L'abolizione globale del sesso

La legge appena approvata in Scozia che sostituisce il sesso con la libera scelta del genere. Quella in via di approvazione in Spagna. E il progetto della Germania. Nel suo articolo su Newsweek Kara Dansky mette in guardia sul self-id anche gli Stati Uniti. Ma da Gran Bretagna, Svezia, Finlandia arrivano segnali in netta controtendenza: la partita è ancora tutta da giocare
Condividi questo articolo

Il 22 dicembre è stato un giorno nero per il femminismo gender critical: nonostante le vivaci proteste fuori dal Parlamento la Scozia ha approvato la legge che consente l'autoidentificazione di genere o self-id -senza eccezione per gli autori di reati sessuali che potranno liberamente accedere, identificandosi come donne, agli spazi femminili. Anche in Spagna la Ley Trans che ha un impianto molto simile ha superato il primo step alla Camera Bassa e si avvia nelle prossime settimane verso l'approvazione definitiva al Senato. Infine la Germania si accinge a sua volta a esaminare ed eventualmente approvare una legge che introdurrà il self-id. In Italia la maggioranza di centrodestra dovrebbe garantire contro l'eventualità di una legge del genere -quanto meno per la durata della legislatura- ma le pressioni della lobby per l'abolizione del sesso biologico restano molto forti.

L'Europa sembrerebbe orientata sulla strada del self-id, ma importanti segnali in controtendenza arrivano dal Grande Nord, in particolare dalla Svezia che ha ufficialmente rotto con le linee guida di WPATH, associazione mondiale per la salute transgender che impone puberty blocker e ormoni alle/ai minori con disforia di genere. La Svezia indica il supporto psicologico come primo approccio, non diversamente da Gran Bretagna, Finlandia, Olanda: la partita è ancora tutta da giocare, qui come oltreoceano dove le cose non vanno diversamente, come spiega in questo articolo su Newsweek Kara Dansky, presidente della sezione USA di Women's Declaration International e autrice del libro The Abolition of Sex: How the 'Transgender' Agenda Harms Women and Girls.


Il 22 dicembre il parlamento scozzese ha approvato una nuova controversa legge che consente l'"autoidentificazione di genere". Due giorni prima aveva bocciato un emendamento alla legge che avrebbe impedito agli autori di reati sessuali di accedere alle carceri femminili sulla base della loro autodichiarata "identità di genere femminile". Mercoledì mattina, ha bocciato un altro emendamento che avrebbe reso retroattivamente fraudolenta una richiesta di cambio di sesso se il ricorrente fosse stato successivamente condannato per stupro.

Ciò significa che qualsiasi adulto (o minore di 16 anni), compresi gli autori di reati sessuali, può ottenere il riconoscimento legale di appartenenza al sesso opposto sulla base della sua semplice opinione. La legge ha superato le obiezioni di innumerevoli donne scozzesi che hanno ripetutamente spiegato che ciò comporterà che gli uomini potranno introdursi a forza in spazi per sole donne, come rifugi per violenza domestica e prigioni, e nonostante i due terzi della popolazione scozzese si oppongano.

Negli ultimi giorni le donne (e molti uomini) hanno protestato davanti a Holyrood, portando cartelli e striscioni per manifestare il loro dissenso. Anche un relatore speciale delle Nazioni Unite sulla violenza contro le donne ha messo in guardia sulle pericolose ripercussioni della legge.

Anche il Congresso spagnolo ha approvato una legislazione simile il 22 dicembre e tale disegno di legge andrà ora all'esame del Senato spagnolo. Il legislatore tedesco sta discutendo qualcosa di simile e prenderà in considerazione la legislazione all'inizio del prossimo anno.

Pensate che questi sviluppi siano irrilevanti per gli USA? Bene, pensateci meglio. Per anni il Congresso degli Stati Uniti ha preso in considerazione un disegno di legge chiamato Equality Act ( HR 5 ). Il testo di HR 5 non contiene la frase "self-ID", ma in effetti è la stessa cosa. Quel disegno di legge ridefinirebbe la parola "sesso" per includere la nebulosa frase "identità di genere" in tutta le leggi sui diritti civili degli Stati Uniti. Durante la sua campagna del 2020 presidente Joe Biden ha promesso di far approvare la legge entro 100 giorni dal suo insediamento, legge che è andata all'esame del Senato degli Stati Uniti dal marzo 2021. La sezione statunitense dell'organizzazione femminista globale Women's Declaration International ha suggerito un disegno di legge alternativo, la Legge sull'uguaglianza per tutti, che proteggerebbe le donne e le ragazze sulla base del sesso; lesbiche, gay e bisessuali sulla base dell'orientamento sessuale; e tutte le persone sulla base della non conformità con gli stereotipi sessuali.

L'autoidentificazione è già legge in California dal 2018. In quello stato chiunque può ottenere un nuovo certificato di nascita con il sesso opposto indicato come proprio. La legge non richiede alcuna perizia medica, né modifiche chirurgiche o ormonali.

Self-ID significa che qualsiasi persona (uomo o donna) può semplicemente dichiarare se stessa di essere membro del sesso opposto e chiedere al governo di convalidare tale illusione su richiesta. Nessuno, in nessuna parte del mondo, ha adeguatamente affrontato le implicazioni. La maggior parte delle persone che respingono a livello globale questo progetto sono femministe politicamente di sinistra, e la stragrande maggioranza delle persone (indipendentemente dall'orientamento politico) è d'accordo con noi.

