L'amministrazione Biden cancella donne e ragazze

Senza alcun dibattito pubblico e contro l'opinione della maggioranza degli americani, il presidente Joe Biden sta procedendo d'imperio a sostituire la parola "sesso" con "identità di genere" in tutti gli atti e i documenti amministrativi, con grave impatto sulla vita di donne e ragazze. In tutto il mondo liberal e progressisti perseguono questo stesso obiettivo al servizio della trans-lobby
Condividi questo articolo

Sta succedendo. È brutto come appare e nessuno dovrebbe avere dubbi. Tutto ciò che Janice Raymond aveva predetto nel 1979 si è avverato. Tutto ciò che vedete pubblicato sul blog 11th Hour è realtà. Non si tratta affattoomplottismo.

Il primo giorno in cui è entrato in carica il presidente Biden ha firmato l'ordine esecutivo 13988 sulla prevenzione e la lotta alla discriminazione sulla base dell'identità di genere o dell'orientamento sessuale. Molti di noi, me compresa, presumevano ingenuamente che questo avrebbe significato che entro 100 giorni le agenzie federali avrebbero presentato regole per la notifica e il dibattito pubblico, come richiesto dalla legge sulla procedura amministrativa. Niente di tutto questo è successo. L'amministrazione ha meticolosamente cancellato il sesso come categoria significativa in tutto il diritto amministrativo federale, senza preavviso o possibilità di discuterne.

A febbraio, il Dipartimento per l'edilizia abitativa e lo sviluppo urbano (HUD) ha emesso un promemoria annunciando che avrebbe reinterpretato la parola sesso per includervi "identità di genere" nella legislazione sugli alloggi degli Stati Uniti. Questo significa la fine di qualsiasi alloggio per sole donne, inclusi rifugi contro la violenza domestica e dormitori universitari, perché il promemoria copre "quasi tutti gli alloggi, inclusi alloggi privati, alloggi pubblici e alloggi che ricevono finanziamenti federali ", secondo il sito web dell'HUD .

A marzo, il Dipartimento di Giustizia (DOJ) ha annunciato che il divieto di discriminazione sulla base del sesso del Titolo IX sarà interpretato come un divieto anche per la discriminazione sulla base della "identità di genere". Ciò significa la fine degli sport femminili e femminili in tutte le istituzioni finanziate dal governo federale.

Nei giorni scorsi il Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) ha annunciato di aver presentato una norma finale al Registro federale spiegando che avrebbe interpretato la parola sesso per includere "identità di genere" nella valutazione delle denunce di discriminazione relative alla fornitura di assistenza sanitaria ai sensi l'Affordable Care Act (ACA). Ciò significa che le donne non saranno autorizzate a richiedere cure ginecologiche alle donne in qualsiasi struttura sanitaria che riceve dollari federali.

Tutto questo senza preavviso o opportunità di pubblica discussione.

Nel frattempo, il Dipartimento della salute e dei servizi umani sta mentendo apertamente al popolo americano. La sezione 1557 dell'Affordable Care Act è codificata (ovvero scritta nel codice ufficiale degli Stati Uniti) al numero 42 USC 18116. Sul suo sito web, il Dipartimento afferma : "La sezione 1557 proibisce la discriminazione sulla base di razza, colore, origine nazionale, sesso (compreso l'orientamento sessuale e identità di genere), età o disabilità nei programmi o attività sanitari coperti. 42 USC § 18116 (a) ". Questo è palesemente falso. 42 USC 18116 (a) non fa alcuna menzione di "identità di genere".

Tutte queste agenzie stanno facendo riferimento alla sentenza della Corte Suprema in Bostock v. Clayton County che ha dichiarato che le persone non possono essere discriminate sulla base della “situazione di transgender” nel mondo del lavoro (titolo VII), per giustificare la completa cancellazione del sesso come categoria significativa in tutto il diritto degli Stati Uniti, nonostante l'espressa insistenza della Corte Suprema sul fatto che la sua sentenza fosse limitata al contesto lavorativo. Nella sua decisione, la Corte ha dichiarato:

"I datori di lavoro temono che la nostra decisione vada oltre il Titolo VII ad altre leggi federali o statali che vietano la discriminazione sessuale. E, in base al titolo VII stesso, dicono che bagni, spogliatoi etc separati per sesso non saranno più accettabili dopo la nostra decisione odierna. Ma non ci poniamo questi obiettivi legislativi; non abbiamo approfondito il contraddittorio sul significato dei loro termini, e oggi non pregiudichiamo alcuna questione riguardo al genere. Anche nel titolo VII non si pretende di parlare di bagni, spogliatoi o qualsiasi altra cosa del genere. L'unica questione che ci siamo posti è se un datore di lavoro che licenzia qualcuno semplicemente perché omosessuale o transgender abbia discriminato quell'individuo "a causa del suo sesso".

