Matic Report: l'Europa spinge sull'identità di genere

Scavalcando la sovranità dei Paesi membri, il Parlamento Europeo produce indicazioni sulla salute sessuale e riproduttiva: self-id, maternità maschile, utero in affitto, fecondazione assistita per tutte-i, ormoni ai bambini, utero in affitto. La mano di Big Tech sulle nostre vite, per una mutazione antropologica dell'umano
Condividi questo articolo

Nel quadro del tema salute delle donne, alla plenaria dello scorso 23 giugno del Parlamento europeo sulla situazione della salute sessuale e riproduttiva e relativi diritti l'UE ha votato il Matic Report.

Salute delle donne: ma le parole "donne" e "sesso" sono state sostituite con genere.

Il Matic Report produce delle indicazioni che gli Stati membri devono seguire, indicazioni che rappresentano precise linee e costituiscono un'interferenza con la giurisdizione dei singoli Stati sulla gestione dei sistemi sanitari nazionali o delle scelte di politica sanitaria nazionale.

Il report del 23 giugno include il concetto di identità di genere: «invita gli Stati membri [...] a modificare di conseguenza le leggi, le politiche e le prassi che escludono determinati gruppi dall'accesso all'assistenza relativa alla maternità, alla gravidanza e al parto, anche eliminando le restrizioni giuridiche e politiche discriminatorie che si applicano sulla base dell'orientamento sessuale o dell'identità di genere».

Il report parla anche di «diritti riproduttivi» proponendo di superare gli ostacoli che causano «l'accesso limitato a trattamenti per la fertilità» ed estendendo la riproduzione medicalmente assistita: «invita gli Stati membri a garantire che tutte le persone in età riproduttiva abbiano accesso alle terapie per la fertilità, indipendentemente [...] dall'identità di genere o dall'orientamento sessuale; [...] invita gli Stati membri ad adottare un approccio olistico, inclusivo, non discriminatorio e basato sui diritti rispetto alla fertilità, che comprenda misure volte a prevenire l'infertilità e a garantire la parità di accesso ai servizi per tutte le persone in età fertile, e a rendere disponibile e accessibile la riproduzione medicalmente assistita in Europa». Inoltre leggiamo: «uomini transgender e persone non binarie possono essere in stato di gravidanza e dovrebbero, in tal caso, beneficiare di misure di assistenza alla gravidanza e al parto, senza essere discriminati sulla base della loro identità di genere».

C'è anche una parte sull'«educazione sessuale completa [...] a vantaggio dei giovani»  nelle scuole primarie e secondarie.

Tra le questioni principali del report anche il "diritto all'aborto" da includere tra i diritti umani, per loro natura inviolabili. Spiega Luisa Muraro in Aborto. Per noi femministe non è un diritto: «Noi partivamo dal principio fondamentale di libertà femminile: una donna non può essere obbligata a diventare madre, la maternità inizia con un sì. Ma tendevamo a sottolineare che l’aborto non è un diritto. Un diritto ha sempre un contenuto positivo. L’aborto invece è un rifiuto, un ripiego, una necessità. La donna che non vuole diventare madre subisce un intervento violento sul suo corpo per estirpare questo inizio di vita. Pensavamo, e pensiamo tuttora, che se si fa dell’aborto un diritto, si autorizza l’irresponsabilità degli uomini».

Dalla posizione di minoranza di due eurodeputate: questo report

- Esula dal suo ambito di applicazione affrontando temi quali la salute, l’educazione sessuale e la riproduzione, nonché l’aborto e l’istruzione, che sono competenze legislative degli Stati membri. 

- La relazione tratta l’aborto come un presunto diritto umano che non figura nella legislazione internazionale, il che viola la stessa Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e i principali trattati vincolanti, contraddicendo anche la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo e della Corte di giustizia dell’Unione europea.

- Nella relazione si individua altresì una manipolazione ideologica dei diritti umani, aventi natura universale e immutabile, attraverso un'influenza internazionale che erode la sovranità dei Paesi, compromettendone la rispettiva legislazione.

- La relazione minaccia la libertà, l'uguaglianza e la dignità delle donne, andando contro la loro stessa natura attraverso la dissociazione dell'identità dal sesso biologico.

- Mediante un programma ideologico incentrato sul genere, la relazione presenta una donna isolata e vittimizzata, slegando la salute dalla vita e dando priorità a un benessere soggettivo che incoraggia le donne a rinunciare alla loro fertilità e alla maternità.

Da questo report emerge con forza la direzione intrapresa a livello europeo e internazionale: identità di genere, ideologia gender neutral nelle scuole, riproduzione artificiale.

In più Paesi stiamo vedendo proposte di legge che includono identità di genere e autocertificazione del sé e che ampliano l'accesso alle tecniche di procreazione medicalmente assistita (PMA). 
In Spagna la Ley Trans ha allargato l'autocertificazione di genere ai minori di 12 anni: il consenso dei genitori serve fino a 16 anni, ma se tra i 14 e i 16 il minore è in contrasto con i genitori è possibile chiedere che venga tolta loro la potestà genitoriale e che il minore sia affidato a un tutore. Di fatto, questo nega la possibilità dei genitori di opporsi al percorso di transizione, il bambino e la bambina di fatto vengono strappati alla potestà genitoriale da un sistema tecno-medico che entrerà con forza nella loro vita valutando i loro disagi e le loro difficoltà e stabilendo l'inizio del percorso di transizione.

