L'amministrazione Biden cancella donne e ragazze

Senza alcun dibattito pubblico e contro l'opinione della maggioranza degli americani, il presidente Joe Biden sta procedendo d'imperio a sostituire la parola "sesso" con "identità di genere" in tutti gli atti e i documenti amministrativi, con grave impatto sulla vita di donne e ragazze. In tutto il mondo liberal e progressisti perseguono questo stesso obiettivo al servizio della trans-lobby
Condividi questo articolo

Sta succedendo. È brutto come appare e nessuno dovrebbe avere dubbi. Tutto ciò che Janice Raymond aveva predetto nel 1979 si è avverato. Tutto ciò che vedete pubblicato sul blog 11th Hour è realtà. Non si tratta affattoomplottismo.

Il primo giorno in cui è entrato in carica il presidente Biden ha firmato l'ordine esecutivo 13988 sulla prevenzione e la lotta alla discriminazione sulla base dell'identità di genere o dell'orientamento sessuale. Molti di noi, me compresa, presumevano ingenuamente che questo avrebbe significato che entro 100 giorni le agenzie federali avrebbero presentato regole per la notifica e il dibattito pubblico, come richiesto dalla legge sulla procedura amministrativa. Niente di tutto questo è successo. L'amministrazione ha meticolosamente cancellato il sesso come categoria significativa in tutto il diritto amministrativo federale, senza preavviso o possibilità di discuterne.

A febbraio, il Dipartimento per l'edilizia abitativa e lo sviluppo urbano (HUD) ha emesso un promemoria annunciando che avrebbe reinterpretato la parola sesso per includervi "identità di genere" nella legislazione sugli alloggi degli Stati Uniti. Questo significa la fine di qualsiasi alloggio per sole donne, inclusi rifugi contro la violenza domestica e dormitori universitari, perché il promemoria copre "quasi tutti gli alloggi, inclusi alloggi privati, alloggi pubblici e alloggi che ricevono finanziamenti federali ", secondo il sito web dell'HUD .

A marzo, il Dipartimento di Giustizia (DOJ) ha annunciato che il divieto di discriminazione sulla base del sesso del Titolo IX sarà interpretato come un divieto anche per la discriminazione sulla base della "identità di genere". Ciò significa la fine degli sport femminili e femminili in tutte le istituzioni finanziate dal governo federale.

Nei giorni scorsi il Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) ha annunciato di aver presentato una norma finale al Registro federale spiegando che avrebbe interpretato la parola sesso per includere "identità di genere" nella valutazione delle denunce di discriminazione relative alla fornitura di assistenza sanitaria ai sensi l'Affordable Care Act (ACA). Ciò significa che le donne non saranno autorizzate a richiedere cure ginecologiche alle donne in qualsiasi struttura sanitaria che riceve dollari federali.

Tutto questo senza preavviso o opportunità di pubblica discussione.

Nel frattempo, il Dipartimento della salute e dei servizi umani sta mentendo apertamente al popolo americano. La sezione 1557 dell'Affordable Care Act è codificata (ovvero scritta nel codice ufficiale degli Stati Uniti) al numero 42 USC 18116. Sul suo sito web, il Dipartimento afferma : "La sezione 1557 proibisce la discriminazione sulla base di razza, colore, origine nazionale, sesso (compreso l'orientamento sessuale e identità di genere), età o disabilità nei programmi o attività sanitari coperti. 42 USC § 18116 (a) ". Questo è palesemente falso. 42 USC 18116 (a) non fa alcuna menzione di "identità di genere".

Tutte queste agenzie stanno facendo riferimento alla sentenza della Corte Suprema in Bostock v. Clayton County che ha dichiarato che le persone non possono essere discriminate sulla base della “situazione di transgender” nel mondo del lavoro (titolo VII), per giustificare la completa cancellazione del sesso come categoria significativa in tutto il diritto degli Stati Uniti, nonostante l'espressa insistenza della Corte Suprema sul fatto che la sua sentenza fosse limitata al contesto lavorativo. Nella sua decisione, la Corte ha dichiarato:

"I datori di lavoro temono che la nostra decisione vada oltre il Titolo VII ad altre leggi federali o statali che vietano la discriminazione sessuale. E, in base al titolo VII stesso, dicono che bagni, spogliatoi etc separati per sesso non saranno più accettabili dopo la nostra decisione odierna. Ma non ci poniamo questi obiettivi legislativi; non abbiamo approfondito il contraddittorio sul significato dei loro termini, e oggi non pregiudichiamo alcuna questione riguardo al genere. Anche nel titolo VII non si pretende di parlare di bagni, spogliatoi o qualsiasi altra cosa del genere. L'unica questione che ci siamo posti è se un datore di lavoro che licenzia qualcuno semplicemente perché omosessuale o transgender abbia discriminato quell'individuo "a causa del suo sesso".

