160 donne povere -ucraine, rumene, moldave, albanesi e georgiane- convincendole a fornire ovociti e a prestarsi come uteri in affitto per poche decine di euro al mese, alloggiandole in modo […]
Leggi ora
15 Agosto 2023
Danimarca: basta ormoni ai bambini! Lo dicono perfino i trans
Dopo Uk, Svezia, Finlandia, Norvegia e Olanda anche la Danimarca dice stop ai bloccanti della pubertà per ragazze-i non conformi al genere: quei farmaci sono sperimentali e non ci sono prove scientifiche che funzionino. Ma qui l’iniziativa del governo è sostenuta da importanti associazioni LGBT: è la prima volta che succede. E in Italia? Non si riesce nemmeno a sapere quanti sono i minori trattati
Anche la Danimarca fa marcia indietro sui bloccanti della pubertà a bambine/i confusi sul loro sesso: il sistema sanitario danese d’ora in poi offrirà terapie psicologiche e non più farmaci alle/agli adolescenti che non abbiano segnalato disagio nel loro sesso di nascita fin dall’infanzia. Lo ha annunciato la ministra della salute Sophie Løhde nel corso di un dibattito parlamentare che ha bocciato la proposta di vietare totalmente la transizione di genere ai minori presentata dal partito populista Nye Borgerlige (Nuova […]
Leggi ora