Nelle norme contro la violenza sulle donne si parli di sesso e non di "identità di genere": lettera aperta al Parlamento Europeo

La violenza contro le donne non si potrà contrastare se i testi di leggi e trattati non faranno chiaramente riferimento al sesso e non al “genere”. Ci uniamo a gruppi femministi e gender critical in un appello ai parlamentari europei che si esprimeranno sulla proposta antiviolenza della Commissione: scrivete chiaramente nel testo che le donne e le ragazze sono le persone di sesso femminile e non lasciate alcuno spiraglio alla gender ideology
Condividi questo articolo

Anche noi abbiamo sottoscritto la lettera alla Commissione europea sulla lotta alla violenza contro le donne e agli abusi domestici redatta da WORIADS, coalizione di cittadine-i gender critical che ha l’obbiettivo di informare e sensibilizzare le istituzioni europee sui pericoli dell’identità di genere.

La lettera chiede che le norme europee sulla violenza contro le donne riconoscano chiaramente la categoria del sesso biologico. Riportiamo a seguire il testo completo che sarà inviato ai membri del Parlamento Europeo che si esprimeranno sulla proposta alla fine di questo mese, tra i quali c'è l'italiana Pina Picierno (PD, gruppo Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici).

Il problema è che la Convenzione di Istanbul -che è il trattato europeo di riferimento sulla violenza contro le donne- riporta le espressioni “identità di genere” e “genere”, riferendosi però «alla libertà delle donne dagli stereotipi di genere, ovvero al non-obbligo a conformare i propri comportamenti ai ruoli assegnati alla femminilità tradizionale», ha spiegato Marina Terragni in un recente articolo (qui).

La successiva risignificazione della parola “genere” ha di fatto trasformato la Convenzione in uno strumento dei gruppi di pressione Lgbtq nonostante in origine sia stata pensata unicamente ed esclusivamente per le donne. Benché il testo della Convenzione non sia emendabile, è necessario costruire presidi normativi contro questa misinterpretazione e cannibalizzazione.

Nelle norme contro la violenza sulle donne si parli di sesso e non di "identità di genere": lettera aperta al Parlamento Europeo

Frances Fitzgerald (PPE, Irlanda), Evin Incir (S&D Svezia), Nathalie Colin-Oesterlé (PPE, Francia), Pina Picierno (S&D, Italia), Maria Soraya Rodriguez Ramos (Renew, Spagna), Lucia Duris Nicholsonova (Renew, Slovacchia), Diana Riba i Giner (Spagna, EFA), Sylwia Spurek (Polonia, EFA), Christine Anderson (Germania, ID), Nicolaus Fest (Germania, ID), Margarita de la Pisa Carrion (Spagna, ECR), Assita Kanko (Belgio, ECR), Malin Bjork (Svezia, Sinistra) e Eugenia Rodriguez Palop (Spagna, Sinistra),

Vi scriviamo in merito alla proposta della Commissione europea sulla lotta alla violenza contro le donne e agli abusi domestici e agli emendamenti a tale proposta che sono attualmente all'esame delle Commissioni per le libertà civili e i diritti delle donne del Parlamento europeo. WORIADS è una coalizione apartitica di cittadine-i, attiviste-i e professioniste-i di tutta Europa che insistono sul fatto che il sesso biologico è reale, importante e immutabile e che non dovrebbe essere confuso con il genere.

Riteniamo che la proposta potrebbe essere notevolmente migliorata riconoscendo che il sesso biologico è ora spesso confuso con l'identità di genere e che ciò ha gravi conseguenze per i diritti delle donne basati sul sesso. I deputati Lukas Mandl e Nathalie Colin-Oesterlé hanno presentato emendamenti che riconoscono che le donne sono una classe di sesso biologico con esigenze ed esperienze specifiche e vi chiediamo di sostenerli. Questi emendamenti:

Riconoscono che il sesso biologico è 1) reale, importante e un fattore chiave alla base della violenza contro le donne e 2) forniscono chiarezza nella terminologia, nella raccolta dei dati, nei programmi di istruzione e formazione definendo le donne (e le ragazze) come persone "di sesso femminile" (AM 745 Mandl)

Garantire che nessuna donna vittima di violenza si autoescluda o subisca una ritraumatizzazione perché costretta a condividere l'alloggio e i servizi igienici con persone di sesso maschile, prevedendo disposizioni specifiche per le case di accoglienza "esclusivamente per le vittime di sesso femminile". Tali rifugi possono ovviamente esistere accanto a rifugi "neutri dal punto di vista del genere". (AM 564 Colin-Oesterlé)

Garantire che le donne, i genitori, gli operatori sanitari e altri possano parlare liberamente delle questioni legate al sesso e al genere che li riguardano, rendendo un reato aggravato il fatto di commettere atti di violenza contro una persona in seguito a un atteggiamento ostile nei confronti della vittima a causa delle sue "convinzioni o opinioni politiche o di altro tipo" (AM 956 Colin-Oesterlé).

Desideriamo insistere sul fatto che le donne e le ragazze subiscono un livello sproporzionato di violenza maschile e di aggressioni sessuali sulla base del loro corpo sessuato, indipendentemente da qualsiasi senso interno di genere o "identità di genere".  Per questo motivo, vi chiediamo di respingere i numerosi emendamenti che cercano di sostituire il termine "sesso" con "genere" e di estendere speciali protezioni alle minoranze sessuali, come gli omosessuali e i maschi che si auto-identificano come donne. Questi gruppi dovrebbero essere coperti da altri strumenti giuridici, come la direttiva UE sulle vittime.