Bostock è stata una cattiva sentenza per donne e ragazze, e molte femministe statunitensi lo hanno detto fin da quando è stata pubblicata nel giugno 2020. Uno dei motivi per i quali cui Bostock è stata negativa per donne e ragazze è il fatto di avere garantito che lo "status di transgender" venga equiparato al sesso nella protezione legale (senza mai spiegare cosa significhi "status di transgender"). Un altro motivo è che molte di noi (a ragione, come stiamo vedendo) avevano predetto che sarebbe stata usata per giustificare l'annullamento del sesso attraverso la legge federale.

Ad aprile, la sezione statunitense della Women's Human Rights Campaign (WHRC USA) ha inviato una lettera , firmata da quasi 1500 donne in tutto il mondo, alla Casa Bianca. In questa lettera abbiamo affermato:

"Noi sottoscritte donne di tutto il mondo siamo inorridite e disgustate dal feroce assalto ai diritti, alla privacy e alla sicurezza delle donne e delle ragazze realizzato con l'"Ordine esecutivo sulla prevenzione e la lotta alla discriminazione sulla base dell'identità di genere o Orientamento sessuale "e dagli sviluppi successivi, come illustrato di seguito. Questa ingiustizia avrà conseguenze a livello globale.

Chiunque, ovunque, è invitata a inviare quella lettera alla Casa Bianca utilizzando la sua pagina di contatto in qualsiasi momento (non è necessario essere residenti negli Stati Uniti)... Sentiti libera di dire al mio Presidente che ti opponi all'annullamento di donne e ragazze in tutto il diritto degli Stati Uniti e all'impatto che le sue azioni avranno su donne e ragazze, a livello globale"

In precedenza, l'8 marzo, WHRC USA aveva presentato questa stessa lettera al leader della maggioranza al Senato Charles Schumer, anch'essa firmata da circa 1500 donne in tutto il mondo, implorandolo di non portare il cosiddetto Equality Act al Senato. Il 16 marzo WHRC USA ha presentato questa testimonianza davanti alla Commissione Giudiziaria del Senato, spiegando perché ci opponevamo all'Equality Act così come è stato nscritto. Abbiamo ricevuto conferma scritta che la testimonianza è stata fornita a tutti i membri del Comitato. Siamo state liete di apprendere che il Senato non ha agito sulla legge sull'uguaglianza. Ma ora è chiaro che l'Amministrazione sta facendo per fiat esecutivo ciò che il Senato non ha fatto per via legislativa. Tutto senza alcun input da parte del popolo americano.

Il Women's Liberation Front ha condotto sondaggi dimostrando che la maggioranza del popolo americano sostiene la protezione degli spazi dello stesso sesso. La nostra amministrazione lo sa, ma non se ne cura.

Di nuovo, spero davvero di sbagliarmi su tutto questo e se mi sto sbagliando che qualcuno me lo dica. Nel frattempo mi limito a ribadire: “Mr. President, quanto tempo ancora le donne dovranno aspettare per la loro libertà? ". Sto ancora aspettando.