Bostock è stata una cattiva sentenza per donne e ragazze, e molte femministe statunitensi lo hanno detto fin da quando è stata pubblicata nel giugno 2020. Uno dei motivi per i quali cui Bostock è stata negativa per donne e ragazze è il fatto di avere garantito che lo "status di transgender" venga equiparato al sesso nella protezione legale (senza mai spiegare cosa significhi "status di transgender"). Un altro motivo è che molte di noi (a ragione, come stiamo vedendo) avevano predetto che sarebbe stata usata per giustificare l'annullamento del sesso attraverso la legge federale.

Ad aprile, la sezione statunitense della Women's Human Rights Campaign (WHRC USA) ha inviato una lettera , firmata da quasi 1500 donne in tutto il mondo, alla Casa Bianca. In questa lettera abbiamo affermato:

"Noi sottoscritte donne di tutto il mondo siamo inorridite e disgustate dal feroce assalto ai diritti, alla privacy e alla sicurezza delle donne e delle ragazze realizzato con l'"Ordine esecutivo sulla prevenzione e la lotta alla discriminazione sulla base dell'identità di genere o Orientamento sessuale "e dagli sviluppi successivi, come illustrato di seguito. Questa ingiustizia avrà conseguenze a livello globale.

Chiunque, ovunque, è invitata a inviare quella lettera alla Casa Bianca utilizzando la sua pagina di contatto in qualsiasi momento (non è necessario essere residenti negli Stati Uniti)... Sentiti libera di dire al mio Presidente che ti opponi all'annullamento di donne e ragazze in tutto il diritto degli Stati Uniti e all'impatto che le sue azioni avranno su donne e ragazze, a livello globale"

In precedenza, l'8 marzo, WHRC USA aveva presentato questa stessa lettera al leader della maggioranza al Senato Charles Schumer, anch'essa firmata da circa 1500 donne in tutto il mondo, implorandolo di non portare il cosiddetto Equality Act al Senato. Il 16 marzo WHRC USA ha presentato questa testimonianza davanti alla Commissione Giudiziaria del Senato, spiegando perché ci opponevamo all'Equality Act così come è stato nscritto. Abbiamo ricevuto conferma scritta che la testimonianza è stata fornita a tutti i membri del Comitato. Siamo state liete di apprendere che il Senato non ha agito sulla legge sull'uguaglianza. Ma ora è chiaro che l'Amministrazione sta facendo per fiat esecutivo ciò che il Senato non ha fatto per via legislativa. Tutto senza alcun input da parte del popolo americano.

Il Women's Liberation Front ha condotto sondaggi dimostrando che la maggioranza del popolo americano sostiene la protezione degli spazi dello stesso sesso. La nostra amministrazione lo sa, ma non se ne cura.

Di nuovo, spero davvero di sbagliarmi su tutto questo e se mi sto sbagliando che qualcuno me lo dica. Nel frattempo mi limito a ribadire: “Mr. President, quanto tempo ancora le donne dovranno aspettare per la loro libertà? ". Sto ancora aspettando.

