La Turchia esce dalla Convenzione di Istanbul contro la violenza maschile. Per le donne un colpo durissimo

Condividi questo articolo

La Turchia abbandona la Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, nota come Convenzione di Istanbul e ratificata per la prima volta (2011) proprio in quel Paese.

Un colpo durissimo per le cittadine turche: quasi ogni giorno del 2020 una donna è morta per mano di un uomo, senza contare le 170 morti sospette. Stessi ritmi nei primi 65 giorni del 2021, una settantina di femminicidi. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità almeno il 40 per cento delle donne turche è vittima di violenza del partner rispetto a una media europea del 25 per cento. La Turchia detiene anche il primato delle giornaliste incarcerate. Quello della violenza misogina in Turchia è quindi una questione di primissimo piano.

L'abbandono della Convenzione, che è stata sottoscritta da 34 nazioni europee e costituisce uno strumento indispensabile per la lotta contro la violenza maschile, è stata annunciata con un decreto-golpe del presidente Recep Tayyip Erdoğan accolto con favore dal governo conservatore che ritiene pericoloso il trattato per il avere introdotto il "principio uguaglianza "di genere" ma anche per il fatto di promuovere l'omosessualità, introducendo la non-discriminazione sulla base dell'orientamento sessuale" (Reuters).

Per il partito al governo (Akp) la Convenzione danneggerebbe infatti l'unità familiare e incoraggerebbe il divorzio, oltre a includere riferimenti che possono essere strumentalizzati dalla comunità Lgbtq. Secondo la nota di Associated Press chi attacca la Convenzione sostiene che "il trattato promuove l'omosessualità tramite l'uso di categorie come "genere", "orientamento sessuale" e "identità di genere" che costituiscono una minaccia per le famiglie turche".

In verità la Convenzione di Istanbul non ha nulla a che vedere con il concetto di identità di genere così come è inteso oggi nelle rivendicazioni Lgbtq, ovvero "libera scelta del genere indifferentemente dal sesso di nascita" (self-id). Anche nella discussione italiana sulla legge Zan si è fatto riferimento alla Convenzione per difendere il concetto di "identità di genere": ma questa interpretazione è assolutamente forzata.

All'art. 4 della Convenzione si dice che "L’attuazione delle disposizioni (...) deve essere garantita senza alcuna discriminazione fondata sul sesso, sul genere (...) sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere". Ma nel 2011, quando fu steso il testo del trattato, con "identità di genere" ci si riferiva alla libertà delle donne dagli stereotipi di genere, ovvero al non-obbligo a conformare i propri comportamenti ai ruoli assegnati alla femminilità tradizionale, e non a rivendicazioni queer.

Il senso della Convenzione di Istanbul dunque non può essere in alcun modo equivocato. In ogni passaggio del testo "genere" è inteso come "genere femminile" ed è sempre associato alle donne, fuori da ogni dubbio. Fin dal preambolo si sostiene che "il raggiungimento dell’uguaglianza di genere de jure e de facto è un elemento chiave per prevenire la violenza contro le donne"; si parla della "natura strutturale della violenza contro le donne, in quanto basata sul genere". All'art. 3 comma d è scritto "l'’espressione “violenza contro le donne basata sul genere” designa qualsiasi violenza diretta contro una donna in quanto tale". E via dicendo (tutto il testo lo trovate qui).

L'identità di genere com'è intesa oggi (self-id) non ha perciò nulla a che vedere con la Convenzione di Istanbul, che non può essere strumento delle gender politics e base per rivendicazioni Lgbtq.

Forzare la Convenzione in questo senso danneggia le donne.

La Convenzione è delle donne. E il prezzo dell'uscita della Turchia sarà pagato dalle donne.

Ecco le manifestazioni femministe di ieri

Marina Terragni

Aggiornamento, 22 marzo: come vedete lo stesso presidente Erdogan spiega con la strumentalizzazione della Convenzione di Istanbul da parte degli Lgbtq+ la sua decisione di abbandonare il trattato -decisione che resta in ogni caso intollerabile e che peggiorerà la condizione delle donne in Turchia-. L'interpretazione forzata e opportunistica della parola genere come "libera identità di genere" ha offerto il pretesto a Erdogan per archiviare la Convenzione presumibilmente con il consenso almeno di parte della popolazione. Questo ha procurato in grave danno alle donne, per le quali la Convenzione era stata pensata.

Solo Feminist Post ha proposto da subito questa lettura dei fatti.

Turchia, Convenzione Istanbul manipolata da comunità gay´

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - «Come è noto, la Turchia è stata la prima firmataria della Convenzione di Istanbul, dimostrando un forte impegno nella lotta contro tutte le forme di violenza e nella protezione della condizione delle donne nella società. Inizialmente la Convenzione di Istanbul ha mirato a promuovere il rafforzamento dei diritti delle donne, che però in seguito è stata manipolata da un settore che sta cercando di normalizzare l'omosessualità, incompatibile con i valori sociali e familiari della Turchia. La decisione di recedere dal contratto della Turchia si basa su questi motivi». Lo dichiara in una nota la Presidenza di Ankara, dopo il ritiro unilaterale dal documento del Consiglio d'Europa contro la violenza di genere.

«La Turchia non è l'unico Paese a nutrire serie preoccupazioni sulla Convenzione di Istanbul. Sei membri dell'Unione europea (Bulgaria, Ungheria, Repubblica Ceca, Lettonia, Lituania e Slovacchia) non hanno ratificato la Convenzione di Istanbul. Anche la Polonia ha preso provvedimenti per ritirarsi dalla Convenzione, citando il tentativo dei gruppi omosessuali di imporre le proprie idee sul genere a tutta la società. La decisione di ritirarsi dalla Convenzione di Istanbul della Repubblica di Turchia non significa in nessun modo che si sta rinunciando a proteggere le donne. La Turchia, anche se si ritira dalla Convenzione, non rinuncerà mai alla lotta contro la violenza domestica», prosegue la nota di Ankara.

«Il nostro Presidente Recep Tayyip Erdogan ribadisce fortemente il fatto che la Turchia continuerà a salvaguardare la sicurezza e i diritti di tutte le donne e sottolinea il fatto che la lotta contro la violenza contro le donne sarà una priorità dell'agenda del governo con la politica di tolleranza zero», aggiunge il comunicato, sottolineando che «la Turchia adotterà ulteriori misure per migliorare l'efficacia delle misure esistenti contro la violenza domestica e la violenza contro le donne nell'ambito del piano d'azione sui diritti umani annunciato all'inizio di marzo».(ANSA). 

YLL-AMB 22-MAR-21 17:29 NNNN


Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario e non gode di alcun finanziamento.

Se pensi che nostro lavoro sia utile per la tua vita, grazie se potrai sostenerci. Anche il più piccolo contributo è prezioso! Grazie!

Invia a ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
11 Novembre 2022
Iranian Beauty
In Iran la bellezza femminile diventa la leva di una vera rivoluzione: niente di simile alla mortificazione-mercificazione dei corpi che in Occidente viene propagandata come libertà. La lotta per poter essere donne rivela l'ipocrisia del queer
Sono ormai quasi due mesi che è iniziata la rivolta delle ragazze iraniane contro il velo, un'onda incontenibile che ogni giorno produce di nuove immagini, nuovi contenuti, una ventata di aria fresca rispetto a certe narrazioni sulle donne nel mondo islamico, ma anche uno specchio che rivela quanto di artefatto ci sia dietro tante parole d’ordine politicamente corrette del femminismo intersezionale o transfemminismo. Primo: il velo non è una libera scelta né tantomeno quell'empowerment femminista su cui ci bombarda da […]
Leggi ora
7 Novembre 2022
Belgio, nuova legge sul femminicidio. Da studiare
In Europa la violenza maschile è la principale causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni. Il Belgio si attrezza con una nuova legge che per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche fondate su statistiche ufficiali. Avendo ben presente che la violenza è un dispositivo del dominio maschile
Fermare la strage delle donne. E’ questo il senso della nuova “legge sulla prevenzione e la lotta contro i femminicidi, i delitti basati sul genere e le violenze che li precedono” adottata in prima lettura nel Consiglio dei ministri lo scorso 25 ottobre in Belgio. Depositata dalla Segretaria di Stato per la Parità di Genere, Sarah Schlitz (Ecolo/Verdi), la legge quadro per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche di lotta fondate su statistiche ufficiali. E in […]
Leggi ora
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora
6 Ottobre 2022
"Distruggi i diritti delle donne": JK Rowling contro la premier scozzese e la sua legge trans
Come in Spagna anche in Scozia il femminismo combatte contro una legge voluta dalla prima ministra Nicola Sturgeon che introduce l'autodeterminazione di genere senza alcuna diagnosi medica e abbassando a 16 anni l'età per l'accesso. E anche stavolta l'autrice di Harry Potter è al fianco delle donne, delle bambine e dei bambini
JK Rowling si fotografa con una maglietta che dice: "Nicola Sturgeon, distruttrice dei diritti delle donne" per sostenere le donne che protestano davanti al parlamento scozzese contro la controversa legge di riforma del riconoscimento di genere voluta dalla Prima Ministra scozzese. Le attiviste di For Women Scotland (Scozia per le donne) si sono riunite questa mattina davanti al Parlamento scozzese per una manifestazione contro il disegno di legge promosso da Sturgeon, che renderebbe più facile l’autodeterminazione di genere –lo abbiamo […]
Leggi ora
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora
4 Ottobre 2022
USA, coppia gay fa causa: l'utero in affitto è un "diritto", va pagato dall'assicurazione sanitaria
La richiesta dei due uomini punta a far riconoscere come "disabilità" il fatto di non disporre di un utero: pretesa assurda, invidiosa e rivelatrice. Se vincessero in tribunale in tutta l'America assicurazioni e datori di lavoro dovrebbero rimborsare le gestazioni per altri for men
Una coppia gay ha avviato una causa al tribunale del lavoro di New York chiedendo che l’assicurazione fornita dal datore di lavoro paghi al posto loro tutti i costi dell’utero in affitto, al fine di garantire “pari opportunità nell’accesso alle cure della fertilità”. A tutti gli effetti si richiede che una coppia di maschi gay diventi per legge una categoria protetta in quanto entrambi privi di utero e privi di accesso a un utero. Se vincessero la causa, in tutti […]
Leggi ora