La vittoria di Maya, di JK Rowling e di tutte noi!

Credere nell’immutabilità del sesso biologico è un'opinione protetta dalla Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo. Maya Forstater e tutto il femminismo gender critical sono legittimati a esprimere liberamente il proprio pensiero. Una sentenza che è una grande vittoria per la giustizia e per i diritti delle donne
Condividi questo articolo

La Corte d’Appello del Tribunale del Lavoro in Inghilterra ha emesso oggi 10 giugno la sentenza nel caso Forstater. La Corte ha stabilito che credere nell’immutabilità del sesso biologico  è una forma di opinione protetta dall’articolo 9(1) della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo.

Che cosa era successo, e che cosa succederà adesso a Maya Forstater?

Facciamo un passo indietro. Nel 2019 Maya, una ricercatrice presso il Center for Global Development a Londra, espresse in una serie di tweet alcune critiche nei confronti dell’ideologia transgender, e specificamente l’idea che l’autoidentificazione sia sufficiente per il cambiamento legale di sesso, e che le donne trans sono donne, in tutto e per tutto. Per aver espresso critiche e perplessità, colleghi di lavoro nella sede statunitense del centro si lamentarono di una presunta transfobia. Il contratto di lavoro di Maya non fu rinnovato, come originariamente previsto e Maya aprì un contenzioso presso il tribunale del lavoro.

In una sentenza preliminare del dicembre 2019 tesa a determinare se le opinioni cosiddette ‘gender critical’ fossero protette dalla Convenzione Europea e dall’Equality Act britannico, il giudice James Tayler stabilì che tali opinioni fossero ‘incompatibili con la dignità umana e i diritti umani’ e tacciò di assolutismo tali opinioni. In sostanza, il giudice concluse che le opinioni gender critical devono essere escluse dalla protezione della legge al pari del nazismo, l’antisemitismo o il razzismo. Specificatemente, il giudice determinò che le opinioni di Forstater non soddisfacessero il criterio V del cosiddetto test Grainger, derivato dal caso Grainger al Tribunale del Lavoro. Il criterio V stabilisce che, per poter usufruire della protezione della legge, le opinioni devono essere degne di rispetto in una società democratica e rispettare la dignità umana ed i diritti degli altri.

Le ripercussioni della sentenza furono notevoli. JKR Rowling espresse il suo sostegno per Maya in un tweet, che scatenò una reazione negativa enorme.

In un clima generale in cui azzardare una critica all’ideologia di genere può risultare in minacce di morte o stupro, molte donne hanno espresso solidarietà per Maya sui social. La decisione di ricorrere in appello è diventata il simbolo della ribellione di molte donne a questa ideologia, e soprattutto all’ingiunzione di non discuterne alcun aspetto. Dal 2019, il numero di donne che hanno apertamente criticato questa ideologia è aumentato in modo consistente. La campagna #WomenWontWheesht (le donne non staranno zitte) iniziata da una femminista in Scozia ha avuto successo non solo al di fuori della Scozia, ma addirittura al di fuori della Gran Bretagna. Tanti sono stati anche gli ostacoli. La stessa Marion Millar, che ha iniziato la campagna, è stata denunciata per transfobia e omofobia e ora rischia una condanna fino a due anni.

E arriviamo così al giugno di quest’anno. Il caso in appello  era teso esclusivamente a determinare se il tribunale del lavoro era incorso in un errore di diritto nello stabilire che le opinioni gender critical non erano protette. In un paragrafo che stabilisce con chiarezza esemplare in cosa consista l’errore, la Corte d’Appello ha dichiarato che

[…] le opinioni della Ricorrente non si avvicinano neppure lontanamente a opinioni alla stregua del Nazismo o del totalitarismo, che richiedono l’applicazione dell’articolo 17 [della Convenzione Europea, divieto dell’abuso di diritto]. Ciò è sufficiente a stabilire che il criterio V del caso Grainger è soddisfatto. Le opinioni della Ricorrente sono certamente in grado di suscitare offesa o di essere considerate abominevoli; tuttavia l’evidenza posta di fronte al Tribunale dimostra che la Ricorrente credeva sinceramente che “non vi è incompatibilità tra il riconoscere che gli esseri umani non sono in grado di cambiare sesso e il proteggere i diritti umani di coloro che si identificano come transgender […] Nella mia opinione, tale dichiarazione non equivale ad esprimere l’intenzione di distruggere i diritti degli individui transgender. È un’opinione che può, in determinate circostanze, offendere un individuo transgender, ma tale potenziale non costituisce un motivo valido per privare della protezione della legge tale opinione.

Ciò che la Corte ha stabilito in data 10 giugno è essenziale per garantire la protezione delle opinioni gender critical, in generale, nell’ambiente lavorativo. Quello che la Corte non ha stabilito, né doveva farlo, è la questione di merito, cioè se nell’esprimere le sua opinioni, Maya si sia resa responsabile di condotta in violazione dell’Equality Act per quanto concerne la discriminazione e l’abuso di individui transgender. Il caso ritorna quindi adesso al Tribunale del Lavoro per la determinazione del merito. Intanto però moltissime donne hanno tirato un sospiro di sollievo. Credere che il sesso sia un fatto oggettivo e che le donne abbiano diritti in base al sesso non vuol dire essere bigotte, o naziste.

Oggi festeggiamo questa vittoria per la giustizia e i diritti delle donne. Domani, ricomincia la lotta. 

Alessandra Asteriti


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
4 Maggio 2022
Aborto in USA: qualcosa non torna
Una "manina" fa uscire in largo anticipo una sentenza della Corte Suprema che renderebbe illegale l'interruzione di gravidanza. A vantaggio di chi, e perché? Con quali conseguenze sulle elezioni di midterm, in cui Biden era dato perdente? E che cosa c'entra con tutto questo il femminismo gender critical, a cui alcuni osservatori liberal intendono dare la colpa?
Una vera bomba politica scagliata a pochi mesi dalle elezioni di midterm la bozza della sentenza della Corte Suprema americana, fortunosamente fuoruscita, che renderebbe l'aborto illegale negli Stati Uniti, rovesciando la storica sentenza Roe v. Wade che lo rese legale nel 1973. Intanto è una bozza, la sentenza definitiva è attesa per giugno. Si tratta inoltre di capire di chi sia la "manina" che l'ha fatta uscire, e perché. Potrebbe essere stato qualcuno dei giudici conservatori (Clarence Thomas, Samuel Alito che avrebbe […]
Leggi ora
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
28 Aprile 2022
Caso Sargentini: l'assordante silenzio di Saviano
La giornalista femminista Monica Ricci Sargentini minacciata di sanzione -tre giorni di sospensione- dal Corriere della Sera per avere condiviso lo spirito di un'iniziativa di protesta contro un articolo pubblicato sull'allegato Sette in cui lo scrittore napoletano parlava di regolarizzare il "sex work" come lavoro ordinario. Sarebbe importante conoscere il suo punto di vista di difensore della libertà di opinione sulla vicenda. Ma al momento nessun segnale
Conosciamo Roberto Saviano come un difensore della libertà di opinione e di stampa. Così si è sempre presentato. Non soltanto per i rischi corsi personalmente, ma per avere in più occasioni difeso la libertà di pensiero con prese di posizioni pubbliche, spiegando che un giornalista deve “poter fare il proprio lavoro senza essere attaccato sul piano personale, senza un clima di minaccia” e lamentando che “qualsiasi voce critica sa di potersi aspettare ritorsioni”. In questi giorni Monica Ricci Sargentini, giornalista […]
Leggi ora
26 Aprile 2022
Trans-medicina: la nuova lobotomia
Secondo Lisa Michele il trattamento di minori sani con ormoni è "uno dei più grandi scandali medici della storia" e può essere paragonato alla lobotomia di 50 mila americani a metà del secolo scorso: in entrambi i casi, nessuna evidenza scientifica e gravi danni per i pazienti. Intanto nasce in Italia un sito di auto-aiuto per genitori di bambine e bambini con disforia di genere
Parlando di quello che definisce "uno dei più grandi scandali medici della storia americana" (e non solo americana, purtroppo: i trattamenti di cui parla si fanno anche in Italia) la femminista americana Lisa Michele,azzarda un paragone molto forte tra le terapie ormonali per le persone con disforia (specie le-i minori) e la pratica chirurgica della lobotomia, trattamento devastante molto in voga negli USA tra gli anni '40 e gli anni '60. Quella che leggerete è una trascrizione del video di […]
Leggi ora
20 Aprile 2022
Università di Barcellona: prof femminista boicottata dagli studenti queer
Un altro caso Stock, questa volta nell'ateneo catalano. Presa di mira la docente e scrittrice femminista Juana Gallego a causa del suo gender criticism. Casi che si moltiplicano in tutte le accademie occidentali, ma le autorità stanno a guardare. L'iniziativa a sostegno della docente lanciata dal femminismo spagnolo
Juana Gallego, scrittrice e docente all'Universitat Autònoma de Barcelona -Master di Genere e Comunicazione- ​​è sotto attacco da parte degli studenti queer che prima dell'inizio del corso hanno annunciato al coordinatore del master che avrebbero boicottato le sue lezioni a causa delle idee che esprime sui media o nel suo blog. Una vicenda che ricorda quella di molte altre docenti -il caso più famoso quello di Kathleen Stock- allontanate dalle università per le loro posizioni gender critical. Della questione della […]
Leggi ora
16 Aprile 2022
New Jersey. Gravidanze in prigione femminile dopo l'arrivo di "detenute" trans
Due detenute incinte nel carcere femminile del New Jersey dopo l’arrivo di prigionieri transgender. A nulla sono servite le denunce di molestie da parte di uomini che "si identificano" come donne e le proteste delle guardie. L’autodeterminazione di genere pesa come un macigno sul sistema carcerario USA
Due detenute sono rimaste incinte dopo aver avuto rapporti con un prigioniero transgender all’interno dell’unico carcere femminile del New Jersey, l’istituto correzionale “Edna Mahan”. Lo ha dichiarato in una conferenza stampa il responsabile delle relazioni esterne del Dipartimento delle Correzioni dello stato. Non è chiaro se le detenute abbiano avuto rapporti con lo stesso detenuto trans-identificato e se intendano portare avanti la gravidanza. I responsabili della prigione, da tempo nell’occhio del ciclone per accuse di abusi, hanno specificato che i […]
Leggi ora