In cella con uomini che si definiscono donne: essere detenute in Canada

Perfino il CAEFS, nato per migliorare le condizioni delle detenute con figli, si converte al transcult e lavora a vantaggio dei prigionieri uomini che si identificano come donne. Accusando di transfobia chiunque provi a riportare l'attenzione sulle problematiche femminili
Condividi questo articolo

di Barbara Kay

Per cinque decenni, grazie al femminismo, la reputazione e la considerazione delle donne sono progressivamente cresciute. Dopo molto tempo ci è finalmente stato riconosciuto il giusto rispetto. Successivamente, però, gli ideologi del genere hanno decretato che gli uomini che si identificano come donne siano donne a tutti gli effetti e con tutti i diritti che ne conseguono.

Sorprendentemente, senza demordere, in nome dell'"inclusione", le nostre élite culturali e politiche hanno aderito a questa lapalissiana falsità. Così, nell'ultimo decennio, il rispetto per le donne è regredito, e sono compromesse l'equità e la sicurezza negli spazi protetti riservati ad un solo sesso come lo sport, i rifugi antiviolenza e le prigioni. È particolarmente sconcertante che questo doppio gioco nei confronti delle donne stia avvenendo con la piena complicità di politici e decisori che si definiscono femministi.

Un esempio calzante di questa situazione è la Canadian Association of Elizabeth Fry Societies (CAEFS), che fornisce servizi legali e di assistenza pubblica in tutto il Canada attraverso una rete di uffici regionali. CAEFS prende il nome dall'omonima donna riformatrice del sistema carcerario inglese nel 19° secolo, il cui obiettivo primario è stato migliorare le condizioni delle donne imprigionate con figli. CAEFS è sovvenzionata dalla Public Safety and Emergency Preparedness, dal ministero di Bill Blair. (l'ufficio di Blair non ha risposto alla nostra richiesta di informazioni per questo articolo).

Dal 1992 fino al 2016, quando è stata nominata senatrice, a dirigere CAEFS era Kim Pate, avvocata per i diritti umani e formatrice specializzata in diritto carcerario. Pate era ammirata e amata dal suo elettorato. Una beneficiata dal CAEFS nell'era Pate, Alia Pierini di Prince George, B.C., aveva scontato diversi anni di reclusione per spaccio di droga. Nel recupero della propria dignità e del rispetto di sé dopo il suo rilascio, ha dichiarato Alia in un'intervista, la Elizabeth Fry Society ha giocato un ruolo significativo, non solo per il suo lavoro in una casa di accoglienza che gestisce, ma per l'"incredibile sostegno" in generale. Alia è stata coinvolta come volontaria regionale ed è diventata una efficace oratrice per conto di CAEFS. Purtroppo, racconta Alia, il focus della sede centrale è cambiato bruscamente dopo la partenza di Pate.

Ora la politica del governo è che gli uomini che si identificano come donne - o dicono di identificarcisi - sono autorizzati a richiedere il trasferimento nella prigione femminile, dove le condizioni sono certamente più gradevoli perché lì la violenza non è un problema come nelle prigioni maschili. Questi uomini non sono obbligati a sottoporsi a un intervento chirurgico di riassegnazione del sesso, come avveniva in passato (che poneva un limite numericamente basso ai chi poteva farlo) né sono obbligati a intraprendere un percorso ormonale. Tra gli uomini a cui viene permesso di trasferirsi nelle prigioni femminili canadesi ci sono stati uomini condannati per pedofilia, per crimini sessuali, e per crimini contro minori (assassini).

Alla riunione annuale 2019 del CAEFS, sostenuta dai membri del comitato "Lived Experience" di cui Pierini ha fatto parte, una ex-prigioniera, "Kathy", ha raccontato traumi e le molestie sessuali subiti in carcere da parte di un pedofilo di sesso maschile che aveva usato violenza a centinaia di ragazze. Come circa l'80% delle detenute, Kathy ha subito abusi sessuali negli anni dell'adolescenza, e non ha avuto la possibilità di difendersi nel periodo in carcere. Katy ha osservato che il Correctional Services of Canada ha respinto le sue lamentele, minacciando di isolarla ed etichettando le sue richieste di aiuto come bigottismo.

