L'amministrazione Biden cancella donne e ragazze

Senza alcun dibattito pubblico e contro l'opinione della maggioranza degli americani, il presidente Joe Biden sta procedendo d'imperio a sostituire la parola "sesso" con "identità di genere" in tutti gli atti e i documenti amministrativi, con grave impatto sulla vita di donne e ragazze. In tutto il mondo liberal e progressisti perseguono questo stesso obiettivo al servizio della trans-lobby
Condividi questo articolo

Sta succedendo. È brutto come appare e nessuno dovrebbe avere dubbi. Tutto ciò che Janice Raymond aveva predetto nel 1979 si è avverato. Tutto ciò che vedete pubblicato sul blog 11th Hour è realtà. Non si tratta affattoomplottismo.

Il primo giorno in cui è entrato in carica il presidente Biden ha firmato l'ordine esecutivo 13988 sulla prevenzione e la lotta alla discriminazione sulla base dell'identità di genere o dell'orientamento sessuale. Molti di noi, me compresa, presumevano ingenuamente che questo avrebbe significato che entro 100 giorni le agenzie federali avrebbero presentato regole per la notifica e il dibattito pubblico, come richiesto dalla legge sulla procedura amministrativa. Niente di tutto questo è successo. L'amministrazione ha meticolosamente cancellato il sesso come categoria significativa in tutto il diritto amministrativo federale, senza preavviso o possibilità di discuterne.

A febbraio, il Dipartimento per l'edilizia abitativa e lo sviluppo urbano (HUD) ha emesso un promemoria annunciando che avrebbe reinterpretato la parola sesso per includervi "identità di genere" nella legislazione sugli alloggi degli Stati Uniti. Questo significa la fine di qualsiasi alloggio per sole donne, inclusi rifugi contro la violenza domestica e dormitori universitari, perché il promemoria copre "quasi tutti gli alloggi, inclusi alloggi privati, alloggi pubblici e alloggi che ricevono finanziamenti federali ", secondo il sito web dell'HUD .

A marzo, il Dipartimento di Giustizia (DOJ) ha annunciato che il divieto di discriminazione sulla base del sesso del Titolo IX sarà interpretato come un divieto anche per la discriminazione sulla base della "identità di genere". Ciò significa la fine degli sport femminili e femminili in tutte le istituzioni finanziate dal governo federale.

Nei giorni scorsi il Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) ha annunciato di aver presentato una norma finale al Registro federale spiegando che avrebbe interpretato la parola sesso per includere "identità di genere" nella valutazione delle denunce di discriminazione relative alla fornitura di assistenza sanitaria ai sensi l'Affordable Care Act (ACA). Ciò significa che le donne non saranno autorizzate a richiedere cure ginecologiche alle donne in qualsiasi struttura sanitaria che riceve dollari federali.

Tutto questo senza preavviso o opportunità di pubblica discussione.

Nel frattempo, il Dipartimento della salute e dei servizi umani sta mentendo apertamente al popolo americano. La sezione 1557 dell'Affordable Care Act è codificata (ovvero scritta nel codice ufficiale degli Stati Uniti) al numero 42 USC 18116. Sul suo sito web, il Dipartimento afferma : "La sezione 1557 proibisce la discriminazione sulla base di razza, colore, origine nazionale, sesso (compreso l'orientamento sessuale e identità di genere), età o disabilità nei programmi o attività sanitari coperti. 42 USC § 18116 (a) ". Questo è palesemente falso. 42 USC 18116 (a) non fa alcuna menzione di "identità di genere".

Tutte queste agenzie stanno facendo riferimento alla sentenza della Corte Suprema in Bostock v. Clayton County che ha dichiarato che le persone non possono essere discriminate sulla base della “situazione di transgender” nel mondo del lavoro (titolo VII), per giustificare la completa cancellazione del sesso come categoria significativa in tutto il diritto degli Stati Uniti, nonostante l'espressa insistenza della Corte Suprema sul fatto che la sua sentenza fosse limitata al contesto lavorativo. Nella sua decisione, la Corte ha dichiarato:

"I datori di lavoro temono che la nostra decisione vada oltre il Titolo VII ad altre leggi federali o statali che vietano la discriminazione sessuale. E, in base al titolo VII stesso, dicono che bagni, spogliatoi etc separati per sesso non saranno più accettabili dopo la nostra decisione odierna. Ma non ci poniamo questi obiettivi legislativi; non abbiamo approfondito il contraddittorio sul significato dei loro termini, e oggi non pregiudichiamo alcuna questione riguardo al genere. Anche nel titolo VII non si pretende di parlare di bagni, spogliatoi o qualsiasi altra cosa del genere. L'unica questione che ci siamo posti è se un datore di lavoro che licenzia qualcuno semplicemente perché omosessuale o transgender abbia discriminato quell'individuo "a causa del suo sesso".

Bostock è stata una cattiva sentenza per donne e ragazze, e molte femministe statunitensi lo hanno detto fin da quando è stata pubblicata nel giugno 2020. Uno dei motivi per i quali cui Bostock è stata negativa per donne e ragazze è il fatto di avere garantito che lo "status di transgender" venga equiparato al sesso nella protezione legale (senza mai spiegare cosa significhi "status di transgender"). Un altro motivo è che molte di noi (a ragione, come stiamo vedendo) avevano predetto che sarebbe stata usata per giustificare l'annullamento del sesso attraverso la legge federale.

