Morire di maternità surrogata, lasciando orfani i propri figli

Quante madri surrogate perdono la vita a causa della gestazione "per altri" -più rischiosa di una gravidanza spontanea-? Non lo sappiamo, quelle morti non sono tracciate e spesso vengono insabbiate per non disturbare gli affari di Big Fertility. E i figli di quelle donne restano senza la madre
Condividi questo articolo

di Jennifer Lahl*

Ero fuori città durante il weekend del Memorial Day quando ho visto un avviso di GoFundMe pubblicato su Instagram che mi ha informato che un'altra madre surrogata era morta negli Stati Uniti.

Il GoFundMe è stato creato da Ashlee Hammonds , il capo di Family Makers Surrogacy, un'agenzia di AtlantaHammonds sta cercando di raccogliere fondi per i bambini rimasti soli -i figli della donna, ndr- perché la loro madre è morta e non può più provvedere a loro. Chiede privacy per la famiglia e non vuole divulgare alcuna informazione identificativa.

A causa della scarsità di informazioni i dettagli della morte della donna sono scarsi. Sappiamo che era stata una madre surrogata per tre volte e che doveva partorire il giorno della sua morte. Ci viene detto da GoFundMe che è morta per un'embolia amniotica, una complicazione della gravidanza.

Non sappiamo se stava portando in grembo uno o più bambini, né che cosa ne è stato di loro. Si dice che sua figlia sta per compiere 16 anni e che ha avuto altri figli, anche se non ci viene detto quanti.

Poiché nessun altro sta segnalando questa morte, ne scrivo per raccontarla insieme ad altre morti di madri surrogate di cui ho già parlato:  Brooke Brown e le gemelle che portava in grembo,  Crystal Wilhite e Michelle Reaves . Queste tre donne erano mogli e madri. Mi chiedo, quante altre morti sono passate inosservate?

Oggi non si può più negare che una gravidanza surrogata è molto più rischiosa  di una gravidanza spontanea, in cui la donna porta il proprio bambino.

Uno studio importante ha  sottolineato che raffrontando una gravidanza normale con le gravidanze surrogate, queste ultime hanno tassi più elevati di ipertensione, diabete gestazionale e placenta previa, che pongono sia la madre sia il bambino in una categoria ad alto rischio.

Mi viene spesso chiesto: "Quante madri surrogate sono morte?" e la mia risposta, sempre la stessa e molto triste: "Semplicemente non lo sappiamo e non abbiamo modo di saperlo perché non c'è tracciabilità o monitoraggio".

Quando questa donna è morta la causa del decesso registrata sarà probabilmente che qualcosa legato alla complicazione della gravidanza le ha tolto la vita. Non si registrerà da nessuna parte che era una madre surrogata.

Il certificato di nascita del bambino (o dei bambini, poiché non sappiamo se portava uno o due gemelli, o di più) non registrerà il fatto che la madre naturale è morta. Molto probabilmente a causa degli accordi pre-parto, il nome della madre naturale non apparirà mai nemmeno sul certificato di nascita.

L'insabbiamento di #BigFertility è stato rapido ed efficiente. Tutti i miei sforzi per scoprire chi fosse la donna e dove è avvenuta questa morte si sono rivelati vani. Ho inviato un messaggio privato a Family Matters su Facebook dicendo che stavo cercando di contattare Hammonds.

Ho ricevuto un messaggio che diceva: "Ciao Jennifer, per rispetto della famiglia stiamo onorando il loro desiderio non condividendo ulteriori dettagli al di fuori di ciò che è già stato condiviso sul Go Fund Me che segnala la tragedia. Grazie per la comprensione."

Strano, la mia domanda non menzionava quella morte, diceva solo che volevo parlare con Hammond. Poiché mi è stato immediatamente impedito di inviare altri messaggi, quella porta è stata chiusa. Ho chiamato i loro uffici e non sono riuscita a parlare con nessuno.

Il loro account Twitter "non esiste", c'era una tale raffica di tweet su questa notizia dell'ultima ora che immagino li abbia spinti a chiudere il loro account.

Ecco le domande che pongo a Hammonds. Se mi stai leggendo, mi piacerebbe parlare con te.

  • Perché quando hai impostato l'account GoFundMe stavi cercando di raccogliere $ 45.000 e in poche ore hai ridotto tale importo a $ 25.000?
  • Come fissi il prezzo per il tuo account GoFundMe, qual è esattamente il valore della vita e come lo hai determinato?
  • Qual è la politica della vostra agenzia per informare le surrogate dei gravi rischi per la loro salute, specialmente nel caso di una donna che ha avuto almeno tre figli propri e sta intraprendendo la sua terza gravidanza surrogata , mettendo a rischio il suo povero corpo?
  • La tua agenzia o i genitori intenzionali hanno una polizza assicurativa sulla vita e, in caso contrario, perché no? E se sì, per quanto?
  • Qual è il tuo obbligo verso gli orfani della donna?

