Finlandia. Minori con disforia di genere, nuove linee guida: più aiuto psicologico, meno ormoni

Le terapie psicologiche, per anni stigmatizzate come terapie di conversione, in Finlandia tornano a essere la prima opzione per bambine-i con disforia di genere. Brusca frenata sugli ormoni ai minori in molti Paesi occidentali. E in Italia?
Condividi questo articolo

Molte tra le nazioni pioniere nel trattamento ormonale di bambine-i per avviarli alla transizione stanno rivedendo le loro linee guida. In Svezia non si potranno più trattare farmacologicamente i minori di 16 anni, in UK, dopo l'importante sentenza sul caso Keira Bell -vedi qui- serve l'ok di un tribunale, in Finlandia si tornano a privilegiare i trattamenti psicoterapeutici, per approdare alla terapia ormonale solo come extrema ratio. In Italia l'uso dei bloccanti della pubertà su bambine-i è consentito con semplice diagnosi medica e senza l'intervento di un tribunale. Non si conoscono al momento i dati sul numero dei minori trattati. Presumibilmente, come nel resto dei Paesi occidentali, si tratta prevalentemente di bambine -7-8 casi su 10- che si identificano come maschi.

Ci sono molte differenze nelle linee guida finlandesi rispetto a come attualmente le cliniche canadesi stanno trattando la disforia di genere. In Canada, infatti, continua la pressione per "velocizzare" la transizione medica. La Finlandia, invece, promuove come prima linea d'azione interventi psicoterapeutici non invasivi. Nessun intervento chirurgico è permesso per minori sotto i 18 anni e la terapia ormonale si inizia solo se si accerta che "l'identitificazione nell'altro sesso è di natura permanente e causa grave disforia". Quando si decidono le misure di trattamento, ci si deve assicurare che la disforia associata all'identità di genere sia persistente da almeno da 2 anni e che la persona possa descrivere coerentemente come la disforia sia dannosa per sè nelle situazioni quotidiane, nella sua vita sociale o nella sua carriera professionale, causando una sofferenza significativa. Le misure di trattamento che modificano il corpo per essere più congruente con l'identità di genere della persona possono essere eseguite se la persona può ragionevolmente giustificarne la necessità ed è consapevole dei rischi associati.

Il “Council for Choices in Health Care” (COHERE Finland) - che lavora in collaborazione con il Ministero degli Affari Sociali e della Salute e che si occupa di emettere raccomandazioni sui servizi che dovrebbero essere inclusi nella sanità pubblica - è stato incaricato di creare un gruppo di esperti per valutare le linee guida cliniche riguardanti il trattamento medico per le persone con disforia di genere e la capacità delle persone di accedere al sistema sanitario finanziato pubblicamente per tale trattamento.

COHERE ha dichiarato che "il problema di salute è la disforia di genere, la variazione dell'identità di genere in quanto tale non è un problema di salute. La raccomandazione è focalizzata sul trattamento della disforia di genere e quindi anche la gravità della disforia è stata definita e anche i prerequisiti per essere in grado di diagnosticare la disforia di genere e per essere trattati. [...] In Finlandia non abbiamo una legislazione che dia alla persona il diritto di decidere quali servizi può ottenere dall'assistenza sanitaria finanziata pubblicamente. Ci deve essere una base medica sia per la diagnosi che per il trattamento". 

COHERE ha presentato tre report: il primo chiarisce i ruoli dei diversi fornitori di assistenza sanitaria in una situazione in cui un minore è incerto sulla sua identità di genere, il secondo report si concentra sul fornire raccomandazioni generali per il trattamento delle persone transgender adulte ed, infine, una terza pubblicazione da raccomandazioni per il trattamento della disforia di genere relativa alle persone non binarie e alle persone con identità di genere diverse da quelle di sesso opposto.

In tutti i report viene specificato che per migliorare l'allocazione appropriata delle risorse sanitarie e garantire la tempestività del processo diagnostico e di trattamento, qualsiasi valutazione del bisogno di assistenza psichiatrica e psicosociale, e qualsiasi trattamento ritenuto necessario, dovrebbe essere organizzato prima che la persona sia indirizzata alla clinica centralizzata di ricerca, in modo che il periodo di valutazione possa essere iniziato. È giustificato dal punto di vista medico inviare le persone alle cliniche di ricerca multiprofessionali dell'HUS (Helsinki University Hospital) e del TAYS (Tampere University Hospital) se soddisfano i seguenti criteri: la persona ha un conflitto di genere significativo e prolungato che causa una sofferenza identificabile in modo dannoso nelle situazioni quotidiane; la persona è stata sottoposta a diagnosi e trattamento di possibili sintomi psichiatrici concomitanti e la loro continuazione durante e dopo il trattamento, se necessario, è stata accertata; è confermato che la persona ha le condizioni psicologiche e una capacità funzionale sufficiente per una valutazione impegnativa.

Ci sono inoltre indicazioni specifiche sviluppate per il trattamento dei bambini: i trattamenti chirurgici non fanno parte dei metodi di trattamento della disforia causata dai conflitti di genere nei minori; l’inizio e il monitoraggio dei trattamenti ormonali devono essere centralizzati presso le cliniche di ricerca sull'identità di genere dell'HUS e del TAYS. Sulla base di un esame approfondito e caso per caso, l'inizio di interventi ormonali che modificano le caratteristiche sessuali può essere preso in considerazione prima che la persona abbia compiuto 18 anni solo se si può accertare che la sua identità come l'altro sesso è di natura permanente e causa una grave disforia. Inoltre, deve essere confermato che il giovane sia in grado di comprendere il significato dei trattamenti irreversibili e i benefici e gli svantaggi associati alla terapia ormonale a vita, e che non vi siano controindicazioni. Se un giovane (minorenne o maggiorenne) che soffre di ansia legata al genere ha sperimentato o sta sperimentando contemporaneamente sintomi psichiatrici che richiedono cure mediche specializzate, una valutazione dell'identità di genere può essere presa in considerazione se la necessità di tale valutazione continua dopo che gli altri sintomi psichiatrici sono cessati e lo sviluppo dell'adolescente procede normalmente.

Per coloro che non sono ancora entrati nella pubertà e hanno sperimentato sintomi di ansia persistente legata al conflitto di genere e/o all'identificazione come l'altro sesso, possono essere inviati per una visita di consultazione al gruppo di ricerca sull'identità di genere dei minori al TAYS o HUS. Se ad un bambino prima dell'inizio della pubertà viene diagnosticata un'esperienza persistente di identificazione come l'altro sesso e mostra sintomi di ansia legata al genere, che aumenta in gravità nella pubertà, il bambino può essere guidato all'inizio della pubertà al gruppo di ricerca sull'identità di genere dei minori al TAYS o HUS per una valutazione della necessità di un trattamento per sopprimere la pubertà. Sulla base di queste valutazioni, il trattamento di soppressione della pubertà può essere iniziato caso per caso, dopo un'attenta considerazione e appropriati esami diagnostici, se le indicazioni mediche per il trattamento sono presenti e non ci sono controindicazioni. I giovani che invece hanno già superato la pubertà possono essere inviati alla clinica di ricerca sull'identità di genere dei minori al TAYS o HUS per studi approfonditi sull'identità di genere se la variazione dell'identità di genere e la relativa disforia non riflettono la temporanea ricerca di identità tipica della fase di sviluppo dell'adolescenza e non si placano una volta che il giovane ha avuto l'opportunità di riflettere sulla sua identità, ma piuttosto la sua identità e lo sviluppo della personalità sembrano essere stabili.

Articolo originale qui, traduzione di Angela Tacchini

Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerete altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento. Se pensate che il nostro lavoro possa essere utile per la vostra vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.  

Potete inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
5 Luglio 2022
Donne attaccate da destra e da sinistra: la cenere sul capo del New York Times
Organo dei liberal e della cultura woke, da alcuni mesi il grande quotidiano USA ha intrapreso un vigoroso cambio di rotta, ammettendo i propri eccessi e la misoginia del nuovo corso progressista impegnato a cancellare le donne. Nell'attesa che il vento autocritico arrivi anche in Europa
di Pamela Paul Forse ha senso che le donne - creature dall'apparenza compiacente e gradevole, altruiste e tanto carine - siano state quelle che hanno finalmente riunito il nostro paese polarizzato. Perché l'estrema destra e l'estrema sinistra hanno trovato l'unica cosa su cui possono essere d'accordo: le donne non contano. La posizione della destra è la più nota, il movimento si è dedicato in modo aggressivo per decenni a privare le donne dei diritti fondamentali. Grazie anche a due giudici […]
Leggi ora
29 Giugno 2022
Finiscono le scuole, ricominciano i prelievi coatti dei bambini
Nonostante una recente sentenza della Cassazione abbia definito "fuori dallo stato di diritto" il prelievo coatto dei minori, questa mattina in provincia di Lodi un bambino di 11 anni è stato strappato a sua madre, trattenuta con la forza e con l'inganno mentre il figlio veniva prelevato. Ecco come sono andati i fatti nel racconto di una testimone
Questa mattina in provincia di Lodi, a Casalmaiocco, un bambino di 11 anni, Gioele, è stato strappato con la forza ed allontanato in modo improvviso e traumatico dalla madre con cui viveva. Ecco i fatti come vengono raccontati da un'attivista di MaternaMente presente in quel momento: "Deborah e suo figlio erano stati convocati per un incontro dai servizi sociali stamattina. L'incontro si è  svolto online e i ss hanno usato toni rassicuranti. La mamma si è poi recata in comune per […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
New England Journal of Medicine: il divieto di aborto è una catastrofe sanitaria
La prestigiosa rivista lancia l'allarme: saranno soprattutto le donne povere e di colore a pagare il prezzo della sentenza della Corte Suprema, ricacciate ad abortire nella clandestinità con gravi rischi per la loro salute. Anche la pillola del giorno dopo e perfino la spirale potrebbero essere vietati e perseguiti come mezzi abortivi
La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in Dobbs v. Jackson Women's Health Organization rappresenta uno straordinario capovolgimento (...) Eppure non era inaspettato. Nel lungo e doloroso preludio alla decisione, molti stati hanno gravemente limitato l'accesso all'assistenza sanitaria riproduttiva. La foglia di fico che copriva queste restrizioni era che l'aborto indotto era una procedura pericolosa che richiedeva una regolamentazione più severa per proteggere la salute delle donne che cercavano tale assistenza. I fatti smentiscono questa falsa retorica.  Gli ultimi dati disponibili negli Stati Uniti […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
Come hanno fatto a vincere la guerra contro Roe
Non avere trasformato la Roe v. Wade in legge è stato l'errore capitale della sinistra americana, a cominciare da Barack Obama. L'aborto era una questione del tutto secondaria per i liberal assorbiti dalle trans-politics, che hanno passato gli anni a cancellare la parola "donna" rinominandola come "mestruatore" e "portatore di utero", anziché occuparsi dei diritti delle donne
Come hanno fatto i pro-life americani a vincere la guerra contro la sentenza Roe v. Wade? Nell’articolo di cui vi presentiamo ampli stralci la giornalista Sarah Ditum spiega come l’incuria e l’arroganza dei democratici hanno involontariamente aiutato a riportare indietro di 50 anni i diritti delle donne in America. "Quando è diventato certo che il diritto all'aborto delle donne americane sarebbe stato revocato? La sentenza della Corte Suprema secondo la quale "Roe era terribilmente sbagliata fin dall'inizio" è trapelata quasi due mesi fa, […]
Leggi ora
25 Giugno 2022
Elezioni di midterm negli USA: dopo la sentenza sull'aborto le donne saranno decisive?
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti in una quasi-guerra civile? Il voto di novembre sarà il primo banco di prova. Le donne potrebbero costituire il nucleo forte di quel fronte moderato che negli USA non riesce a trovare espressione politica
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto, tenendo insieme le cattoliche e le agnostiche, le donne di sinistra e quelle di destra in difesa della legge 194/78? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti, per descrivere con un eufemismo la quasi-guerra civile in corso negli Stati Uniti? Le elezioni di midterm a novembre, che vedevano favoriti i repubblicani, saranno il primo banco di prova: quante elettrici, sia pure […]
Leggi ora
23 Giugno 2022
Questione trans: cambio di vento tra i progressisti
Il "la" lo danno i democratici americani, ma anche nel resto d'Occidente la trans-filia dei progressisti comincia a dare segni di cedimento. Opportunismo elettoralistico, certo. Ma il cambiamento va registrato. Tenendo gli occhi bene aperti
Michele Serra è un amico e apprezzo molto che si sia assunto la responsabilità di rompere il silenzio da sinistra -finalmente-sull'insopportabile ingiustizia dei corpi maschili negli sport femminili (L'Amaca su La Repubblica ieri, 22 giugno), ingiustizia contro la quale lottiamo da molto tempo (qui troverete un'infinità di testi su questo tema). Un appunto, se possibile: avrei evitato di usare la definizione woke cisgender, imposta dal transattivismo, e nella quale la stragrande maggioranza delle donne del mondo, atlete e non atlete, […]
Leggi ora