Milwaukee, USA: giudice minorile -e promotore di spettacoli di drag queen per bambini- indagato per pedofilia

Condividi questo articolo

Il giudice del Tribunale dei Minori della contea di Milwaukee Brett Blomme, sostenuto dal Fondo per la vittoria LGBTQ+ per la sua nomina, è stato arrestato con sette capi di imputazione per possesso di pornografia infantile. Brett Blomme, 37 anni, è anche l'ex-presidente della Cream City Foundation, organizzazione LGBTQ + nota per promuovere Drag Queen Story Hour, eventi in cui uomini travestiti in abiti femminili leggono favole ai bambini (ne vengono realizzati anche in Italia, qui un evento patrocinato dal Comune di Roma, qui un altro organizzato dalla Cgil di Catania, ndr)

Le accuse contro Brett Blomme sono gravi. Ogni singola accusa di pornografia infantile comporta una pena detentiva obbligatoria da un minimo di 3 anni a un massimo di 15 anni di carcere. Dopo aver trascorso una notte in carcere, Blomme è stato rilasciato con obbligo di firma, che impone di non utilizzare i social o servizi di condivisione di file e di avere contatti senza supervisione con i bambini, a eccezione dei suoi. Brett Blomme è sposato con un uomo e ha due figli adottivi.

La denuncia penale contro Blomme precisa che sull'app di messaggistica Kik sono stati caricati fino a 27 immagini e video di minori vittime di abusi sessuali. L'indirizzo di questi caricamenti è stata individuato a casa di Blomme e del marito a Cottage Grove, nella contea di Dane. Secondo la denuncia, il Centro nazionale per i bambini scomparsi e sfruttati ha informato gli investigatori sull'utente Kik "DomMasterbb" che era sospettato di possedere e condividere materiale pedopornografico. Gli investigatori hanno quindi collegato l'account Kik a Blomme tramite le sue e-mail personali e di lavoro.

Sostenuto dai democratici

Brett Blomme è stato scelto dal sindaco democratico di Milwaukee Tom Barret come candidato per il Milwaukee County Circuit Court. Barret ha esortato il collega democratico e governatore del Wisconsin Tony Evers a sostenere il ​​nome di Blomme per l'apertura del Milwaukee Country Circuit Court nel 2019 e ha parlato della sua relazione ventennale con Brett Blomme, ma il governatore Evers non lo ha nominato per la posizione in campo. Finché, nel 2020, Brett Blomme ha vinto le elezioni del ramo 5 del tribunale della contea di Milwaukee, il primo uomo apertamente gay eletto nella carica.

L'elezione di Brett Blomme non sarebbe stata possibile senza una serie di riconoscimenti a suo favore, la stragrande maggioranza dei quali da parte dei democratici. Nella sua campagna Blomme si è descritto come "alternativa progressista" al suo avversario. Per avviare la sua campagna, Brett Blomme ha enumerato gli appoggi di una serie di funzionari eletti, avvocati e leader della comunità, il più importante dei quali è il senatore dello stato democratico del Wisconsin Tim Carpenter.

Il successivo importante sostegno a Blomme è venuto dal rappresentante democratico del Congresso degli Stati Uniti per il quarto distretto del Congresso del Wisconsin Gwen Moore. Moore ha appoggiato Blomme con tutto il cuore, dicendo: "Sostengo Brett perché, come me, si impegna a rendere Milwaukee un posto migliore per tutti noi. È un ex-difensore civico che ha dedicato la sua carriera alla lotta per la giustizia e l'equità. Unisciti a me nel sostenere Brett Blomme per il Milwaukee County Circuit Court-Branch 5, il 18 febbraio. Brett è il cambiamento di cui abbiamo bisogno per ripristinare il nostro sistema di giustizia penale".

