La vittoria di Maya, di JK Rowling e di tutte noi!

Credere nell’immutabilità del sesso biologico è un'opinione protetta dalla Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo. Maya Forstater e tutto il femminismo gender critical sono legittimati a esprimere liberamente il proprio pensiero. Una sentenza che è una grande vittoria per la giustizia e per i diritti delle donne
Condividi questo articolo

La Corte d’Appello del Tribunale del Lavoro in Inghilterra ha emesso oggi 10 giugno la sentenza nel caso Forstater. La Corte ha stabilito che credere nell’immutabilità del sesso biologico  è una forma di opinione protetta dall’articolo 9(1) della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo.

Che cosa era successo, e che cosa succederà adesso a Maya Forstater?

Facciamo un passo indietro. Nel 2019 Maya, una ricercatrice presso il Center for Global Development a Londra, espresse in una serie di tweet alcune critiche nei confronti dell’ideologia transgender, e specificamente l’idea che l’autoidentificazione sia sufficiente per il cambiamento legale di sesso, e che le donne trans sono donne, in tutto e per tutto. Per aver espresso critiche e perplessità, colleghi di lavoro nella sede statunitense del centro si lamentarono di una presunta transfobia. Il contratto di lavoro di Maya non fu rinnovato, come originariamente previsto e Maya aprì un contenzioso presso il tribunale del lavoro.

In una sentenza preliminare del dicembre 2019 tesa a determinare se le opinioni cosiddette ‘gender critical’ fossero protette dalla Convenzione Europea e dall’Equality Act britannico, il giudice James Tayler stabilì che tali opinioni fossero ‘incompatibili con la dignità umana e i diritti umani’ e tacciò di assolutismo tali opinioni. In sostanza, il giudice concluse che le opinioni gender critical devono essere escluse dalla protezione della legge al pari del nazismo, l’antisemitismo o il razzismo. Specificatemente, il giudice determinò che le opinioni di Forstater non soddisfacessero il criterio V del cosiddetto test Grainger, derivato dal caso Grainger al Tribunale del Lavoro. Il criterio V stabilisce che, per poter usufruire della protezione della legge, le opinioni devono essere degne di rispetto in una società democratica e rispettare la dignità umana ed i diritti degli altri.

Le ripercussioni della sentenza furono notevoli. JKR Rowling espresse il suo sostegno per Maya in un tweet, che scatenò una reazione negativa enorme.

In un clima generale in cui azzardare una critica all’ideologia di genere può risultare in minacce di morte o stupro, molte donne hanno espresso solidarietà per Maya sui social. La decisione di ricorrere in appello è diventata il simbolo della ribellione di molte donne a questa ideologia, e soprattutto all’ingiunzione di non discuterne alcun aspetto. Dal 2019, il numero di donne che hanno apertamente criticato questa ideologia è aumentato in modo consistente. La campagna #WomenWontWheesht (le donne non staranno zitte) iniziata da una femminista in Scozia ha avuto successo non solo al di fuori della Scozia, ma addirittura al di fuori della Gran Bretagna. Tanti sono stati anche gli ostacoli. La stessa Marion Millar, che ha iniziato la campagna, è stata denunciata per transfobia e omofobia e ora rischia una condanna fino a due anni.

E arriviamo così al giugno di quest’anno. Il caso in appello  era teso esclusivamente a determinare se il tribunale del lavoro era incorso in un errore di diritto nello stabilire che le opinioni gender critical non erano protette. In un paragrafo che stabilisce con chiarezza esemplare in cosa consista l’errore, la Corte d’Appello ha dichiarato che

[…] le opinioni della Ricorrente non si avvicinano neppure lontanamente a opinioni alla stregua del Nazismo o del totalitarismo, che richiedono l’applicazione dell’articolo 17 [della Convenzione Europea, divieto dell’abuso di diritto]. Ciò è sufficiente a stabilire che il criterio V del caso Grainger è soddisfatto. Le opinioni della Ricorrente sono certamente in grado di suscitare offesa o di essere considerate abominevoli; tuttavia l’evidenza posta di fronte al Tribunale dimostra che la Ricorrente credeva sinceramente che “non vi è incompatibilità tra il riconoscere che gli esseri umani non sono in grado di cambiare sesso e il proteggere i diritti umani di coloro che si identificano come transgender […] Nella mia opinione, tale dichiarazione non equivale ad esprimere l’intenzione di distruggere i diritti degli individui transgender. È un’opinione che può, in determinate circostanze, offendere un individuo transgender, ma tale potenziale non costituisce un motivo valido per privare della protezione della legge tale opinione.

Ciò che la Corte ha stabilito in data 10 giugno è essenziale per garantire la protezione delle opinioni gender critical, in generale, nell’ambiente lavorativo. Quello che la Corte non ha stabilito, né doveva farlo, è la questione di merito, cioè se nell’esprimere le sua opinioni, Maya si sia resa responsabile di condotta in violazione dell’Equality Act per quanto concerne la discriminazione e l’abuso di individui transgender. Il caso ritorna quindi adesso al Tribunale del Lavoro per la determinazione del merito. Intanto però moltissime donne hanno tirato un sospiro di sollievo. Credere che il sesso sia un fatto oggettivo e che le donne abbiano diritti in base al sesso non vuol dire essere bigotte, o naziste.

Oggi festeggiamo questa vittoria per la giustizia e i diritti delle donne. Domani, ricomincia la lotta. 

Alessandra Asteriti


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora
6 Marzo 2024
Scandalo WPATH: le "terapie" per i minori con disforia sono improvvisate e prescritte senza reale consenso
La World Professional Transgender Health è considerata la principale autorità scientifica e medica globale sulla “medicina di genere”: negli ultimi decenni i suoi standard di cura hanno plasmato le linee guida, le politiche e le pratiche di governi, associazioni mediche, sistemi sanitari pubblici e cliniche private in tutto il mondo, compresa l'OMS. Ma alcuni documenti trapelati rivelano la negligenza nei riguardi di bambini -compresi minori con gravi disturbi psichici- sottoposti a trattamenti improvvisati, senza tenere conto delle conseguenze a lungo termine e senza la certezza che avessero chiaro quello che stavano facendo
La notizia riesce a sconvolgere perfino chi lotta da tempo contro la terapia affermativa -bloccanti della pubertà, ormoni e chirurgia- per i minori non conformi al genere, come lo psicoanalista David Bell che ha denunciato lo scandalo alla Tavistock Clinic di Londra: "Anche per me il contenuto di questi file è scioccante e inquietante" ha dichiarato. "I file suggeriscono che alcuni membri del WPATH sono consapevoli che le cure che affermano il genere a volte causano danni molto gravi e […]
Leggi ora
2 Marzo 2024
Corpi che non contano: Judith Butler torna alla carica
In un’affollata conferenza alla London School of Economic la filosofa californiana pioniera delle gender theory ribadisce i capisaldi del suo pensiero: la materialità del sesso non esiste, le donne non hanno l’esclusiva di essere donne e devono aprirsi ad altri soggetti a cominciare dai Queer e dai pro-Palestine, il transfemminismo è anticapitalista e antifa per una lotta comune contro le “passioni fasciste”. E attacca il femminismo gender critical “alleato delle destre”
A un certo punto sembrava che Judith Butler avesse cambiato strada. La filosofa californiana, tra le più influenti dell’ultimo trentennio, teorica della performatività di genere, approdata lungo un percorso costruttivista radicale alla negazione della consistenza materiale dei corpi sessuati fino a problematizzare e/o smantellare lo stesso soggetto “donna” , aveva riconosciuto: «la mia definizione diede adito a due interpretazioni contrastanti: per la prima, ciascuno si sceglie il proprio genere; per la seconda, siamo tutti completamente determinati dalle norme di genere […]
Leggi ora