Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere

La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Condividi questo articolo

Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato un'opinione di Pamela Paul in difesa della scrittrice 24 ore dopo che una lettera aperta, firmata da 170 dipendenti del giornale, aveva di nuovo tirato in ballo la scrittrice britannica accusando il giornale di "pregiudizi" anti-trans.

Ma oggi la prestigiosa testata sembra avere inequivocabilmente cambiato rotta, probabilmente "risvegliata" dal "get woke, go broke" (fai il woke e vai in rovina).

Qualche giorno fa ha pubblicato un lunghissimo articolo, che a seguire vi proponiamo tradotto, sempre a firma di Pamela Paul, in cui si mette in discussione l'efficacia e la liceità della terapia affermativa per i minori non conformi al genere (bloccanti della pubertà, ormoni, chirurgia). Paul intervista alcuni detransitioner, giovani che hanno sospeso il trattamento ormonale somministrato quasi sempre in modo frettoloso e in assenza di studi e dati certi. E mette in dubbio che questa possa essere la strada per trattare bambine e bambini con disforia.

Un clamoroso giro di boa mentre -finalmente- anche in Italia siamo arrivati al punto che qui abbiamo perseguito per anni, in solitudine e a mani nude, con l'ispezione al Careggi e la decisione del Comitato Nazionale di Bioetica di riesaminare la questione dell'uso off label di triptorelina per "fermare la pubertà" ai minori .

Articolo originale NYT qui
Pamela Paul Feb. 2, 2024

Traduzione Mara Accettura

Grace Powell aveva 12 o 13 anni quando scoprì che poteva essere un maschio.

Cresciuta in una comunità relativamente conservatrice di Grand Rapids, nel Michigan, Powell, come molti adolescenti non si sentiva a suo agio nella propria pelle. Era impopolare e spesso vittima di bullismo. La pubertà ha peggiorato le cose. Ha sofferto di depressione ed è entrata e uscita dalla terapia.

"Mi sentivo così distaccata dal corpo e il modo in cui si stava sviluppando mi sembrava ostile", mi ha detto Powell. Era la classica disforia di genere, una sensazione di disagio nei confronti del proprio sesso.

Leggendo online di persone transgender Powell ha creduto che il motivo per cui non si sentiva a suo agio nel corpo fosse che si trovava in quello sbagliato. La transizione sembrava la soluzione più ovvia. La narrazione che aveva sentito e assorbito era che se non si fa la transizione ci si uccide.

A 17 anni, desiderosa di iniziare la terapia ormonale, Powell diede la notizia ai genitori. Questi la mandarono da uno specialista per assicurarsi che fosse seria. Nell'autunno dell'ultimo anno di liceo iniziò la terapia ormonale. L'estate prima dell'università si sottopose a una doppia mastectomia, poi partì come uomo transgender di nome Grayson per il Sarah Lawrence College, dove fu assegnata a un compagno di stanza maschio in un piano maschile. Con il suo metro e ottanta, si sentiva come un uomo gay molto effeminato.

Secondo Powell, durante la sua transizione medica o chirurgica nessuno le ha mai chiesto le ragioni della sua disforia di genere o della sua depressione. In nessun momento le è stato chiesto del suo orientamento sessuale. E in nessun momento le è stato chiesto di eventuali traumi precedenti, per cui né i terapeuti né i medici hanno mai saputo che aveva subito abusi sessuali da bambina.

"Avrei voluto che ci fossero state conversazioni più aperte", mi ha detto Powell, ora ventitreenne e in fase di disintossicazione. "Ma mi è stato detto che c'è una cura e una cosa da fare se questo è il tuo problema, e questo ti aiuterà".

I progressisti spesso dipingono l'acceso dibattito sull'assistenza ai minori transgender come uno scontro tra coloro che cercano di aiutare un numero crescente di bambini a esprimere quello che credono sia il loro genere e i politici conservatori che non permettono ai bambini di essere se stessi.

Ma i demagoghi di destra non sono gli unici ad aver infiammato questo dibattito. Gli attivisti transgender hanno spinto il proprio estremismo ideologico, in particolare facendo pressione per un'ortodossia terapeutica che negli ultimi anni è stata sottoposta a maggiori controlli. Secondo questo modello di cura, ci si aspetta che i medici affermino l'identità di genere di un giovane e forniscano persino un trattamento medico prima di o addirittura senza esplorare altre possibili fonti di disagio.

Molti di coloro che pensano che sia necessario un approccio più cauto - tra cui genitori, medici e persone che si sono sottoposte a una transizione di genere e poi si sono pentiti delle procedure - sono stati attaccati come anti-trans e intimiditi perché mettessero a tacere le loro preoccupazioni.