Ad aprile, la sezione statunitense della Women's Human Rights Campaign (WHRC USA) ha inviato una lettera , firmata da quasi 1500 donne in tutto il mondo, alla Casa Bianca. In questa lettera abbiamo affermato:

"Noi sottoscritte donne di tutto il mondo siamo inorridite e disgustate dal feroce assalto ai diritti, alla privacy e alla sicurezza delle donne e delle ragazze realizzato con l'"Ordine esecutivo sulla prevenzione e la lotta alla discriminazione sulla base dell'identità di genere o Orientamento sessuale "e dagli sviluppi successivi, come illustrato di seguito. Questa ingiustizia avrà conseguenze a livello globale.

Chiunque, ovunque, è invitata a inviare quella lettera alla Casa Bianca utilizzando la sua pagina di contatto in qualsiasi momento (non è necessario essere residenti negli Stati Uniti)... Sentiti libera di dire al mio Presidente che ti opponi all'annullamento di donne e ragazze in tutto il diritto degli Stati Uniti e all'impatto che le sue azioni avranno su donne e ragazze, a livello globale"

In precedenza, l'8 marzo, WHRC USA aveva presentato questa stessa lettera al leader della maggioranza al Senato Charles Schumer, anch'essa firmata da circa 1500 donne in tutto il mondo, implorandolo di non portare il cosiddetto Equality Act al Senato. Il 16 marzo WHRC USA ha presentato questa testimonianza davanti alla Commissione Giudiziaria del Senato, spiegando perché ci opponevamo all'Equality Act così come è stato nscritto. Abbiamo ricevuto conferma scritta che la testimonianza è stata fornita a tutti i membri del Comitato. Siamo state liete di apprendere che il Senato non ha agito sulla legge sull'uguaglianza. Ma ora è chiaro che l'Amministrazione sta facendo per fiat esecutivo ciò che il Senato non ha fatto per via legislativa. Tutto senza alcun input da parte del popolo americano.

Il Women's Liberation Front ha condotto sondaggi dimostrando che la maggioranza del popolo americano sostiene la protezione degli spazi dello stesso sesso. La nostra amministrazione lo sa, ma non se ne cura.

Di nuovo, spero davvero di sbagliarmi su tutto questo e se mi sto sbagliando che qualcuno me lo dica. Nel frattempo mi limito a ribadire: “Mr. President, quanto tempo ancora le donne dovranno aspettare per la loro libertà? ". Sto ancora aspettando.

Kara Dansky

articolo originale qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
21 Gennaio 2023
Anche in Italia si apre -finalmente!- il dibattito sui bloccanti della pubertà
A rompere il silenzio la Società Psicoanalitica Italiana che chiede una discussione scientifica aperta su questi trattamenti che definisce "sperimentali", non supportati da adeguati studi e a forte rischio etico perché predeterminano il destino di bambine e bambini
In notevole ritardo rispetto al Grande Nord europeo, alla Gran Bretagna all'Australia, ad alcuni stati USA -che hanno bruscamente frenato sull'uso del puberty blocker come "terapia" per bambine e bambini dai comportamenti non conformi al genere, anche in Italia si rompe finalmente il silenzio con una lettera indirizzata al governo da parte della Società Psicoanalitica Italiana, che invita alla prudenza e all'apertura di una discussione scientifica pubblica. A seguire riproduciamo le interviste realizzate da Marina Terragni per Il Foglio e […]
Leggi ora
16 Gennaio 2023
Gli psicoanalisti italiani: stop ai puberty blockers
La Società Psicoanalitica Italiana critica sui bloccanti per la pubertà ai bambini: trattamento pericoloso e sperimentale. E si unisce a femministe gender critical e genitori nel chiedere dati scientifici e un dibattito pubblico sul migliore trattamento per i minori che soffrono disforia di genere
Da anni noi femministe gender critical lottiamo contro lo scandalo della medicalizzazione dei bambini nel nome dell’identità di genere. E da anni veniamo bollate come fasciste, reazionarie, bigotte. Oggi finalmente una società scientifica accreditata italiana, la Società Psicoanalitica Italiana (SPI), prende posizione, unendosi a noi nel lanciare un grido di allarme: l’uso di bloccanti della pubertà è un trattamento sperimentale che non ha una solida base scientifica, e causa gravi effetti collaterali. Soprattutto, nella maggior parte dei casi la disforia […]
Leggi ora
14 Gennaio 2023
UK: il servizio sanitario fa marcia indietro sui servizi per la "maternità transgender" dopo la rivolta delle ostetriche
Lottare serve: in Gran Bretagna levatrici e infermiere si ribellano all’annunciata apertura di corsi e reparti dedicati a gravidanza e parto di persone “trans e non binarie”. E l’NHS stoppa l’iniziativa. Intanto negli USA si parla di trapianto di utero tra viventi: donne donatrici a vantaggio di uomini che desiderano vivere "esperienze fisiologiche femminili". Il vecchio sogno patriarcale di sempre: prendere il posto delle donne. Oggi agito dai neopatriarchi T
Lottare serve. La rivolta di ostetriche e infermiere ha sventato il piano del Servizio Sanitario Nazionale inglese (NHS) di organizzare servizi dedicati alla "maternità transgender". Il 16 dicembre scorso era apparso un annuncio per reclutare personale per gestire la formazione delle "persone trans e non binarie che partoriscono" in 40 servizi di maternità dell'NHS, annuncio che ha provocato l’immediata reazione di addette al settore. Un gruppo di circa 300 infermiere, ostetriche e psicologhe ha scritto una lettera aperta a Lizzie […]
Leggi ora