Il Congresso USA promuove una Carta dei Diritti delle Donne ispirata dai testi del femminismo

Potersi dire donne, non essere ridotte a "mestruatori" o "buchi davanti", avere i propri spazi riservati: i repubblicani americani assumono la resistenza del femminismo contro il progressismo woke e propongono una legge di portata storica. Le associazioni delle donne, da WoLF a WDI, approvano. Ma a dividere resta la questione dell'aborto, con la sentenza della Corte suprema in dirittura d'arrivo
Condividi questo articolo

Mentre ACLU (American Civil Liberties Union), la più grande associazione americana per i diritti civili, sta conducendo una campagna per sostenere che escludere dalle carceri femminili maschi incriminati per reati sessuali è un fatto discriminatorio e incostituzionale, il 19 maggio scorso un gruppo di rappresentanti repubblicani al Congresso USA, americani, prima firmataria Debbie Lesko, ha presentato una risoluzione per introdurre una Carta dei Diritti delle Donne, allo scopo di definire legalmente cosa sia una "donna", riconoscere che le donne e le ragazze meritano spazi dello stesso sesso e codificare uno standard di controllo perché la legge possa riconoscere il sesso quando necessario.

La risoluzione è stata estesa in collaborazione con Independent Women's Voice (IWV), WoLF (Women Liberation Front) che il 31 marzo 2022 avevano formulato una loro Carta dei diritti delle donne.

WoLF ha accolto con soddisfazione l'introduzione della Carta: "Una risoluzione storica che farà avanzare e proteggerà i diritti delle donne negli Stati Uniti. Per troppo tempo, alle donne è stato detto che non c'è parola per descrivere noi stesse e le nostre esperienze. Abbiamo visto la definizione di "donna" distorta per promuovere stereotipi sessisti offensivi e dannosi. Questa risoluzione è un chiaro segnale che le nostre voci non possono più essere messe a tacere in questo modo. WoLF è orgogliosamente co-autore del modello di Carta dei diritti delle donne che ha ispirato questa risoluzione e siamo grati per la coraggiosa leadership mostrata dalla rappresentante Lesko e da Sen Hyde-Smith. Le disposizioni semplici e di buon senso di questa risoluzione contribuiranno a garantire che il governo non approvi il finzione del cambio di sesso e che gli spazi e le risorse per le donne rimangano tali".

Sebbene non ci sia nulla nella Carta dei diritti delle donne che un legislatore democratico dalla parte delle donne possa trovare discutibile, la risoluzione del Congresso finora ha ricevuto solo il sostegno dei repubblicani.

WoLF incoraggia ad andare oltre la rigida partigianeria e ritiene che la Carta dei diritti delle donne sia un'eccellente opportunità per entrambe le parti di riunirsi per rafforzare i diritti basati sul sesso nelle leggi e nelle politiche statunitensi. Resta infatti intatta la questione dell'aborto a dividere il femminismo dai conservatori: è attesa a giorni la sentenza della Corte suprema americana che -stando alle bozze circolate-renderebbe illegale l'interruzione di gravidanza.

La risoluzione afferma:

considerando che maschi e femmine possiedono differenze biologiche uniche e immutabili che si manifestano prima della nascita e aumentano man mano che invecchiano e attraversano la pubertà;

considerando che le differenze biologiche tra i sessi significano che solo le femmine possono rimanere incinte, partorire e allattare i bambini;

considerando che le differenze biologiche tra i sessi fanno sì che i maschi siano, in media, di taglia più grande e possiedano una forza corporea maggiore rispetto alle femmine;

considerando che le differenze biologiche tra i sessi possono esporre le donne a più danni dei maschi a causa di specifiche forme di violenza, compresa la violenza sessuale;

considerando che le donne hanno raggiunto risultati significativi e stimolanti nell'istruzione, nell'atletica e nel lavoro;

considerando che recenti errate sentenze dei tribunali relative alla definizione di “sesso” hanno posto a rischio gli spazi e le risorse dedicate alle donne, richiedendo così un chiarimento di alcuni termini:

