IL FEMMINISMO RADICALE STA VINCENDO IN TUTTO IL MONDO

Condividi questo articolo

Penso che molte di noi si sentano abbastanza giù in questo momento. Covid, mutamenti politici stressanti, lockdown, dover indossare la mascherina ovunque andiamo (e quasi mai uscire di casa!) e potrei continuare. Ma se c'è uno sprazzo di luce nel bel mezzo di tutta questa miseria è il notevole successo del femminismo in tutto il mondo – in particolare, del femminismo radicale-. Non fraintendetemi: il femminismo ha ancora il suo bel da fare, sia nella lotta in corso per il diritto all'aborto in Argentina sia nella lotta contro la pornografia spycam in Corea del Sud. Ma in questi tempi tristi alcune vittorie per il movimento femminile globale potrebbero tirarti su.

IL FEMMINISMO RADICALE CONTINUA A CRESCERE IN COREA DEL SUD

Pochi posti nel mondo hanno visto una rinascita del femminismo radicale come in Corea del Sud. All'inizio di quest'anno, Jen Izaakson e Tae Kyung Kim hanno riferito delle intense proteste contro il "molka", una forma particolarmente invasiva di pornografia spycam. Sebbene la Corea del Sud abbia reso illegale questa forma di voyeurismo, l'applicazione della legge è stata praticamente inesistente. Nel 2016, quando una donna è stata uccisa da un incel in un bagno misto, le donne sudcoreane ne hanno avuto abbastanza. Dal 2018 oltre 360.000 donne hanno partecipato a massicce proteste contro il "molka", il femminicidio e altre forme di violenza maschile. Nel marzo di quest'anno, si è formato in Corea del Sud il primo partito delle donne. Con sorpresa per l'establishment sudcoreano, il partito ha ottenuto centinaia di migliaia di voti, dimostrando la notevole influenza del femminismo radicale in Corea del Sud. Altra vittoria per le femministe in Corea del Sud, l'aborto fino a 14 settimane è stato finalmente legalizzato (per qualsiasi motivo) nell'ottobre di quest'anno. Sebbene le donne sudcoreane continuino ad affrontare ostacoli nella loro lotta per la liberazione femminile, il futuro sembra roseo per le femministe che combattono nel paese con audacia e senza compromessi. "Siamo pronte a lavorare insieme ad altri partiti purché possiamo concordare sulle politiche per le donne" ha detto Kim Jayeon, un'importante femminista e fondatrice del Partito delle Donne. "Il Partito delle Donne non è né a destra né a sinistra”.

IL FEMMINISMO INVESTE L'AMERICA LATINA

All’inizio di questo mese Reuters ha riferito che il movimento delle donne sta investendo l'America Latina perché le femministe hanno spinto i governi latinoamericani ad allentare alcune delle leggi anti-aborto più severe del mondo. Nel 2018, le massicce manifestazioni per i diritti riproduttivi delle donne hanno scosso l'Argentina, e questo è stato l'anno in cui hanno ottenuto risultati: il presidente argentino Alberto Fernandez ha recentemente presentato un disegno di legge da tempo richiesto per legalizzare gli aborti volontari. In Cile, le attiviste femministe stanno anche spingendo per una riscrittura della costituzione che tuteli i diritti all'aborto in caso di stupro, non-vitalità fetale e rischio per la salute della madre. I legislatori del Chiapas, in Messico, stanno adeguando la legislazione per fermare i procedimenti giudiziari contro le donne che accedono all'aborto. Ma il diritto all'aborto non è l'unico problema in prima linea nell'attivismo femminista in America Latina. Il femminismo messicano, in particolare, è diventato sempre più radicale in risposta alla crescente epidemia di femminicidio. A febbraio le femministe messicane sono scese in piazza per denunciare la crisi e, frustrate dalla risposta inefficace del loro governo di sinistra, hanno preso il controllo di un edificio per i diritti umani a Città del Messico, trasformandolo in un rifugio per donne e bambini. Yesnia Zamudio, un'attivista femminista la cui figlia è stata uccisa in un femminicidio a Città del Messico, ha espresso eloquentemente la rabbia e la passione che guidano l'attivismo femminista messicano lì in un video diventato virale quest'anno: "Ho tutto il diritto di mettere tutto a ferro e fuoco. Non chiederò il permesso a nessuno, perché sto protestando per mia figlia. Chi vuole protestare, protesti. Chi vuole insorgere, insorga. Chi non lo farà, non è nostro alleato”.