Un altro importante sostegno per Brett Blomme è arrivato dal LGBTQ Victory Fund, organizzazione nazionale fondata nel 1991 dedicata esclusivamente ad aumentare il numero di persone apertamente LGBTQ elette in cariche pubbliche. Il passato di Blomme già presidente di un'organizzazione LGBTQ+ come Creamy City Foundation ha ulteriormente rafforzato le sue credenziali come campione delle persone LGBTQ.

Brett Blomme ha anche ricevuto l'approvazione dei media locali di Milwaukee, il più importante dei quali è Shepard Express. Il comitato editoriale del giornale ha appoggiato Brett Blomme menzionado il suo "forte impegno al servizio della nostra comunità, compreso il suo lavoro con le organizzazioni non profit".

Un passato scomodo?

Brett Blomme era CEO della Creamy City Foundation, organizzazione LGBTQ + che organizza le controverse `` Drag Queen Story Hour per bambini nelle biblioteche pubbliche a Milwaukee e dintorni, e nel giugno del 2017 ha lasciato, poco prima di essere eletto giudice. L'informazione non è facilmente accessibile. Questo perché quando è uscita la notizia dell'arresto di Blomme per pornografia infantile sono state cancellate varie pagine web online che legavano Brett Blomme alla Creamy City Foundation. Il profilo LinkedIn di Blomme è stato eliminato, resta solo uno screenshot che conferma il suo ruolo di CEO della Creamy City Foundation esistente.

Milwaukee, USA: giudice minorile -e promotore di spettacoli di drag queen per bambini- indagato per pedofilia

Blomme ha sostenuto posizioni molto progressiste su genere e sesso, e ha scritto articoli su argomenti come "La formazione di competenze transculturali". Diversi comunicati stampa dello stesso Brett Blomme lo descrivono come CEO della Creamy City Foundation (vedere qui) quindi non ci sono dubbi riguardo al suo ruolo. Qui il link della pagina web About della Creamy City Foundation che parla di Brett Blomme come Past President e CEO della Creamy City Foundation.

Ora che sono stati resi noti i gravi reati di Blomme per il possesso di numerose immagini pedopornografiche, sorgono molte domande sulle sue attività presso la Creamy City Foundation. In qualità di CEO Blomme supervisionava diversi eventi, tra cui Drag Queen Story Hour, con molti bambini presenti. Se Blomme sarà condannato, si solleveranno seri dubbi sulla sicurezza dei bambini durante questi eventi, e su come un sospetto pedofilo sia stato incaricato di organizzarli.

T. Waraich

(l'articolo originale qui, traduzione di Marina Terragni)