Kara Dansky

articolo originale qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
5 Luglio 2022
Donne attaccate da destra e da sinistra: la cenere sul capo del New York Times
Organo dei liberal e della cultura woke, da alcuni mesi il grande quotidiano USA ha intrapreso un vigoroso cambio di rotta, ammettendo i propri eccessi e la misoginia del nuovo corso progressista impegnato a cancellare le donne. Nell'attesa che il vento autocritico arrivi anche in Europa
di Pamela Paul Forse ha senso che le donne - creature dall'apparenza compiacente e gradevole, altruiste e tanto carine - siano state quelle che hanno finalmente riunito il nostro paese polarizzato. Perché l'estrema destra e l'estrema sinistra hanno trovato l'unica cosa su cui possono essere d'accordo: le donne non contano. La posizione della destra è la più nota, il movimento si è dedicato in modo aggressivo per decenni a privare le donne dei diritti fondamentali. Grazie anche a due giudici […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
New England Journal of Medicine: il divieto di aborto è una catastrofe sanitaria
La prestigiosa rivista lancia l'allarme: saranno soprattutto le donne povere e di colore a pagare il prezzo della sentenza della Corte Suprema, ricacciate ad abortire nella clandestinità con gravi rischi per la loro salute. Anche la pillola del giorno dopo e perfino la spirale potrebbero essere vietati e perseguiti come mezzi abortivi
La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in Dobbs v. Jackson Women's Health Organization rappresenta uno straordinario capovolgimento (...) Eppure non era inaspettato. Nel lungo e doloroso preludio alla decisione, molti stati hanno gravemente limitato l'accesso all'assistenza sanitaria riproduttiva. La foglia di fico che copriva queste restrizioni era che l'aborto indotto era una procedura pericolosa che richiedeva una regolamentazione più severa per proteggere la salute delle donne che cercavano tale assistenza. I fatti smentiscono questa falsa retorica.  Gli ultimi dati disponibili negli Stati Uniti […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
Come hanno fatto a vincere la guerra contro Roe
Non avere trasformato la Roe v. Wade in legge è stato l'errore capitale della sinistra americana, a cominciare da Barack Obama. L'aborto era una questione del tutto secondaria per i liberal assorbiti dalle trans-politics, che hanno passato gli anni a cancellare la parola "donna" rinominandola come "mestruatore" e "portatore di utero", anziché occuparsi dei diritti delle donne
Come hanno fatto i pro-life americani a vincere la guerra contro la sentenza Roe v. Wade? Nell’articolo di cui vi presentiamo ampli stralci la giornalista Sarah Ditum spiega come l’incuria e l’arroganza dei democratici hanno involontariamente aiutato a riportare indietro di 50 anni i diritti delle donne in America. "Quando è diventato certo che il diritto all'aborto delle donne americane sarebbe stato revocato? La sentenza della Corte Suprema secondo la quale "Roe era terribilmente sbagliata fin dall'inizio" è trapelata quasi due mesi fa, […]
Leggi ora
25 Giugno 2022
Elezioni di midterm negli USA: dopo la sentenza sull'aborto le donne saranno decisive?
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti in una quasi-guerra civile? Il voto di novembre sarà il primo banco di prova. Le donne potrebbero costituire il nucleo forte di quel fronte moderato che negli USA non riesce a trovare espressione politica
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto, tenendo insieme le cattoliche e le agnostiche, le donne di sinistra e quelle di destra in difesa della legge 194/78? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti, per descrivere con un eufemismo la quasi-guerra civile in corso negli Stati Uniti? Le elezioni di midterm a novembre, che vedevano favoriti i repubblicani, saranno il primo banco di prova: quante elettrici, sia pure […]
Leggi ora
23 Giugno 2022
Questione trans: cambio di vento tra i progressisti
Il "la" lo danno i democratici americani, ma anche nel resto d'Occidente la trans-filia dei progressisti comincia a dare segni di cedimento. Opportunismo elettoralistico, certo. Ma il cambiamento va registrato. Tenendo gli occhi bene aperti
Michele Serra è un amico e apprezzo molto che si sia assunto la responsabilità di rompere il silenzio da sinistra -finalmente-sull'insopportabile ingiustizia dei corpi maschili negli sport femminili (L'Amaca su La Repubblica ieri, 22 giugno), ingiustizia contro la quale lottiamo da molto tempo (qui troverete un'infinità di testi su questo tema). Un appunto, se possibile: avrei evitato di usare la definizione woke cisgender, imposta dal transattivismo, e nella quale la stragrande maggioranza delle donne del mondo, atlete e non atlete, […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ma le donne esistono ancora
Il titolo non ci piace troppo, in particolare quel laconico "ancora", ma grazie a La Repubblica per avere ospitato il nostro intervento nel dibattito che si è aperto a partire dal testo di Michela Marzano intitolato "Se non è il sesso a fare la donna". Lo ripubblichiamo qui perché non lo trovate sull'online
Pubblicato su La Repubblica il nostro testo nel dibattito aperto da Michela Marzano con il suo intervento sulle "donne con il pene" e altre meraviglie. Manteniamo il titolo originale che è stato dato al nostro intervento per non fare confusione, anche se non ci piace granché. Ecco il testo integrale a seguire. Che cos’è una donna? È quella che ci ha messi al mondo, tutte e tutti. Su questo non può esserci alcun dubbio. Il che non significa affatto che […]
Leggi ora