L'unicorno Gegi insegna l'identità di genere a bambine-i

Il cavallo magico amato dai più piccoli ingaggiato dalla trans-propaganda per insegnare il self-id nelle scuole canadesi, anche contro la volontà dei genitori. Identità "alias" che viene già promossa anche nelle scuole italiane
Condividi questo articolo

Dalla pubblicazione dei cosiddetti Principi di Yogyakarta, gli attivisti queer hanno lavorato duramente per inserire il concetto quasi religioso di “identità di genere” in ogni aspetto della società, comprese le scuole. Tipicamente fiduciosi e aperti, e molto interessati all'inclusione sociale, i bambini e gli adolescenti sono bersagli facili. Nel Regno Unito, l'organizzazione Mermaids ha avuto un grande successo nella promozione dell'identità di genere nelle scuole, almeno fino a quando la sentenza Keira Bell ha portato a conoscenza del pubblico i pericoli della medicalizzazione della disforia di genere.

In Canada, i sostenitori dell’identità di genere sono stati più furtivi. Per lungo tempo i genitori sono stati in gran parte inconsapevoli del fatto che molti insegnanti incoraggiavano le loro figlie e i loro figli a credere che il sesso non sia reale, che sia possibile cambiare sesso, e che i bambini non siano «al sicuro» se la loro identità di genere non è «affermata». I consigli scolastici hanno delegato la didattica sul “genere” a personale esterno e tutti i livelli del governo canadese (federale, provinciale e municipale) hanno usato i soldi dei contribuenti per finanziarle. L’indottrinamento all’identità di genere attraverso il sistema scolastico ha avuto così tanto successo che in tutte le scuole canadesi i bambini in età prepuberale chiedono che vengano usati i loro cosiddetti «pronomi preferiti», e molti adolescenti si definiscono «pansessuali». La ribellione alla società tradizionale è ormai un'idea ridicola: gli unici ribelli sono coloro che accettano la realtà scientifica.

Recentemente (il 5 maggio 2021), gli attivisti di genere di due università canadesi hanno lanciato il progetto Gegi: gegi.ca, un sito web (vedere qui) che si autodefinisce un «centro di mobilitazione della conoscenza online». Il progetto Gegi non ha solo lo scopo di insegnare ai bambini (dall’asilo alla seconda media italiana) che il sesso non esiste, ma vuole dare loro gli strumenti «normalmente posseduti solo da professionisti legali» per cambiare il regolamento della loro scuola in nome dell’«affermazione della loro identità di genere». Il sito contiene una lista di tutte le scuole dell’Ontario con la posizione del consiglio scolastico in relazione all’identità di genere. Per esempio, i ragazzi che dicono di avere un'identità femminile possono controllare sulla lista se il loro consiglio scolastico permette loro di usare i bagni delle ragazze, e se non è così, il sito fornisce un consiglio.

L'unicorno Gegi insegna l'identità di genere a bambine-i

La mascotte del progetto è Gegi, l'unicorno dell’identità di genere, che aiuta i bambini delle scuole canadesi a «difendere la loro espressione di genere e i loro diritti umani di identità di genere a scuola».

Gegi vuole «incontrarti». Infatti, Gegi vorrebbe gli indirizzi email dei bambini. In una pagina – rimossa dopo le proteste del pubblico prima che il sito venisse lanciato – Gegi incoraggiava i bambini a fare ciò che è stato sempre insegnato loro di non fare: condividere informazioni personali online.

Il nome “Gegi” è l’acronimo di Gender Expression Gender Identity (“espressione di genere, identità di genere”). A molti però non è sfuggito un altro significato: i dizionari online dello slang urbano (per esempio qui) lo considerano un sinonimo brutto e insultante di vulva, stranamente. Forse meno stranamente, molti non hanno creduto che fosse una coincidenza.

