L'unicorno Gegi insegna l'identità di genere a bambine-i

Il cavallo magico amato dai più piccoli ingaggiato dalla trans-propaganda per insegnare il self-id nelle scuole canadesi, anche contro la volontà dei genitori. Identità "alias" che viene già promossa anche nelle scuole italiane
Condividi questo articolo

Dalla pubblicazione dei cosiddetti Principi di Yogyakarta, gli attivisti queer hanno lavorato duramente per inserire il concetto quasi religioso di “identità di genere” in ogni aspetto della società, comprese le scuole. Tipicamente fiduciosi e aperti, e molto interessati all'inclusione sociale, i bambini e gli adolescenti sono bersagli facili. Nel Regno Unito, l'organizzazione Mermaids ha avuto un grande successo nella promozione dell'identità di genere nelle scuole, almeno fino a quando la sentenza Keira Bell ha portato a conoscenza del pubblico i pericoli della medicalizzazione della disforia di genere.

In Canada, i sostenitori dell’identità di genere sono stati più furtivi. Per lungo tempo i genitori sono stati in gran parte inconsapevoli del fatto che molti insegnanti incoraggiavano le loro figlie e i loro figli a credere che il sesso non sia reale, che sia possibile cambiare sesso, e che i bambini non siano «al sicuro» se la loro identità di genere non è «affermata». I consigli scolastici hanno delegato la didattica sul “genere” a personale esterno e tutti i livelli del governo canadese (federale, provinciale e municipale) hanno usato i soldi dei contribuenti per finanziarle. L’indottrinamento all’identità di genere attraverso il sistema scolastico ha avuto così tanto successo che in tutte le scuole canadesi i bambini in età prepuberale chiedono che vengano usati i loro cosiddetti «pronomi preferiti», e molti adolescenti si definiscono «pansessuali». La ribellione alla società tradizionale è ormai un'idea ridicola: gli unici ribelli sono coloro che accettano la realtà scientifica.

Recentemente (il 5 maggio 2021), gli attivisti di genere di due università canadesi hanno lanciato il progetto Gegi: gegi.ca, un sito web (vedere qui) che si autodefinisce un «centro di mobilitazione della conoscenza online». Il progetto Gegi non ha solo lo scopo di insegnare ai bambini (dall’asilo alla seconda media italiana) che il sesso non esiste, ma vuole dare loro gli strumenti «normalmente posseduti solo da professionisti legali» per cambiare il regolamento della loro scuola in nome dell’«affermazione della loro identità di genere». Il sito contiene una lista di tutte le scuole dell’Ontario con la posizione del consiglio scolastico in relazione all’identità di genere. Per esempio, i ragazzi che dicono di avere un'identità femminile possono controllare sulla lista se il loro consiglio scolastico permette loro di usare i bagni delle ragazze, e se non è così, il sito fornisce un consiglio.

L'unicorno Gegi insegna l'identità di genere a bambine-i

La mascotte del progetto è Gegi, l'unicorno dell’identità di genere, che aiuta i bambini delle scuole canadesi a «difendere la loro espressione di genere e i loro diritti umani di identità di genere a scuola».

Gegi vuole «incontrarti». Infatti, Gegi vorrebbe gli indirizzi email dei bambini. In una pagina – rimossa dopo le proteste del pubblico prima che il sito venisse lanciato – Gegi incoraggiava i bambini a fare ciò che è stato sempre insegnato loro di non fare: condividere informazioni personali online.

Il nome “Gegi” è l’acronimo di Gender Expression Gender Identity (“espressione di genere, identità di genere”). A molti però non è sfuggito un altro significato: i dizionari online dello slang urbano (per esempio qui) lo considerano un sinonimo brutto e insultante di vulva, stranamente. Forse meno stranamente, molti non hanno creduto che fosse una coincidenza.

L'unicorno Gegi insegna l'identità di genere a bambine-i

La gente ha cominciato a lamentarsi sui social media, ribattezzando l'unicorno "Groomi" (che si riferisce al grooming: cioè, preparare un bambino ad essere sfruttato sessualmente) e mettendo in dubbio le intenzioni del sito web per quanto riguarda la tutela dei bambini. Sono stati tutti successivamente bloccati.

Era stato programmato un webinar esplicativo sul progetto Gegi per gli adulti interessati, ma è stato cancellato. Ora Gegi invita a porre domande attraverso il modulo di contatto del sito web per chiunque abbia un indirizzo e-mail rilasciato solo da una scuola (cioè: non sono ammessi i genitori).

È altamente improbabile che le domande sui diritti delle bambine alla sicurezza, alla dignità e alla privacy nelle scuole ricevano risposte. I diritti basati sul sesso sono protetti dalla Carta canadese dei diritti e delle libertà che fa parte della Costituzione del Canada, ma ciò sembra essere irrilevante per l'interpretazione della legge di Gegi.

Per inciso, per Gegi sono irrilevanti anche i diritti religiosi, anch’essi protetti dalla Carta, in un paese multietnico come il Canada, dove il sostegno al pluralismo e alla libertà religiosa è una parte importante della cultura politica. Persino le scuole cattoliche, che ricevono finanziamenti dai contribuenti, sono nel mirino degli attivisti dell’identità di genere. Molte hanno già iniziato a permettere ai ragazzi e agli uomini di entrare nei bagni e negli spogliatoi di loro scelta: quelli femminili.

Le scuole canadesi stanno dando ai bambini un profondo indottrinamento nell'ideologia di genere da più tempo di quanto la maggior parte dei genitori si renda conto, e il progetto Gegi è chiaramente la prossima mossa: manipolare i bambini a creare controversie giudiziarie. Gli attivisti del genere canadesi hanno deciso che è il momento di mobilitare un esercito di bambini per abbattere ogni residua barriera basata sul sesso. Ogni canadese preoccupato per la tutela dei bambini, i diritti delle donne e persino la libertà religiosa è stato preso in contropiede da queste cosiddette politiche di "inclusività". Sotto la maschera dell'anti-bullismo, dell'accettazione dell'orientamento sessuale e della gentilezza verso gli altri (tutti obiettivi estremamente meritevoli), si nasconde un minaccioso e pericoloso programma per i diritti sessuali degli uomini, che promette anche al bambino più emarginato che può diventare “un unicorno” se adotta un'identità di genere, e cerca di insegnargli che gli adulti che la incoraggiano siano più affidabili dei genitori.

Gegi è un vero e proprio pifferaio magico di Hamelin, e non dobbiamo lasciarci rassicurare dalle bugie degli attivisti e fidarci.

Tania Alessandrini (traduzione di Maria Celeste)



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
1 Febbraio 2023
Olanda: se blocchi lo sviluppo di bambine e bambini li spingi a diventare trans
Il protocollo -mettere in pausa la pubertà per consentire ai minori di “scegliere” il sesso- l’hanno inventato loro. Ma anche gli olandesi ora ammettono che in 9 casi su 10 i blocker non danno più tempo per "decidere" ma sono l’inizio della transizione. Una profezia che si auto-avvera. E che gli effetti di questi farmaci non sono affatto reversibili
La clinica universitaria Amsterdam UMC, pioniera nell'uso dei bloccanti della pubertà, ha ammesso che i bambini che assumono questi farmaci possono trovarsi bloccati in una maggiore medicalizzazione. L’ammissione arriva in seguito alla pubblicazione all'inizio di questo mese di un nuovo studio retrospettivo che esamina 20 anni di interventi ormonali noti come "protocollo olandese", condotto su 1.766 bambini e adolescenti tra il 1972 e il 2018 presso la famosa clinica di Amsterdam e pubblicato su The Journal of Sexual Medicine. Ma […]
Leggi ora
30 Gennaio 2023
Nasce GenerAzioneD, associazione italiana di genitori di minori che si definiscono "trans"
Un sito di orientamento e di informazione per sostenere e accompagnare madri e padri che si trovino a vivere questa complessa esperienza: testimonianze, interviste, e link per contribuire a un dibattito approfondito che oggi non trova spazio sui media mainstream
Si è costituita l’associazione culturale, apolitica, aconfessionale e priva di scopi di lucro GenerAzioneD Scopo primario dell’associazione è quello di informare in merito alle problematiche della disforia/incongruenza di genere in bambini, adolescenti e giovani adulti. Attraverso la divulgazione di testimonianze, notizie, articoli nazionali e internazionali in traduzione e la promozione di occasioni di confronto, GenerAzioneD si propone di favorire la trasparenza necessaria affinché venga garantita la migliore assistenza possibile alle persone coinvolte.  GenerAzioneD nasce infatti dall’incontro di alcuni genitori accumunati dall’esperienza di avere figli […]
Leggi ora
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
21 Gennaio 2023
Anche in Italia si apre -finalmente!- il dibattito sui bloccanti della pubertà
A rompere il silenzio la Società Psicoanalitica Italiana che chiede una discussione scientifica aperta su questi trattamenti che definisce "sperimentali", non supportati da adeguati studi e a forte rischio etico perché predeterminano il destino di bambine e bambini
In notevole ritardo rispetto al Grande Nord europeo, alla Gran Bretagna all'Australia, ad alcuni stati USA -che hanno bruscamente frenato sull'uso del puberty blocker come "terapia" per bambine e bambini dai comportamenti non conformi al genere, anche in Italia si rompe finalmente il silenzio con una lettera indirizzata al governo da parte della Società Psicoanalitica Italiana, che invita alla prudenza e all'apertura di una discussione scientifica pubblica. A seguire riproduciamo le interviste realizzate da Marina Terragni per Il Foglio e […]
Leggi ora