Morire di maternità surrogata, lasciando orfani i propri figli

Quante madri surrogate perdono la vita a causa della gestazione "per altri" -più rischiosa di una gravidanza spontanea-? Non lo sappiamo, quelle morti non sono tracciate e spesso vengono insabbiate per non disturbare gli affari di Big Fertility. E i figli di quelle donne restano senza la madre
Condividi questo articolo

di Jennifer Lahl*

Ero fuori città durante il weekend del Memorial Day quando ho visto un avviso di GoFundMe pubblicato su Instagram che mi ha informato che un'altra madre surrogata era morta negli Stati Uniti.

Il GoFundMe è stato creato da Ashlee Hammonds , il capo di Family Makers Surrogacy, un'agenzia di AtlantaHammonds sta cercando di raccogliere fondi per i bambini rimasti soli -i figli della donna, ndr- perché la loro madre è morta e non può più provvedere a loro. Chiede privacy per la famiglia e non vuole divulgare alcuna informazione identificativa.

A causa della scarsità di informazioni i dettagli della morte della donna sono scarsi. Sappiamo che era stata una madre surrogata per tre volte e che doveva partorire il giorno della sua morte. Ci viene detto da GoFundMe che è morta per un'embolia amniotica, una complicazione della gravidanza.

Non sappiamo se stava portando in grembo uno o più bambini, né che cosa ne è stato di loro. Si dice che sua figlia sta per compiere 16 anni e che ha avuto altri figli, anche se non ci viene detto quanti.

Poiché nessun altro sta segnalando questa morte, ne scrivo per raccontarla insieme ad altre morti di madri surrogate di cui ho già parlato:  Brooke Brown e le gemelle che portava in grembo,  Crystal Wilhite e Michelle Reaves . Queste tre donne erano mogli e madri. Mi chiedo, quante altre morti sono passate inosservate?

Oggi non si può più negare che una gravidanza surrogata è molto più rischiosa  di una gravidanza spontanea, in cui la donna porta il proprio bambino.

Uno studio importante ha  sottolineato che raffrontando una gravidanza normale con le gravidanze surrogate, queste ultime hanno tassi più elevati di ipertensione, diabete gestazionale e placenta previa, che pongono sia la madre sia il bambino in una categoria ad alto rischio.

Mi viene spesso chiesto: "Quante madri surrogate sono morte?" e la mia risposta, sempre la stessa e molto triste: "Semplicemente non lo sappiamo e non abbiamo modo di saperlo perché non c'è tracciabilità o monitoraggio".

Quando questa donna è morta la causa del decesso registrata sarà probabilmente che qualcosa legato alla complicazione della gravidanza le ha tolto la vita. Non si registrerà da nessuna parte che era una madre surrogata.

Il certificato di nascita del bambino (o dei bambini, poiché non sappiamo se portava uno o due gemelli, o di più) non registrerà il fatto che la madre naturale è morta. Molto probabilmente a causa degli accordi pre-parto, il nome della madre naturale non apparirà mai nemmeno sul certificato di nascita.

L'insabbiamento di #BigFertility è stato rapido ed efficiente. Tutti i miei sforzi per scoprire chi fosse la donna e dove è avvenuta questa morte si sono rivelati vani. Ho inviato un messaggio privato a Family Matters su Facebook dicendo che stavo cercando di contattare Hammonds.

Ho ricevuto un messaggio che diceva: "Ciao Jennifer, per rispetto della famiglia stiamo onorando il loro desiderio non condividendo ulteriori dettagli al di fuori di ciò che è già stato condiviso sul Go Fund Me che segnala la tragedia. Grazie per la comprensione."

Strano, la mia domanda non menzionava quella morte, diceva solo che volevo parlare con Hammond. Poiché mi è stato immediatamente impedito di inviare altri messaggi, quella porta è stata chiusa. Ho chiamato i loro uffici e non sono riuscita a parlare con nessuno.

Il loro account Twitter "non esiste", c'era una tale raffica di tweet su questa notizia dell'ultima ora che immagino li abbia spinti a chiudere il loro account.

Ecco le domande che pongo a Hammonds. Se mi stai leggendo, mi piacerebbe parlare con te.

  • Perché quando hai impostato l'account GoFundMe stavi cercando di raccogliere $ 45.000 e in poche ore hai ridotto tale importo a $ 25.000?
  • Come fissi il prezzo per il tuo account GoFundMe, qual è esattamente il valore della vita e come lo hai determinato?
  • Qual è la politica della vostra agenzia per informare le surrogate dei gravi rischi per la loro salute, specialmente nel caso di una donna che ha avuto almeno tre figli propri e sta intraprendendo la sua terza gravidanza surrogata , mettendo a rischio il suo povero corpo?
  • La tua agenzia o i genitori intenzionali hanno una polizza assicurativa sulla vita e, in caso contrario, perché no? E se sì, per quanto?
  • Qual è il tuo obbligo verso gli orfani della donna?

GoFundMe consente di vedere i donatori in base ai "donazioni più alte" e ho trovato agghiacciante che quasi tutte le maggiori donazioni ($ 2.000 era la più alta mentre sto scrivendo) sono state fatte da gente che si guadagna da vivere e trae profitto da #BigFertility: avvocati di maternità surrogata , proprietari di agenzie e cliniche per la fertilità. Una rapida ricerca su Google dei nomi di questi donatori lo ha dimostrato in pochi clic.