Secondo Pierini in una stanza di più di 60 donne - per lo più direttori CAEFS, staffers e volontari regionali - la storia di Kathy è stata accolta con un silenzio di tomba. È stata cacciata dalla stanza in lacrime. Dopo che se n'è andata, sono cominciati commenti tipo: "Mi dispiace per quello che le è successo, ma non hai bisogno di una vagina per essere una donna". O "sono preoccupata per la transfobia presente in questa stanza".

La discussione è tornata alla necessità di un pieno sostegno alle donne trans da parte del CAEFS, come se Kathy non avesse parlato. La riunione si è conclusa con l'adozione da parte del CAEFS di una risoluzione generale di inclusione delle donne trans che, tra le altre cose, avrebbe significato sostenere il trasferimento di qualsiasi maschio trans-identificato dalle prigioni maschili a quelle femminili. Prima dell'approvazione, alcuni membri dello staff e volontari hanno tentato di inserire un emendamento che escludesse i prigionieri con una storia di violenza sessuale e che mantenesse gli spazi per sole donne. Richiesta che non è andata a buon fine e la risoluzione è passata con una solida maggioranza. In seguito, ha dichiarato Pierini, i sostenitori regionali con i quali fino a quel momento era in buone relazioni l'hanno snobbata mentre lasciavano la stanza.

È stato un momento cruciale di disincanto per Pierini e alcuni altri membri dello staff e volontari che si sono dimessi dal CAEFS. Un movimento di resistenza si è formato sotto la guida di Heather Mason, l'ex- prigioniera/attivista (che ha raccontato questa storia) e il 2 giugno scorso ha scritto una lettera aperta al direttore esecutivo CAEFS e ai membri del consiglio, firmata da 22 dissidenti con esperienza lavorativa nelle carceri femminili, in cui l'esperienza umiliante di Kathy è stata descritta come un punto di svolta e sono stati esternati delusione e malcontento.

Le parti più significative della lettera sono le seguenti: "Stiamo rivedendo una situazione simile a quella delle donne negli anni Trenta, quando fu costruito un tunnel tra la P4W (Prison for Women) e il penitenziario di Kingston in modo che le donne potessero essere portate sottoterra, per essere violentate dai prigionieri maschi. Cosa è cambiato? Il tunnel ora è ideologico, e basta un trasferimento".

Il CAEFS ha risposto con una lettera ai dissidenti, invitandoli a inviare una mail o a telefonare se desideravano riparlarne (ma senza alcun accenno al fatto che avrebbe avuto qualche effetto sulla policy) e poi con una dichiarazione pubblica non firmata il 4 giugno ha riaffermato il suo impegno per l'inclusione trans. Ha anche negato che CAEFS avesse accesso a rapporti o notizie relativi a qualsiasi incidente di "molestie e violenze" contro le donne in prigione da parte di prigionieri maschi trasferiti (affermazione chiaramente contraddetta dalle mie fonti).

In un articolo pubblicato su womenarehuman.com, Mason cita un incontro del maggio 2019 tra le parti interessate alla questione dei trasferimenti maschili con l'ex vice commissario per le donne, Kelly Blanchette, che ha riferito che "di tutte le richieste di trasferimento dalle carceri maschili il 50 per cento proveniva da criminali sessuali che hanno commesso reati in quanto uomini, e che rappresentavano il 20 per cento della popolazione carceraria maschile complessiva." (i crimini sessuali sono rappresentati da circa il 2 per cento delle donne detenute).