La Camera dei Rappresentanti riafferma che:

ai fini della legge federale, per "sesso" di una persona si intende il suo sesso biologico (maschio o femmina) alla nascita;

ai fini della legge federale in materia di sesso, i termini "donna" e "ragazza" si riferiscono a femmine umane e i termini "uomo" e "ragazzo" si riferiscono a maschi umani;

ai fini della legge federale, il termine «madre» indica un genitore di sesso femminile e «padre» è definito un genitore di sesso maschile;

ci sono ragioni importanti per distinguere tra i sessi per quanto riguarda l'atletica, le carceri, i centri di accoglienza per la violenza domestica, i servizi igienici e altre aree, in particolare dove sono implicate biologia, sicurezza e privacy.

(qui il testo integrale della Risoluzione).

Presentandola in conferenza stampa, la prima firmataria Debbie Lesko ha dichiarato: “Sono orgogliosa di presentare la Carta dei diritti delle donne per affermare l'importanza di riconoscere le donne e le loro caratteristiche uniche e distintive e il loro contributo alla nostra nazione. Mentre la sinistra continua a cancellare le donne, dobbiamo lottare per le donne e il loro posto nella nostra società. Che si tratti di mantenere la parola "madre" nella legge scritta o di garantire che i centri di accoglienza per la violenza domestica delle donne non debbano accettare uomini biologici, dobbiamo difendere le donne".

Il rappresentante Jim Banks ha aggiunto: Il moderno partito democratico ha anteposto l'agenda woke della sinistra ai diritti delle donne. In questi giorni, i Democratici si rifiutano persino di ammettere che le donne esistono o di riconoscerle come esseri unici, con abilità uniche. Mentre i liberali radicali fermano il progresso ed eliminano le protezioni per le quali generazioni di donne hanno lottato, i repubblicani devono combattere e riconoscere le verità biologiche di base. In quanto padre di tre figlie sono orgoglioso di co-guidare questa risoluzione riaffermando le protezioni legali loro garantite dalla legge federale”.

E ancora, la rappresentante Mary Miller: “Non avrò mai paura di parlare in difesa delle nostre figlie che hanno bisogno di adulti in posizioni di leadership che non temano di essere criticati dalla sinistra radicale. La risposta alla domanda "che cos'è una donna" è stata chiara per tutta la storia della nostra civiltà, e non è cambiata dalla Genesi. La sinistra radicale ha lanciato un attacco alla biologia perché vuole mettersi al di sopra di Dio e vuole fare il lavaggio del cervello alle nostre figlie con il suo wokeism. Ecco perché oggi presentiamo la Carta dei diritti delle donne per definire legalmente cosa significa essere una donna. Lo sto facendo per conto delle mie 5 figlie e di tutte le donne. Questo documento di buon senso aiuterà a codificare la nostra comprensione comune e ciò che tutti sappiamo delle parole "femmina", "donna" e "sesso". Sono orgogliosoa di sostenerlo". 

E la rappresentante Diana Harshbarger: “Per me essere una donna significa avere il grande onore di essere madre, nonna, imprenditrice e ora membro del Congresso. Sono orgogliosa di questa risoluzione sulla Carta dei diritti delle donne perché invia un chiaro messaggio che il Congresso deve proteggere le nostre future generazioni di leader donne dall'essere private delle misure intese a sostenere il loro successo, proteggere la loro sicurezza e garantire le opportunità che hanno conquistato".

Infine, la senatrice Cindy Hyde-Smith ha dichiarato: “La sinistra radicale sminuisce i diritti delle donne ogni volta che ignora le differenze biologiche tra maschi e femmine. Questa risoluzione riafferma queste differenze uniche e cerca di proteggere i diritti delle donne, che si tratti di atletica leggera, di carceri o di centri di accoglienza per donne maltrattate”.