Vi chiediamo inoltre di respingere gli emendamenti che aprono la strada a concetti controversi legati al genere nell'educazione sessuale dei bambini e quelli che suggeriscono che i bambini possono acconsentire a procedure ormonali e chirurgiche che alterano la loro vita per cambiare il loro sesso. In particolare, vi invitiamo a opporvi agli emendamenti 345 e 800 dei deputati Angel e altri e agli emendamenti 355 e 808 di Spurek e altri, che si riferiscono alla capacità dei bambini di dare il consenso informato alle cure per la conferma del sesso come se la questione fosse già ampiamente accettata e risolta. In realtà, Paesi come la Svezia, la Finlandia e il Regno Unito hanno già riconosciuto che ci sono pochissime prove o consenso scientifico sul fatto che l'uso di bloccanti della pubertà, ormoni del sesso opposto e interventi chirurgici, spesso con effetti irreversibili e medicalizzazione a vita di corpi sani, sia l'opzione migliore per questi bambini. Rifiutiamo anche l'idea di una "educazione sessuale completa" che, secondo le linee guida delle Nazioni Unite, consiglia di chiedere ai bambini di 5 anni di "riflettere su come si sentono riguardo al loro sesso biologico e al loro genere" e chiede ai bambini di 9 anni di riconoscere che ognuno ha una "identità di genere" e di "imparare a definire la propria".

Inoltre, riteniamo che l'emendamento 390 dei deputati Angel e altri cerchi di mettere a tacere i professionisti del settore medico e i genitori che si esprimono contro il modello di assistenza basato sull'"affermazione" del genere, equiparando le loro preoccupazioni a un "discorso di odio" e spingendo la narrazione coercitiva e infondata secondo cui questi bambini si suicideranno se non vengono assecondati. Vi chiediamo di respingere l'emendamento 390.

Cordiali saluti,

WORIADS

Testo originale qui

Organizzazioni:

Genspect

Cry for Recognition (BE)

Observatoire des Fondamentalismes à Bruxelles (BE)

AMQG (CH)

Initiative "Lasst Frauen Sprechen!“ (DE)

LGB Alliance e.V. (DE)

WDI Finland (FI)

WDI France (FR)

Ypomoni (FR)

44 Vilaines Filles (FR)

Le Partage (FR)

Women's Space Ireland (IE)

The Countess Advocacy (IE)

WDI Italy (IT)

RadFem Italia (IT)

Standing For Women Sweden (SE)

Women's Rights Network (UK)


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
25 Febbraio 2024
Il "latte" degli uomini
Il Servizio Sanitario Nazionale inglese assicura che il latte prodotto da un corpo maschile -stimolato con terapia farmacologica ad hoc- è buono per il neonato come quello di sua madre, che viene cancellata. Minimizzando i rischi per la salute del bambino ampiamente compensati dai benefici ideologici e simbolici. È il transumano, bellezze!
Il "latte" degli uomini è un esempio perfetto di quello che chiamiamo transumano. Il latte delle donne invece è umano, troppo umano, è il modello perfetto dell'umano che resiste e perciò l'allattamento naturale va degradato, sbeffeggiato, stigmatizzato come qualcosa di cui vergognarsi e da tenere nascosto. Anzi, è un atto perfino inutile e poco etico. Viceversa promuovere e magnificare l'"allattamento" maschile indica plasticamente la strada da percorrere. Secondo la prestigiosa rivista Pediatrics, organo dell’American Academy of Pediatrics, è «rischioso» definire […]
Leggi ora
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
11 Gennaio 2024
Bambini stupratori: rapporto shock in UK
In Gran Bretagna 18 stupri al giorno vengono commessi da minori sui loro coetanei: nel 2022 questi casi sono stati 15 mila quasi sempre a opera di giovanissimi maschi. Un rapporto della polizia britannica dimostra come il libero accesso alla pornografia violenta online sta normalizzando i comportamenti sessuali criminali in Inghilterra e in tutti gli altri Paesi occidentali
Da anni segnaliamo i danni psicologici e materiali prodotti su un'intera generazione dal libero accesso alla pornografia violenta online, consumata da bambini e bambine a partire dai 7 anni ma anche molto prima: gli stupri di gruppo commessi dai minori sono solo la punta dell'iceberg di questo fenomeno drammatico che oggi è stato analizzato e quantificato da uno studio delle polizia britannica. Su questo tema potete trovare articoli precedenti qui, qui, qui, qui, qui e qui. Siamo state quasi solo […]
Leggi ora
7 Gennaio 2024
New Hampshire: mai più chirurgia sui minori per il "cambio di sesso"
Lo stato americano ha approvato un disegno di legge che vieta ai chirurghi di effettuare sugli under 18 anni operazioni come la rimozione delle ovaie e del seno per le femmine e del pene e testicoli per i maschi. Il ddl afferma che questi interventi violano il "consenso informato" del paziente e sottolinea che gli studi non hanno dimostrato una diminuzione del rischio suicidio dei minori dopo gli interventi. Anzi: il pericolo aumenta
Il New Hampshire si appresta a vietare ai minori di 18 anni di sottoporsi ad interventi per il cambio di sesso. Giovedì scorso la Camera del New Hampshire ha approvato, anche con l’aiuto di alcuni deputati democratici, un disegno di legge in tal senso. L’House Bill 619 proibisce ai medici di eseguire “qualsiasi intervento chirurgico di riassegnazione del genere genitale”, cioè l’asportazione di utero, ovaie e seno nel caso delle donne; di testicoli e pene per l’uomo, a chiunque nel […]
Leggi ora