Generazione Porno

Una giovane donna racconta come il consumo di pornografia ha influenzato la sua sessualità e le sue relazioni, allontanandola dalla verità del suo corpo. Convinta a credere che "il porno sia sesso e il sesso sia porno", l'unico desiderio è quello di compiacere e mostrarsi cool, accettando come normale la violenza maschile
Condividi questo articolo

Come nel femminismo di seconda ondata, il tema della sessualità è tornato prepotentemente all'attenzione della ragazze. Praticato intensamente negli anni Settanta, quel territorio è stato successivamente abbandonato per investire energie su altri temi, primo fra tutti quello del lavoro. Nel frattempo la pornografia è dilagata, soprattutto dalla nascita del web in avanti, fino a raggiungere inimmaginabili livelli di diffusione, influenzando pesantemente la libera ricerca del piacere di bambine-i e adolescenti. Se per i maschi i modelli mutuati dalla pornografia consumata compulsivamente fino dalla tenera età sono informati da violenza e sprezzo crescenti nei confronti dei corpi femminili, per le ragazze lo standard prevede sottomissione -o al contrario pratiche di dominio on demand-, disponibilità a compiacere a prescindere dai propri autentici desideri, che si smarriscono nel tentativo di mostrarsi cool, esibizionismi forzati e una desolata infelicità. Ce ne siamo già occupate qui , qui e qui. Stavolta a parlare è una giovane donna dalle colonne di The Guardian.


Partendo dalla sua esperienza personale una giovane donna inglese di 26 anni rivela ciò che tante di noi supponiamo ma non osiamo dire.

Circondate dal porno fin da giovani e per sempre non ci rendiamo conto di come abbia totalmente plasmato la nostra vita, dentro e fuori dalla camera da letto. Influenza il modo in cui noi e gli uomini, con cui abbiamo poi intrapreso delle relazioni, vedono il nostro corpo. Il porno implementa un codice di comportamento da cui attingere e da cui imparare.

Quando gli uomini sullo schermo fanno molte cose violente alle donne con cui fanno sesso, l’effetto è sempre lo stesso: le donne inarcano la schiena e gemono più forte.

“Non ci sembrava irrealistico o poco eccitante perché corrispondeva al mondo con cui stavamo già imparando a convivere. Come quando ridevamo dei ragazzi a scuola anche quando le loro battute non erano divertenti”.

E ancora: “Le persone si comportano come se il porno avesse creato un mondo in cui i desideri delle donne sono messi al servizio degli uomini, quando in realtà si tratta di un'espressione di quel mondo”.

Le pornostar diventano un prototipo fisico da copiare. Per essere glabre dalle sopracciglia in giù, noi donne pratichiamo la depilazione integrale del corpo, con tutti i vari disagi per i peli del pube.

Siamo nate in un tempo nel quale il femminismo mainstream sembrava associare quasi tutto ciò che è sessuale alla liberazione e qualsiasi critica al porno come puritana. Per essere “cool” bisogna riferirsi al porno in una conversazione e soprattutto in una conversazione con i ragazzi: “Ho pensato che se non ti piacevano le cose hardcore - strappare i capelli, sculacciare - era perché eri noiosa a letto. Quindi ho fatto finta che mi piacessero”.

Si, perché sono il modello maschile e il suo piacere a prevalere, e tutte noi abbiamo imparato troppo bene questa priorità che ci fa accettare qualunque situazione di disagio e non del tutto condivisa. Tutta la nostra personalità in effetti è costruita attorno a questo desiderio di compiacere, un desiderio che ci porta persino a fingere.

Da porno nasce porno e ci troviamo facilmente dipendenti, una vera scarica di dopamina che colpisce “come un calcio nei denti” e che può iniziare a fare eclissare la nostra vita sessuale.

“Il porno prende qualcosa che in precedenza era considerato di nicchia e lo mostra ancora e ancora in un contesto mainstream fino a quando non si normalizza”.

Nel 2019, un sondaggio della BBC ha rilevato che più di un terzo delle donne del Regno Unito sotto i 40 anni ha subito "schiaffi, soffocamento, conati di vomito o sputi indesiderati" durante il sesso consensuale. Molte persone attribuiscono la colpa al porno, incluso il Center for Women's Justice che ha affermato: "È probabile che ciò sia dovuto alla diffusa disponibilità, normalizzazione e uso della pornografia estrema".

Ma non è questo il punto vero. La violenza contro le donne ha piuttosto a che fare con una società che incoraggia gli uomini a porre i propri desideri al di sopra di quelli delle donne.

Nel 2019, una ricerca commissionata dal British Board of Film Classification ha osservato che più della metà dei ragazzi tra gli 11 e i 13 anni ha ammesso di guardare il porno, salendo al 66% dei ragazzi tra i 14 e i 15 anni. L'educazione sessuale non è cambiata molto e in un mondo che è diventato ancora più digitale gli adolescenti corrono il rischio reale di ricevere messaggi completamente sbagliati su porno e sesso. Sembrano sempre più propensi a pensare che il porno sia sesso e che il sesso sia porno, e questo viene confermato ogni volta che aprono il telefono e lo guardano senza che nessuno a scuola o a casa gli dica qualcosa di diverso.

Nel 2020 il governo britannico ha aggiornato le linee guida ufficiali sulle relazioni e l'educazione sessuale per la prima volta in 20 anni. Ormai obbligatoria dalla scuola primaria, l'educazione prevede di trattare temi come il consenso, l'aborto e gli abusi domestici. Ci sono anche le culture digitali del sesso e delle relazioni, inclusi sexting e porno. Deludente, anche se forse prevedibile: non si parla di piacere.

Bisogna comunicare che il porno non è reale, che tutti i corpi hanno un aspetto diverso, che molto spesso devi mostrare al tuo partner come toccarti, che ci sono molti tentativi ed errori in un rapporto e che non è poi così facile raggiungere l’orgasmo. Il porno non è un manuale di comportamento. E’ importante porsi tante domande anche parlandone con le nostre amiche. Già ne sorge una all’intervistata:

“Di recente, ho pensato di farmi crescere i peli pubici, non so nemmeno di che colore sono. E ho pensato a quanto sia strano essere così lontana dal mio corpo e non sapere nemmeno quale sia il suo stato naturale”.

Laura De Barbieri

articolo integrale qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
12 Aprile 2024
Chiuse in un recinto. Come a Kabul
Lettera aperta al Sindaco Gualtieri e alle altre autorità competenti sull’incredibile scena di discriminazione nel quartiere Centocelle a Roma: donne isolate come animali impuri per le celebrazioni di fine Ramadan. Chi ha dato il permesso per l’inaccettabile manifestazione? E che iniziative si intendono intraprendere contro questa barbarie misogina?
Al Sindaco di Roma Roberto Gualtieri Al Presidente del Municipio V Mauro Caliste Alla Commissione Pari Opportunità del Comune di Roma e p.c. Alla Ministra Pari Opportunità e Famiglia Eugenia Roccella Al Ministro dell'Interno Matteo Piantedosi Gentile Sindaco, gentile Presidente, gentili membri della Commissione Pari Opportunità, manifestiamo sgomento e sconcerto a fronte delle modalità con cui nel Municipio V della Capitale -piazza dei Mirti, quartiere Centocelle, a pochi metri dalla scuola intitolata ad Artemisia Gentileschi- si sono svolte le celebrazioni […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora
6 Marzo 2024
Scandalo WPATH: le "terapie" per i minori con disforia sono improvvisate e prescritte senza reale consenso
La World Professional Transgender Health è considerata la principale autorità scientifica e medica globale sulla “medicina di genere”: negli ultimi decenni i suoi standard di cura hanno plasmato le linee guida, le politiche e le pratiche di governi, associazioni mediche, sistemi sanitari pubblici e cliniche private in tutto il mondo, compresa l'OMS. Ma alcuni documenti trapelati rivelano la negligenza nei riguardi di bambini -compresi minori con gravi disturbi psichici- sottoposti a trattamenti improvvisati, senza tenere conto delle conseguenze a lungo termine e senza la certezza che avessero chiaro quello che stavano facendo
La notizia riesce a sconvolgere perfino chi lotta da tempo contro la terapia affermativa -bloccanti della pubertà, ormoni e chirurgia- per i minori non conformi al genere, come lo psicoanalista David Bell che ha denunciato lo scandalo alla Tavistock Clinic di Londra: "Anche per me il contenuto di questi file è scioccante e inquietante" ha dichiarato. "I file suggeriscono che alcuni membri del WPATH sono consapevoli che le cure che affermano il genere a volte causano danni molto gravi e […]
Leggi ora