Il Congresso USA promuove una Carta dei Diritti delle Donne ispirata dai testi del femminismo

La Carta dei Diritti delle Donne è supportata da molti gruppi e associazioni, tra cui: Independent Women's Voice, Independent Women's Law Center, Concerned Women for America LAC, Heritage Action for America, American Principles Project, Women's Liberation Front, Family Policy Alliance, Eagle Forum, Conservative Political Action Committee (CPAC) e Women's Declaration International USA (a cui il Feminist Post fa riferimento). Il nostro testo In Radice-Per l'inviolabilità del corpo femminile, sottoscritto tra le altre anche da WoLF, è perfettamente in linea con quanto espresso dalla risoluzione.

Ecco le loro dichiarazioni, dopo quella di WoLF.

Oggi gli interessi delle donne e delle ragazze vengono sminuiti da coloro che cercano di sradicare gli sport, le strutture e le opportunità legate al sesso. Sono grata che i rappresentanti Lesko, Banks, Harshbarger e Miller difendano le donne e il buon senso".  Carrie Lukas, vicepresidente indipendente di Women's Voice  

Non possiamo combattere la discriminazione sessuale se non siamo d'accordo su cosa significhi essere una donna. E non possiamo raccogliere dati accurati sulla salute pubblica, la medicina, l'istruzione, la criminalità e la condizione economica delle donne se ridefiniamo il sesso con il significato di "identità di genere". All'Independent Women's Law Center, sappiamo cos'è una donna. Per fortuna, lo fanno anche i rappresentanti Lesko, Banks, Harshbarger e Miller.  Jennifer C. Braceras, direttrice del Centro di diritto delle donne indipendente    

“È scioccante che alle donne oggi venga detto che il nostro status è irrilevante e che essere donna non ha alcuna relazione con l'essere donna. Le nostre protezioni vengono distrutte da politiche radicali che confondono i fatti biologici con i sentimenti di genere e da giudici attivisti che non possono definire una Donna. Concerned Women for America LAC ed Heritage Action for America plaudono alla risoluzione sulla Carta dei diritti delle donne che riconoscerà e proteggerà la dignità delle donne e il nostro status unico ai sensi della legge”. Penny Young Nance, CEO e Presidente di Concerned Women for America LAC

“La sinistra woke si è data la missione di riportare indietro decenni di progressi compiuti in nome dei diritti delle donne. Il loro rifiuto di riconoscere le differenze biologiche tra uomini e donne è irragionevole e in molti casi pericoloso. Se lasciato incontrollato, l'assalto della sinistra su cosa significa essere una donna continuerà a essere un danno per tutte le donne biologiche e vedrà opportunità e risorse reindirizzate a individui che non avrebbero mai dovuto riceverle. Fortunatamente, le donne del Congresso Lesko, Miller e Harsbarger, insieme al presidente dell'RSC Jim Banks, stanno guidando lo sforzo per riaffermare cosa significa essere una donna e i pericoli dell'attuale traiettoria della sinistra". - Jessica Anderson, Direttore Esecutivo di Heritage Action.  

Gli americani non rimarranno in silenzio contro un'ideologia che cancella le donne. Per chiarire ogni confusione sulla definizione di donna, questo sforzo bicamerale riafferma semplicemente la verità: le donne sono distinte dagli uomini e meritano uguale protezione dalla legge. Esortiamo ogni membro del Congresso a proteggere i diritti civili delle donne e ad approvare ora la risoluzione sulla Carta dei diritti delle donne”. - Autumn Leva, vicepresidente senior di Family Policy Alliance. 

"La sinistra ha risvegliato gli sforzi per cancellare le donne oggi con l'inchiostro indelebile della Carta dei diritti delle donne. Quando si tratta di sesso e genere è tempo di fidarsi della scienza. Le donne sono donne e gli uomini sono uomini. Dobbiamo riconoscere le nostre differenze fisiologiche mentre celebriamo la nostra umanità condivisa. Questa risoluzione protegge le donne nelle carceri e nei bagni, assicura che lo spirito del titolo IX sia mantenuto negli sport universitari e ripristina il buon senso su come ci riferiamo alle donne in gravidanza e che allattano"Kris Ullman, Presidente Eagle Forum.  

Gli americani stanno attualmente affrontando un assalto da parte della sinistra woke per sminuire l'essere donna. Che si tratti di attaccare lo sport femminile, di ridurre le donne a "persone che partoriscono", di mettere le donne a rischio nelle carceri e nei bagni, o di nominare un giudice della Corte Suprema che non sa definire cosa sia una donna, i conservatori devono reagire. Noi della Conservative Political Action Coalition (CPAC) vogliamo ringraziare il Republican Study Committee, il rappresentante Lesko e il senatore Hyde-Smith per aver tentato di ripristinare la sanità mentale portando avanti la risoluzione sulla Carta dei diritti delle donneMatt Schlapp, Presidente Conservative Political Action Coalition (CPAC).  

"Uomini e donne sono diversi. Questa è sia una verità evidente che un fatto scientifico riconosciuto dalla stragrande maggioranza degli americani. Tuttavia, per alcuni qui a Washington (per lo più a sinistra), essere maschi o femmine è solo un'etichetta che può essere cambiata a piacimento. Questi radicali non possono definire cosa sia una "donna", anche se affermano di difendere i diritti delle donne. Sarebbe comico, se le conseguenze non fossero così gravi. In risposta a questa pericolosa ideologia, è imperativo chiarire giuridicamente ciò che dovrebbe essere evidente a qualsiasi persona sana di mente: che "uomo" e "donna" sono realtà biologicamente fondate, non semplici costrutti sociali. Solo così facendo garantiremo il pieno rispetto e l'affermazione dei diritti di ciascuno. APP è grato a Rep. Lesko, Sen. Hyde-Smith e a tutti i membri repubblicani che sostengono questa risoluzione, e sollecitiamo il GOP a fare di questo sforzo una priorità, sia ora sia, soprattutto, se dovessero riprendere la maggioranza al Congresso l'anno prossimo". Terry Schilling, Presidente, Progetto American Principles.   

La delegazione USA della Women's Declaration International (organizzazione globale apartitica che sostiene i diritti basati sul sesso delle donne in tutto il mondo) è orgogliosa di sostenere la Carta dei Diritti delle Donne, che sancirà in una legge molti dei principi delineati nella Dichiarazione globale sulle donne Diritti basati sul sesso, per i quali lavoriamo in modo da fare avanzare la legge statunitense"Kara Dansky, Presidente WDI USA. 

