Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"

Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Condividi questo articolo

Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali delle donne, la sottolineatura e l'esaltazione provocatoria del lato "animale" intende porre l'accento sulla realtà sessuata, concreta, visibile e oggettiva dell'essere donna. Naturalmente, pur battendosi contro l'ideologia transgender, esse "riconoscono le sofferenze delle persone disforiche e sostengono le persone trans nella loro lotta contro violenze e discriminazioni".


LA NOSTRA LIBERTA' D'ESPRESSIONE COSTA MOLTO CARA

Molestie, insulti, minacce e cancel culture che subiamo formano un sistema tentacolare. Da tre anni raccogliamo e archiviamo tutti gli attacchi che ci piovono addosso.

Scaricare, catalogare e analizzare le migliaia di schermate che occupano i nostri telefoni e computer è stato molto impegnativo.

Aggressioni e minacce sono la prova che la nostra lotta è necessaria e doverosa per i diritti delle donne, ma pure per la libertà d'espressione e il pluralismo delle idee. Le varie forme di censura e disturbo che vi presentiamo testimoniano che le nostre posizioni - benché non così nuove in seno al femminismo - danno parecchio fastidio.

Non siamo le uniche a fronteggiare assalti. Dappertutto, nel mondo, altre donne che condividono il nostro pensiero sono bollate come TERF. Questo acronimo - utilizzato come ingiuria - rappresenta un nuovo modo di squalificare le donne che si oppongono all'ideologia transgender affermando la realtà biologica.

In Francia, alcune associazioni e militanti esortano a escludere le cosiddette "TERF" con lo slogan "TERF fuori delle nostre lotte".

Siamo molestate, minacciate, violentate psicologicamente, talvolta licenziate... Ciò nondimeno gli attivisti trans, in ossequio alla strategia di rovesciamento della realtà, ci accusano di avere le mani sporche di sangue e di essere responsabili degli omicidi delle persone trans.

Questa strategia di manipolazione e violenza psicologica ha un nome: sistema DARVO - Deny, Attack and Reverse Victim and Offender (=negare, attaccare e trasformare la vittima in aggressore). Si tratta della stessa tattica cui ricorrono gli autori di violenze domestiche e crimini sessisti.

Femelliste è nata dalla volontà impellente di lottare contro le molestie, le violenze e la censura verso le donne qualificate come TERF.

Le autrici si dichiarano poi "arrabbiate e stanche dell'ipocrisia imperante. Attraversiamo un'epoca assurda per cui non è più chiaro ed evidente cosa sia una donna". Denunciano che "donna" è diventato un sentimento, una percezione e non più una realtà biologica.

Rammentano che nel 2016 la legge francese stabilisce che ogni uomo autodichiaratosi donna può essere riconosciuto tale sui documenti e viceversa. Guai se si osa sostenere che le femmine trans sono uomini, mentre "essere maschio è il prerequisito indispensabile per essere qualificato come tale".

Denunciano il passaggio "da un femminismo universalista a un femminismo orwelliano" asservito all'ideologia transgender, dove le donne non sembrano più essere il soggetto centrale del femminismo e le rivendicazioni identitarie prendono il sopravvento sul vivere-insieme. Il transgenderismo proclama il genere unico elemento valido per (auto)definirsi, nega la realtà sessuale degli individui e il loro orientamento sessuale. Femelliste contrasta vigorosamente questa deriva.

