In Ucraina c'è la guerra. Per affittare uteri si va a Praga?

Venduta come "altruistica" -ma con "rimborso spese" pari alle tariffe ucraine, la GPA potrebbe diventare un nuovo business in Repubblica Ceca data la tragedia di Kiev, dove i bambini non vengono ritirati dai committenti spaventati dal conflitto. Con pacchetti all-inclusive, comprese attrazioni culturali e buoni ristoranti. Intanto in Spagna una sentenza della Corte Suprema ribadisce la severa condanna della pratica che "riduce a merce" donne e creature
Condividi questo articolo

Una recentissima sentenza della Corte Suprema in Spagna afferma che l'utero in affitto viola i diritti delle madri e dei minori "trattati come semplici merci", ribadendo il divieto.

L'Alta Corte afferma che questo tipo di contratti "procurano un danno all'interesse superiore del minore e uno sfruttamento delle donne che sono inaccettabili" e violano i diritti fondamentali riconosciuti dalla Costituzione e dalle convenzioni internazionali sui diritti umani, quindi "sono quindi manifestamente contrari al nostro ordine pubblico".

Sia le donne sia i bambini "sono trattati come semplici oggetti, non come persone dotate della dignità propria alla condizione di esseri umani e ai diritti fondamentali inerenti a questa dignità" si afferma nella sentenza.

Intanto il mercato va in cerca di nuove piazze.


Il business della maternità surrogata in Europa è pronto per una ricollocazione geografica.

L’Ucraina, destinazione preferita per la GPA fino all'aggressione russa, è al collasso, con coppie che pensano di rinunciare ad andare a prendere i bambini commissionati e intrappolati negli orrori della guerra. La staffetta potrebbe passare alla Repubblica Ceca, in particolare a Praga: ricca meta turistica facilmente raggiungibile e molto occidentalizzata, con una medicina di ottimo livello e dove le pratiche per la riproduzione assistita, come la "donazione" (vendita) di ovociti -avviate dal 2003- vantano un pregresso ormai pluridecennale.

A lungo si era pensato che in questo Paese, dove non esiste una legislazione che riconosca la maternità surrogata, fosse precluso il trasferimento della genitorialità ai committenti, rendendo il processo troppo rischioso per le coppie richiedenti.

Tuttavia, anche se attualmente la surrogazione di maternità in Repubblica Ceca non è disciplinata da alcuna legge ad hoc, basandosi sulle leggi esistenti -in particolare sul Codice civile- si potrebbe bypassare il divieto del Codice penale di affittare il proprio utero in cambio di un compenso.

Secondo la legge ceca, nonostante la madre del bambino sia colei che lo partorisce, a una donna è consentito di rinunciare ai suoi obblighi di madre e dare il bambino in adozione. Così succede che, immediatamente dopo il parto, in base a un accordo precedente con una coppia infertile, la madre surrogata rinunci al bambino. Successivamente la donna della coppia, moglie del padre biologico del bambino, lo adotta e viene registrata sul certificato di nascita come madre. I due committenti diventano così entrambi genitori del bambino.

Un accordo preliminare con supporto legale stipulato tra i committenti e la madre surrogata, potrebbe rendere possibile la pratica. I siti che promuovono e che affiancano le coppie alla ricerca di questa pratica sono avvisate che il supporto legale è una conditio sine qua non per poterla avviare.

Prima della prestazione vera e propria esiste un servizio di consulenza completo in cui Il rimborso è sempre incluso nell’accordo tra la coppia richiedente e la madre surrogata”. Si dice inoltre: “Se la madre surrogata risulta idonea, segue una consultazione con l’avvocato per discutere tutti gli aspetti giuridici e per chiarire la situazione dal punto di vista legale. [...] Dal punto di vista legale è più opportuno che la madre surrogata sia nubile o divorziata dopo la scadenza del periodo di tutela. In caso contrario la procedura post-parto sarebbe legalmente più complicata, ma tuttavia possibile”. E ancora: “Per la surrogazione di maternità non si utilizza un ovulo della madre surrogata perché in base alla legge la donazione degli ovuli deve essere anonima; utilizzando un ovulo della madre surrogata, quindi, si violerebbe la legge.”(!)

Tutto farebbe pensare che questi accordi tra committenti e madre surrogata raggiunti con assistenza legale siano veri contratti, vincolanti per la madre surrogata: il compenso, nascosto nel rimborso spese, sarà abbastanza appetibile da non farle cambiare idea subito dopo il parto rifiutandosi di rinunciare ai suoi diritti di madre. L’insistenza dei siti sull’aspetto legale e sull’accordo stipulato tra le parti lascia intendere che le condizioni e i vincoli per la gestante potrebbero essere molto pesanti.

Uno studio medico sulla GPA in Repubblica Ceca sui dati degli anni 2004-2017 riporta che : “Non abbiamo casi in cui la consegna del bambino sia stata problematica dopo la nascita. Le madri surrogate generalmente dichiarano di essere soddisfatte della propria esperienza”. E ancora:” Il programma di maternità surrogata è stato completamente implementato con successo ed è diventato parte integrante per il trattamento di alcune cause di infertilità”.

Questo spiega il proliferare di informazioni su come accedere a questa pratica in Repubblica Ceca. Anche se ufficialmente si tratta di gestazione altruistica, i prezzi -allineati a quelli dell’Ucraina- sono chiari e visibili, con vari pacchetti di servizi tutto incluso identici a quelli per i turisti.

Si diventa "genitori" “lasciando ogni preoccupazione” e godendosi attrazioni culturali e specialità culinarie.

Laura De Barbieri


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
2 Febbraio 2023
Nascere da "madre surrogata" morta
Docente dell’università di Oslo propone di utilizzare corpi di donne in coma irreversibile, danneggiabili senza complicazioni etiche, per condurre gravidanze per conto terzi. Ma anche uomini in stato vegetativo (così le femministe non si arrabbiano) innestando gli embrioni nel fegato. E i bambini? Tema non considerato
Può essere stato d'ispirazione Habla con ella, film di Pedro Almodovar in cui la giovane danzatrice Alicia, in coma per un incidente, resta incinta a opera di Benigno, l'infermiere che si occupa di lei. Anna Smajdor, docente di Bioetica Medica Università di Oslo, riprende e approfondisce un suggerimento avanzato nel 2000 dalla ricercatrice israeliana Rosalie Ber "per aggirare i problemi morali della maternità surrogata gestazionale" utilizzando come uteri in affitto donne in stato vegetativo persistente (PVS). Alla pratica dà il […]
Leggi ora
1 Febbraio 2023
Olanda: se blocchi lo sviluppo di bambine e bambini li spingi a diventare trans
Il protocollo -mettere in pausa la pubertà per consentire ai minori di “scegliere” il sesso- l’hanno inventato loro. Ma anche gli olandesi ora ammettono che in 9 casi su 10 i blocker non danno più tempo per "decidere" ma sono l’inizio della transizione. Una profezia che si auto-avvera. E che gli effetti di questi farmaci non sono affatto reversibili
La clinica universitaria Amsterdam UMC, pioniera nell'uso dei bloccanti della pubertà, ha ammesso che i bambini che assumono questi farmaci possono trovarsi bloccati in una maggiore medicalizzazione. L’ammissione arriva in seguito alla pubblicazione all'inizio di questo mese di un nuovo studio retrospettivo che esamina 20 anni di interventi ormonali noti come "protocollo olandese", condotto su 1.766 bambini e adolescenti tra il 1972 e il 2018 presso la famosa clinica di Amsterdam e pubblicato su The Journal of Sexual Medicine. Ma […]
Leggi ora
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
14 Gennaio 2023
UK: il servizio sanitario fa marcia indietro sui servizi per la "maternità transgender" dopo la rivolta delle ostetriche
Lottare serve: in Gran Bretagna levatrici e infermiere si ribellano all’annunciata apertura di corsi e reparti dedicati a gravidanza e parto di persone “trans e non binarie”. E l’NHS stoppa l’iniziativa. Intanto negli USA si parla di trapianto di utero tra viventi: donne donatrici a vantaggio di uomini che desiderano vivere "esperienze fisiologiche femminili". Il vecchio sogno patriarcale di sempre: prendere il posto delle donne. Oggi agito dai neopatriarchi T
Lottare serve. La rivolta di ostetriche e infermiere ha sventato il piano del Servizio Sanitario Nazionale inglese (NHS) di organizzare servizi dedicati alla "maternità transgender". Il 16 dicembre scorso era apparso un annuncio per reclutare personale per gestire la formazione delle "persone trans e non binarie che partoriscono" in 40 servizi di maternità dell'NHS, annuncio che ha provocato l’immediata reazione di addette al settore. Un gruppo di circa 300 infermiere, ostetriche e psicologhe ha scritto una lettera aperta a Lizzie […]
Leggi ora
8 Gennaio 2023
Anche l’Olanda frena sui "bambini trans"
Lo studio del 2006 su cui si fonda il cosiddetto “protocollo olandese” esportato in tutto il mondo-la somministrazione di bloccanti della pubertà ai minori con comportamento non conforme al sesso di nascita- fu finanziato dall’azienda farmaceutica che produce i blocker, ed è stato più volte screditato. Come in UK, Svezia, Finlandia, anche in quel Paese oggi si chiede uno stop a queste “terapie” che causano seri danni alla salute
Si chiama “protocollo olandese” il trattamento di bambini con disforia di genere con bloccanti della pubertà. E si basa su un unico studio del 2006 che introduce il concetto del “cambio di sesso per bambini transgender” e che sarebbe stato finanziato da Ferring Pharmaceuticals, l'azienda che commercializza la triptorelina, il farmaco con cui viene fermato il naturale sviluppo di bambine e bambini. Lo rivela un reportage del giornalista Jan Kuitenbrouwer e del sociologo Peter Vasterman pubblicato recentemente sul NRC Handelsblad, […]
Leggi ora