Kara Dansky

articolo originale qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
16 Maggio 2024
UK: a scuola non si parlerà più di identità di genere
Nuovo giro di vite del governo Sunak dopo il rapporto Cass che mette in guardia anche sui rischi della transizione sociale dei minori, la cosiddetta "identità alias" che è già stata adottata anche da molte scuole italiane: in classe non si insegnerà più che si può cambiare sesso e l'educazione sessuale sarà calibrata in base all'età. E mai senza il consenso dei genitori
Dopo anni e anni che i transattivisti di associazioni come Stonewall e Mermaids fanno il bello e il cattivo tempo con i loro corsi di educazione sessuale nelle scuole inglesi di ogni ordine e grado, il governo di Rishi Sunak annuncia oggi con la ministra dell’Istruzione Gillian Keegan nuove linee guida obbligatorie per scolari e studenti su questi temi. In classe non si insegnerà più che si può cambiare la propria identità di genere, come è stato fino ad ora […]
Leggi ora
14 Maggio 2024
Da Gaza alle sale parto occidentali, Judith Butler vede fascisti dappertutto
Fasciste, ovviamente, anche noi femministe gender critical, "alleate della destra e del Vaticano". L'intellettuale californiana, rinunciando a ogni sottigliezza filosofica, compila un'agenda politica che coincide con la piattaforma degli universitari in lotta. E auspica un'alleanza tra trans, antifa, movimento pro-Pal, senza casa, persone nere, migranti e anche donne -intese come una delle tante minoranze- per edificare "una democrazia radicale ispirata agli ideali del socialismo". Un resoconto della tappa bolognese del suo trionfale tour europeo
Forse oggi si potrebbe parlare di "Agenda Butler": la sua piattaforma coincide perfettamente con la piattaforma di lotta delle-degli studenti in tutto l'Occidente, con poche certezze sul fatto se sia nato prima l'uovo o la gallina. Certo Judith Butler è a tutti gli effetti la madre delle Gender Theory a cui queste/i studenti (comunque una minoranza) aderiscono con entusiasmo; a loro volta queste/i studenti con le loro mobilitazioni sono fonte di ispirazione per Butler, le loro piattaforme sono anche una […]
Leggi ora
6 Maggio 2024
La chirurgia trans aumenta il rischio-suicidio
Un recentissimo studio su 90 milioni di pazienti dimostra che le persone trans operate corrono "un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico" e necessitano di un supporto psichiatrico. Quindi il coronamento del lungo e faticoso percorso di transizione con la chirurgia "affermativa" non assicura il raggiungimento del benessere sperato
"La chirurgia per l’affermazione di genere è associata a un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, suicidio/autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico rispetto ai gruppi di controllo in questo database del mondo reale. Poiché il suicidio è una delle cause di morte più comuni tra gli adolescenti e gli individui di mezza età, è chiaro che dobbiamo lavorare per prevenire questi esiti sfortunati. Ciò rafforza ulteriormente la necessità di un’assistenza psichiatrica completa negli anni che seguono la chirurgia per […]
Leggi ora
22 Aprile 2024
Lettera a Rishi Sunak: serve un'inchiesta pubblica sull'influenza dell'ideologia transgender
Centotrenta parlamentari, medici, psichiatri, accademici e detransitioner britannici -tra loro anche JK Rowling- hanno scritto una lettera al primo ministro per invitarlo ad esaminare “l’influenza pervasiva” dell’ideologia transgender nelle scuole e nel servizio sanitario nazionale e ad accertare le responsabilità del danno prodotto a migliaia di bambine e bambini
"Rishi, se leggi questa petizione per favore, fai la cosa giusta e avvia con urgenza un’inchiesta pubblica. Il benessere dei nostri figli dipende da questo”. A scrivere è lo psicoterapeuta James Esses, coordinatore della dichiarazione per la realtà biologica e uno dei firmatari di un appello rivolto al primo ministro britannico dopo il grande scandalo del trattamento dei bambini “confusi e vulnerabili” da parte di professionisti medici, reso evidente del rapporto di Hilary Cass. Tra i primi firmatari anche JK […]
Leggi ora
21 Aprile 2024
Il gender è un campo di battaglia
Joe Biden in piena campagna elettorale sostituisce la parola sesso con identità di genere. Germania e Svezia approvano nuove leggi trans che consentono l’autoidentificazione (self-id): i genitori tedeschi potranno decidere di che sesso è la creatura neonata a prescindere dal fatto che abbia un pene o una vagina. Intanto dopo l’Inghilterra anche la Scozia proibisce I bloccanti della pubertà per i minori “non conformi”. E in Spagna a un anno dall’entrata in vigore della Ley Trans i “cambi di sesso” sono aumentati del 400 per cento. Perfino una trentina di militari barbuti si sono dichiarati donne. La lobby spinge furiosamente e il caos è indicibile
Mentre anche in Scozia, dopo l'Inghilterra, non si prescriverà più la "terapia affermativa" (puberty blocker seguiti da ormoni e chirurgia) ai minorenni, decisione assunta in seguito alla pubblicazione del clamoroso Cass Review, negli Stati Uniti il presidente Biden - o meglio, la sua amministrazione saldamente obamiana- in piena campagna elettorale per le presidenziali di novembre ha di fatto abolito il Titolo IX dell'Education Amendments in vigore dal 1972. L'emendamento prescriveva che nessuno/a sulla base del sesso potesse essere escluso dalla […]
Leggi ora
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora