New England Journal of Medicine: il divieto di aborto è una catastrofe sanitaria
La prestigiosa rivista lancia l'allarme: saranno soprattutto le donne povere e di colore a pagare il prezzo della sentenza della Corte Suprema, ricacciate ad abortire nella clandestinità con gravi rischi per la loro salute. Anche la pillola del giorno dopo e perfino la spirale potrebbero essere vietati e perseguiti come mezzi abortivi

Condividi questo articolo

La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in Dobbs v. Jackson Women’s Health Organization rappresenta uno straordinario capovolgimento (…) Eppure non era inaspettato. Nel lungo e doloroso preludio alla decisione, molti stati hanno gravemente limitato l’accesso all’assistenza sanitaria riproduttiva. La foglia di fico che copriva queste restrizioni era che l’aborto indotto era una procedura pericolosa che richiedeva una regolamentazione più severa per proteggere la salute delle donne che cercavano tale assistenza. I fatti smentiscono questa falsa retorica. 

Gli ultimi dati disponibili negli Stati Uniti dai Centers for Disease Control and Prevention e dal National Center for Health Statistics indicano che la mortalità materna dovuta all’aborto legale è di 0,41 per 100.000 procedure, rispetto al tasso di mortalità materna complessivo di 23,8 per 100.000 nati vivi

L’esperienza in tutto il mondo ha dimostrato che limitare l’accesso alle cure legali per l’aborto non riduce sostanzialmente il numero di procedure, ma riduce drasticamente il numero di procedure sicure , con conseguente aumento della morbilità e della mortalità. È probabile che anche a milioni di donne negli stati privi di protezione per l’aborto venga negato anche l’accesso agli aborti indotti dai farmaci. Potrebbe essere difficile per molti americani nel 2022 capire fino in fondo quanto complicate, stressanti e costose, se non irraggiungibili, diventeranno le loro decisioni più private e intime ora che Roe è stato colpito. 

Un recente articolo del New York Times ha raccontato le esperienze di donne, ora tra i 60 e i 70 anni, che hanno cercato di abortire prima di Roe . Descrivono circostanze umilianti, procedure pericolose eseguite letteralmente nei vicoli secondari e la profonda vergogna e lo stigma che subivano. Le complicazioni comuni delle procedure illegali includevano lesioni al tratto riproduttivo che richiedevano un intervento chirurgico, induzione di infezioni con conseguente infertilità, infezioni sistemiche, insufficienza d’organo e morte. Ora sembriamo destinati a riapprendere quelle lezioni a scapito di vite umane.

Senza la protezione federale, le recenti leggi statali che limitano o eliminano il diritto all’aborto negheranno l’autonomia riproduttiva degli americani e creeranno una distopia orwelliana. Gli esempi sono la legge dell’Oklahoma promulgata il 25 maggio 2022, che dichiara che la vita inizia alla fecondazione e il disegno di legge del Texas, entrato in vigore il 1 settembre 2021, che autorizza terze parti a intentare cause civili e a riscuotere danni contro persone che aiutano o favoriscono gli aborti. Gli imputati in tali cause sosterranno le loro spese legali, mentre i querelanti sono indennizzati contro le controquerele per aver intentato azioni infondate. 

L’uso della contraccezione postcoitale, dei contraccettivi ormonali o il posizionamento di un dispositivo intrauterino (spirale) potrebbero essere equiparati all’aborto e perseguiti; alcune giurisdizioni (es. Mississippi) stanno già prendendo in considerazione tali azioni. Dopo il concepimento, trascorrono circa 14 giorni prima che la gonadotropina corionica raggiunga livelli rilevabili nel sangue materno. Circa il 30% delle gravidanze riconosciute provoca aborti spontanei. Pertanto in alcune giurisdizioni le donne potrebbero essere perseguite per aver interrotto una gravidanza utilizzando la contraccezione postcoitale, nonostante una probabilità del 98% che le loro azioni non abbiano causato un aborto, ma non c’è modo di provare o smentire che fossero incinte (…)

Per quasi 50 anni, gli americani hanno vissuto sotto la protezione di Roe v. Wade, liberi di determinare il proprio destino riproduttivo. In un momento in cui dozzine di altri paesi in tutto il mondo stanno codificando le protezioni per il processo decisionale riproduttivo per i loro cittadini, stiamo riportando indietro l’orologio per togliere questi diritti ai nostri cittadini. Come è stato sottolineato da altri, i membri più privilegiati della società statunitense saranno sempre in grado di aggirare le leggi restrittive e trovare assistenza per l’aborto nelle giurisdizioni che lo consentono. Le modifiche attualmente proposte nelle leggi saranno più gravose e ingiuste per le persone a basso reddito e le persone di colore che sono meno in grado di superare gli ostacoli posti sui loro percorsi. Questi cambiamenti inevitabilmente aggraveranno le già vaste disparità in termini di ricchezza e salute.

Abolendo le protezioni legali di lunga data, l’annullamento della sentenza Roe v. Wade da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti fa il male delle famiglie americane, mettendo a rischio per loro salute, sicurezza, finanze e futuro. Alla luce di queste prevedibili conseguenze, i redattori del New England Journal of Medicine condannano fermamente la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti.

traduzione di Marina Terragni (l’articolo integrale qui).


Condividi questo articolo
Torna in alto