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
5 Luglio 2022
Donne attaccate da destra e da sinistra: la cenere sul capo del New York Times
Organo dei liberal e della cultura woke, da alcuni mesi il grande quotidiano USA ha intrapreso un vigoroso cambio di rotta, ammettendo i propri eccessi e la misoginia del nuovo corso progressista impegnato a cancellare le donne. Nell'attesa che il vento autocritico arrivi anche in Europa
di Pamela Paul Forse ha senso che le donne - creature dall'apparenza compiacente e gradevole, altruiste e tanto carine - siano state quelle che hanno finalmente riunito il nostro paese polarizzato. Perché l'estrema destra e l'estrema sinistra hanno trovato l'unica cosa su cui possono essere d'accordo: le donne non contano. La posizione della destra è la più nota, il movimento si è dedicato in modo aggressivo per decenni a privare le donne dei diritti fondamentali. Grazie anche a due giudici […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
New England Journal of Medicine: il divieto di aborto è una catastrofe sanitaria
La prestigiosa rivista lancia l'allarme: saranno soprattutto le donne povere e di colore a pagare il prezzo della sentenza della Corte Suprema, ricacciate ad abortire nella clandestinità con gravi rischi per la loro salute. Anche la pillola del giorno dopo e perfino la spirale potrebbero essere vietati e perseguiti come mezzi abortivi
La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in Dobbs v. Jackson Women's Health Organization rappresenta uno straordinario capovolgimento (...) Eppure non era inaspettato. Nel lungo e doloroso preludio alla decisione, molti stati hanno gravemente limitato l'accesso all'assistenza sanitaria riproduttiva. La foglia di fico che copriva queste restrizioni era che l'aborto indotto era una procedura pericolosa che richiedeva una regolamentazione più severa per proteggere la salute delle donne che cercavano tale assistenza. I fatti smentiscono questa falsa retorica.  Gli ultimi dati disponibili negli Stati Uniti […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
Come hanno fatto a vincere la guerra contro Roe
Non avere trasformato la Roe v. Wade in legge è stato l'errore capitale della sinistra americana, a cominciare da Barack Obama. L'aborto era una questione del tutto secondaria per i liberal assorbiti dalle trans-politics, che hanno passato gli anni a cancellare la parola "donna" rinominandola come "mestruatore" e "portatore di utero", anziché occuparsi dei diritti delle donne
Come hanno fatto i pro-life americani a vincere la guerra contro la sentenza Roe v. Wade? Nell’articolo di cui vi presentiamo ampli stralci la giornalista Sarah Ditum spiega come l’incuria e l’arroganza dei democratici hanno involontariamente aiutato a riportare indietro di 50 anni i diritti delle donne in America. "Quando è diventato certo che il diritto all'aborto delle donne americane sarebbe stato revocato? La sentenza della Corte Suprema secondo la quale "Roe era terribilmente sbagliata fin dall'inizio" è trapelata quasi due mesi fa, […]
Leggi ora
25 Giugno 2022
Elezioni di midterm negli USA: dopo la sentenza sull'aborto le donne saranno decisive?
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti in una quasi-guerra civile? Il voto di novembre sarà il primo banco di prova. Le donne potrebbero costituire il nucleo forte di quel fronte moderato che negli USA non riesce a trovare espressione politica
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto, tenendo insieme le cattoliche e le agnostiche, le donne di sinistra e quelle di destra in difesa della legge 194/78? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti, per descrivere con un eufemismo la quasi-guerra civile in corso negli Stati Uniti? Le elezioni di midterm a novembre, che vedevano favoriti i repubblicani, saranno il primo banco di prova: quante elettrici, sia pure […]
Leggi ora
23 Giugno 2022
Questione trans: cambio di vento tra i progressisti
Il "la" lo danno i democratici americani, ma anche nel resto d'Occidente la trans-filia dei progressisti comincia a dare segni di cedimento. Opportunismo elettoralistico, certo. Ma il cambiamento va registrato. Tenendo gli occhi bene aperti
Michele Serra è un amico e apprezzo molto che si sia assunto la responsabilità di rompere il silenzio da sinistra -finalmente-sull'insopportabile ingiustizia dei corpi maschili negli sport femminili (L'Amaca su La Repubblica ieri, 22 giugno), ingiustizia contro la quale lottiamo da molto tempo (qui troverete un'infinità di testi su questo tema). Un appunto, se possibile: avrei evitato di usare la definizione woke cisgender, imposta dal transattivismo, e nella quale la stragrande maggioranza delle donne del mondo, atlete e non atlete, […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ma le donne esistono ancora
Il titolo non ci piace troppo, in particolare quel laconico "ancora", ma grazie a La Repubblica per avere ospitato il nostro intervento nel dibattito che si è aperto a partire dal testo di Michela Marzano intitolato "Se non è il sesso a fare la donna". Lo ripubblichiamo qui perché non lo trovate sull'online
Pubblicato su La Repubblica il nostro testo nel dibattito aperto da Michela Marzano con il suo intervento sulle "donne con il pene" e altre meraviglie. Manteniamo il titolo originale che è stato dato al nostro intervento per non fare confusione, anche se non ci piace granché. Ecco il testo integrale a seguire. Che cos’è una donna? È quella che ci ha messi al mondo, tutte e tutti. Su questo non può esserci alcun dubbio. Il che non significa affatto che […]
Leggi ora