“Lia” Thomas vince e il patriarcato gioisce

Nemmeno la seconda scandalosa vittoria della nuotatORE "Lia" Thomas basta a rompere il silenzio dei media sull'incredibile ingiustizia dei corpi maschili negli sport femminili. Ma intanto l'Iowa firma un decreto per salvare le gare da queste invasioni. Un'altra trentina di stati USA progetta leggi analoghe. E il primo ministro australiano si impegna pro women's sport. ULTIM'ORA: IL GOVERNATORE DELLA FLORIDA RON DESANTIS HA RIFIUTATO DI RICONOSCERE LA VITTORIA DI THOMAS E HA DICHIARATO LA SUA CONNAZIONALE EMMA VEYANT (SECONDA CLASSIFICATA) LEGITTIMA VINCITRICE DELLA COMPETIZIONE
Condividi questo articolo

"Lia” Thomas, IL nuotatrice ruba-trofei (vedere qui), ha vinto facilmente la finale dell’American University League (NCAA I), come da pronostico.

Non ha però ricevuto ovazioni al traguardo. Gli applausi sono andati tutti alle ragazze, le vere vincitrici: la seconda classificata Emma Weyant, Erica Sullivan (terza) e Brooke Forde (quarta).

La foto del podio (in apertura) poi, vale più di mille parole: Thomas torreggia da solo a sinistra, davanti al cartello con il numero 1, mentre le tre ragazze si abbracciano e festeggiano insieme sul terzo podio.

ULTIM'ORA: IL GOVERNATORE DELLA FLORIDA RON DESANTIS HA RIFIUTATO DI RICONOSCERE LA VITTORIA DI THOMAS E HA DICHIARATO LA SUA CONNAZIONALE EMMA VEYANT (SECONDA CLASSIFICATA) LEGITTIMA VINCITRICE DELLA COMPETIZIONE.

Una situazione paradossale, quella di "Lia" Thomas, che non è più possibile ignorare: anche stare in silenzio, o dare la notizia in sordina -come la maggior parte dei media mainstream- è una presa di posizione.

In UK, dove da tempo i paradossi creati della legge sull’autodeterminazione di genere si sono fatti evidenti (peak trans), ha preso la parola l’ex nuotatrice Sharron Davies, medaglia d’argento alle Olimpiadi di Mosca nel 1980. Davies ha scritto sul Daily Mail: “Non voglio escludere gli atleti trans, ma Lia Thomas ha dimostrato che dobbiamo avere pari opportunità per le donne nello sport: nello sport contano i corpi, non i sentimenti” (vedere qui).

Di fronte alle posizioni ambigue e politicamente corrette dei media, il vero dibattito pubblico è sui social. Ancora una volta, sono soprattutto le donne a parlare. In Italia, è venuto spontaneo citare il vecchio slogan pubblicitario: “Ti piace vincere facile…” Le ragazze dicono: “Ma non si sente ridicolo?” O anche: “Questi uomini non si sentono in colpa a vincere premi importanti sottratti alle donne? Non si sentono dei vermi?” Mentre le madri si chiedono: “Cosa dirò alle mie figlie atlete se un giorno si troveranno ad affrontare una situazione del genere?”.

Silenzio, invece degli uomini di sinistra, quelli che l’anno scorso gridavano a gran voce che le donne non avevano nulla da temere dal DDL Zan, preparato ad hoc per spianare la strada all’autoidentificazione di genere. Gli stessi uomini molto “inclusivi” che la scorsa estate facevano il tifo per la qualificazione di Petrillo ai Giochi Paralimpici di Tokyo (vedere qui).

Non sono stati zitti invece i maschilisti vecchio stile, che hanno gioito dicendo: donne, ve la siete cercata.

In realtà, né le atlete, né donne professioniste in campo sportivo sono state interpellate o ascoltate sulla questione, anzi sono state redarguite quando hanno protestato.

Però è vero, ci sono donne che, esattamente come i maschilisti, hanno tifato per “Lia” Thomas. Sono le transfemministe che, in assoluta contraddizione con se stesse, acconsentono ad esaudire i desideri maschili, purché questi uomini dicano di “sentirsi donne”. Anche quando, come Thomas o Petrillo, già atleti mediocri nella categoria maschile, desiderano gareggiare contro le donne, vincere senza sforzo e “passare alla storia” stabilendo nuovi record nella disciplina.

Alle transfemministe che adulano “Lia” Thomas ci piacerebbe chiedere come si sentono ad essere perfettamente allineate con il patriarcato.

E alle ragazze che le osservano sui social: non è il caso di chiedersi se posizioni identiche a quelle dei maschilisti siano davvero femministe?

Che cosa c’è di “femminista” nel transfemminismo, che permette che le donne vengano sconfitte in partenza?

Maria Celeste


La governatrice dello Iowa Kim Reynolds ha firmato un decreto legge per salvare lo sport femminile: una legge che vieta ai maschi trans identificati di competere in gare femminili negli sport scolastici nello stato.

Dall’entrata in vigore dell’ordine esecutivo di Biden, firmato nel primo giorno del suo mandato, leggi analoghe sono state proposte in una trentina di stati, e sono già state approvate ad esempio in Florida, Alabama, Arkansas, South Dakota, Tennessee. È significativo che la maggior parte di questi disegni di legge vieta esclusivamente la partecipazione dei nati maschi agli sport femminili. Infatti, non si sente parlare di atlete nate donne che si siano qualificate nelle gare maschili negli sport di forza.

Queste leggi, dette “Save Women’s Sports Bill” o “Save Girl’s Sports Bill riguardano specificamente gli sport scolastici, in un contesto in cui l’eccellenza nello sport garantisce borse di studio: i maschi negli sport femminili dunque non rubano soltanto i trofei, ma letteralmente il futuro delle ragazze.

Prima di firmare, la governatrice Reynolds ha dato la parola alla giovane atleta Ainsley Erzen per parlare della necessità del disegno di legge. Ainsley Erzen, studentessa alla Carlisle High School e campionessa di corsa negli 800 metri, a febbraio aveva scritto una lettera aperta all'Iowa Girls High School Athletic Union per chiedere che il criterio per partecipare allo sport femminile continuasse a essere il sesso, e non l’identità di genere.

"Non ci sono parole sufficienti per descrivere quanto questa legge significhi per me e per tutte le altre atlete", ha detto Erzen. "In quest'ultimo mese, ho avuto modo di sperimentare in prima persona quanto la gente odi la verità e le persone che la dicono".

"Le donne meritano le stesse opportunità degli uomini di sviluppare i loro talenti e di lottare per l'eccellenza", ha detto Reynolds nelle sue osservazioni conclusive prima di sedersi per firmare la legge. Qui il video originale.

Maria Celeste


Intanto anche Il primo ministro australiano Scott Morrison ha pubblicamente appoggiato le leggi in discussione nel Parlamento nazionale che permetterebbero alle organizzazioni sportive di vietare agli uomini transgender di competere negli sport femminili.

Morrison ha descritto il disegno di legge proposto della senatrice liberale Claire Chandler come un "salva sport femminili". Il testo è arrivato in parlamento all'inizio di questo mese e sempre il primo ministro lo ha commentato come un "formidabile" strumento per salvaguardare lo sport e le attività femminili nel paese. 

A pochi mesi dalle elezioni del prossimo 21 maggio Morrison ha voluto con chiarezza cristallina ribadire ai giornalisti nei giorni scorsi di essere favorevole e pensare che la proposta sia da incoraggiare. Il disegno di legge intende "garantire che tutti gli enti sportivi non siano limitati nella loro capacità di organizzare competizioni ed eventi soprattutto a causa della minaccia di denunce di discriminazione basare sul sesso”.

"L'intento politico primario del progetto di legge – ha ribadito - è quello di riconoscere che la categorizzazione per sesso è un meccanismo necessario e importante per garantire la partecipazione sportiva delle donne e le opportunità competitive”. Si cerca così di garantire che lo sport femminile venga protetto e incoraggiato e che una persona di sesso maschile non abbia il diritto di chiedere l'inclusione in una competizione femminile sulla base dell'identità di genere.

Una recente ricerca in Australia, inoltre, ha evidenziato che il 75% degli australiani è d'accordo con le protezioni legali per lo sport delle ragazze contro le partecipazioni transgender. Il Canberra Times, invece, ha sostenuto che il governo sta ignorando i "diritti umani" nel tentativo di "guadagnare i voti dei transfobici".

Ciò nonostante, il Partito Liberale d'Australia, come ha già dimostrato il suo leader e Premier Morrison, ha trovato il coraggio di legiferare su questo tema e di stare dalla parte delle donne e delle ragazze che desiderano competere in modo equo e usare gli spogliatoi senza la presenza o addirittura gli abusi dei maschi.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
11 Novembre 2022
Iranian Beauty
In Iran la bellezza femminile diventa la leva di una vera rivoluzione: niente di simile alla mortificazione-mercificazione dei corpi che in Occidente viene propagandata come libertà. La lotta per poter essere donne rivela l'ipocrisia del queer
Sono ormai quasi due mesi che è iniziata la rivolta delle ragazze iraniane contro il velo, un'onda incontenibile che ogni giorno produce di nuove immagini, nuovi contenuti, una ventata di aria fresca rispetto a certe narrazioni sulle donne nel mondo islamico, ma anche uno specchio che rivela quanto di artefatto ci sia dietro tante parole d’ordine politicamente corrette del femminismo intersezionale o transfemminismo. Primo: il velo non è una libera scelta né tantomeno quell'empowerment femminista su cui ci bombarda da […]
Leggi ora
7 Novembre 2022
Belgio, nuova legge sul femminicidio. Da studiare
In Europa la violenza maschile è la principale causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni. Il Belgio si attrezza con una nuova legge che per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche fondate su statistiche ufficiali. Avendo ben presente che la violenza è un dispositivo del dominio maschile
Fermare la strage delle donne. E’ questo il senso della nuova “legge sulla prevenzione e la lotta contro i femminicidi, i delitti basati sul genere e le violenze che li precedono” adottata in prima lettura nel Consiglio dei ministri lo scorso 25 ottobre in Belgio. Depositata dalla Segretaria di Stato per la Parità di Genere, Sarah Schlitz (Ecolo/Verdi), la legge quadro per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche di lotta fondate su statistiche ufficiali. E in […]
Leggi ora
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora
6 Ottobre 2022
"Distruggi i diritti delle donne": JK Rowling contro la premier scozzese e la sua legge trans
Come in Spagna anche in Scozia il femminismo combatte contro una legge voluta dalla prima ministra Nicola Sturgeon che introduce l'autodeterminazione di genere senza alcuna diagnosi medica e abbassando a 16 anni l'età per l'accesso. E anche stavolta l'autrice di Harry Potter è al fianco delle donne, delle bambine e dei bambini
JK Rowling si fotografa con una maglietta che dice: "Nicola Sturgeon, distruttrice dei diritti delle donne" per sostenere le donne che protestano davanti al parlamento scozzese contro la controversa legge di riforma del riconoscimento di genere voluta dalla Prima Ministra scozzese. Le attiviste di For Women Scotland (Scozia per le donne) si sono riunite questa mattina davanti al Parlamento scozzese per una manifestazione contro il disegno di legge promosso da Sturgeon, che renderebbe più facile l’autodeterminazione di genere –lo abbiamo […]
Leggi ora
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora
4 Ottobre 2022
USA, coppia gay fa causa: l'utero in affitto è un "diritto", va pagato dall'assicurazione sanitaria
La richiesta dei due uomini punta a far riconoscere come "disabilità" il fatto di non disporre di un utero: pretesa assurda, invidiosa e rivelatrice. Se vincessero in tribunale in tutta l'America assicurazioni e datori di lavoro dovrebbero rimborsare le gestazioni per altri for men
Una coppia gay ha avviato una causa al tribunale del lavoro di New York chiedendo che l’assicurazione fornita dal datore di lavoro paghi al posto loro tutti i costi dell’utero in affitto, al fine di garantire “pari opportunità nell’accesso alle cure della fertilità”. A tutti gli effetti si richiede che una coppia di maschi gay diventi per legge una categoria protetta in quanto entrambi privi di utero e privi di accesso a un utero. Se vincessero la causa, in tutti […]
Leggi ora