New England Journal of Medicine: il divieto di aborto è una catastrofe sanitaria

La prestigiosa rivista lancia l'allarme: saranno soprattutto le donne povere e di colore a pagare il prezzo della sentenza della Corte Suprema, ricacciate ad abortire nella clandestinità con gravi rischi per la loro salute. Anche la pillola del giorno dopo e perfino la spirale potrebbero essere vietati e perseguiti come mezzi abortivi
Condividi questo articolo

La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in Dobbs v. Jackson Women's Health Organization rappresenta uno straordinario capovolgimento (...) Eppure non era inaspettato. Nel lungo e doloroso preludio alla decisione, molti stati hanno gravemente limitato l'accesso all'assistenza sanitaria riproduttiva. La foglia di fico che copriva queste restrizioni era che l'aborto indotto era una procedura pericolosa che richiedeva una regolamentazione più severa per proteggere la salute delle donne che cercavano tale assistenza. I fatti smentiscono questa falsa retorica. 

Gli ultimi dati disponibili negli Stati Uniti dai Centers for Disease Control and Prevention e dal National Center for Health Statistics indicano che la mortalità materna dovuta all'aborto legale è di 0,41 per 100.000 procedure, rispetto al tasso di mortalità materna complessivo di 23,8 per 100.000 nati vivi

L'esperienza in tutto il mondo ha dimostrato che limitare l'accesso alle cure legali per l'aborto non riduce sostanzialmente il numero di procedure, ma riduce drasticamente il numero di procedure sicure , con conseguente aumento della morbilità e della mortalità. È probabile che anche a milioni di donne negli stati privi di protezione per l'aborto venga negato anche l'accesso agli aborti indotti dai farmaci. Potrebbe essere difficile per molti americani nel 2022 capire fino in fondo quanto complicate, stressanti e costose, se non irraggiungibili, diventeranno le loro decisioni più private e intime ora che Roe è stato colpito. 

Un recente articolo del New York Times ha raccontato le esperienze di donne, ora tra i 60 e i 70 anni, che hanno cercato di abortire prima di Roe . Descrivono circostanze umilianti, procedure pericolose eseguite letteralmente nei vicoli secondari e la profonda vergogna e lo stigma che subivano. Le complicazioni comuni delle procedure illegali includevano lesioni al tratto riproduttivo che richiedevano un intervento chirurgico, induzione di infezioni con conseguente infertilità, infezioni sistemiche, insufficienza d'organo e morte. Ora sembriamo destinati a riapprendere quelle lezioni a scapito di vite umane.

Senza la protezione federale, le recenti leggi statali che limitano o eliminano il diritto all'aborto negheranno l'autonomia riproduttiva degli americani e creeranno una distopia orwelliana. Gli esempi sono la legge dell'Oklahoma promulgata il 25 maggio 2022, che dichiara che la vita inizia alla fecondazione e il disegno di legge del Texas, entrato in vigore il 1 settembre 2021, che autorizza terze parti a intentare cause civili e a riscuotere danni contro persone che aiutano o favoriscono gli aborti. Gli imputati in tali cause sosterranno le loro spese legali, mentre i querelanti sono indennizzati contro le controquerele per aver intentato azioni infondate. 

L'uso della contraccezione postcoitale, dei contraccettivi ormonali o il posizionamento di un dispositivo intrauterino (spirale) potrebbero essere equiparati all'aborto e perseguiti; alcune giurisdizioni (es. Mississippi) stanno già prendendo in considerazione tali azioni. Dopo il concepimento, trascorrono circa 14 giorni prima che la gonadotropina corionica raggiunga livelli rilevabili nel sangue materno. Circa il 30% delle gravidanze riconosciute provoca aborti spontanei. Pertanto in alcune giurisdizioni le donne potrebbero essere perseguite per aver interrotto una gravidanza utilizzando la contraccezione postcoitale, nonostante una probabilità del 98% che le loro azioni non abbiano causato un aborto, ma non c'è modo di provare o smentire che fossero incinte (...)

Per quasi 50 anni, gli americani hanno vissuto sotto la protezione di Roe v. Wade, liberi di determinare il proprio destino riproduttivo. In un momento in cui dozzine di altri paesi in tutto il mondo stanno codificando le protezioni per il processo decisionale riproduttivo per i loro cittadini, stiamo riportando indietro l'orologio per togliere questi diritti ai nostri cittadini. Come è stato sottolineato da altri, i membri più privilegiati della società statunitense saranno sempre in grado di aggirare le leggi restrittive e trovare assistenza per l'aborto nelle giurisdizioni che lo consentono. Le modifiche attualmente proposte nelle leggi saranno più gravose e ingiuste per le persone a basso reddito e le persone di colore che sono meno in grado di superare gli ostacoli posti sui loro percorsi. Questi cambiamenti inevitabilmente aggraveranno le già vaste disparità in termini di ricchezza e salute.

