Orgogliosamente lesbica, non vado più al Pride

Saggista e femminista radicale di colore e fondatrice del blog Sister Outrider, Claire Heuchan attacca la misoginia del mondo Lgbt, la pornografizzazione e il merchandising arcobaleno
Condividi questo articolo

di Claire Heuchan

Ricordo ancora il mio primo Pride, quasi una vita e mezza fa. Avevo quindici anni e stavo trascorrendo una giornata a Glasgow con mia madre quando vedemmo la parata partire da Queen Street. Negli anni trascorsi da allora ad oggi, mi sono spesso domandata se la scelta di quella via come punto di partenza fosse intenzionale oppure no. Ma all'epoca non avevo abbastanza familiarità con la cultura gay, o con la rivendicazione ironica degli insulti per metterla seriamente in discussione. Inoltre, le piume sgargianti e l'ostentazione erano così lontane da ciò che avevo visto nella mia vita che richiedevano tutta la mia attenzione.

Mia madre sembrava abbastanza entusiasta di assistere alla parata. Lei è lesbica mentre io, all'epoca, mi consideravo ancora bisessuale. Stavamo insieme sul margine della strada a guardare la parata. Ricordo di essere rimasta incantata da un carro che aveva uno striscione sulla paternità gay e sul quale una dozzina di uomini gay mandavano baci alla folla. Fu una delle poche occasioni nella mia adolescenza in cui l'attenzione di uomini adulti sconosciuti non mi diede fastidio.

Ma la situazione divenne un po' più imbarazzante quando un gruppo di uomini iniziò a duellare con dei peni gonfiabili giganti. Assistere a qualsiasi cosa che abbia un che di vagamente sessuale a fianco dei tuoi genitori è sempre estremamente imbarazzante. Oggi mi sembra così banale se paragonato agli accessori fetish che la cultura del porno ha inserito nel mainstream. Se ci fosse stato un evidente BDSM in mostra, come alcune immagini che vedo circolare su Twitter ogni stagione dei Pride, sono certa che che mia madre avrebbe chiesto di andarsene. E io sarei stata assolutamente d'accordo.

A quei tempi, sarebbe stato impensabile per me - in quanto donna adulta che ha la libertà di poter partecipare al Pride ogni anno - scegliere di non partecipare. Eppure sono anni che non vado al Pride. E non sono l'unica. Un recente sondaggio ha scoperto che il 53% delle donne lesbiche e bisessuali non si sente a proprio agio al Pride. Meno della metà delle donne intervistate ha affermato di voler partecipare al Pride, sebbene la stragrande maggioranza di loro viva in paesi o città in cui il Pride viene organizzato regolarmente.

Qualcosa è chiaramente andato per il verso sbagliato nella comunità LGBT se la maggior parte delle donne si sente estraniata dal Pride. E nonostante io ricordi con affetto il mio primo Pride, mi rendo conto solo ora di quante poche donne fossero presenti nella marcia. L'unico gruppo tutto femminile che vidi quel giorno furono le SheBoom, il più grande gruppo femminile Europeo di percussioniste. Per il resto, gli uomini dominavano la parata. Il sessismo ha danneggiato la nostra comunità da quando si è formata, danneggiando gruppi pionieristici come il Gay Liberation Front. E finché non si affronterà il problema della misoginia presente all'interno degli spazi LGBT, non cambierà nulla.

Il Pride è nato come un atto di protesta. Era un modo per commemorare l'insurrezione di Stonewall, che fu innescata da una donna lesbica birazziale che si batteva contro le violenze e le brutalità della polizia. Il suo nome era Stormé DeLarverie. Nonostante il nome di Stormé sia stato quasi cancellato dalla storia LGBT - accantonato a vantaggio degli uomini suoi contemporanei - non ci sarebbe nessun Pride senza il suo coraggio. Mi chiedo spesso cosa ne penserebbe Stormé degli agenti di polizia in uniforme che si uniscono alla marcia, del merchandising arcobaleno prodotto dalle corporazioni o della sponsorizzazione del Pride da parte dei colossi bancari internazionali.