L'unicorno Gegi insegna l'identità di genere a bambine-i

La gente ha cominciato a lamentarsi sui social media, ribattezzando l'unicorno "Groomi" (che si riferisce al grooming: cioè, preparare un bambino ad essere sfruttato sessualmente) e mettendo in dubbio le intenzioni del sito web per quanto riguarda la tutela dei bambini. Sono stati tutti successivamente bloccati.

Era stato programmato un webinar esplicativo sul progetto Gegi per gli adulti interessati, ma è stato cancellato. Ora Gegi invita a porre domande attraverso il modulo di contatto del sito web per chiunque abbia un indirizzo e-mail rilasciato solo da una scuola (cioè: non sono ammessi i genitori).

È altamente improbabile che le domande sui diritti delle bambine alla sicurezza, alla dignità e alla privacy nelle scuole ricevano risposte. I diritti basati sul sesso sono protetti dalla Carta canadese dei diritti e delle libertà che fa parte della Costituzione del Canada, ma ciò sembra essere irrilevante per l'interpretazione della legge di Gegi.

Per inciso, per Gegi sono irrilevanti anche i diritti religiosi, anch’essi protetti dalla Carta, in un paese multietnico come il Canada, dove il sostegno al pluralismo e alla libertà religiosa è una parte importante della cultura politica. Persino le scuole cattoliche, che ricevono finanziamenti dai contribuenti, sono nel mirino degli attivisti dell’identità di genere. Molte hanno già iniziato a permettere ai ragazzi e agli uomini di entrare nei bagni e negli spogliatoi di loro scelta: quelli femminili.

Le scuole canadesi stanno dando ai bambini un profondo indottrinamento nell'ideologia di genere da più tempo di quanto la maggior parte dei genitori si renda conto, e il progetto Gegi è chiaramente la prossima mossa: manipolare i bambini a creare controversie giudiziarie. Gli attivisti del genere canadesi hanno deciso che è il momento di mobilitare un esercito di bambini per abbattere ogni residua barriera basata sul sesso. Ogni canadese preoccupato per la tutela dei bambini, i diritti delle donne e persino la libertà religiosa è stato preso in contropiede da queste cosiddette politiche di "inclusività". Sotto la maschera dell'anti-bullismo, dell'accettazione dell'orientamento sessuale e della gentilezza verso gli altri (tutti obiettivi estremamente meritevoli), si nasconde un minaccioso e pericoloso programma per i diritti sessuali degli uomini, che promette anche al bambino più emarginato che può diventare “un unicorno” se adotta un'identità di genere, e cerca di insegnargli che gli adulti che la incoraggiano siano più affidabili dei genitori.

Gegi è un vero e proprio pifferaio magico di Hamelin, e non dobbiamo lasciarci rassicurare dalle bugie degli attivisti e fidarci.

Tania Alessandrini (traduzione di Maria Celeste)



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora
6 Marzo 2024
Scandalo WPATH: le "terapie" per i minori con disforia sono improvvisate e prescritte senza reale consenso
La World Professional Transgender Health è considerata la principale autorità scientifica e medica globale sulla “medicina di genere”: negli ultimi decenni i suoi standard di cura hanno plasmato le linee guida, le politiche e le pratiche di governi, associazioni mediche, sistemi sanitari pubblici e cliniche private in tutto il mondo, compresa l'OMS. Ma alcuni documenti trapelati rivelano la negligenza nei riguardi di bambini -compresi minori con gravi disturbi psichici- sottoposti a trattamenti improvvisati, senza tenere conto delle conseguenze a lungo termine e senza la certezza che avessero chiaro quello che stavano facendo
La notizia riesce a sconvolgere perfino chi lotta da tempo contro la terapia affermativa -bloccanti della pubertà, ormoni e chirurgia- per i minori non conformi al genere, come lo psicoanalista David Bell che ha denunciato lo scandalo alla Tavistock Clinic di Londra: "Anche per me il contenuto di questi file è scioccante e inquietante" ha dichiarato. "I file suggeriscono che alcuni membri del WPATH sono consapevoli che le cure che affermano il genere a volte causano danni molto gravi e […]
Leggi ora