Lo slogan di Family Makers Surrogacy è "Cambiare la vita di coloro che serviamo". La famiglia della donna morta ha visto cambiare tragicamente la propria vita al servizio di #BigFertility. Mi chiedo e spero che questa morte indurrà Hammonds a ripensare alla sua attività di Family Maker, visto che a volte la maternità surrogata porta a creare orfani.

Un produttore di orfani che al momento della stesura di questo articolo ha raccolto poco più di $ 21.000. È questo che vale la vita di questa donna?

*Jennifer Lahl è la fondatrice e presidente del Center for Bioethics and Culture e di Stop Surrogacy Now, e produttrice dei film documentari "Eggsploitation", "Anonymous Father's Day", "Breeders: A Subclass of Women?" “Maggie's Story” e “#BigFertility”. IL suo nuovo film è " Trans Mission: qual è la fretta di riassegnare il genere?".

articolo originale qui, traduzione di Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
14 Gennaio 2023
UK: il servizio sanitario fa marcia indietro sui servizi per la "maternità transgender" dopo la rivolta delle ostetriche
Lottare serve: in Gran Bretagna levatrici e infermiere si ribellano all’annunciata apertura di corsi e reparti dedicati a gravidanza e parto di persone “trans e non binarie”. E l’NHS stoppa l’iniziativa. Intanto negli USA si parla di trapianto di utero tra viventi: donne donatrici a vantaggio di uomini che desiderano vivere "esperienze fisiologiche femminili". Il vecchio sogno patriarcale di sempre: prendere il posto delle donne. Oggi agito dai neopatriarchi T
Lottare serve. La rivolta di ostetriche e infermiere ha sventato il piano del Servizio Sanitario Nazionale inglese (NHS) di organizzare servizi dedicati alla "maternità transgender". Il 16 dicembre scorso era apparso un annuncio per reclutare personale per gestire la formazione delle "persone trans e non binarie che partoriscono" in 40 servizi di maternità dell'NHS, annuncio che ha provocato l’immediata reazione di addette al settore. Un gruppo di circa 300 infermiere, ostetriche e psicologhe ha scritto una lettera aperta a Lizzie […]
Leggi ora
8 Gennaio 2023
Anche l’Olanda frena sui "bambini trans"
Lo studio del 2006 su cui si fonda il cosiddetto “protocollo olandese” esportato in tutto il mondo-la somministrazione di bloccanti della pubertà ai minori con comportamento non conforme al sesso di nascita- fu finanziato dall’azienda farmaceutica che produce i blocker, ed è stato più volte screditato. Come in UK, Svezia, Finlandia, anche in quel Paese oggi si chiede uno stop a queste “terapie” che causano seri danni alla salute
Si chiama “protocollo olandese” il trattamento di bambini con disforia di genere con bloccanti della pubertà. E si basa su un unico studio del 2006 che introduce il concetto del “cambio di sesso per bambini transgender” e che sarebbe stato finanziato da Ferring Pharmaceuticals, l'azienda che commercializza la triptorelina, il farmaco con cui viene fermato il naturale sviluppo di bambine e bambini. Lo rivela un reportage del giornalista Jan Kuitenbrouwer e del sociologo Peter Vasterman pubblicato recentemente sul NRC Handelsblad, […]
Leggi ora
31 Dicembre 2022
Nuovo NO della Cassazione alla registrazione dei "due padri" da utero in affitto
Per la seconda volta la Corte Suprema ribadisce: quegli atti di nascita formati all’estero non possono essere registrati dalle anagrafi italiane. Per il/la partner del padre biologico la strada è solo l’adozione. La maternità surrogata resta un elevato disvalore e viola la dignità della donna. Il sindaco Sala smetta subito di trascriverli, come richiesto nel nostro esposto
Le sentenze vanno lette con attenzione perché il diavolo, per così dire, si nasconde nei dettagli. Ma nessun dubbio sul fatto che la Cassazione a Sezioni Unite con la sentenza 38162 depositata ieri torna a respingere la richiesta di registrazione integrale e automatica degli atti di nascita dei bambini nati all'estero da utero in affitto, consentendo all'anagrafe unicamente l'indicazione del genitore biologico. La domanda era molto semplice. In breve: l'atto di nascita realizzato in Canada di un bambino nato da […]
Leggi ora
27 Dicembre 2022
L'abolizione globale del sesso
La legge appena approvata in Scozia che sostituisce il sesso con la libera scelta del genere. Quella in via di approvazione in Spagna. E il progetto della Germania. Nel suo articolo su Newsweek Kara Dansky mette in guardia sul self-id anche gli Stati Uniti. Ma da Gran Bretagna, Svezia, Finlandia arrivano segnali in netta controtendenza: la partita è ancora tutta da giocare
Il 22 dicembre è stato un giorno nero per il femminismo gender critical: nonostante le vivaci proteste fuori dal Parlamento la Scozia ha approvato la legge che consente l'autoidentificazione di genere o self-id -senza eccezione per gli autori di reati sessuali che potranno liberamente accedere, identificandosi come donne, agli spazi femminili. Anche in Spagna la Ley Trans che ha un impianto molto simile ha superato il primo step alla Camera Bassa e si avvia nelle prossime settimane verso l'approvazione definitiva […]
Leggi ora