Le femministe hanno sostenuto per anni che permettere a chiunque di "autoidentificarsi" come qualsiasi genere si tradurrà in uomini che entrano negli spazi delle donne. Questo sta già accadendo negli Stati Uniti a livello statale. Molti stati consentono agli uomini di essere rinchiusi nelle carceri femminili sulla base della loro autodichiarata "identità di genere femminile". L' SB 132 della California è stato emanato nel 2020 ed è entrato in vigore nel gennaio 2021. Lo stato di Washington fa la stessa cosa a titolo di politica amministrativa . Il New Jersey ha implementato una politica simile attraverso un accordo transattivo con l'ACLU. Le donne incarcerate in tutto il paese vengono aggredite, violentate e messe incinte da uomini che si spacciano per donne (molti dei quali sono stati condannati per reati gravissimi come stupro e omicidio). Queste donne sono terrorizzate . Questo dovrebbe essere uno scandalo nazionale e internazionale.

Cos'altro si è trascurato di considerare nella campagna per ridefinire il sesso come "identità di genere"? Gli organismi sanitari nazionali come NIH e CDC saranno in grado di monitorare gli impatti di vari farmaci su uomini e donne come classi di sesso distinte? L' FBI sarà in grado di continuare a monitorare i crimini in base al sesso?

Tutto questo è l'inevitabile risultato della finzione che il sesso non è reale o che possa essere cambiato. Ho sostenuto la necessità di respingere tutto questo nel mio libro del 2021 The Abolition of Sex: How the 'Transgender' Agenda Harms Women and Girls.

Chiunque abbia a cuore i diritti, la privacy e la sicurezza di donne e ragazze; chiunque abbia a cuore il riconoscimento della realtà materiale del sesso biologico; e chiunque pensi che la politica pubblica debba essere fondata sulla scienza deve prendere posizione. Questo sarebbe un buon momento. Il sesso è stato abolito dalla legge scozzese questo mese e potrebbe presto accadere in Spagna e Germania. Gli americani non dovrebbero essere sorpresi quando i prossimi saremo noi.

Kara Dansky

articolo originale di Newsweek qui, traduzione di Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
21 Gennaio 2023
Anche in Italia si apre -finalmente!- il dibattito sui bloccanti della pubertà
A rompere il silenzio la Società Psicoanalitica Italiana che chiede una discussione scientifica aperta su questi trattamenti che definisce "sperimentali", non supportati da adeguati studi e a forte rischio etico perché predeterminano il destino di bambine e bambini
In notevole ritardo rispetto al Grande Nord europeo, alla Gran Bretagna all'Australia, ad alcuni stati USA -che hanno bruscamente frenato sull'uso del puberty blocker come "terapia" per bambine e bambini dai comportamenti non conformi al genere, anche in Italia si rompe finalmente il silenzio con una lettera indirizzata al governo da parte della Società Psicoanalitica Italiana, che invita alla prudenza e all'apertura di una discussione scientifica pubblica. A seguire riproduciamo le interviste realizzate da Marina Terragni per Il Foglio e […]
Leggi ora
16 Gennaio 2023
Gli psicoanalisti italiani: stop ai puberty blockers
La Società Psicoanalitica Italiana critica sui bloccanti per la pubertà ai bambini: trattamento pericoloso e sperimentale. E si unisce a femministe gender critical e genitori nel chiedere dati scientifici e un dibattito pubblico sul migliore trattamento per i minori che soffrono disforia di genere
Da anni noi femministe gender critical lottiamo contro lo scandalo della medicalizzazione dei bambini nel nome dell’identità di genere. E da anni veniamo bollate come fasciste, reazionarie, bigotte. Oggi finalmente una società scientifica accreditata italiana, la Società Psicoanalitica Italiana (SPI), prende posizione, unendosi a noi nel lanciare un grido di allarme: l’uso di bloccanti della pubertà è un trattamento sperimentale che non ha una solida base scientifica, e causa gravi effetti collaterali. Soprattutto, nella maggior parte dei casi la disforia […]
Leggi ora
14 Gennaio 2023
UK: il servizio sanitario fa marcia indietro sui servizi per la "maternità transgender" dopo la rivolta delle ostetriche
Lottare serve: in Gran Bretagna levatrici e infermiere si ribellano all’annunciata apertura di corsi e reparti dedicati a gravidanza e parto di persone “trans e non binarie”. E l’NHS stoppa l’iniziativa. Intanto negli USA si parla di trapianto di utero tra viventi: donne donatrici a vantaggio di uomini che desiderano vivere "esperienze fisiologiche femminili". Il vecchio sogno patriarcale di sempre: prendere il posto delle donne. Oggi agito dai neopatriarchi T
Lottare serve. La rivolta di ostetriche e infermiere ha sventato il piano del Servizio Sanitario Nazionale inglese (NHS) di organizzare servizi dedicati alla "maternità transgender". Il 16 dicembre scorso era apparso un annuncio per reclutare personale per gestire la formazione delle "persone trans e non binarie che partoriscono" in 40 servizi di maternità dell'NHS, annuncio che ha provocato l’immediata reazione di addette al settore. Un gruppo di circa 300 infermiere, ostetriche e psicologhe ha scritto una lettera aperta a Lizzie […]
Leggi ora