Abolendo le protezioni legali di lunga data, l'annullamento della sentenza Roe v. Wade da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti fa il male delle famiglie americane, mettendo a rischio per loro salute, sicurezza, finanze e futuro. Alla luce di queste prevedibili conseguenze, i redattori del New England Journal of Medicine condannano fermamente la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti.

traduzione di Marina Terragni (l'articolo integrale qui).


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
26 Novembre 2022
Riforma del Reddito di Cittadinanza: si tenga conto della differenza sessuale
La situazione occupazionale e i livelli retributivi delle donne -con forte variabilità regionale- sono molto diversi tra donne e uomini. Così è stato anche per il reddito, che ha avuto effetti positivi anche sulla natalità. Ecco perché il cambiamento dell'istituto richiede un'attenta valutazione del cosiddetto "impatto di genere": una riforma "uguale" potrebbe avere effetti diseguali in base al sesso
Ormai a 360°, sia pure con impostazioni e soluzioni diverse, si riconosce la necessità di una riforma del reddito di cittadinanza. Il governo Meloni ha presentato il suo piano in progress. Ma la considerazione di quello che viene definito "impatto di genere" -cioè la valutazione degli effetti della riforma sulle donne- appare ancora insufficiente, generalmente sottovalutato dalle analisi. In una situazione sociale e in un mercato del lavoro come quello italiano che vede le donne fortemente svantaggiate tanto nei livelli […]
Leggi ora
7 Novembre 2022
Belgio, nuova legge sul femminicidio. Da studiare
In Europa la violenza maschile è la principale causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni. Il Belgio si attrezza con una nuova legge che per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche fondate su statistiche ufficiali. Avendo ben presente che la violenza è un dispositivo del dominio maschile
Fermare la strage delle donne. E’ questo il senso della nuova “legge sulla prevenzione e la lotta contro i femminicidi, i delitti basati sul genere e le violenze che li precedono” adottata in prima lettura nel Consiglio dei ministri lo scorso 25 ottobre in Belgio. Depositata dalla Segretaria di Stato per la Parità di Genere, Sarah Schlitz (Ecolo/Verdi), la legge quadro per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche di lotta fondate su statistiche ufficiali. E in […]
Leggi ora
29 Ottobre 2022
Il nome della premier
Giorgia Meloni non è femminista. La sua storia non è questa. Non ha condiviso le lunghe battaglie sulla lingua, sulla declinazione al femminile anziché al neutro-maschile. Ma il linguaggio oggi è un campo di battaglia che struttura le più importanti questioni politiche. E merita da parte sua un supplemento di riflessione
Giorgia Meloni non è femminista. Non è questa la sua storia. Nessuna donna di destra o centrodestra che abbia assunto importanti incarichi politici, da Thatcher a Merkel, si è mai detta femminista. Ne consegue la non-sensibilità alla declinazione femminile del proprio incarico, a cui il femminismo invece dà importanza. Anche se Angela Merkel alla fine del suo lungo cancellierato, nel corso di un incontro con la scrittrice Chimamanda Ngozi Adichie, ha accettato di dirsi femminista. Secondo Alice Schwarzer, fondatrice della […]
Leggi ora
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora
21 Ottobre 2022
Donne-contenitori: prolife e pro-utero in affitto la vedono allo stesso modo
Per gli uni e per gli altri il corpo femminile deve mettersi a disposizione per "produrre" il nascituro rinunciando alla possibilità di scelta una volta che la gravidanza è avviata. Ma una nuova vita inizia davvero solo quando c'è il sì materno: fatto inaggirabile e irraggiungibile dal diritto. Diversamente l'unica possibilità è la coazione
Sul ddl depositato da Maurizio Gasparri per modificare l’articolo 1 del Codice civile e introdurre nel nostro ordinamento il riconoscimento della capacità giuridica al concepito "con l’intento di prevenire l’aborto volontario, in qualsiasi forma, legale o clandestino che sia” si possono dire almeno tre cose. La prima: è altamente improbabile che il ddl arrivi nelle aule parlamentari. L'immediata conseguenza della sua approvazione sarebbe la sostanziale inapplicabilità della legge 194 perché l'aborto equivarrebbe di fatto a un omicidio. Nessuna delle forze di maggioranza […]
Leggi ora
16 Ottobre 2022
Il simbolico è politico
Il no di Giorgia Meloni ai desiderata di Silvio Berlusconi è stato definito una nemesi: una giovane donna che affonda il vecchio leader -"drago divoratore di vergini" lo ha definito l'ex-moglie- e non si fa intimorire da amici e nemici. Un imprevisto nella nostra politica misogina. Anche se la futura premier non si è mai definita femminista
Supponente, prepotente, arrogante e offensiva. E lei che a breve giro risponde di non essere ricattabile. Insomma, parafrasando un altro celebre scambio di battute, "non a disposizione". I maggiori quotidiani hanno già parlato di nemesi. Il Cavaliere messo sotto da una donna molto più giovane di lui, Giorgia Meloni, che a 45 anni potrebbe essere la prima a guidare un governo in Italia: i conti duri con il padre, del resto, fanno parte della sua biografia. Sul fronte opposto, il […]
Leggi ora