La vittoria di Maya, di JK Rowling e di tutte noi!

Credere nell’immutabilità del sesso biologico è un'opinione protetta dalla Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo. Maya Forstater e tutto il femminismo gender critical sono legittimati a esprimere liberamente il proprio pensiero. Una sentenza che è una grande vittoria per la giustizia e per i diritti delle donne
Condividi questo articolo

La Corte d’Appello del Tribunale del Lavoro in Inghilterra ha emesso oggi 10 giugno la sentenza nel caso Forstater. La Corte ha stabilito che credere nell’immutabilità del sesso biologico  è una forma di opinione protetta dall’articolo 9(1) della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo.

Che cosa era successo, e che cosa succederà adesso a Maya Forstater?

Facciamo un passo indietro. Nel 2019 Maya, una ricercatrice presso il Center for Global Development a Londra, espresse in una serie di tweet alcune critiche nei confronti dell’ideologia transgender, e specificamente l’idea che l’autoidentificazione sia sufficiente per il cambiamento legale di sesso, e che le donne trans sono donne, in tutto e per tutto. Per aver espresso critiche e perplessità, colleghi di lavoro nella sede statunitense del centro si lamentarono di una presunta transfobia. Il contratto di lavoro di Maya non fu rinnovato, come originariamente previsto e Maya aprì un contenzioso presso il tribunale del lavoro.

In una sentenza preliminare del dicembre 2019 tesa a determinare se le opinioni cosiddette ‘gender critical’ fossero protette dalla Convenzione Europea e dall’Equality Act britannico, il giudice James Tayler stabilì che tali opinioni fossero ‘incompatibili con la dignità umana e i diritti umani’ e tacciò di assolutismo tali opinioni. In sostanza, il giudice concluse che le opinioni gender critical devono essere escluse dalla protezione della legge al pari del nazismo, l’antisemitismo o il razzismo. Specificatemente, il giudice determinò che le opinioni di Forstater non soddisfacessero il criterio V del cosiddetto test Grainger, derivato dal caso Grainger al Tribunale del Lavoro. Il criterio V stabilisce che, per poter usufruire della protezione della legge, le opinioni devono essere degne di rispetto in una società democratica e rispettare la dignità umana ed i diritti degli altri.

Le ripercussioni della sentenza furono notevoli. JKR Rowling espresse il suo sostegno per Maya in un tweet, che scatenò una reazione negativa enorme.

In un clima generale in cui azzardare una critica all’ideologia di genere può risultare in minacce di morte o stupro, molte donne hanno espresso solidarietà per Maya sui social. La decisione di ricorrere in appello è diventata il simbolo della ribellione di molte donne a questa ideologia, e soprattutto all’ingiunzione di non discuterne alcun aspetto. Dal 2019, il numero di donne che hanno apertamente criticato questa ideologia è aumentato in modo consistente. La campagna #WomenWontWheesht (le donne non staranno zitte) iniziata da una femminista in Scozia ha avuto successo non solo al di fuori della Scozia, ma addirittura al di fuori della Gran Bretagna. Tanti sono stati anche gli ostacoli. La stessa Marion Millar, che ha iniziato la campagna, è stata denunciata per transfobia e omofobia e ora rischia una condanna fino a due anni.

E arriviamo così al giugno di quest’anno. Il caso in appello  era teso esclusivamente a determinare se il tribunale del lavoro era incorso in un errore di diritto nello stabilire che le opinioni gender critical non erano protette. In un paragrafo che stabilisce con chiarezza esemplare in cosa consista l’errore, la Corte d’Appello ha dichiarato che

[…] le opinioni della Ricorrente non si avvicinano neppure lontanamente a opinioni alla stregua del Nazismo o del totalitarismo, che richiedono l’applicazione dell’articolo 17 [della Convenzione Europea, divieto dell’abuso di diritto]. Ciò è sufficiente a stabilire che il criterio V del caso Grainger è soddisfatto. Le opinioni della Ricorrente sono certamente in grado di suscitare offesa o di essere considerate abominevoli; tuttavia l’evidenza posta di fronte al Tribunale dimostra che la Ricorrente credeva sinceramente che “non vi è incompatibilità tra il riconoscere che gli esseri umani non sono in grado di cambiare sesso e il proteggere i diritti umani di coloro che si identificano come transgender […] Nella mia opinione, tale dichiarazione non equivale ad esprimere l’intenzione di distruggere i diritti degli individui transgender. È un’opinione che può, in determinate circostanze, offendere un individuo transgender, ma tale potenziale non costituisce un motivo valido per privare della protezione della legge tale opinione.

Ciò che la Corte ha stabilito in data 10 giugno è essenziale per garantire la protezione delle opinioni gender critical, in generale, nell’ambiente lavorativo. Quello che la Corte non ha stabilito, né doveva farlo, è la questione di merito, cioè se nell’esprimere le sua opinioni, Maya si sia resa responsabile di condotta in violazione dell’Equality Act per quanto concerne la discriminazione e l’abuso di individui transgender. Il caso ritorna quindi adesso al Tribunale del Lavoro per la determinazione del merito. Intanto però moltissime donne hanno tirato un sospiro di sollievo. Credere che il sesso sia un fatto oggettivo e che le donne abbiano diritti in base al sesso non vuol dire essere bigotte, o naziste.

Oggi festeggiamo questa vittoria per la giustizia e i diritti delle donne. Domani, ricomincia la lotta. 

Alessandra Asteriti


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
27 Settembre 2022
Il femminismo e la destra
In risposta a Julie Bindel, che considera il muro eretto dalla sinistra transattivista ma anche i rischi di un'alleanza con la destra: in Italia la novità storica -una donna di destra premier, Giorgia Meloni- complica ulteriormente il quadro. Che fare allora? Quello che sta capitando in Spagna sull'orribile Ley Trans forse indica una strada buona per tutte
Julie Bindel e Harvey Jeni prendono il toro per le corna: visto che da troppo tempo con la sinistra non c'è possibilità di dialogo, il femminismo radicale e gender critical può guardare a destra senza correre rischi? Tema che in Italia abbiamo ben presente e che ha agitato tutta la campagna elettorale conclusasi con la vittoria schiacciante di una donna di destra, Giorgia Meloni, che non si è mai dichiarata femminista. Il fatto che oggi la destra in Italia sia […]
Leggi ora
24 Settembre 2022
SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS
A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- […]
Leggi ora
14 Settembre 2022
Forse l'identità di genere non esiste
Se a dubitare è la biologa Anna Fausto-Sterling, la prima a parlarne negli anni Novanta, ispiratrice di Judith Butler e fondatrice delle gender theory, allora forse siamo a un clamorosissimo e definitivo giro di boa. Fermate le leggi trans prima che sia troppo tardi!
Se Judith Butler è The Queen of Gender, Anna Fausto-Sterling è la sua dea: zoologa, biologa e docente di gender study -oggi alla Brown University- partendo dalla rara condizione genetica dell'intersessualità nei primi anni Novanta è stata la prima ad attaccare il concetto di binarietà sessuale, sostenendo che la sessualità è uno spettro e che si possono individuare almeno 5 sessi ("ma dai, non era mica una teoria, ero ironica, era solo una provocazione" ha detto in seguito. Ma invano). […]
Leggi ora
11 Settembre 2022
Trans-Europa: Irlanda, UK, Spagna, le leggi-gender ai primi posti nelle agende politiche
Mentre la nuova premier britannica Liz Truss lavora per bloccare l'autocertificazione di genere in Scozia, il governo iberico impedisce il dibattito parlamentare sulla Ley Trans, che consente il cambio di sesso perfino ai bambini di 12 anni, per andare ad approvare in fretta e furia: per questo le femministe spagnole rompono con la sinistra e aprono il dialogo con il Partito Popolare. Intanto in Irlanda un professore viene arrestato per aver rifiutato di usare il linguaggio fluido
Un professore di una scuola cristiana irlandese, Enoch Burke, è stato sospeso e quindi arrestato per aver rifiutato di appellare uno studente transgender con un pronome neutro. Intanto la nuova premier britannica Liz Truss starebbe cercando di bloccare i piani della Scozia per consentire l'autoidentificazione per le persone transgender (self-id) e avrebbe chiesto agli avvocati consigli su come "mettere in pausa o prevenire" le riforme. Truss, responsabile del brief sulle uguaglianze oltre che ex-ministro degli esteri, è stata determinante nell'escludere […]
Leggi ora
9 Settembre 2022
Elizabeth, l'ultima matriarca
La regina scomparsa ha saputo esercitare il proprio potere in modo così abile da renderlo invisibile. Un'influenza profonda che non ha mai prodotto contraccolpi. Sapienza, ferreo senso del dovere, pragmatismo, controllo emotivo e nessun narcisismo: questi i tratti di una sovranità che ne fanno un modello di autorità femminile
Gaby Hinsliff per The Guardian Ferma tutti gli orologi. Stacca il telefono. Per una volta, i versi di apertura della poesia di WH Auden, Funeral Blues, sembrano adatti al momento. Piaccia o meno, gran parte della vita pubblica si fermerà nei giorni di lutto mentre le emittenti sospendono i loro programmi e si prepara il funerale di stato. Per quanto possa essere stato prevista da tempo, la morte della monarca che ha regnato più a lungo nella storia britannica è un momento […]
Leggi ora
6 Agosto 2022
California, transificio di bambine/i
Lo stato americano si propone come meta di turismo "sanitario" per le/i minori che non riescono ad accedere alla transizione nel luogo in cui vivono. Esautorando i genitori e sollevando gli operatori da ogni rischio di causa in caso di successivi "pentimenti". Intanto in UK, dopo la chiusura della Tavistock, occhi puntati su una clinica scozzese dove il modello sperimentale (bloccanti della pubertà e chirurgia) continua a essere applicato
Negli Stati Uniti è in corso una vera e propria guerra sull’ideologia dell’identità di genere e la sua promozione nelle scuole. Una “guerra culturale” che vede contrapposte le élite, che finanziano e promuovono la gender ideology, e la gente comune che vi si oppone (vedere qui il caso Disney). Mentre Biden fin dal primo giorno ha fatto molte concessioni legislative all’attivismo trans a livello federale, i repubblicani hanno intercettato lo scontento della cittadinanza con diverse contro-leggi a livello statale, come […]
Leggi ora