Daniela Tuscano

qui il link al sito Femelliste


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
23 Marzo 2023
Petrillo: il mio corpo non conta, voglio usare le docce delle donne. E si ritira dai mondiali di Torun per motivi di "incolumità"
Vincere le gare non basta: Petrillo rivendica anche di usare gli spogliatoi femminili dopo che la Federazione Italiana di Atletica su richiesta delle atlete ha deciso per spazi riservati. “Lo stato mi riconosce come donna, i genitali maschili non contano. E poi" sbeffeggia “non sarà certo la prima volta che li vedono”. Intanto rinuncia ai prossimi mondiali per ragioni "di sicurezza "
Pochi giorni fa abbiamo pubblicato un resoconto della gara di Valentina nata Fabrizio Petrillo ad Ancona, con le reazioni delle atlete battute dal suo corpo maschile. Le atlete hanno spiegato chiaramente che, pur rispettando il percorso personale di Petrillo, atleticamente non sono alla pari e che si sentono discriminate. Le dichiarazioni rilasciate dalle atlete al Feminist Post sono state riprese da altre testate, tra cui Il Giornale (qui), e hanno provocato dei commenti da parte di Petrillo che ha aver […]
Leggi ora
21 Marzo 2023
“Abbiamo sbagliato”: pioniera dei bloccanti della pubertà ammette il danno
Susan Bradley, psichiatra canadese fondatrice negli anni Settanta di una clinica per minori “disforici” e autorità in questo campo oggi dichiara che il passaggio dalla terapia psicologica ai farmaci è stato un grave errore. Perché i loro effetti sono gravi e non reversibili, perché quei trattamenti sono “autoritari” e sperimentali. E perché in 9 casi su 10 la disforia dei bambini è solo temporanea e maschera altri disturbi
In un’intervista alla Daily Caller News Foundation, la dottoressa Susan Bradley, psichiatra canadese e pioniera del trattamento della disforia di genere nei bambini, si è schierata contro il popolare modello che prevede l’affermazione delle identità transgender dei bambini e la cura tramite l’utilizzo di medicinali che bloccano la pubertà, pratica a cui in passato aveva preso parte. Bradley aveva aperto una clinica pediatrica nel 1975 per i bambini affetti da disforia di genere, un profondo senso di malessere riguardante il […]
Leggi ora
17 Marzo 2023
L'ultracorpo maschile della transatleta Petrillo continua a vincere tutto. Le avversarie reagiscono
Valentina nata Fabrizio il 12 marzo ha nuovamente sbaragliato le avversarie ad Ancona. E arriva a 8 titoli master mentre prima della transizione -quando gareggiava con gli uomini- non ne aveva conseguito nemmeno uno. Ora si prepara ai mondiali. Qui un resoconto delle gare e le dichiarazioni delle atlete ingiustamente private della vittoria
Valentina nata Fabrizio Petrillo, classe 1973, quest’anno compie 50 anni e cambia categoria nelle gare di atletica master nazionali. L’11 e 12 marzo ad Ancona ha gareggiato per la prima volta nella categoria F50, cioè con le atlete donne dai 50 ai 54 anni. E di nuovo, con il suo ultra-corpo maschile, ha fatto facilmente incetta di trofei e di record che spettavano ad atlete donne. Ma com’è vedere dal vivo un ultra-corpo maschile gareggiare contro corpi femminili? Quali sono […]
Leggi ora
3 Marzo 2023
La transessualità non è un pranzo per genderqueer
Essere transessuali non è transgenderismo ma un’esperienza profondamente drammatica e dall’esito incerto. Che nulla ha a che vedere con gli stereotipi stantii con cui si esprime l’identità di genere. Le riflessioni di Neviana Calzolari
Ripubblichiamo per gentile concessione di Dol's Magazine. Articolo originale qui Neviana Calzolari, sociologa, attivista, scrittrice e volto tv. Eppure ben poco mainstream, anzi, fra le osservatrici più acute (e critiche) del panorama politico-sociale dei nostri tempi (...) Il gruppo I-Dee di Milano e l’associazione Ipazia di Catania l’hanno incontrata. – Il ddl Zan era stato pensato per combattere l’omotransfobia, quindi con buone intenzioni – esordisce Neviana –, ciò nonostante rimango scettica su certa terminologia, in particolare sull’”identità di genere” che allarma buona parte del mondo […]
Leggi ora
3 Marzo 2023
Donne e sinistra: un amore tossico
Tradite, maltrattate, umiliate. E infine soppiantate da neo-donne auto-identificate ben più attraenti e funzionali delle “vecchie” donne per nascita. Eppure molte fra noi non riescono a staccarsi dai progressisti che mostrano in ogni modo di non considerarle. Le stesse dinamiche di una relazione malata
Tutti gli amori nascono e muoiono, e quando finiscono c’è sempre chi soffre di più, a volte una parte sola, quella che amava sinceramente, l’altra forse no, forse mentiva. E noi donne all’amore con la sinistra abbiamo creduto sul serio, con tutto il cuore: ingenuamente pensavamo di essere le predilette, credevamo alle promesse, anche quelle che palesemente apparivano false. Carla Lonzi già mezzo secolo fa ci ricordava che la sinistra ci aveva vendute “alla Rivoluzione ipotetica”, e anche oltreoceano le […]
Leggi ora
27 Febbraio 2023
Primarie PD: vince la transfemminista Elly Schlein
La giovane leader lancia la sua OPA e la vince. Facendo del Partito Democratico una formazione woke, in linea con il progressismo occidentale: dirittismo, libera identità di genere, utero in affitto, sex work. Una sfida che ricorda quello che sta capitando in Spagna dove il femminismo radicale ha divorziato dalla sinistra
Per cominciare complimenti a Elly Schlein e molti auguri per il suo nuovo incarico. Poi i fatti, per come li vedo. La vittoria di Elly Schlein è stata un'OPA sul PD: il voto ai gazebo, per la prima volta diverso da quello nei circoli -novità storica pure questa- dimostra che Schlein ha mobilitato la sinistra radicale fino ai limiti dell'antagonismo, oltre ai 5 stelle. L'aveva detto anni fa: Occupy PD. Ora l'ha fatto. Che venga sostenuta da una parte importante […]
Leggi ora