Il capitalismo arcobaleno ha poco da offrire a una donna lesbica, la quale in media ha più probabilità di vivere in povertà rispetto ad una donna etero o ad un uomo gay. Eppure ad ogni occasione possibile ci vengono propinate menzogne da vari brand desiderosi di fare soldi con i diritti dei gay, riducendo la politica di liberazione ad una tendenza di marketing. Questo cinismo e bramosia di certe corporazioni, uniti alla misoginia sempre più diffusa negli spazi LGBT, spingono le donne ad abbandonare il Pride.

Questi valori non mi rappresentano in alcun modo come lesbica. Quando penso a che cos'è che mi rende veramente orgogliosa di essere lesbica, realizzo che sono le donne che formano la comunità lesbica, con pochissima ricompensa o riconoscimento. Sono orgogliosa di appartenere ad un gruppo di donne così eccezionali. Sono orgogliosa che le donne lesbiche più grandi di me nella mia vita abbiano visto in me qualcosa che meritasse di essere coltivato. E sono orgogliosa di poter fare lo stesso per le donne lesbiche più giovani presenti nella mia vita. Ma non mi sento per niente orgogliosa di un movimento che ripetutamente volta le spalle alle lesbiche.

Quando gruppi come la Lesbian Rights Alliance sfidano Stonewall, o Get the L Out, protestano contro il Pride, vengono denigrati e condannati. Ma è più facile mettere alla gogna le organizzazioni lesbiche che chiedersi anzitutto che cosa ha spinto le donne a formare quei gruppi di rottura. Poiché siamo condizionati ad aspettarci che le donne sottomettano ai nostri bisogni e che si facciano carico della maggior parte del lavoro di cura, le persone possono nutrire un'antipatia istintiva nei confronti delle donne che si concentrano su sè stesse e sulle altre donne: il separatismo lesbico è sempre stato visto attraverso la lente del sospetto. E questa misoginia non fa che allargare il divario che minaccia di frammentare la comunità LGBT.

Link originale dell'articolo qui, traduzione di Angela Tacchini


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
13 Maggio 2022
Destra, sinistra, umano, transumano
Il tema dei "diritti" -dall'identità di genere all'utero in affitto- non è complementare o a latere, ma delinea l'orizzonte verso il quale ci si muove. Ma la prospettiva post-umana perseguita dai progressisti non è unica e ineluttabile. L'alternativa esiste: una civiltà a radice femminile
Ripresentando il ddl Zan, al Senato con scarsissime possibilità che passi -quando invece altre soluzioni, tipo il ddl Scalfarotto, avrebbero assicurato una legge contro l'omobitransfobia- il segretario PD Letta ha più volte sottolineato che il tema dei diritti è decisivo per il suo partito. Tema dei diritti che tuttavia è sempre posto come complementare, a latere di questioni ritenute ben più rilevanti: la guerra, certo, i temi economici ma anche semplicemente la legge elettorale. In verità il più della partita […]
Leggi ora
10 Maggio 2022
Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane
La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui). Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical. Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen […]
Leggi ora
4 Maggio 2022
Aborto in USA: qualcosa non torna
Una "manina" fa uscire in largo anticipo una sentenza della Corte Suprema che renderebbe illegale l'interruzione di gravidanza. A vantaggio di chi, e perché? Con quali conseguenze sulle elezioni di midterm, in cui Biden era dato perdente? E che cosa c'entra con tutto questo il femminismo gender critical, a cui alcuni osservatori liberal intendono dare la colpa?
Una vera bomba politica scagliata a pochi mesi dalle elezioni di midterm la bozza della sentenza della Corte Suprema americana, fortunosamente fuoruscita, che renderebbe l'aborto illegale negli Stati Uniti, rovesciando la storica sentenza Roe v. Wade che lo rese legale nel 1973. Intanto è una bozza, la sentenza definitiva è attesa per giugno. Si tratta inoltre di capire di chi sia la "manina" che l'ha fatta uscire, e perché. Potrebbe essere stato qualcuno dei giudici conservatori (Clarence Thomas, Samuel Alito che avrebbe […]
Leggi ora
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora