La Svezia frena sulle transizioni dei minori

Sono proprio i Paesi pionieri del trattamento ormonale di bambine/i con disforia (dal Grande Nord all'Australia) a ingranare una decisa marcia indietro, indicando come primo approccio la terapia psicologica, e i farmaci solo in casi eccezionali. Anche il servizio sanitario inglese chiede di ripensare radicalmente i protocolli. Mancano studi per potere affermare che nel caso delle "cure" farmacologiche i benefici siano superiori ai danni. Ma in Italia i bloccanti della pubertà continuano a essere prescritti
Condividi questo articolo

Gran Bretagna, Australia, Texas, Iowa e altri stati USA, e ora la Svezia: i Paesi pionieri della transizione delle/dei minori, trattati con bloccanti della pubertà prima dello sviluppo, frenano bruscamente e indicano le terapie psicologiche e psichiatriche come primo approccio alla disforia di bambine e bambini.

In Italia invece il ricorso ai puberty blocker non si ferma, e mancano del tutto i dati sul numero dei minori e sui protocolli applicati.

La decisione della Svezia, anticipata da quella del Karolinska Institutet -università medica tra le più importanti al mondo- arriva dopo lo scandalo suscitato dal documentario Trans Train (potete vedere qui la prima parte) sul fenomeno delle detransizioni di giovanissime donne trattate precocemente con i blocker e danneggiate in modo irreversibile. Anche il servizio sanitario britannico (NHS) ha stabilito dopo un'inchiesta che i trattamenti offerti dalla Tavistock Clinic di Londra per il "cambio di sesso" dei minori dovranno essere completamente rivisti perché non costituiscono "un’opzione sicura o praticabile a lungo termine".

Il National Board of Health and Welfare svedese aveva già presentato statistiche che di mostrano il notevole aumento delle/dei giovani in cerca di assistenza per disforia di genere tra il 2008 e il 2018. L'aumento è stato particolarmente ampio tra le persone di età compresa tra i 13 e i 17 anni e tra le ragazze.

Diversi fattori sono stati addotti come spiegazione, ma al momento le ragioni non sono chiare. Pertanto, i cambiamenti costituiscono "un'incertezza di cui si deve tenere conto quando si tratta di quali cure raccomandare per i minori" afferma Thomas Lindén, capo dipartimento del National Board of Health and Welfare.

Non ci sono infatti conclusioni definitive sull'effetto e sulla sicurezza dei trattamenti.

Su richiesta del National Board of Health and Welfare è stata prodotta una revisione della letteratura di tutti gli studi pertinenti sull'effetto e sulla sicurezza dei trattamenti ormonali. Il rapporto afferma che non è ancora possibile trarre conclusioni definitive sull'effetto e sulla sicurezza dei trattamenti sulla base di prove scientifiche.

Inoltre non è possibile determinare quanto sia comune per le/i minori che si sottopongono a un trattamento di ormonale cambiare successivamente la loro percezione della propria identità di genere, interrompere il trattamento o in qualche modo pentirsene. Allo stesso tempo, è stato documentato il fenomeno della detransizione, e per chi si pente o interrompe un trattamento ormonale, afferma Thomas Lindén. potrebbe esserci il rischio di conseguenze irreversibili sulla salute e di un peggioramento della qualità della vita.

Quindi, sulla base dei risultati emersi, la conclusione generale del National Board of Health and Welfare è che i rischi del trattamento antipubertà e dell'ormone di conferma del sesso per le/i minori di 18 anni superano attualmente i possibili benefici.  

Il trattamento con ormoni dovrebbe continuare ad essere somministrato nell'ambito di precisi studi, che al momento mancano. È necessaria anche una maggiore conoscenza dell'impatto dei trattamenti per la disforia di genere sulla salute mentale e sulla qualità di vita delle/dei minori, sia a breve che a lungo termine, afferma Thomas Lindén.  

In attesa dell'avvio di uno studio di ricerca, la valutazione è che i trattamenti possono essere somministrati in casi eccezionali. Viene pertanto proposta una serie di criteri su cui basare l'assistenza nelle valutazioni cliniche individuali.      

Allo stesso tempo, è importante che i giovani con disforia di genere continuino a ricevere cure e cure sanitarie. Ciò riguarda sia i trattamenti ormonali nei casi in cui siano ritenuti giustificati sia, ad esempio, gli interventi psicosociali, il trattamento psichiatrico infantile e le misure di prevenzione del suicidio quando necessario. L'assistenza deve continuare a garantire che bambine-i e i giovani che soffrono di disforia di genere vengano presi sul serio e trattati adeguatamente, e che vengano loro offerte misure di assistenza adeguate. In futuro, questa assistenza si configurerà come un'assistenza nazionale altamente specializzata, e quindi aumenteranno le opportunità di ricerca e sviluppo delle conoscenze in quest'area per rafforzare ulteriormente la sicurezza e la qualità di vita del paziente, afferma Thomas Lindén.

traduzione e adattamento di Marina Terragni, originale qui

L'intero articolo (pdf) qui

Sulle novità inglesi, vedere invece qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
26 Maggio 2022
Femminista norvegese rischia 3 anni di carcere per avere detto che un uomo non può essere madre
Christine Ellington, referente per la Norvegia di WDI, indagata dalla polizia per crimine d'odio nei confronti di tale Jentoft che si dice "lesbica". E che ha denunciato, con il sostegno di Amnesty International. Oggi dirsi donna è possibile per tutti. Tranne che per le donne
Mentre Netflix è sotto attacco transattivista per avere trasmesso lo stand-up dell’attore Ricky Gervais, che ha osato ironizzare sulle “donne con il pene”, in Norvegia si scherza molto meno. Christina Ellington, rappresentante di WDI (Women’s Declaration International) è indagata dalla polizia e rischia 3 anni di galera per avere twittato che i maschi non possono essere lesbiche e per avere detto in tv a  tale Jentoft, maschio che si identifica come una donna lesbica: "Tu sei un uomo. Non puoi essere […]
Leggi ora
24 Maggio 2022
Il Congresso USA promuove una Carta dei Diritti delle Donne ispirata dai testi del femminismo
Potersi dire donne, non essere ridotte a "mestruatori" o "buchi davanti", avere i propri spazi riservati: i repubblicani americani assumono la resistenza del femminismo contro il progressismo woke e propongono una legge di portata storica. Le associazioni delle donne, da WoLF a WDI, approvano. Ma a dividere resta la questione dell'aborto, con la sentenza della Corte suprema in dirittura d'arrivo
Mentre ACLU (American Civil Liberties Union), la più grande associazione americana per i diritti civili, sta conducendo una campagna per sostenere che escludere dalle carceri femminili maschi incriminati per reati sessuali è un fatto discriminatorio e incostituzionale, il 19 maggio scorso un gruppo di rappresentanti repubblicani al Congresso USA, americani, prima firmataria Debbie Lesko, ha presentato una risoluzione per introdurre una Carta dei Diritti delle Donne, allo scopo di definire legalmente cosa sia una "donna", riconoscere che le donne e […]
Leggi ora
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
13 Maggio 2022
Destra, sinistra, umano, transumano
Il tema dei "diritti" -dall'identità di genere all'utero in affitto- non è complementare o a latere, ma delinea l'orizzonte verso il quale ci si muove. Ma la prospettiva post-umana perseguita dai progressisti non è unica e ineluttabile. L'alternativa esiste: una civiltà a radice femminile
Ripresentando il ddl Zan, al Senato con scarsissime possibilità che passi -quando invece altre soluzioni, tipo il ddl Scalfarotto, avrebbero assicurato una legge contro l'omobitransfobia- il segretario PD Letta ha più volte sottolineato che il tema dei diritti è decisivo per il suo partito. Tema dei diritti che tuttavia è sempre posto come complementare, a latere di questioni ritenute ben più rilevanti: la guerra, certo, i temi economici ma anche semplicemente la legge elettorale. In verità il più della partita […]
Leggi ora
10 Maggio 2022
Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane
La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui). Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical. Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen […]
Leggi ora
4 Maggio 2022
Aborto in USA: qualcosa non torna
Una "manina" fa uscire in largo anticipo una sentenza della Corte Suprema che renderebbe illegale l'interruzione di gravidanza. A vantaggio di chi, e perché? Con quali conseguenze sulle elezioni di midterm, in cui Biden era dato perdente? E che cosa c'entra con tutto questo il femminismo gender critical, a cui alcuni osservatori liberal intendono dare la colpa?
Una vera bomba politica scagliata a pochi mesi dalle elezioni di midterm la bozza della sentenza della Corte Suprema americana, fortunosamente fuoruscita, che renderebbe l'aborto illegale negli Stati Uniti, rovesciando la storica sentenza Roe v. Wade che lo rese legale nel 1973. Intanto è una bozza, la sentenza definitiva è attesa per giugno. Si tratta inoltre di capire di chi sia la "manina" che l'ha fatta uscire, e perché. Potrebbe essere stato qualcuno dei giudici conservatori (Clarence Thomas, Samuel Alito che avrebbe […]
Leggi ora