I diritti, la dignità e la sicurezza delle donne basati sul sesso sono protetti dalla Carta dei Diritti e delle Libertà. Ora i diritti all'espressione di genere sono protetti dalla Legge Canadese sui Diritti Umani. Chiunque abbia un po' di buon senso sulla questione delle differenze tra uomini e donne avrebbe dovuto immediatamente immaginare i punti di collisione tra espressione di genere e diritti basati sul sesso, richiedendo deroghe. La carceri sono chiaramente uno di questi punti. Elizabeth Fry avrebbe saputo capire andrebbero stabiliti limiti all'"inclusione" degli uomini nel momento in cui le donne iniziano a pagare l'inclusione trans con la paura e l'aumento del rischio di abuso. E così dovrebbe fare qualsiasi organizzazione che porti il suo nome.

Link all'articolo originale qui
Traduzione di Angela Tacchini


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
1 Febbraio 2023
Olanda: se blocchi lo sviluppo di bambine e bambini li spingi a diventare trans
Il protocollo -mettere in pausa la pubertà per consentire ai minori di “scegliere” il sesso- l’hanno inventato loro. Ma anche gli olandesi ora ammettono che in 9 casi su 10 i blocker non danno più tempo per "decidere" ma sono l’inizio della transizione. Una profezia che si auto-avvera. E che gli effetti di questi farmaci non sono affatto reversibili
La clinica universitaria Amsterdam UMC, pioniera nell'uso dei bloccanti della pubertà, ha ammesso che i bambini che assumono questi farmaci possono trovarsi bloccati in una maggiore medicalizzazione. L’ammissione arriva in seguito alla pubblicazione all'inizio di questo mese di un nuovo studio retrospettivo che esamina 20 anni di interventi ormonali noti come "protocollo olandese", condotto su 1.766 bambini e adolescenti tra il 1972 e il 2018 presso la famosa clinica di Amsterdam e pubblicato su The Journal of Sexual Medicine. Ma […]
Leggi ora
30 Gennaio 2023
Nasce GenerAzioneD, associazione italiana di genitori di minori che si definiscono "trans"
Un sito di orientamento e di informazione per sostenere e accompagnare madri e padri che si trovino a vivere questa complessa esperienza: testimonianze, interviste, e link per contribuire a un dibattito approfondito che oggi non trova spazio sui media mainstream
Si è costituita l’associazione culturale, apolitica, aconfessionale e priva di scopi di lucro GenerAzioneD Scopo primario dell’associazione è quello di informare in merito alle problematiche della disforia/incongruenza di genere in bambini, adolescenti e giovani adulti. Attraverso la divulgazione di testimonianze, notizie, articoli nazionali e internazionali in traduzione e la promozione di occasioni di confronto, GenerAzioneD si propone di favorire la trasparenza necessaria affinché venga garantita la migliore assistenza possibile alle persone coinvolte.  GenerAzioneD nasce infatti dall’incontro di alcuni genitori accumunati dall’esperienza di avere figli […]
Leggi ora
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
21 Gennaio 2023
Anche in Italia si apre -finalmente!- il dibattito sui bloccanti della pubertà
A rompere il silenzio la Società Psicoanalitica Italiana che chiede una discussione scientifica aperta su questi trattamenti che definisce "sperimentali", non supportati da adeguati studi e a forte rischio etico perché predeterminano il destino di bambine e bambini
In notevole ritardo rispetto al Grande Nord europeo, alla Gran Bretagna all'Australia, ad alcuni stati USA -che hanno bruscamente frenato sull'uso del puberty blocker come "terapia" per bambine e bambini dai comportamenti non conformi al genere, anche in Italia si rompe finalmente il silenzio con una lettera indirizzata al governo da parte della Società Psicoanalitica Italiana, che invita alla prudenza e all'apertura di una discussione scientifica pubblica. A seguire riproduciamo le interviste realizzate da Marina Terragni per Il Foglio e […]
Leggi ora