LE DONNE INSORGONO IN POLONIA

Nell'ottobre di quest'anno, il Tribunale costituzionale polacco ha stabilito che gli aborti in caso di anomalie fetali non sarebbero stati più consentiti. Il governo cattolico e conservatore non avrebbe potuto prevedere cosa sarebbe accaduto dopo: le donne polacche sono scese in piazza in una delle più grandi proteste del paese dalla caduta del comunismo. Chiamate "Strajk kobiet", o "Sciopero delle donne", queste proteste hanno spinto il governo polacco a ritardare a tempo indeterminato la pubblicazione della sentenza della Corte. Ora, riferisce il "New Yorker", le femministe chiedono qualcosa di più di una semplice marcia indietro sulle restrizioni dell'aborto: vogliono che l'accesso all'aborto volontario nel primo trimestre sia completamente legalizzato. Le proteste hanno fronteggiato il dissenso interno. Gli sforzi sono stati ostacolati da un feroce contraccolpo contro le femministe in disaccordo con alcuni temi sostenuti dalla sinistra, in particolare il transattivismo. Questo mese Kaya Szulczewska, un'influencer e attivista femminista, è stata oggetto di intense critiche per aver difeso l'uso del termine "donna" nelle discussioni sull'aborto. Ma il femminismo radicale sta facendo progressi. All'inizio di dicembre le femministe e attiviste polacche che si occupano del transattivismo e del suo impatto sulle donne e sugli omosessuali hanno formato l'Alleanza polacca LGB per respingere la misoginia e l'omofobia di sinistra all'interno del movimento. La dimensione delle proteste ha suscitato meraviglia e ammirazione internazionale. È difficile non essere d'accordo con la valutazione del "New Yorker": queste proteste iniziano a sembrare una rivoluzione.

LE DONNE AMERICANE COMBATTONO LA MISOGINIA DELLA SINISTRA E RIPORTANO GRANDI VITTORIE

Il 2020 è stato un anno di notevoli successi per le femministe radicali negli Stati Uniti e in Canada. A febbraio Laila Mickelwait, a capo del gruppo anti-tratta Exodus Cry, ha creato una petizione di Change.org chiedendo la chiusura di Pornhub, responsabile dello sfruttamento di donne e bambini. Pornhub ha consapevolmente ospitato pornografia infantile e video che ritraggono violenti stupri di donne, e gli investigatori hanno trovato dozzine di video di stupro di bambini appena avuto accesso al sito. Pochi mesi dopo l'avvio della petizione, oltre due milioni di persone avevano firmato. Ai primi di dicembre Nicholas Kristof del "New York Times" ha pubblicato un articolo sugl stupri e sullo sfruttamento di donne e ragazze. E' stato un punto di svolta per Pornhub: grazie all'aumento della pressione, il sito ha accettato di rimuovere i video caricati dagli utenti. Novità ancora più sorprendente: Mastercard e Visa hanno risposto bloccando delle loro carte sul sito di Pornhub. La lotta contro Pornhub non è stato l'unico grande successo per le femministe americane quest'anno. Nei mesi di gennaio e febbraio, il Women's Liberation Front (WoLF) ha ospitato due conferenze in sfida alla misoginia del moderno movimento LGBT. Le loro audaci critiche alla misoginia e all'incoerenza dell'ideologia transgender hanno provocato una tempesta su Internet, che ha portato alla richiesta della Seattle Public Library di violare il Primo Emendamento e annullare uno degli incontri. Le donne di WoLF non si sono lasciate intimidire e hanno continuato a tenere la questione in prima linea nella politica americana, hanno commissionato sondaggi di opinione pubblica che dimostrano il sostegno della maggioranza della popolazione agli spazi riservati alle donne e stanno lavorando con i legislatori per difendere i diritti delle donne. Alla fine dell'anno gli sforzi di WoLF sono stati ricompensati, quando il legislatore democratico Tulsi Gabbard ha introdotto un disegno di legge per mantenere sport riservati esclusivamente alle donne nelle scuole pubbliche e nelle università. Le donne di WoLF avranno molto lavoro da fare nei prossimi anni con l'elezione di un presidente democratico che ha promesso di firmare la legge sull'uguaglianza che farebbe dell' "identità di genere" una categoria protetta dalla legge, garantendo così che lo sport e gli spazi solo per donne non possano essere mantenuti. Ma queste donne si sono dimostrate formidabili guerriere femministe e abbiamo piena fiducia nel loro continuo successo.

IL FEMMINISMO GENDER CRITICAL VINCE ALLA GRANDE NEL REGNO UNITO

Nel Regno Unito il femminismo radicale e gender critical ha dominato le notizie di quest'anno. A gennaio Women's Place UK ha ospitato la conferenza Women's liberation 2020 alla quale hanno partecipato migliaia uomini e donne interessati al pensiero femminista radicale e gender critical. E nel giugno di quest'anno JK Rowling ha pubblicato una lettera che illustra le sue preoccupazioni per transattivismo. La commovente lettera, elegantemente scritta, ha scatenato un'immediata tempesta di minacce di morte e stupro contro Rowling insieme a un fiume di critiche che rimproverano Rowling per aver osato esprimere le sue preoccupazioni sull'impatto dell'attivismo trans su donne e ragazze. Ciononostante Rowling si è schierata contro la marea di abusi e con il suo esempio ha ispirato moltissime donne a manifestare la loro opposizione all'ideologia gender. Molte di queste preoccupazioni hanno trovato conferma il mese scorso, quando il caso della detransitioner Keira Bell contro il SSN britannico ha indotto i tribunali britannici ad affermare che i minori sono quasi sempre incapaci di esprimere il loro consenso ai bloccanti della pubertà: una vittoria significativa per le femministe radicali che si spera si diffonderà all'interno dell'establishment medico a livello globale. Anche dopo un anno difficile, è importante ricordare che stiamo andando avanti e che la passione, il coraggio e l'attivismo delle donne influenzano realmente il cambiamento.

di K.S. Jolly, Feminist Current, l'articolo originale qui (traduzione di Elisa Vilardo)


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
27 Giugno 2022
New England Journal of Medicine: il divieto di aborto è una catastrofe sanitaria
La prestigiosa rivista lancia l'allarme: saranno soprattutto le donne povere e di colore a pagare il prezzo della sentenza della Corte Suprema, ricacciate ad abortire nella clandestinità con gravi rischi per la loro salute. Anche la pillola del giorno dopo e perfino la spirale potrebbero essere vietati e perseguiti come mezzi abortivi
La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in Dobbs v. Jackson Women's Health Organization rappresenta uno straordinario capovolgimento (...) Eppure non era inaspettato. Nel lungo e doloroso preludio alla decisione, molti stati hanno gravemente limitato l'accesso all'assistenza sanitaria riproduttiva. La foglia di fico che copriva queste restrizioni era che l'aborto indotto era una procedura pericolosa che richiedeva una regolamentazione più severa per proteggere la salute delle donne che cercavano tale assistenza. I fatti smentiscono questa falsa retorica.  Gli ultimi dati disponibili negli Stati Uniti […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
Come hanno fatto a vincere la guerra contro Roe
Non avere trasformato la Roe v. Wade in legge è stato l'errore capitale della sinistra americana, a cominciare da Barack Obama. L'aborto era una questione del tutto secondaria per i liberal assorbiti dalle trans-politics, che hanno passato gli anni a cancellare la parola "donna" rinominandola come "mestruatore" e "portatore di utero", anziché occuparsi dei diritti delle donne
Come hanno fatto i pro-life americani a vincere la guerra contro la sentenza Roe v. Wade? Nell’articolo di cui vi presentiamo ampli stralci la giornalista Sarah Ditum spiega come l’incuria e l’arroganza dei democratici hanno involontariamente aiutato a riportare indietro di 50 anni i diritti delle donne in America. "Quando è diventato certo che il diritto all'aborto delle donne americane sarebbe stato revocato? La sentenza della Corte Suprema secondo la quale "Roe era terribilmente sbagliata fin dall'inizio" è trapelata quasi due mesi fa, […]
Leggi ora
25 Giugno 2022
Elezioni di midterm negli USA: dopo la sentenza sull'aborto le donne saranno decisive?
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti in una quasi-guerra civile? Il voto di novembre sarà il primo banco di prova. Le donne potrebbero costituire il nucleo forte di quel fronte moderato che negli USA non riesce a trovare espressione politica
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto, tenendo insieme le cattoliche e le agnostiche, le donne di sinistra e quelle di destra in difesa della legge 194/78? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti, per descrivere con un eufemismo la quasi-guerra civile in corso negli Stati Uniti? Le elezioni di midterm a novembre, che vedevano favoriti i repubblicani, saranno il primo banco di prova: quante elettrici, sia pure […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ciao ciao "Lia": stop mondiale ai nuotatori trans nelle gare femminili
Nonostante lo scandaloso e opportunistico silenzio dei media sportivi, La Federazione Mondiale del Nuoto chiude ai corpi maschili nelle gare femminili (qualcosa del genere è stato deciso anche per il ciclismo). Presto, si spera, arriveranno tutte le altre categorie. I casi "Lia" Thomas, trans ruba-trofei, non si ripeteranno più. Onore alle atlete che hanno combattuto contro questa colossale ingiustizia. E a tutte noi che resistiamo da anni alla violenza misogina della gender ideology
Lottare serve: un pezzo dopo l'altro il muro della trans-ideologia sta crollando. E mentre i democratici americani -parola di Hillary Clinton- prendono clamorosamente le distanze dal transattivismo perché si rendono conto che su questi temi rischiano di giocarsi la presidenza degli Stati Uniti, la Fina (Fédération Internationale de Natation), organo di governo mondiale del nuoto, ha votato a favore di nuove regole secondo le quali gli atleti transgender non potranno gareggiare nelle competizioni d'élite femminili se hanno attraversato una qualsiasi parte del […]
Leggi ora
19 Giugno 2022
Hillary Clinton: se continuiamo a parlare di trans perderemo le elezioni
Intervistata dal Financial Times ammette che ci sono ben altre priorità e che se si continuerà su questa strada i democratici perderanno la presidenza, a cominciare dal midterm di novembre. Un clamoroso giro di boa nella speranza di salvare il salvabile. I partiti democratici occidentali -a cominciare dal PD- seguiranno il cambio di rotta gender critical?
Per la prima volta dopo anni i democratici americani rompono il tabù: lo fanno nientemeno con la voce autorevole dell'ex Segretaria di Stato nonché candidata alla presidenza Hillary Clinton, secondo la quale continuare a parlare di trans farà rischiare la sconfitta ai progressisti. L'intervista è pubblicata sul Financial Times. Domanda Edward Luce: "I democratici sembrano fare di tutto per perdere le elezioni tenendo alte le cause degli attivisti -in particolare il dibattito sui transgender- che sono rilevanti solo per una […]
Leggi ora
19 Giugno 2022
Corsi-pubblicità per la transizione nelle scuole medie del New Jersey
Mentre grandi testate come The New York Times e The Times pubblicano articoli sempre più preoccupati sulla transizione dei minori -e in Italia assordante silenzio stampa- nelle scuole dello stato americano si proietta "Ten Years of Testosterone" di Aydian Dowling, influencer FtM che fa propaganda alla vendita online di ormoni, fasce schiaccia-seno e peni di gomma. I trans-spot prendono esplicitamente il posto dell'educazione sessuale
Quasi contemporaneamente al New York Times, anche The Times dedica due lunghi articoli allo scandalo della transizione dei minori (potevano anche svegliarsi prima che migliaia di ragazzine e ragazzini venissero rovinati con farmaci e ormoni, e invece hanno taciuto fino all'ultimo). Titoli Che cosa si è sbagliato alla Tavistock Clinic per teenager trans? e La mia pubertà è stata chimicamente ritardata: sono stato la loro cavia. Attendiamo che si sveglino anche i media italiani, dal Corriere della Sera a La […]
Leggi ora