La Ley Trans inoltre riapre l’accesso a donne lesbiche o donne sole alle tecniche di PMA previste dal servizio sanitario nazionale (possibilità che era stata esclusa sette anni fa), includendo per la prima volta anche le «persone trans con capacità di gestazione».

La Francia con la sua nuova legge di bioetica prevede anche l'accesso alle tecniche di PMA per tutte le donne, la doppia donazione di gameti, la fecondazione in vitro con tre genitori, la creazione di gameti artificiali, di embrioni chimerici uomo - animale che possono essere impiantati negli animali e di embrioni umani modificati geneticamente a scopo di ricerca, spianando così la strada a bambini geneticamente modificati. *

In Italia una rappresentante di Famiglie Arcobaleno e Sinistra Italiana durante una recente manifestazione a Milano a sostegno del Ddl Zan è stata chiara: «gli obiettivi veri sono autocertificazione di genere e diritto all'utero in affitto [...] La legge Zan è una legge di prospettiva che guarda al futuro». Il passo successivo è «la legge 40, che lascia indietro le donne single che non possono accedere a fecondazione assistita. Vogliamo la revisione della legge 164/82 ormai antica sui percorsi di transizione (ovvero l’ottenimento della libera autocertificazione di genere). Vogliamo una stagione dei diritti in cui si parli di PMA  e di GPA , e il riconoscimento dei figli e delle figlie delle famiglie arcobaleno. Il Ddl Zan è solo l’inizio». (vedere qui)

E anche al Pride di Milano una rappresentante di Famiglie Arcobaleno ha chiesto la registrazione nell’atto di nascita del genitore non biologico e «il libero accesso alle tecniche di procreazione assistita  per tutte e tutti».

Stiamo assistendo, da più parti, a una spinta per cancellare la dimensione materiale dei corpi, la differenza sessuale, per cancellare la donna, occupare i suoi spazi ed espropriarla della procreazione.
Si velocizzano i passaggi per bloccare la pubertà a bambine/i sempre più precocemente, per far penetrare l'ideologia gender neutral nelle scuole con unicorni e pronomi neutri. 
Si spinge per legalizzare l'utero in affitto, estendere la PMA per tutte/i,
cancellare la madre, colei da cui veniamo al mondo, affermando che si nasce da due padri o da due madri, e per artificializzare la procreazione con gravidanze transumane e uteri artificiali.
L'agenda dei diritti LGBTQ  è diventata una forza potente, i suoi sostenitori sono ai vertici dei media, del mondo accademico e soprattutto del Big Business, della Big Philanthropy e del Big Tech. Le donne e il loro corpo in tutto questo diventano terreno di appropriazione e di scontro.

Ma su questo terreno nulla può essere ceduto, la posta in gioco è la mutazione antropologica e ontologica dell'essere umano.

Tecnocrati transumanisti ed eugenisti hanno bisogno di cancellare fin dall'infanzia il sesso biologico di nascita per produrre un'umanità neutra, non più sessuata, senza differenze tra uomo e donna. Per chiudere il cerchio sul controllo e sulla gestione del vivente hanno bisogno di appropriarsi della dimensione della procreazione e della nascita. Le tecnologie di riproduzione artificiale, l'estensione della PMA, la selezione e modificazione embrionale, la maternità maschile, la cancellazione della madre si muovono in questa direzione, per costituire un'umanità neutra e infinItamente modificabile.

Silvia Guerini



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
13 Maggio 2022
Destra, sinistra, umano, transumano
Il tema dei "diritti" -dall'identità di genere all'utero in affitto- non è complementare o a latere, ma delinea l'orizzonte verso il quale ci si muove. Ma la prospettiva post-umana perseguita dai progressisti non è unica e ineluttabile. L'alternativa esiste: una civiltà a radice femminile
Ripresentando il ddl Zan, al Senato con scarsissime possibilità che passi -quando invece altre soluzioni, tipo il ddl Scalfarotto, avrebbero assicurato una legge contro l'omobitransfobia- il segretario PD Letta ha più volte sottolineato che il tema dei diritti è decisivo per il suo partito. Tema dei diritti che tuttavia è sempre posto come complementare, a latere di questioni ritenute ben più rilevanti: la guerra, certo, i temi economici ma anche semplicemente la legge elettorale. In verità il più della partita […]
Leggi ora
10 Maggio 2022
Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane
La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui). Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical. Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen […]
Leggi ora
4 Maggio 2022
Aborto in USA: qualcosa non torna
Una "manina" fa uscire in largo anticipo una sentenza della Corte Suprema che renderebbe illegale l'interruzione di gravidanza. A vantaggio di chi, e perché? Con quali conseguenze sulle elezioni di midterm, in cui Biden era dato perdente? E che cosa c'entra con tutto questo il femminismo gender critical, a cui alcuni osservatori liberal intendono dare la colpa?
Una vera bomba politica scagliata a pochi mesi dalle elezioni di midterm la bozza della sentenza della Corte Suprema americana, fortunosamente fuoruscita, che renderebbe l'aborto illegale negli Stati Uniti, rovesciando la storica sentenza Roe v. Wade che lo rese legale nel 1973. Intanto è una bozza, la sentenza definitiva è attesa per giugno. Si tratta inoltre di capire di chi sia la "manina" che l'ha fatta uscire, e perché. Potrebbe essere stato qualcuno dei giudici conservatori (Clarence Thomas, Samuel Alito che avrebbe […]
Leggi ora
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora