New England Journal of Medicine: il divieto di aborto è una catastrofe sanitaria

La prestigiosa rivista lancia l'allarme: saranno soprattutto le donne povere e di colore a pagare il prezzo della sentenza della Corte Suprema, ricacciate ad abortire nella clandestinità con gravi rischi per la loro salute. Anche la pillola del giorno dopo e perfino la spirale potrebbero essere vietati e perseguiti come mezzi abortivi
Condividi questo articolo

La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in Dobbs v. Jackson Women's Health Organization rappresenta uno straordinario capovolgimento (...) Eppure non era inaspettato. Nel lungo e doloroso preludio alla decisione, molti stati hanno gravemente limitato l'accesso all'assistenza sanitaria riproduttiva. La foglia di fico che copriva queste restrizioni era che l'aborto indotto era una procedura pericolosa che richiedeva una regolamentazione più severa per proteggere la salute delle donne che cercavano tale assistenza. I fatti smentiscono questa falsa retorica. 

Gli ultimi dati disponibili negli Stati Uniti dai Centers for Disease Control and Prevention e dal National Center for Health Statistics indicano che la mortalità materna dovuta all'aborto legale è di 0,41 per 100.000 procedure, rispetto al tasso di mortalità materna complessivo di 23,8 per 100.000 nati vivi

L'esperienza in tutto il mondo ha dimostrato che limitare l'accesso alle cure legali per l'aborto non riduce sostanzialmente il numero di procedure, ma riduce drasticamente il numero di procedure sicure , con conseguente aumento della morbilità e della mortalità. È probabile che anche a milioni di donne negli stati privi di protezione per l'aborto venga negato anche l'accesso agli aborti indotti dai farmaci. Potrebbe essere difficile per molti americani nel 2022 capire fino in fondo quanto complicate, stressanti e costose, se non irraggiungibili, diventeranno le loro decisioni più private e intime ora che Roe è stato colpito. 

Un recente articolo del New York Times ha raccontato le esperienze di donne, ora tra i 60 e i 70 anni, che hanno cercato di abortire prima di Roe . Descrivono circostanze umilianti, procedure pericolose eseguite letteralmente nei vicoli secondari e la profonda vergogna e lo stigma che subivano. Le complicazioni comuni delle procedure illegali includevano lesioni al tratto riproduttivo che richiedevano un intervento chirurgico, induzione di infezioni con conseguente infertilità, infezioni sistemiche, insufficienza d'organo e morte. Ora sembriamo destinati a riapprendere quelle lezioni a scapito di vite umane.

Senza la protezione federale, le recenti leggi statali che limitano o eliminano il diritto all'aborto negheranno l'autonomia riproduttiva degli americani e creeranno una distopia orwelliana. Gli esempi sono la legge dell'Oklahoma promulgata il 25 maggio 2022, che dichiara che la vita inizia alla fecondazione e il disegno di legge del Texas, entrato in vigore il 1 settembre 2021, che autorizza terze parti a intentare cause civili e a riscuotere danni contro persone che aiutano o favoriscono gli aborti. Gli imputati in tali cause sosterranno le loro spese legali, mentre i querelanti sono indennizzati contro le controquerele per aver intentato azioni infondate. 

L'uso della contraccezione postcoitale, dei contraccettivi ormonali o il posizionamento di un dispositivo intrauterino (spirale) potrebbero essere equiparati all'aborto e perseguiti; alcune giurisdizioni (es. Mississippi) stanno già prendendo in considerazione tali azioni. Dopo il concepimento, trascorrono circa 14 giorni prima che la gonadotropina corionica raggiunga livelli rilevabili nel sangue materno. Circa il 30% delle gravidanze riconosciute provoca aborti spontanei. Pertanto in alcune giurisdizioni le donne potrebbero essere perseguite per aver interrotto una gravidanza utilizzando la contraccezione postcoitale, nonostante una probabilità del 98% che le loro azioni non abbiano causato un aborto, ma non c'è modo di provare o smentire che fossero incinte (...)

Per quasi 50 anni, gli americani hanno vissuto sotto la protezione di Roe v. Wade, liberi di determinare il proprio destino riproduttivo. In un momento in cui dozzine di altri paesi in tutto il mondo stanno codificando le protezioni per il processo decisionale riproduttivo per i loro cittadini, stiamo riportando indietro l'orologio per togliere questi diritti ai nostri cittadini. Come è stato sottolineato da altri, i membri più privilegiati della società statunitense saranno sempre in grado di aggirare le leggi restrittive e trovare assistenza per l'aborto nelle giurisdizioni che lo consentono. Le modifiche attualmente proposte nelle leggi saranno più gravose e ingiuste per le persone a basso reddito e le persone di colore che sono meno in grado di superare gli ostacoli posti sui loro percorsi. Questi cambiamenti inevitabilmente aggraveranno le già vaste disparità in termini di ricchezza e salute.

Abolendo le protezioni legali di lunga data, l'annullamento della sentenza Roe v. Wade da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti fa il male delle famiglie americane, mettendo a rischio per loro salute, sicurezza, finanze e futuro. Alla luce di queste prevedibili conseguenze, i redattori del New England Journal of Medicine condannano fermamente la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti.

traduzione di Marina Terragni (l'articolo integrale qui).


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
6 Agosto 2022
California, transificio di bambine/i
Lo stato americano si propone come meta di turismo "sanitario" per le/i minori che non riescono ad accedere alla transizione nel luogo in cui vivono. Esautorando i genitori e sollevando gli operatori da ogni rischio di causa in caso di successivi "pentimenti". Intanto in UK, dopo la chiusura della Tavistock, occhi puntati su una clinica scozzese dove il modello sperimentale (bloccanti della pubertà e chirurgia) continua a essere applicato
Negli Stati Uniti è in corso una vera e propria guerra sull’ideologia dell’identità di genere e la sua promozione nelle scuole. Una “guerra culturale” che vede contrapposte le élite, che finanziano e promuovono la gender ideology, e la gente comune che vi si oppone (vedere qui il caso Disney). Mentre Biden fin dal primo giorno ha fatto molte concessioni legislative all’attivismo trans a livello federale, i repubblicani hanno intercettato lo scontento della cittadinanza con diverse contro-leggi a livello statale, come […]
Leggi ora
3 Agosto 2022
Operaia sì. Ministra no. Donna nemmeno
Se c’è una cosa su cui i politici italiani sono tutti d’accordo è la cancellazione delle donne, a partire dal linguaggio. Mentre la sinistra "progressista" ci cancella con asterischi e schwa -lingua finto-inclusiva che riporta tutto al maschile- la destra rifiuta di usare il femminile per le donne di autorità nelle istituzioni. Ma la parole sono importanti perché fanno realtà
Incredibilmente -e con voto segreto, scelleratamente concesso dalla presidente Casellati- qualche giorno fa il Senato ha respinto l'emendamento Maiorino che autorizzava a chiamare le donne delle istituzioni con il loro nome. Questione che ha una profonda rilevanza politica. Sono molti i poeti che nel corso dei secoli si sono avvalsi di licenze poetiche, ovvero intenzionali errori grammaticali, metrici e sintattici con l'intenzione di sottolineare un concetto o alterare la sonorità del componimento. Il 27 luglio 2022 a palazzo Madama è […]
Leggi ora
29 Luglio 2022
UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical
L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro […]
Leggi ora
28 Luglio 2022
Argentina: stop al linguaggio neutro nelle scuole
E' stato il primo paese a introdurre l’auto-identificazione di genere. Dieci anni dopo è tra i primi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole in quanto "nemmeno così inclusivo: crea una barriera per i bambini con difficoltà di apprendimento”
Nel 2012 l’Argentina è stato il primo paese al mondo a introdurre il self-id o auto-identificazione di genere nel suo ordinamento giuridico. Dieci anni dopo è uno dei primi paesi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole. Come insegnano le madri del femminismo radicale e del pensiero della differenza, il neutro è uno specchietto per le allodole che di fatto riporta al centro il punto di vista maschile. Se l’illusione del neutro salta meno all’occhio nella lingua inglese, è subito […]
Leggi ora
25 Luglio 2022
Campo aperto, liste chiuse
L'occhio di tigre non vuole vedere che tu puoi riassemblare e ricombinare lo schieramento quanto vuoi, ma se le facce e i nomi restano gli stessi sei molto poco credibile. E se l'unico obiettivo riconoscibile dal più dell'elettorato è sbarrare la strada all'avversaria politica -per una volta una donna, il che rende tutto ancora più surreale- le probabilità di successo non sono molte
Lavori in corso per la costruzione del grande rassemblement o campo aperto (quello largo è stato dismesso). La discussione è solo tra uomini (con la parziale eccezione di Emma Bonino) e il cemento che tiene insieme il progetto di coalizione è "fermare Meloni": di programmi politici si discute poco, e che cosa possano avere in comune Calenda, Fratoianni e Di Maio è tutto da capire. Osservatori e sociologi della politica si sgolano a far notare che costruire un progetto "contro" […]
Leggi ora
6 Luglio 2022
Maya Forstater, licenziata per aver detto che il sesso non si può cambiare, vince in tribunale: fu discriminazione
Decisiva per il femminismo gender critical in tutto il mondo la vittoria di Maya, ricercatrice che perse il suo lavoro per un tweet in cui scriveva che il sesso biologico è immutabile e che le donne hanno diritti basati sul sesso. La Gran Bretagna ribadisce il diritto a criticare l'identità di genere: minacce e accuse di transfobia sono illegittime. "Un'ulteriore prova" dice Forstater "che il vento sta cambiando". La sentenza definitiva del tribunale del lavoro ha anche condannato a un risarcimento la società che non ha rinnovato il contratto alla ricercatrice, cofondatrice di Sex Matters. Un trionfo su tutta la linea
Un anno fa, giugno 2021, Feminist Post ha pubblicato un articolo sul caso di Maya Forstater, la ricercatrice britannica il cui contratto di lavoro non fu rinnovato dal suo datore di lavoro per aver espresso delle opinioni critiche sul concetto di identità di genere ed aver riaffermato l’importanza dei diritti delle donne fondati sul sesso. L’articolo si chiudeva ricordando ai lettori e alle lettrici che il caso di Maya non era ancora concluso e, anche se la sentenza d'appello del […]
Leggi ora