Il Congresso USA promuove una Carta dei Diritti delle Donne ispirata dai testi del femminismo

Potersi dire donne, non essere ridotte a "mestruatori" o "buchi davanti", avere i propri spazi riservati: i repubblicani americani assumono la resistenza del femminismo contro il progressismo woke e propongono una legge di portata storica. Le associazioni delle donne, da WoLF a WDI, approvano. Ma a dividere resta la questione dell'aborto, con la sentenza della Corte suprema in dirittura d'arrivo
Condividi questo articolo

Mentre ACLU (American Civil Liberties Union), la più grande associazione americana per i diritti civili, sta conducendo una campagna per sostenere che escludere dalle carceri femminili maschi incriminati per reati sessuali è un fatto discriminatorio e incostituzionale, il 19 maggio scorso un gruppo di rappresentanti repubblicani al Congresso USA, americani, prima firmataria Debbie Lesko, ha presentato una risoluzione per introdurre una Carta dei Diritti delle Donne, allo scopo di definire legalmente cosa sia una "donna", riconoscere che le donne e le ragazze meritano spazi dello stesso sesso e codificare uno standard di controllo perché la legge possa riconoscere il sesso quando necessario.

La risoluzione è stata estesa in collaborazione con Independent Women's Voice (IWV), WoLF (Women Liberation Front) che il 31 marzo 2022 avevano formulato una loro Carta dei diritti delle donne.

WoLF ha accolto con soddisfazione l'introduzione della Carta: "Una risoluzione storica che farà avanzare e proteggerà i diritti delle donne negli Stati Uniti. Per troppo tempo, alle donne è stato detto che non c'è parola per descrivere noi stesse e le nostre esperienze. Abbiamo visto la definizione di "donna" distorta per promuovere stereotipi sessisti offensivi e dannosi. Questa risoluzione è un chiaro segnale che le nostre voci non possono più essere messe a tacere in questo modo. WoLF è orgogliosamente co-autore del modello di Carta dei diritti delle donne che ha ispirato questa risoluzione e siamo grati per la coraggiosa leadership mostrata dalla rappresentante Lesko e da Sen Hyde-Smith. Le disposizioni semplici e di buon senso di questa risoluzione contribuiranno a garantire che il governo non approvi il finzione del cambio di sesso e che gli spazi e le risorse per le donne rimangano tali".

Sebbene non ci sia nulla nella Carta dei diritti delle donne che un legislatore democratico dalla parte delle donne possa trovare discutibile, la risoluzione del Congresso finora ha ricevuto solo il sostegno dei repubblicani.

WoLF incoraggia ad andare oltre la rigida partigianeria e ritiene che la Carta dei diritti delle donne sia un'eccellente opportunità per entrambe le parti di riunirsi per rafforzare i diritti basati sul sesso nelle leggi e nelle politiche statunitensi. Resta infatti intatta la questione dell'aborto a dividere il femminismo dai conservatori: è attesa a giorni la sentenza della Corte suprema americana che -stando alle bozze circolate-renderebbe illegale l'interruzione di gravidanza.

La risoluzione afferma:

considerando che maschi e femmine possiedono differenze biologiche uniche e immutabili che si manifestano prima della nascita e aumentano man mano che invecchiano e attraversano la pubertà;

considerando che le differenze biologiche tra i sessi significano che solo le femmine possono rimanere incinte, partorire e allattare i bambini;

considerando che le differenze biologiche tra i sessi fanno sì che i maschi siano, in media, di taglia più grande e possiedano una forza corporea maggiore rispetto alle femmine;

considerando che le differenze biologiche tra i sessi possono esporre le donne a più danni dei maschi a causa di specifiche forme di violenza, compresa la violenza sessuale;

considerando che le donne hanno raggiunto risultati significativi e stimolanti nell'istruzione, nell'atletica e nel lavoro;

considerando che recenti errate sentenze dei tribunali relative alla definizione di “sesso” hanno posto a rischio gli spazi e le risorse dedicate alle donne, richiedendo così un chiarimento di alcuni termini:

La Camera dei Rappresentanti riafferma che:

ai fini della legge federale, per "sesso" di una persona si intende il suo sesso biologico (maschio o femmina) alla nascita;

ai fini della legge federale in materia di sesso, i termini "donna" e "ragazza" si riferiscono a femmine umane e i termini "uomo" e "ragazzo" si riferiscono a maschi umani;

ai fini della legge federale, il termine «madre» indica un genitore di sesso femminile e «padre» è definito un genitore di sesso maschile;

ci sono ragioni importanti per distinguere tra i sessi per quanto riguarda l'atletica, le carceri, i centri di accoglienza per la violenza domestica, i servizi igienici e altre aree, in particolare dove sono implicate biologia, sicurezza e privacy.

(qui il testo integrale della Risoluzione).

Presentandola in conferenza stampa, la prima firmataria Debbie Lesko ha dichiarato: “Sono orgogliosa di presentare la Carta dei diritti delle donne per affermare l'importanza di riconoscere le donne e le loro caratteristiche uniche e distintive e il loro contributo alla nostra nazione. Mentre la sinistra continua a cancellare le donne, dobbiamo lottare per le donne e il loro posto nella nostra società. Che si tratti di mantenere la parola "madre" nella legge scritta o di garantire che i centri di accoglienza per la violenza domestica delle donne non debbano accettare uomini biologici, dobbiamo difendere le donne".

Il rappresentante Jim Banks ha aggiunto: Il moderno partito democratico ha anteposto l'agenda woke della sinistra ai diritti delle donne. In questi giorni, i Democratici si rifiutano persino di ammettere che le donne esistono o di riconoscerle come esseri unici, con abilità uniche. Mentre i liberali radicali fermano il progresso ed eliminano le protezioni per le quali generazioni di donne hanno lottato, i repubblicani devono combattere e riconoscere le verità biologiche di base. In quanto padre di tre figlie sono orgoglioso di co-guidare questa risoluzione riaffermando le protezioni legali loro garantite dalla legge federale”.

E ancora, la rappresentante Mary Miller: “Non avrò mai paura di parlare in difesa delle nostre figlie che hanno bisogno di adulti in posizioni di leadership che non temano di essere criticati dalla sinistra radicale. La risposta alla domanda "che cos'è una donna" è stata chiara per tutta la storia della nostra civiltà, e non è cambiata dalla Genesi. La sinistra radicale ha lanciato un attacco alla biologia perché vuole mettersi al di sopra di Dio e vuole fare il lavaggio del cervello alle nostre figlie con il suo wokeism. Ecco perché oggi presentiamo la Carta dei diritti delle donne per definire legalmente cosa significa essere una donna. Lo sto facendo per conto delle mie 5 figlie e di tutte le donne. Questo documento di buon senso aiuterà a codificare la nostra comprensione comune e ciò che tutti sappiamo delle parole "femmina", "donna" e "sesso". Sono orgogliosoa di sostenerlo". 

E la rappresentante Diana Harshbarger: “Per me essere una donna significa avere il grande onore di essere madre, nonna, imprenditrice e ora membro del Congresso. Sono orgogliosa di questa risoluzione sulla Carta dei diritti delle donne perché invia un chiaro messaggio che il Congresso deve proteggere le nostre future generazioni di leader donne dall'essere private delle misure intese a sostenere il loro successo, proteggere la loro sicurezza e garantire le opportunità che hanno conquistato".

Infine, la senatrice Cindy Hyde-Smith ha dichiarato: “La sinistra radicale sminuisce i diritti delle donne ogni volta che ignora le differenze biologiche tra maschi e femmine. Questa risoluzione riafferma queste differenze uniche e cerca di proteggere i diritti delle donne, che si tratti di atletica leggera, di carceri o di centri di accoglienza per donne maltrattate”.

Il Congresso USA promuove una Carta dei Diritti delle Donne ispirata dai testi del femminismo

La Carta dei Diritti delle Donne è supportata da molti gruppi e associazioni, tra cui: Independent Women's Voice, Independent Women's Law Center, Concerned Women for America LAC, Heritage Action for America, American Principles Project, Women's Liberation Front, Family Policy Alliance, Eagle Forum, Conservative Political Action Committee (CPAC) e Women's Declaration International USA (a cui il Feminist Post fa riferimento). Il nostro testo In Radice-Per l'inviolabilità del corpo femminile, sottoscritto tra le altre anche da WoLF, è perfettamente in linea con quanto espresso dalla risoluzione.

Ecco le loro dichiarazioni, dopo quella di WoLF.

Oggi gli interessi delle donne e delle ragazze vengono sminuiti da coloro che cercano di sradicare gli sport, le strutture e le opportunità legate al sesso. Sono grata che i rappresentanti Lesko, Banks, Harshbarger e Miller difendano le donne e il buon senso".  Carrie Lukas, vicepresidente indipendente di Women's Voice  

Non possiamo combattere la discriminazione sessuale se non siamo d'accordo su cosa significhi essere una donna. E non possiamo raccogliere dati accurati sulla salute pubblica, la medicina, l'istruzione, la criminalità e la condizione economica delle donne se ridefiniamo il sesso con il significato di "identità di genere". All'Independent Women's Law Center, sappiamo cos'è una donna. Per fortuna, lo fanno anche i rappresentanti Lesko, Banks, Harshbarger e Miller.  Jennifer C. Braceras, direttrice del Centro di diritto delle donne indipendente    

“È scioccante che alle donne oggi venga detto che il nostro status è irrilevante e che essere donna non ha alcuna relazione con l'essere donna. Le nostre protezioni vengono distrutte da politiche radicali che confondono i fatti biologici con i sentimenti di genere e da giudici attivisti che non possono definire una Donna. Concerned Women for America LAC ed Heritage Action for America plaudono alla risoluzione sulla Carta dei diritti delle donne che riconoscerà e proteggerà la dignità delle donne e il nostro status unico ai sensi della legge”. Penny Young Nance, CEO e Presidente di Concerned Women for America LAC

“La sinistra woke si è data la missione di riportare indietro decenni di progressi compiuti in nome dei diritti delle donne. Il loro rifiuto di riconoscere le differenze biologiche tra uomini e donne è irragionevole e in molti casi pericoloso. Se lasciato incontrollato, l'assalto della sinistra su cosa significa essere una donna continuerà a essere un danno per tutte le donne biologiche e vedrà opportunità e risorse reindirizzate a individui che non avrebbero mai dovuto riceverle. Fortunatamente, le donne del Congresso Lesko, Miller e Harsbarger, insieme al presidente dell'RSC Jim Banks, stanno guidando lo sforzo per riaffermare cosa significa essere una donna e i pericoli dell'attuale traiettoria della sinistra". - Jessica Anderson, Direttore Esecutivo di Heritage Action.  

Gli americani non rimarranno in silenzio contro un'ideologia che cancella le donne. Per chiarire ogni confusione sulla definizione di donna, questo sforzo bicamerale riafferma semplicemente la verità: le donne sono distinte dagli uomini e meritano uguale protezione dalla legge. Esortiamo ogni membro del Congresso a proteggere i diritti civili delle donne e ad approvare ora la risoluzione sulla Carta dei diritti delle donne”. - Autumn Leva, vicepresidente senior di Family Policy Alliance. 

"La sinistra ha risvegliato gli sforzi per cancellare le donne oggi con l'inchiostro indelebile della Carta dei diritti delle donne. Quando si tratta di sesso e genere è tempo di fidarsi della scienza. Le donne sono donne e gli uomini sono uomini. Dobbiamo riconoscere le nostre differenze fisiologiche mentre celebriamo la nostra umanità condivisa. Questa risoluzione protegge le donne nelle carceri e nei bagni, assicura che lo spirito del titolo IX sia mantenuto negli sport universitari e ripristina il buon senso su come ci riferiamo alle donne in gravidanza e che allattano"Kris Ullman, Presidente Eagle Forum.  

Gli americani stanno attualmente affrontando un assalto da parte della sinistra woke per sminuire l'essere donna. Che si tratti di attaccare lo sport femminile, di ridurre le donne a "persone che partoriscono", di mettere le donne a rischio nelle carceri e nei bagni, o di nominare un giudice della Corte Suprema che non sa definire cosa sia una donna, i conservatori devono reagire. Noi della Conservative Political Action Coalition (CPAC) vogliamo ringraziare il Republican Study Committee, il rappresentante Lesko e il senatore Hyde-Smith per aver tentato di ripristinare la sanità mentale portando avanti la risoluzione sulla Carta dei diritti delle donneMatt Schlapp, Presidente Conservative Political Action Coalition (CPAC).  

"Uomini e donne sono diversi. Questa è sia una verità evidente che un fatto scientifico riconosciuto dalla stragrande maggioranza degli americani. Tuttavia, per alcuni qui a Washington (per lo più a sinistra), essere maschi o femmine è solo un'etichetta che può essere cambiata a piacimento. Questi radicali non possono definire cosa sia una "donna", anche se affermano di difendere i diritti delle donne. Sarebbe comico, se le conseguenze non fossero così gravi. In risposta a questa pericolosa ideologia, è imperativo chiarire giuridicamente ciò che dovrebbe essere evidente a qualsiasi persona sana di mente: che "uomo" e "donna" sono realtà biologicamente fondate, non semplici costrutti sociali. Solo così facendo garantiremo il pieno rispetto e l'affermazione dei diritti di ciascuno. APP è grato a Rep. Lesko, Sen. Hyde-Smith e a tutti i membri repubblicani che sostengono questa risoluzione, e sollecitiamo il GOP a fare di questo sforzo una priorità, sia ora sia, soprattutto, se dovessero riprendere la maggioranza al Congresso l'anno prossimo". Terry Schilling, Presidente, Progetto American Principles.   

La delegazione USA della Women's Declaration International (organizzazione globale apartitica che sostiene i diritti basati sul sesso delle donne in tutto il mondo) è orgogliosa di sostenere la Carta dei Diritti delle Donne, che sancirà in una legge molti dei principi delineati nella Dichiarazione globale sulle donne Diritti basati sul sesso, per i quali lavoriamo in modo da fare avanzare la legge statunitense"Kara Dansky, Presidente WDI USA. 

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora
6 Marzo 2024
Scandalo WPATH: le "terapie" per i minori con disforia sono improvvisate e prescritte senza reale consenso
La World Professional Transgender Health è considerata la principale autorità scientifica e medica globale sulla “medicina di genere”: negli ultimi decenni i suoi standard di cura hanno plasmato le linee guida, le politiche e le pratiche di governi, associazioni mediche, sistemi sanitari pubblici e cliniche private in tutto il mondo, compresa l'OMS. Ma alcuni documenti trapelati rivelano la negligenza nei riguardi di bambini -compresi minori con gravi disturbi psichici- sottoposti a trattamenti improvvisati, senza tenere conto delle conseguenze a lungo termine e senza la certezza che avessero chiaro quello che stavano facendo
La notizia riesce a sconvolgere perfino chi lotta da tempo contro la terapia affermativa -bloccanti della pubertà, ormoni e chirurgia- per i minori non conformi al genere, come lo psicoanalista David Bell che ha denunciato lo scandalo alla Tavistock Clinic di Londra: "Anche per me il contenuto di questi file è scioccante e inquietante" ha dichiarato. "I file suggeriscono che alcuni membri del WPATH sono consapevoli che le cure che affermano il genere a volte causano danni molto gravi e […]
Leggi ora
2 Marzo 2024
Corpi che non contano: Judith Butler torna alla carica
In un’affollata conferenza alla London School of Economic la filosofa californiana pioniera delle gender theory ribadisce i capisaldi del suo pensiero: la materialità del sesso non esiste, le donne non hanno l’esclusiva di essere donne e devono aprirsi ad altri soggetti a cominciare dai Queer e dai pro-Palestine, il transfemminismo è anticapitalista e antifa per una lotta comune contro le “passioni fasciste”. E attacca il femminismo gender critical “alleato delle destre”
A un certo punto sembrava che Judith Butler avesse cambiato strada. La filosofa californiana, tra le più influenti dell’ultimo trentennio, teorica della performatività di genere, approdata lungo un percorso costruttivista radicale alla negazione della consistenza materiale dei corpi sessuati fino a problematizzare e/o smantellare lo stesso soggetto “donna” , aveva riconosciuto: «la mia definizione diede adito a due interpretazioni contrastanti: per la prima, ciascuno si sceglie il proprio genere; per la seconda, siamo tutti completamente determinati dalle norme di genere […]
Leggi ora