Mentre Donald Trump denuncia la "follia gender della sinistra" e molti attivisti trans descrivono qualsiasi opposizione come transfobica, i genitori dell'ampio centro ideologico americano possono trovare poche discussioni spassionate sui rischi reali o sui compromessi di ciò che i sostenitori chiamano cure di conferma del genere.

La storia di Powell mostra quanto sia facile per i giovani farsi prendere dall'attrazione dell'ideologia in questa atmosfera. "Quello che dovrebbe essere un problema medico e psicologico si è trasformato in un problema politico", ha lamentato Powell durante la nostra conversazione. "È un casino".

UN NUOVO GRUPPO DI PAZIENTI IN CRESCITA

Molti adulti transgender sono soddisfatti della loro transizione e, che abbiano iniziato a farlo da adulti o da adolescenti, ritengono che sia stata una scelta che ha cambiato la loro vita, se non addirittura una salvezza. Il numero piccolo ma in rapida crescita di bambini che esprimono disforia di genere e che effettuano la transizione in età precoce, secondo i medici, è un fenomeno recente e più controverso.

Laura Edwards-Leeper, psicologa fondatrice della prima clinica pediatrica di genere negli Stati Uniti, ha raccontato che quando ha iniziato la sua attività nel 2007 la maggior parte dei suoi pazienti aveva una disforia di genere radicata e di lunga data. La transizione aveva chiaramente senso per quasi tutti loro, e qualsiasi problema di salute mentale si risolveva generalmente con la transizione di genere.

"Ma oggi non è più così", mi ha detto. Pur non rimpiangendo di aver sottoposto a transizione la precedente coorte di pazienti e opponendosi ai divieti governativi sull'assistenza medica ai transgender dice: "Per quanto ne so, non ci sono organizzazioni professionali che intervengono per regolamentare ciò che sta accadendo".

La maggior parte dei suoi pazienti ora, ha detto, non ha una storia di disforia di genere infantile. Altri si riferiscono a questo fenomeno con qualche controversia come disforia di genere a rapida insorgenza (ROGD) in cui gli adolescenti, in particolare le ragazzine, esprimono disforia di genere nonostante non l'abbiano mai avuta quando erano più piccole. Spesso hanno problemi di salute mentale non legati al genere. Sebbene le associazioni professionali sostengano che manchi una ricerca di qualità sulla disforia di genere a insorgenza rapida, diversi ricercatori hanno documentato il fenomeno e molti operatori sanitari ne hanno riscontrato l'evidenza nelle loro pratiche.

La popolazione è cambiata drasticamente", ha dichiarato Edwards-Leeper, ex responsabile del Comitato per l'infanzia e l'adolescenza dell'Associazione professionale mondiale per la salute dei transgender (WPATH) l'organizzazione responsabile della definizione delle linee guida per la transizione di genere per i medici professionisti.

Per questi giovani, mi ha detto, "bisogna prendersi del tempo per valutare davvero cosa sta succedendo, ascoltare la storia e conoscere la prospettiva dei genitori per creare un piano di trattamento personalizzato. Molti saltano completamente questo passaggio".

Tuttavia, gli operatori sanitari e gli scienziati che non pensano che i medici debbano automaticamente accettare l'autodiagnosi di un giovane hanno spesso paura di parlare. Un rapporto commissionato dal Servizio Sanitario Nazionale sulla clinica di genere Tavistock in Gran Bretagna, che, fino a quando non ne è stata ordinata la chiusura, era l'unico centro sanitario del Paese dedicato all'identità di genere, ha osservato che "il personale delle cure primarie e secondarie ci ha detto di sentirsi sotto pressione per adottare un approccio affermativo senza discussioni e che questo è in contrasto con il processo standard di valutazione e diagnosi clinica che sono stati formati a intraprendere in tutti gli altri incontri clinici".

Delle decine di studenti che ha formato come psicologi, ha detto Edwards-Leeper, pochi sembrano ancora fornire cure legate al genere. Sebbene i suoi studenti abbiano abbandonato il campo per varie ragioni, "alcuni mi hanno detto che non si sentivano in grado di continuare a causa delle reazioni, delle accuse di transfobia, di essere a favore della valutazione e di volere un processo più approfondito".

Hanno buone ragioni per essere diffidenti. Stephanie Winn, terapeuta matrimoniale e familiare dell'Oregon, ha seguito una formazione in materia di accettazione del genere e ha trattato diversi pazienti transgender. Ma nel 2020, dopo essersi imbattuta in video di detransizione online, ha iniziato a dubitare del modello di affermazione di genere. Nel 2021 si è espressa a favore di un approccio più ponderato alla disforia di genere, esortando gli altri operatori del settore a prestare attenzione ai detransitioner, persone che non si considerano più transgender dopo essersi sottoposte a interventi medici o chirurgici. Da allora è stata attaccata dagli attivisti transgender. Alcuni hanno minacciato di inviare reclami al suo consiglio di abilitazione, affermando che stava cercando di far cambiare idea ai bambini trans attraverso la terapia di conversione.

Nell'aprile del 2022, l'Oregon Board of Licensed Professional Counselors and Therapists ha comunicato alla Winn che era sotto inchiesta. Il suo caso è stato infine archiviato, ma la Winn non tratta più minori e pratica solo online, dove molti dei suoi pazienti sono genitori preoccupati di bambini con identità trans. "Non mi sento sicura ad avere un luogo fisico in cui le persone possano trovarmi", ha detto.

I detransitioner affermano che solo i media conservatori sembrano interessati a raccontare le loro storie, il che li ha lasciati esposti ad attacchi come tipo essere strumenti nelle mani della destra, cosa che ha frustrato e sconcertato ogni detransitioner che ho intervistato. Si tratta di persone che un tempo erano i bambini transidentificati che tante organizzazioni dicono di voler proteggere - ma quando cambiano idea, dicono, si sentono abbandonati.

La maggior parte dei genitori e dei medici sta semplicemente cercando di fare ciò che pensa sia meglio per i bambini coinvolti. Ma i genitori che hanno dubbi sull'attuale modello di assistenza sono frustrati da quella che considerano una mancanza di opzioni.

I genitori mi hanno detto che è una lotta per bilanciare il desiderio di sostenere in modo compassionevole un bambino con disforia di genere e allo stesso tempo cercare le migliori cure psicologiche e mediche. Molti credevano che i loro figli fossero gay o che avessero a che fare con una serie di problemi complicati. Ma tutti hanno detto di essersi sentiti costretti dai medici, dalle scuole e dalla pressione sociale ad accettare l'identità di genere dichiarata dal figlio anche se avevano seri dubbi. Temevano che la famiglia si sarebbe spaccata se non avessero sostenuto senza riserve la transizione sociale e il trattamento medico. Tutti hanno chiesto di parlare in forma anonima pur di riuscire a mantenere o ristabilire il rapporto con i loro figli, alcuni dei quali si sono attualmente allontanati.

Molti di coloro che hanno messo in dubbio l'autodiagnosi del figlio mi hanno detto che questo aveva rovinato il rapporto. Alcuni genitori hanno detto semplicemente: "Mi sento come se avessi perso mia figlia".

Una madre ha descritto un incontro con altri 12 genitori in un gruppo di sostegno per parenti di giovani transidentificati, dove tutti i partecipanti hanno descritto i loro figli come autistici o comunque neurodiversi. A tutte le domande la donna che dirigeva l'incontro ha risposto: "Lasciateli transizionare". La madre se ne andò sconvolta. Come possono gli ormoni aiutare un bambino con disturbo ossessivo-compulsivo o depressione? si è chiesta.

Alcuni genitori hanno trovato rifugio in gruppi di sostegno online anonimi. Lì le persone condividono consigli su come trovare assistenti che esplorino le cause del disagio dei loro figli o che si occupino della loro salute e del loro benessere emotivo e di sviluppo in generale, senza accettare automaticamente l'autodiagnosi dei loro figli.

Molti genitori di bambini che si considerano trans dicono che i loro figli sono stati introdotti a influencer transgender su YouTube o TikTok, fenomeno intensificato per alcuni dall'isolamento e dal bozzolo online durante il Covid. Altri raccontano che i loro figli hanno appreso queste idee in classe,già alle elementari, spesso con modalità adatte ai bambini, attraverso programmi di studio forniti dalle organizzazioni per i diritti dei trans, con concetti come l'unicorno di genere.

VUOI UN FIGLIO MORTO O UNA FIGLIA VIVA?

Dopo che il figlio quindicenne di Kathleen, che lei descrive come un bambino ossessivo, ha improvvisamente detto ai genitori di essere trans, il medico che avrebbe dovuto valutare se fosse affetto da A.D.H.D. lo ha invece indirizzato a una persona specializzata sia in A.D.H.D. che in genere. Kathleen, che ha chiesto di essere identificata solo con il suo nome di battesimo per proteggere la privacy del figlio, pensava che lo specialista avrebbe fatto qualche tipo di valutazione o di accertamento. Non è stato così. L'incontro è stato breve ed è iniziato in modo scioccante. "Davanti a mio figlio, il terapeuta ha detto: Vuoi un figlio morto o una figlia viva?".

I genitori vengono abitualmente avvertiti che perseguire qualsiasi strada al di fuori dal sostegno all'identità di genere autodichiarata da un figlio significa mettere un giovane disforico di genere a rischio di suicidio, cosa che a molti sembra un ricatto emotivo. I sostenitori del modello di affermazione di genere hanno citato studi che mostrano un'associazione tra questo standard di cura e un minor rischio di suicidio. Ma questi studi sono risultati avere difetti metodologici o sono stati considerati non del tutto conclusivi. Un'indagine sugli effetti psicologici degli ormoni intersessuali, pubblicata tre anni fa sul Journal of the Endocrine Society, l'organizzazione professionale degli specialisti di ormoni, ha rilevato che "non è stato possibile trarre alcuna conclusione sulla morte per suicidio". In una lettera inviata al Wall Street Journal l'anno scorso, 21 esperti di nove Paesi hanno dichiarato che quell'indagine era una delle ragioni per cui ritenevano che non ci fossero "prove affidabili che suggerissero che la transizione ormonale fosse una misura efficace di prevenzione del suicidio".

Inoltre, l'incidenza di pensieri e tentativi di suicidio tra i giovani disforici è complicata dall'alta incidenza di condizioni che si accompagnano alla disforia come i disturbi nello spettro autistico. Come si legge in una rassegna sistematica "i bambini con disforia di genere spesso presentano una serie di comorbidità psichiatriche, con un'alta prevalenza di disturbi dell'umore e d'ansia, traumi, disturbi alimentari e condizioni nello spettro autistico, suicidalità e autolesionismo".

Ma invece di essere trattati come pazienti che meritano un aiuto professionale imparziale, i bambini con disforia di genere diventano spesso pedine politiche. I legislatori conservatori stanno lavorando per vietare l'accesso alle cure di genere per i minori e occasionalmente anche per gli adulti. Dall'altra parte, però, molti medici e operatori della salute mentale sentono di avere le mani legate dalle pressioni degli attivisti e delle organizzazioni. Dicono che è diventato difficile praticare un'assistenza mentale o una medicina responsabile per questi giovani.

Pediatri, psicologi e altri medici che dissentono da questa ortodossia, ritenendo che non sia basata su prove affidabili, si sentono frustrati dalle loro organizzazioni professionali. L'American Psychological Association, l'American Psychiatric Association e l'American Academy of Pediatrics hanno sostenuto con convinzione il modello di affermazione del genere.

Nel 2021 Aaron Kimberly, uomo trans di 50 anni e infermiere professionista, ha lasciato la clinica della British Columbia dove il suo lavoro si concentrava sull'accoglienza e la valutazione dei giovani con disforia di genere. Kimberly ha ricevuto uno screening completo quando ha intrapreso con successo la propria transizione all'età di 33 anni, che ha risolto la disforia di genere che aveva sperimentato fin da piccolo. Ma quando il modello di affermazione del genere è stato introdotto nella sua clinica, gli è stato ordinato di sostenere l'inizio del trattamento ormonale per i pazienti in arrivo, indipendentemente dal fatto che avessero problemi mentali complessi, esperienze di traumi o fossero in qualunque modo "gravemente malati". Quando ha indirizzato i pazienti a ulteriori cure mentali piuttosto che a un trattamento ormonale immediato, ha detto di essere stato accusato di quello che chiamano "gatekeeping" e di aver dovuto cambiare lavoro.

"Mi sono reso conto che qualcosa era andato completamente fuori controllo", ha raccontato Kimberly, che in seguito ha fondato la Gender Dysphoria Alliance e la L.G.B.T. Courage Coalition per promuovere una migliore assistenza di genere. Uomini e donne gay mi hanno spesso detto di temere che i bambini attratti dallo stesso sesso, in particolare i ragazzi effeminati e le ragazze maschiaccio non conformi al genere, vengano sottoposti a transizione durante una fase normale dell'infanzia e prima della maturazione sessuale, e che l'ideologia di genere possa mascherare e persino favorire l'omofobia.

Come ha detto un uomo che ha subito la transizione e che ora ha una relazione gay, "ero un uomo gay pompato per sembrare una donna e uscivo con una lesbica pompata per sembrare un uomo". Se questa non è una terapia di conversione, non so cosa lo sia".

"Ho fatto la transizione perché non volevo essere lesbica", mi ha detto Kasey Emerick, una donna di 23 anni e detransizionista della Pennsylvania. Cresciuta in una chiesa cristiana conservatrice, ha detto, "credevo che l'omosessualità fosse un peccato". A 15 anni Emerick ha confessato la sua omosessualità alla madre. La madre attribuì il suo orientamento sessuale a un trauma - il padre di Emerick era stato condannato per averla violentata e aggredita ripetutamente quando lei aveva tra i 4 e i 7 anni - ma dopo aver sorpreso Emerick a messaggiare con un'altra ragazza all'età di 16 anni, le tolse il telefono. Quando Emerick è crollata, la madre l'ha ricoverata in un ospedale psichiatrico. Durante il ricovero, Emerick si è detta: "Se fossi stata un ragazzo, tutto questo non sarebbe successo".

Nel maggio 2017, Emerick ha iniziato a cercare "genere" online e si è imbattuta in siti web di difesa dei trans. Dopo aver capito che poteva "scegliere l'altra parte" ha detto a sua madre: "Sono stufa di essere chiamata lesbica e non una vera ragazza". Se fosse stata un uomo, sarebbe stata libera di avere relazioni con le donne.

A settembre, lei e sua madre si incontrarono con un consulente professionale autorizzato per il primo di due consulti di 90 minuti. La ragazza disse al consulente che avrebbe desiderato essere un boy scout piuttosto che una girl scout. Disse che non le piaceva essere gay o lesbica mascolina. Ha anche detto al consulente di aver sofferto di ansia, depressione e idee suicide. La clinica le consigliò il testosterone, che le fu prescritto da una vicina clinica L.G.B.T.Q.. Poco dopo, le fu diagnosticato anche l'A.D.H.D. Sviluppò attacchi di panico. All'età di 17 anni fu autorizzata a sottoporsi a una doppia mastectomia. "Pensavo: "Oh mio Dio, mi sto facendo rimuovere i seni. Ho 17 anni. Sono troppo giovane per questo". Ma si sottopose all'operazione.

"La transizione mi sembrava un modo per controllare qualcosa quando non potevo controllare nulla nella mia vita", ha spiegato Emerick. Ma dopo aver vissuto come uomo trans per cinque anni, Emerick si è resa conto che la sua salute mentale stava solo peggiorando. Nell'autunno del 2022, ha fatto coming out come detransitioner su Twitter ed è stata immediatamente attaccata. Gli influencer transgender le hanno detto che era calva e brutta. Ha ricevuto diverse minacce. "Ho pensato che la mia vita fosse finita", dice. "Mi sono resa conto di aver vissuto nella menzogna per oltre cinque anni".

Oggi la voce di Emerick, permanentemente alterata dal testosterone, è quella di un uomo. Quando dice di essere una detransitioner le persone le chiedono quando intende smettere di prendere il testosterone e vivere come una donna. "Ho smesso da un anno", risponde.

Una volta, dopo aver raccontato la sua storia a un terapeuta, quest'ultimo ha cercato di rassicurarla. Se può essere di consolazione, il terapeuta ha osservato: "Non avrei mai immaginato che lei fosse stata una donna trans". Emerick ha risposto: "Aspetti, di che sesso pensa che io sia?".

Al diktat degli attivisti trans secondo cui i bambini conoscono meglio il loro sesso, è importante aggiungere qualcosa che tutti i genitori sanno per esperienza: I bambini cambiano continuamente idea. Una madre mi ha raccontato che dopo la rinuncia del figlio adolescente - che si è tirato indietro da un'identità trans prima di qualsiasi procedura medica irreversibile - il ragazzo ha spiegato: "Mi stavo solo ribellando. La vedo come una sottocultura, come l'essere goth".

"Il compito dei bambini e degli adolescenti è quello di sperimentare ed esplorare il loro posto nel mondo e una parte importante di questa esplorazione, soprattutto durante l'adolescenza, riguarda il senso della loro identità", mi ha detto Sasha Ayad, consulente professionale con sede a Phoenix. "I ragazzi a quell'età spesso si presentano con molta certezza e urgenza riguardo a chi credono di essere in quel momento e alle cose che vorrebbero fare per mettere in atto quel senso di identità".

Ayad, coautore di "When Kids Say They're Trans: A Guide for Thoughtful Parents", consiglia ai genitori di diffidare del modello di affermazione del genere. "Abbiamo sempre saputo che gli adolescenti sono particolarmente malleabili in relazione ai loro coetanei e al loro contesto sociale e che l'esplorazione è spesso un tentativo di superare le difficoltà di quella fase, la pubertà, il venire a patti con le responsabilità e le complicazioni della giovane età adulta, il romanticismo e la solidificazione del proprio orientamento sessuale", mi ha detto. Per aver fornito questo tipo di approccio esplorativo nella sua pratica con i giovani disforici di genere, Ayad si è vista contestare due volte la licenza, entrambe le volte da adulti che non erano suoi pazienti. Entrambe le volte le accuse sono state archiviate.

Gli studi dimostrano che circa otto casi su dieci di disforia di genere infantile si risolvono entro la pubertà e il 30% delle persone in terapia ormonale ne interrompe l'uso entro quattro anni, anche se gli effetti, tra cui l'infertilità, sono spesso irreversibili.

I sostenitori della transizione sociale precoce e degli interventi medici per i giovani con disforia di genere citano uno studio del 2022 che ha dimostrato che il 98% dei bambini che assumevano sia bloccanti della pubertà sia ormoni cross-sessuali ha continuato il trattamento per brevi periodi, e un altro studio che ha seguito 317 bambini che hanno effettuato una transizione sociale tra i 3 e i 12 anni, da cui è emerso che il 94% di loro si identificava ancora come transgender cinque anni dopo. Ma questi interventi precoci possono consolidare la concezione di sé dei bambini senza dare loro il tempo di pensare o di maturare sessualmente.

IL PROCESSO DI TRANSIZIONE NON MI HA FATTO STARE MEGLIO

Alla fine del primo anno di università, Grace Powell, terribilmente depressa, iniziò a dissociarsi, a sentirsi distaccata dal suo corpo e dalla realtà, cosa che non le era mai successa prima. Alla fine, dice, "il processo di transizione non mi ha fatto sentire meglio. Ha ingigantito ciò che non andava in me".

"Mi aspettavo che cambiasse tutto, ma ero solo me stessa con una voce un po' più profonda", ha aggiunto. "Mi ci sono voluti due anni per ricominciare a fare la transizione e a vivere come Grace".

Ha cercato invano di trovare un terapeuta che trattasse i suoi problemi di fondo, ma continuavano a chiederle: "Come vuoi essere vista? Come vuoi essere vista? Vuoi essere non binaria? Powell voleva parlare del suo trauma, non della sua identità o della sua presentazione di genere. Alla fine si è sottoposta a una terapia online da parte di un'ex-dipendente della clinica Tavistock in Gran Bretagna. Questa terapeuta, una donna che si è distaccata dal modello di affermazione del genere, ha parlato a Grace di quello che lei considera il suo fallimento e dei suoi sforzi per resettarsi. La terapeuta ha posto domande come: Chi è Grace? Cosa vuoi dalla tua vita? Per la prima volta, Powell ha avuto la sensazione che qualcuno la vedesse e la aiutasse come persona e non cercasse semplicemente di inserirla in una categoria identitaria.

Molti detrattori dicono di dover affrontare l'ostracismo e il silenzio a causa della politica tossica che circonda le questioni transgender. "È straordinariamente frustrante sentire che qualcosa che sono è intrinsecamente politico", mi ha detto Powell. "Sono stata accusata più volte di essere una persona di destra che sta creando una falsa narrativa per screditare le persone transgender, il che è semplicemente assurdo".

Pur ritenendo che ci siano persone che traggono beneficio dalla transizione, "vorrei che più persone capissero che non c'è una soluzione unica per tutti", ha detto. "Vorrei che si potesse dialogare".

In un recente studio pubblicato su Archives of Sexual Behavior, circa 40 giovani trans su 78 intervistati hanno dichiarato di aver sofferto di disforia di genere a insorgenza rapida. Gli attivisti trans hanno lottato duramente per censurare qualsiasi discussione sulla disforia di genere a insorgenza rapida, nonostante le prove che la condizione è reale. Nella sua guida per i giornalisti l'organizzazione attivista GLAAD mette in guardia i media dall'usare il termine, poiché non si tratta di "una condizione o una diagnosi formale". Human Rights Campaign, un altro gruppo di attivisti, la definisce "una teoria di destra". Un gruppo di organizzazioni professionali ha rilasciato una dichiarazione in cui esorta i medici a eliminare il termine dall'uso.

Nessuno sa quanti giovani si pentano dopo le transizioni sociali, mediche o chirurgiche. Gli attivisti trans citano spesso bassi tassi di rimpianto per la transizione di genere, insieme a cifre basse per la detransizione. Ma questi studi, che spesso si basano su casi autodenunciati alle cliniche di genere, probabilmente sottostimano i numeri reali. Nessuno dei sette detrans che ho intervistato, per esempio, ha mai pensato di fare rapporto alle cliniche di genere che avevano prescritto loro i farmaci che ora considerano un errore. Né conoscevano altri detrattori che l'avessero fatto.

Mentre gli americani discutono furiosamente sulle basi dell'assistenza ai transgender, una serie di progressi nella comprensione si sono verificati in Europa dove i primi studi olandesi che sono diventati la base dell'assistenza per l'affermazione del genere sono stati ampiamente messi in discussione e criticati. A differenza dell'attuale popolazione di giovani disforici di genere, i partecipanti agli studi olandesi non presentavano gravi condizioni psicologiche. Questi studi erano pieni di difetti e debolezze metodologiche. Non c'era alcuna prova che un intervento fosse salvavita. Non c'è stato un follow-up a lungo termine con nessuno dei 55 partecipanti allo studio o dei 15 che si sono ritirati. Un tentativo britannico di replicare lo studio ha dichiarato che "non ha identificato alcun cambiamento nel benessere psicologico" e che erano necessari ulteriori studi.

In Paesi come la Svezia, la Norvegia, la Francia, i Paesi Bassi e la Gran Bretagna - a lungo considerati esempi di progresso di genere - i professionisti del settore medico hanno riconosciuto che le prime ricerche sugli interventi medici per la disforia di genere infantile erano difettose o incomplete. Il mese scorso, l'Organizzazione Mondiale della Sanità, spiegando il motivo per cui sta sviluppando "una linea guida sulla salute delle persone trans e di genere diverso", ha dichiarato che si occuperà solo degli adulti perché "le prove di efficacia per i bambini e gli adolescenti sono limitate e variabili per quanto riguarda gli esiti a lungo termine delle cure per l'affermazione del genere nei bambini e negli adolescenti".

Ma in America e in Canada i risultati di questi studi olandesi, ampiamente criticati, vengono falsamente presentati al pubblico come scienza consolidata.

Altri Paesi hanno recentemente interrotto o limitato il trattamento medico e chirurgico dei giovani disforici di genere, in attesa di ulteriori studi. In Gran Bretagna è stata ordinata la chiusura della clinica Tavistock il mese prossimo, dopo che un'indagine commissionata dal Servizio Sanitario Nazionale ha rilevato carenze nel servizio e "una mancanza di consenso e di discussione aperta sulla natura della disforia di genere e quindi sulla risposta clinica appropriata".

Nel frattempo, l'establishment medico americano si è rintanato, bloccato in un modello superato di affermazione del genere. L'Accademia Americana di Pediatria ha appena accettato di condurre ulteriori ricerche in risposta agli sforzi di anni di esperti dissenzienti, tra cui la dottoressa Julia Mason, autodefinitasi "liberale dal cuore tenero".

La vera minaccia per le persone transgender viene dai repubblicani che vogliono negare loro diritti e tutele. Ma la rigidità dottrinale dell'ala progressista del Partito Democratico è deludente, frustrante e controproducente. "Sono sempre stata una democratica liberale", mi ha detto una donna il cui figlio si è ritirato dopo la transizione sociale e la terapia ormonale. "Ora mi sento politicamente senza casa".

La signora ha fatto notare che l'amministrazione Biden ha sostenuto "inequivocabilmente" le cure di conferma del genere per i minori nei casi in cui le si ritenga "appropriate e necessarie dal punto di vista medico". Rachel Levine, assistente segretario per la salute presso il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti, ha dichiarato alla NPR nel 2022 che "non c'è alcuna discussione tra i professionisti del settore medico - pediatri, endocrinologi pediatrici, medici di medicina dell'adolescenza, psichiatri dell'adolescenza, psicologi, eccetera - sul valore e l'importanza delle cure per la conferma del genere".

Naturalmente, la politica non dovrebbe influenzare la pratica medica, che si tratti di controllo delle nascite, aborto o medicina di genere. Ma purtroppo la politica ha ostacolato il progresso. L'anno scorso l'Economist ha pubblicato un'indagine approfondita sull'approccio americano alla medicina di genere. La redattrice Zanny Minton Beddoes ha contestualizzato la questione dal punto di vista politico. "Se si guarda ai Paesi europei, compreso il Regno Unito, le loro strutture mediche sono molto più attente", ha dichiarato Beddoes a Vanity Fair. "Ma qui - in parte perché la questione è stata coinvolta nelle guerre culturali, dove ci sono gli estremi folli della destra repubblicana - se vuoi essere un liberale onesto, ti senti come se non potessi dire nulla".

Alcune persone stanno cercando di aprire il dialogo, o almeno di fornire uno sbocco ai bambini e alle famiglie per cercare un approccio più terapeutico alla disforia di genere. Paul Garcia-Ryan è uno psicoterapeuta di New York che si occupa di bambini e famiglie in cerca di cure olistiche ed esplorative per la disforia di genere. È anche un detransitioner che dai 15 ai 30 anni ha creduto pienamente di essere una donna.

Garcia-Ryan è gay, ma da ragazzo, ha detto, "era molto meno minaccioso per la mia psiche pensare di essere una ragazza etero nata nel corpo sbagliato - di avere una condizione medica che poteva essere curata". Quando a 15 anni si è recato in una clinica, il medico ha immediatamente affermato che era una femmina e invece di esplorare le ragioni del suo disagio mentale, ha semplicemente confermato la convinzione di Garcia-Ryan di non essere destinato a essere un uomo.

Una volta al college ha iniziato la transizione medica e alla fine si è sottoposto a un intervento chirurgico ai genitali. Gravi complicazioni mediche dovute sia all'intervento che ai farmaci ormonali lo hanno indotto a riconsiderare ciò che aveva fatto e a detransizionare. Ha anche riconsiderato le basi dell'affermazione di genere che, come assistente sociale clinico autorizzato presso una clinica di genere, gli erano state insegnate e aveva fornito ai pazienti.

"Ti fanno credere a questi slogan", ha detto. "Cure basate su prove di efficacia, cure salvavita, sicure ed efficaci, necessarie dal punto di vista medico, la scienza è consolidata - e niente di tutto ciò è basato su prove di efficacia".

Garcia-Ryan, 32 anni, è ora presidente del consiglio di amministrazione di Therapy First, un'organizzazione che sostiene i terapeuti che non condividono il modello di affermazione del genere. Ritiene che la transizione possa aiutare alcune persone a gestire i sintomi della disforia di genere, ma non crede più che i minori di 25 anni debbano effettuare una transizione sociale, medica o chirurgica senza prima sottoporsi a una psicoterapia esplorativa.

"Quando un professionista afferma un'identità di genere per una persona giovane, sta attuando un intervento psicologico che restringe il senso di sé di una persona e chiude le sue possibilità di considerare ciò che è possibile per lei", mi ha detto Garcia-Ryan.

Invece di promuovere trattamenti non sperimentati per i bambini, che secondo i sondaggi non piacciono a molti americani, gli attivisti transgender sarebbero più efficaci se si concentrassero su un programma condiviso. La maggior parte degli americani di tutto lo spettro politico è d'accordo sulla necessità di tutelare legalmente gli adulti transgender. Probabilmente sarebbero anche favorevoli a ulteriori ricerche sulle esigenze dei giovani che manifestano disforia di genere in modo che i ragazzi possano ricevere il miglior trattamento possibile. Un cambiamento in questa direzione sarebbe un modello di tolleranza e accettazione. Darebbe priorità alla compassione piuttosto che alla demonizzazione. Richiederebbe di superare la politica della guerra culturale e di tornare alla ragione. Sarebbe la strada più umana da percorrere. E sarebbe la cosa giusta da fare.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora
6 Marzo 2024
Scandalo WPATH: le "terapie" per i minori con disforia sono improvvisate e prescritte senza reale consenso
La World Professional Transgender Health è considerata la principale autorità scientifica e medica globale sulla “medicina di genere”: negli ultimi decenni i suoi standard di cura hanno plasmato le linee guida, le politiche e le pratiche di governi, associazioni mediche, sistemi sanitari pubblici e cliniche private in tutto il mondo, compresa l'OMS. Ma alcuni documenti trapelati rivelano la negligenza nei riguardi di bambini -compresi minori con gravi disturbi psichici- sottoposti a trattamenti improvvisati, senza tenere conto delle conseguenze a lungo termine e senza la certezza che avessero chiaro quello che stavano facendo
La notizia riesce a sconvolgere perfino chi lotta da tempo contro la terapia affermativa -bloccanti della pubertà, ormoni e chirurgia- per i minori non conformi al genere, come lo psicoanalista David Bell che ha denunciato lo scandalo alla Tavistock Clinic di Londra: "Anche per me il contenuto di questi file è scioccante e inquietante" ha dichiarato. "I file suggeriscono che alcuni membri del WPATH sono consapevoli che le cure che affermano il genere a volte causano danni molto gravi e […]
Leggi ora