GoFundMe consente di vedere i donatori in base ai "donazioni più alte" e ho trovato agghiacciante che quasi tutte le maggiori donazioni ($ 2.000 era la più alta mentre sto scrivendo) sono state fatte da gente che si guadagna da vivere e trae profitto da #BigFertility: avvocati di maternità surrogata , proprietari di agenzie e cliniche per la fertilità. Una rapida ricerca su Google dei nomi di questi donatori lo ha dimostrato in pochi clic.

Lo slogan di Family Makers Surrogacy è "Cambiare la vita di coloro che serviamo". La famiglia della donna morta ha visto cambiare tragicamente la propria vita al servizio di #BigFertility. Mi chiedo e spero che questa morte indurrà Hammonds a ripensare alla sua attività di Family Maker, visto che a volte la maternità surrogata porta a creare orfani.

Un produttore di orfani che al momento della stesura di questo articolo ha raccolto poco più di $ 21.000. È questo che vale la vita di questa donna?

*Jennifer Lahl è la fondatrice e presidente del Center for Bioethics and Culture e di Stop Surrogacy Now, e produttrice dei film documentari "Eggsploitation", "Anonymous Father's Day", "Breeders: A Subclass of Women?" “Maggie's Story” e “#BigFertility”. IL suo nuovo film è " Trans Mission: qual è la fretta di riassegnare il genere?".

articolo originale qui, traduzione di Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
16 Maggio 2024
UK: a scuola non si parlerà più di identità di genere
Nuovo giro di vite del governo Sunak dopo il rapporto Cass che mette in guardia anche sui rischi della transizione sociale dei minori, la cosiddetta "identità alias" che è già stata adottata anche da molte scuole italiane: in classe non si insegnerà più che si può cambiare sesso e l'educazione sessuale sarà calibrata in base all'età. E mai senza il consenso dei genitori
Dopo anni e anni che i transattivisti di associazioni come Stonewall e Mermaids fanno il bello e il cattivo tempo con i loro corsi di educazione sessuale nelle scuole inglesi di ogni ordine e grado, il governo di Rishi Sunak annuncia oggi con la ministra dell’Istruzione Gillian Keegan nuove linee guida obbligatorie per scolari e studenti su questi temi. In classe non si insegnerà più che si può cambiare la propria identità di genere, come è stato fino ad ora […]
Leggi ora
22 Aprile 2024
Lettera a Rishi Sunak: serve un'inchiesta pubblica sull'influenza dell'ideologia transgender
Centotrenta parlamentari, medici, psichiatri, accademici e detransitioner britannici -tra loro anche JK Rowling- hanno scritto una lettera al primo ministro per invitarlo ad esaminare “l’influenza pervasiva” dell’ideologia transgender nelle scuole e nel servizio sanitario nazionale e ad accertare le responsabilità del danno prodotto a migliaia di bambine e bambini
"Rishi, se leggi questa petizione per favore, fai la cosa giusta e avvia con urgenza un’inchiesta pubblica. Il benessere dei nostri figli dipende da questo”. A scrivere è lo psicoterapeuta James Esses, coordinatore della dichiarazione per la realtà biologica e uno dei firmatari di un appello rivolto al primo ministro britannico dopo il grande scandalo del trattamento dei bambini “confusi e vulnerabili” da parte di professionisti medici, reso evidente del rapporto di Hilary Cass. Tra i primi firmatari anche JK […]
Leggi ora
21 Aprile 2024
Il gender è un campo di battaglia
Joe Biden in piena campagna elettorale sostituisce la parola sesso con identità di genere. Germania e Svezia approvano nuove leggi trans che consentono l’autoidentificazione (self-id): i genitori tedeschi potranno decidere di che sesso è la creatura neonata a prescindere dal fatto che abbia un pene o una vagina. Intanto dopo l’Inghilterra anche la Scozia proibisce I bloccanti della pubertà per i minori “non conformi”. E in Spagna a un anno dall’entrata in vigore della Ley Trans i “cambi di sesso” sono aumentati del 400 per cento. Perfino una trentina di militari barbuti si sono dichiarati donne. La lobby spinge furiosamente e il caos è indicibile
Mentre anche in Scozia, dopo l'Inghilterra, non si prescriverà più la "terapia affermativa" (puberty blocker seguiti da ormoni e chirurgia) ai minorenni, decisione assunta in seguito alla pubblicazione del clamoroso Cass Review, negli Stati Uniti il presidente Biden - o meglio, la sua amministrazione saldamente obamiana- in piena campagna elettorale per le presidenziali di novembre ha di fatto abolito il Titolo IX dell'Education Amendments in vigore dal 1972. L'emendamento prescriveva che nessuno/a sulla base del sesso potesse essere escluso dalla […]
Leggi ora
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora