Il Congresso USA promuove una Carta dei Diritti delle Donne ispirata dai testi del femminismo

Potersi dire donne, non essere ridotte a "mestruatori" o "buchi davanti", avere i propri spazi riservati: i repubblicani americani assumono la resistenza del femminismo contro il progressismo woke e propongono una legge di portata storica. Le associazioni delle donne, da WoLF a WDI, approvano. Ma a dividere resta la questione dell'aborto, con la sentenza della Corte suprema in dirittura d'arrivo
Condividi questo articolo

Mentre ACLU (American Civil Liberties Union), la più grande associazione americana per i diritti civili, sta conducendo una campagna per sostenere che escludere dalle carceri femminili maschi incriminati per reati sessuali è un fatto discriminatorio e incostituzionale, il 19 maggio scorso un gruppo di rappresentanti repubblicani al Congresso USA, americani, prima firmataria Debbie Lesko, ha presentato una risoluzione per introdurre una Carta dei Diritti delle Donne, allo scopo di definire legalmente cosa sia una "donna", riconoscere che le donne e le ragazze meritano spazi dello stesso sesso e codificare uno standard di controllo perché la legge possa riconoscere il sesso quando necessario.

La risoluzione è stata estesa in collaborazione con Independent Women's Voice (IWV), WoLF (Women Liberation Front) che il 31 marzo 2022 avevano formulato una loro Carta dei diritti delle donne.

WoLF ha accolto con soddisfazione l'introduzione della Carta: "Una risoluzione storica che farà avanzare e proteggerà i diritti delle donne negli Stati Uniti. Per troppo tempo, alle donne è stato detto che non c'è parola per descrivere noi stesse e le nostre esperienze. Abbiamo visto la definizione di "donna" distorta per promuovere stereotipi sessisti offensivi e dannosi. Questa risoluzione è un chiaro segnale che le nostre voci non possono più essere messe a tacere in questo modo. WoLF è orgogliosamente co-autore del modello di Carta dei diritti delle donne che ha ispirato questa risoluzione e siamo grati per la coraggiosa leadership mostrata dalla rappresentante Lesko e da Sen Hyde-Smith. Le disposizioni semplici e di buon senso di questa risoluzione contribuiranno a garantire che il governo non approvi il finzione del cambio di sesso e che gli spazi e le risorse per le donne rimangano tali".

Sebbene non ci sia nulla nella Carta dei diritti delle donne che un legislatore democratico dalla parte delle donne possa trovare discutibile, la risoluzione del Congresso finora ha ricevuto solo il sostegno dei repubblicani.

WoLF incoraggia ad andare oltre la rigida partigianeria e ritiene che la Carta dei diritti delle donne sia un'eccellente opportunità per entrambe le parti di riunirsi per rafforzare i diritti basati sul sesso nelle leggi e nelle politiche statunitensi. Resta infatti intatta la questione dell'aborto a dividere il femminismo dai conservatori: è attesa a giorni la sentenza della Corte suprema americana che -stando alle bozze circolate-renderebbe illegale l'interruzione di gravidanza.

La risoluzione afferma:

considerando che maschi e femmine possiedono differenze biologiche uniche e immutabili che si manifestano prima della nascita e aumentano man mano che invecchiano e attraversano la pubertà;

considerando che le differenze biologiche tra i sessi significano che solo le femmine possono rimanere incinte, partorire e allattare i bambini;

considerando che le differenze biologiche tra i sessi fanno sì che i maschi siano, in media, di taglia più grande e possiedano una forza corporea maggiore rispetto alle femmine;

considerando che le differenze biologiche tra i sessi possono esporre le donne a più danni dei maschi a causa di specifiche forme di violenza, compresa la violenza sessuale;

considerando che le donne hanno raggiunto risultati significativi e stimolanti nell'istruzione, nell'atletica e nel lavoro;

considerando che recenti errate sentenze dei tribunali relative alla definizione di “sesso” hanno posto a rischio gli spazi e le risorse dedicate alle donne, richiedendo così un chiarimento di alcuni termini:

La Camera dei Rappresentanti riafferma che:

ai fini della legge federale, per "sesso" di una persona si intende il suo sesso biologico (maschio o femmina) alla nascita;

ai fini della legge federale in materia di sesso, i termini "donna" e "ragazza" si riferiscono a femmine umane e i termini "uomo" e "ragazzo" si riferiscono a maschi umani;

ai fini della legge federale, il termine «madre» indica un genitore di sesso femminile e «padre» è definito un genitore di sesso maschile;

ci sono ragioni importanti per distinguere tra i sessi per quanto riguarda l'atletica, le carceri, i centri di accoglienza per la violenza domestica, i servizi igienici e altre aree, in particolare dove sono implicate biologia, sicurezza e privacy.

(qui il testo integrale della Risoluzione).

Presentandola in conferenza stampa, la prima firmataria Debbie Lesko ha dichiarato: “Sono orgogliosa di presentare la Carta dei diritti delle donne per affermare l'importanza di riconoscere le donne e le loro caratteristiche uniche e distintive e il loro contributo alla nostra nazione. Mentre la sinistra continua a cancellare le donne, dobbiamo lottare per le donne e il loro posto nella nostra società. Che si tratti di mantenere la parola "madre" nella legge scritta o di garantire che i centri di accoglienza per la violenza domestica delle donne non debbano accettare uomini biologici, dobbiamo difendere le donne".

Il rappresentante Jim Banks ha aggiunto: Il moderno partito democratico ha anteposto l'agenda woke della sinistra ai diritti delle donne. In questi giorni, i Democratici si rifiutano persino di ammettere che le donne esistono o di riconoscerle come esseri unici, con abilità uniche. Mentre i liberali radicali fermano il progresso ed eliminano le protezioni per le quali generazioni di donne hanno lottato, i repubblicani devono combattere e riconoscere le verità biologiche di base. In quanto padre di tre figlie sono orgoglioso di co-guidare questa risoluzione riaffermando le protezioni legali loro garantite dalla legge federale”.

E ancora, la rappresentante Mary Miller: “Non avrò mai paura di parlare in difesa delle nostre figlie che hanno bisogno di adulti in posizioni di leadership che non temano di essere criticati dalla sinistra radicale. La risposta alla domanda "che cos'è una donna" è stata chiara per tutta la storia della nostra civiltà, e non è cambiata dalla Genesi. La sinistra radicale ha lanciato un attacco alla biologia perché vuole mettersi al di sopra di Dio e vuole fare il lavaggio del cervello alle nostre figlie con il suo wokeism. Ecco perché oggi presentiamo la Carta dei diritti delle donne per definire legalmente cosa significa essere una donna. Lo sto facendo per conto delle mie 5 figlie e di tutte le donne. Questo documento di buon senso aiuterà a codificare la nostra comprensione comune e ciò che tutti sappiamo delle parole "femmina", "donna" e "sesso". Sono orgogliosoa di sostenerlo". 

E la rappresentante Diana Harshbarger: “Per me essere una donna significa avere il grande onore di essere madre, nonna, imprenditrice e ora membro del Congresso. Sono orgogliosa di questa risoluzione sulla Carta dei diritti delle donne perché invia un chiaro messaggio che il Congresso deve proteggere le nostre future generazioni di leader donne dall'essere private delle misure intese a sostenere il loro successo, proteggere la loro sicurezza e garantire le opportunità che hanno conquistato".

Infine, la senatrice Cindy Hyde-Smith ha dichiarato: “La sinistra radicale sminuisce i diritti delle donne ogni volta che ignora le differenze biologiche tra maschi e femmine. Questa risoluzione riafferma queste differenze uniche e cerca di proteggere i diritti delle donne, che si tratti di atletica leggera, di carceri o di centri di accoglienza per donne maltrattate”.

Il Congresso USA promuove una Carta dei Diritti delle Donne ispirata dai testi del femminismo

La Carta dei Diritti delle Donne è supportata da molti gruppi e associazioni, tra cui: Independent Women's Voice, Independent Women's Law Center, Concerned Women for America LAC, Heritage Action for America, American Principles Project, Women's Liberation Front, Family Policy Alliance, Eagle Forum, Conservative Political Action Committee (CPAC) e Women's Declaration International USA (a cui il Feminist Post fa riferimento). Il nostro testo In Radice-Per l'inviolabilità del corpo femminile, sottoscritto tra le altre anche da WoLF, è perfettamente in linea con quanto espresso dalla risoluzione.

Ecco le loro dichiarazioni, dopo quella di WoLF.

Oggi gli interessi delle donne e delle ragazze vengono sminuiti da coloro che cercano di sradicare gli sport, le strutture e le opportunità legate al sesso. Sono grata che i rappresentanti Lesko, Banks, Harshbarger e Miller difendano le donne e il buon senso".  Carrie Lukas, vicepresidente indipendente di Women's Voice  

Non possiamo combattere la discriminazione sessuale se non siamo d'accordo su cosa significhi essere una donna. E non possiamo raccogliere dati accurati sulla salute pubblica, la medicina, l'istruzione, la criminalità e la condizione economica delle donne se ridefiniamo il sesso con il significato di "identità di genere". All'Independent Women's Law Center, sappiamo cos'è una donna. Per fortuna, lo fanno anche i rappresentanti Lesko, Banks, Harshbarger e Miller.  Jennifer C. Braceras, direttrice del Centro di diritto delle donne indipendente    

“È scioccante che alle donne oggi venga detto che il nostro status è irrilevante e che essere donna non ha alcuna relazione con l'essere donna. Le nostre protezioni vengono distrutte da politiche radicali che confondono i fatti biologici con i sentimenti di genere e da giudici attivisti che non possono definire una Donna. Concerned Women for America LAC ed Heritage Action for America plaudono alla risoluzione sulla Carta dei diritti delle donne che riconoscerà e proteggerà la dignità delle donne e il nostro status unico ai sensi della legge”. Penny Young Nance, CEO e Presidente di Concerned Women for America LAC

“La sinistra woke si è data la missione di riportare indietro decenni di progressi compiuti in nome dei diritti delle donne. Il loro rifiuto di riconoscere le differenze biologiche tra uomini e donne è irragionevole e in molti casi pericoloso. Se lasciato incontrollato, l'assalto della sinistra su cosa significa essere una donna continuerà a essere un danno per tutte le donne biologiche e vedrà opportunità e risorse reindirizzate a individui che non avrebbero mai dovuto riceverle. Fortunatamente, le donne del Congresso Lesko, Miller e Harsbarger, insieme al presidente dell'RSC Jim Banks, stanno guidando lo sforzo per riaffermare cosa significa essere una donna e i pericoli dell'attuale traiettoria della sinistra". - Jessica Anderson, Direttore Esecutivo di Heritage Action.  

Gli americani non rimarranno in silenzio contro un'ideologia che cancella le donne. Per chiarire ogni confusione sulla definizione di donna, questo sforzo bicamerale riafferma semplicemente la verità: le donne sono distinte dagli uomini e meritano uguale protezione dalla legge. Esortiamo ogni membro del Congresso a proteggere i diritti civili delle donne e ad approvare ora la risoluzione sulla Carta dei diritti delle donne”. - Autumn Leva, vicepresidente senior di Family Policy Alliance. 

"La sinistra ha risvegliato gli sforzi per cancellare le donne oggi con l'inchiostro indelebile della Carta dei diritti delle donne. Quando si tratta di sesso e genere è tempo di fidarsi della scienza. Le donne sono donne e gli uomini sono uomini. Dobbiamo riconoscere le nostre differenze fisiologiche mentre celebriamo la nostra umanità condivisa. Questa risoluzione protegge le donne nelle carceri e nei bagni, assicura che lo spirito del titolo IX sia mantenuto negli sport universitari e ripristina il buon senso su come ci riferiamo alle donne in gravidanza e che allattano"Kris Ullman, Presidente Eagle Forum.  

Gli americani stanno attualmente affrontando un assalto da parte della sinistra woke per sminuire l'essere donna. Che si tratti di attaccare lo sport femminile, di ridurre le donne a "persone che partoriscono", di mettere le donne a rischio nelle carceri e nei bagni, o di nominare un giudice della Corte Suprema che non sa definire cosa sia una donna, i conservatori devono reagire. Noi della Conservative Political Action Coalition (CPAC) vogliamo ringraziare il Republican Study Committee, il rappresentante Lesko e il senatore Hyde-Smith per aver tentato di ripristinare la sanità mentale portando avanti la risoluzione sulla Carta dei diritti delle donneMatt Schlapp, Presidente Conservative Political Action Coalition (CPAC).  

"Uomini e donne sono diversi. Questa è sia una verità evidente che un fatto scientifico riconosciuto dalla stragrande maggioranza degli americani. Tuttavia, per alcuni qui a Washington (per lo più a sinistra), essere maschi o femmine è solo un'etichetta che può essere cambiata a piacimento. Questi radicali non possono definire cosa sia una "donna", anche se affermano di difendere i diritti delle donne. Sarebbe comico, se le conseguenze non fossero così gravi. In risposta a questa pericolosa ideologia, è imperativo chiarire giuridicamente ciò che dovrebbe essere evidente a qualsiasi persona sana di mente: che "uomo" e "donna" sono realtà biologicamente fondate, non semplici costrutti sociali. Solo così facendo garantiremo il pieno rispetto e l'affermazione dei diritti di ciascuno. APP è grato a Rep. Lesko, Sen. Hyde-Smith e a tutti i membri repubblicani che sostengono questa risoluzione, e sollecitiamo il GOP a fare di questo sforzo una priorità, sia ora sia, soprattutto, se dovessero riprendere la maggioranza al Congresso l'anno prossimo". Terry Schilling, Presidente, Progetto American Principles.   

La delegazione USA della Women's Declaration International (organizzazione globale apartitica che sostiene i diritti basati sul sesso delle donne in tutto il mondo) è orgogliosa di sostenere la Carta dei Diritti delle Donne, che sancirà in una legge molti dei principi delineati nella Dichiarazione globale sulle donne Diritti basati sul sesso, per i quali lavoriamo in modo da fare avanzare la legge statunitense"Kara Dansky, Presidente WDI USA. 

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora
6 Agosto 2022
California, transificio di bambine/i
Lo stato americano si propone come meta di turismo "sanitario" per le/i minori che non riescono ad accedere alla transizione nel luogo in cui vivono. Esautorando i genitori e sollevando gli operatori da ogni rischio di causa in caso di successivi "pentimenti". Intanto in UK, dopo la chiusura della Tavistock, occhi puntati su una clinica scozzese dove il modello sperimentale (bloccanti della pubertà e chirurgia) continua a essere applicato
Negli Stati Uniti è in corso una vera e propria guerra sull’ideologia dell’identità di genere e la sua promozione nelle scuole. Una “guerra culturale” che vede contrapposte le élite, che finanziano e promuovono la gender ideology, e la gente comune che vi si oppone (vedere qui il caso Disney). Mentre Biden fin dal primo giorno ha fatto molte concessioni legislative all’attivismo trans a livello federale, i repubblicani hanno intercettato lo scontento della cittadinanza con diverse contro-leggi a livello statale, come […]
Leggi ora
29 Luglio 2022
UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical
L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro […]
Leggi ora
28 Luglio 2022
Argentina: stop al linguaggio neutro nelle scuole
E' stato il primo paese a introdurre l’auto-identificazione di genere. Dieci anni dopo è tra i primi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole in quanto "nemmeno così inclusivo: crea una barriera per i bambini con difficoltà di apprendimento”
Nel 2012 l’Argentina è stato il primo paese al mondo a introdurre il self-id o auto-identificazione di genere nel suo ordinamento giuridico. Dieci anni dopo è uno dei primi paesi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole. Come insegnano le madri del femminismo radicale e del pensiero della differenza, il neutro è uno specchietto per le allodole che di fatto riporta al centro il punto di vista maschile. Se l’illusione del neutro salta meno all’occhio nella lingua inglese, è subito […]
Leggi ora
25 Luglio 2022
Campo aperto, liste chiuse
L'occhio di tigre non vuole vedere che tu puoi riassemblare e ricombinare lo schieramento quanto vuoi, ma se le facce e i nomi restano gli stessi sei molto poco credibile. E se l'unico obiettivo riconoscibile dal più dell'elettorato è sbarrare la strada all'avversaria politica -per una volta una donna, il che rende tutto ancora più surreale- le probabilità di successo non sono molte
Lavori in corso per la costruzione del grande rassemblement o campo aperto (quello largo è stato dismesso). La discussione è solo tra uomini (con la parziale eccezione di Emma Bonino) e il cemento che tiene insieme il progetto di coalizione è "fermare Meloni": di programmi politici si discute poco, e che cosa possano avere in comune Calenda, Fratoianni e Di Maio è tutto da capire. Osservatori e sociologi della politica si sgolano a far notare che costruire un progetto "contro" […]
Leggi ora
20 Luglio 2022
Dove sta andando la Casa delle Donne di Roma?
"La Casa siamo tutte" recita il bello slogan dello storico enclave di Trastevere. Ma in quello spazio, che è pubblico e dovrebbe essere aperto, l'agibilità è solo transfemminista. E dopo il sostegno acritico al ddl Zan -per fermare i femminicidi!-, il sì all'utero in affitto e al "sex work", ora anche l'inno agli ultracorpi maschili negli sport femminili: forse è il momento che si apra una riflessione
La Casa Internazionale delle Donne di Roma condivide la proposta dell'università della Pennsylvania di nominare Lia Thomas "atleta donna dell'anno". Lia Thomas, di cui abbiamo parlato più volte qui, è la celebre nuotatore che ha sbaragliato più volte le avversarie gareggiando nelle categorie femminili, ma che ha avuto quanto meno il merito di far finalmente esplodere la questione degli ultracorpi maschili negli sport delle donne. Il post condiviso dalla Casa Internazionale delle Donne, un piccolo confusionario trattato di femminismo Intersezionale, […]
Leggi ora