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
16 Maggio 2024
UK: a scuola non si parlerà più di identità di genere
Nuovo giro di vite del governo Sunak dopo il rapporto Cass che mette in guardia anche sui rischi della transizione sociale dei minori, la cosiddetta "identità alias" che è già stata adottata anche da molte scuole italiane: in classe non si insegnerà più che si può cambiare sesso e l'educazione sessuale sarà calibrata in base all'età. E mai senza il consenso dei genitori
Dopo anni e anni che i transattivisti di associazioni come Stonewall e Mermaids fanno il bello e il cattivo tempo con i loro corsi di educazione sessuale nelle scuole inglesi di ogni ordine e grado, il governo di Rishi Sunak annuncia oggi con la ministra dell’Istruzione Gillian Keegan nuove linee guida obbligatorie per scolari e studenti su questi temi. In classe non si insegnerà più che si può cambiare la propria identità di genere, come è stato fino ad ora […]
Leggi ora
5 Maggio 2024
Saman: la "loro cultura" come attenuante
Il matrimonio della ragazza era «combinato e non forzato» e nel giudizio «bisogna tenere conto anche della cultura del reo»: le motivazioni della sentenza (firmata da giudici donne) per il brutale assassinio della giovane pakistana lasciano sconcertate. Così come l'autosessismo della madre che sarebbe l'esecutrice materiale del delitto. Di questo passo, secondo le proiezioni Unicef, la bambine continueranno a essere vendute a uomini almeno per i prossimi 300 anni
Nella foto, un manifesto con il volto di Saman composto dalle foto di tante donne vittime della violenza maschile. La storia di Saman Abbas è una ferita aperta. Uccisa dalla sua famiglia tre anni fa, il corpo occultato ritrovato a più di un anno dalla morte. All’inizio di quest’anno il funerale, con grande partecipazione della gente comune. Pochi giorni fa sono arrivate le motivazioni della sentenza del processo in primo grado alla famiglia di Saman del dicembre scorso: ergastolo ai […]
Leggi ora
3 Maggio 2024
Due parole al signor Gennarone (di più non ne merita)
L'essenza del fascismo è impedire a chiunque di parlare. Chi dà della ****** a una donna intende intimidirla, svalorizzarla e soprattutto metterla a tacere. Ergo: un sessista non può definirsi antifascista perché il sessismo è incompatibile con l'antifascismo
Due parole al rapper Gennarone, autore di testi pregevoli (es.:«Stile foggiano, la mia terra la amo, dall’appennino dauno alle terre del Gargano. Prendimi la mano pronti per il viaggio nella terra che viviamo») che nel corso del concertone del 1° maggio a Foggia tra le molte altre cose ha detto che «L’Italia sta vivendo l’ombra del fascismo grazie a quella ***** di Giorgia Meloni». Solo per ricordargli che: a) l'essenza di ogni fascismo e totalitarismo è impedire a chiunque di […]
Leggi ora
22 Aprile 2024
Lettera a Rishi Sunak: serve un'inchiesta pubblica sull'influenza dell'ideologia transgender
Centotrenta parlamentari, medici, psichiatri, accademici e detransitioner britannici -tra loro anche JK Rowling- hanno scritto una lettera al primo ministro per invitarlo ad esaminare “l’influenza pervasiva” dell’ideologia transgender nelle scuole e nel servizio sanitario nazionale e ad accertare le responsabilità del danno prodotto a migliaia di bambine e bambini
"Rishi, se leggi questa petizione per favore, fai la cosa giusta e avvia con urgenza un’inchiesta pubblica. Il benessere dei nostri figli dipende da questo”. A scrivere è lo psicoterapeuta James Esses, coordinatore della dichiarazione per la realtà biologica e uno dei firmatari di un appello rivolto al primo ministro britannico dopo il grande scandalo del trattamento dei bambini “confusi e vulnerabili” da parte di professionisti medici, reso evidente del rapporto di Hilary Cass. Tra i primi firmatari anche JK […]
Leggi ora
21 Aprile 2024
Il gender è un campo di battaglia
Joe Biden in piena campagna elettorale sostituisce la parola sesso con identità di genere. Germania e Svezia approvano nuove leggi trans che consentono l’autoidentificazione (self-id): i genitori tedeschi potranno decidere di che sesso è la creatura neonata a prescindere dal fatto che abbia un pene o una vagina. Intanto dopo l’Inghilterra anche la Scozia proibisce I bloccanti della pubertà per i minori “non conformi”. E in Spagna a un anno dall’entrata in vigore della Ley Trans i “cambi di sesso” sono aumentati del 400 per cento. Perfino una trentina di militari barbuti si sono dichiarati donne. La lobby spinge furiosamente e il caos è indicibile
Mentre anche in Scozia, dopo l'Inghilterra, non si prescriverà più la "terapia affermativa" (puberty blocker seguiti da ormoni e chirurgia) ai minorenni, decisione assunta in seguito alla pubblicazione del clamoroso Cass Review, negli Stati Uniti il presidente Biden - o meglio, la sua amministrazione saldamente obamiana- in piena campagna elettorale per le presidenziali di novembre ha di fatto abolito il Titolo IX dell'Education Amendments in vigore dal 1972. L'emendamento prescriveva che nessuno/a sulla base del sesso potesse essere escluso dalla […]
Leggi ora
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora