Ero la ragazza più veloce del Connecticut. Finché non ho dovuto gareggiare con uomini

Un silenzio omertoso copre lo scandalo dell'invasione degli sport femminili da parte degli "ultracorpi" maschili. Ma finalmente alcune atlete, destinate a sicura sconfitta, cominciano a parlare
Condividi questo articolo

Anna Vanbellinghen è un'atleta belga -sollevamento pesi- e alle prossime Olimpiadi di Tokyo dovrà affrontare tra le sue competitor anche il neozelandese Laurel Hubbard, primo atleta olimpico trans. Vanbellinghen dice che avere qualche chance con Hubbard è impossibile, che questa faccenda è "un brutto scherzo" per le atlete. E' la prima tra le olimpioniche rompere il silenzio, e finora l'unica. Vanbellinghen comprende che le atlete trans devono poter gareggiare e si augura che si trovi una soluzione, ma non può essere questa: "E' una cosa molto sleale, per lo sport e per le atlete".

Ero la ragazza più veloce del Connecticut. Finché non ho dovuto gareggiare con uomini

Tra le pochissime ad avere protestato contro questa palese ingiustizia, l'americana Chelsea Mitchell. Ecco che cosa racconta.

Febbraio 2020. Sono accovacciata sulla linea di partenza della corsa di 55 metri indoor del liceo. Questo dovrebbe essere uno dei giorni più belli della mia vita. Sto correndo nel campionato statale e sono classificata come la più veloce liceale femminile nei 55 metri. Dovrei sentirmi fiduciosa. Dovrei sapere che ho una forte possibilità di vincere.

Invece non posso che pensare come tutto il mio allenamento, tutto quello che ho fatto per massimizzare le mie prestazioni potrebbe non bastare, semplicemente perché c'è un corridore sulla linea con un enorme vantaggio fisico: un corpo maschile.

Ho vinto quella gara, e ne sono grata. Ma poi, volta dopo volta, ho perso.

Ho perso quattro titoli del campionato statale femminile, due premi all-New England e numerosi altri posti sul podio a favore di corridori maschi. Sono stato sbattuta al terzo posto nella corsa di 55 metri nel 2019, dietro due corridori maschi. Dopo ogni sconfitta, diventa sempre più difficile provare di nuovo.

È un'esperienza devastante. Mi dice che non sono abbastanza brava; che il mio corpo non è abbastanza buono; e che non importa quanto duramente lavoro, è improbabile che io abbia successo perché sono una donna.

Questa esperienza è il motivo per cui io e tre mie colleghe atlete abbiamo intentato una causa l'anno scorso con Alliance Defending Freedom contro la Connecticut Interscholastic Athletic Conference (CIAC): perché le ragazze e le donne non devono essere private del loro diritto a una competizione equa.

La CIAC permette ai maschi biologici di competere negli sport femminili. Di conseguenza, due maschi hanno iniziato a correre sulla pista delle ragazze nel 2017. Solo nelle stagioni 2017, 2018 e 2019 questi maschi hanno vinto 15 titoli del campionato statale di atletica femminile (titoli detenuti nel 2016 da nove ragazze diverse) e hanno avuto più di 85 opportunità di partecipare a competizioni di livello superiore per atlete donne.

Questo perché i maschi hanno enormi vantaggi fisici. I loro corpi sono semplicemente e mediamente più grandi e più forti dei corpi femminili. Per ogni singola ragazza in pista è una cosa ovvia.

Ero la ragazza più veloce del Connecticut. Finché non ho dovuto gareggiare con uomini

Ma i funzionari del Connecticut sono determinati a ignorare l'ovvio. E sfortunatamente, una corte distrettuale federale ha recentemente respinto la nostra causa. Questa decisione dice alle donne e alle ragazze che i loro sentimenti e le loro opportunità non contano, e che non possono aspettarsi che qualcuno difenda la loro dignità e i loro diritti.

Questo è sbagliato. E intacca la fiducia delle donne nelle proprie capacità.

Mi è successo più e più volte. Ogni volta che cammino verso la linea di partenza, cerco di dire a me stessa che posso superare gli ostacoli - posso vincere, anche se le probabilità sono contro di me.

Ma oltre al disagio psicologico dello sperimentare sconfitte ingiuste più e più volte, la politica della CIAC causa danni tangibili alle donne. Ruba alle ragazze la possibilità di correre davanti agli scout del college che si presentano per le gare d'elite, e di competere per le borse di studio e di tutte le opportunità che vengono con il reclutamento di un college. Non saprò mai se il mio reclutamento al college sia stato influenzato dalla perdita di quei quattro titoli di campione statale a favore di un maschio. Quando i college guardavano il mio record, non hanno visto la ragazza più veloce del Connecticut. Hanno visto un secondo o terzo posto.

E non sta succedendo solo a me. La mia amica e collega Selina Soule è stata esclusa dalle qualifiche per la finale del campionato statale dei 55 metri e dall'opportunità di qualificarsi per il campionato del New England a causa di un corridore maschio nel 2019. Nel frattempo, Alanna Smith, un'atleta femminile molto talentuosa, è stata la seconda classificata nei 200 metri ai campionati regionali del New England, ma è scesa al terzo posto sconfitta da un concorrente maschile.

È scoraggiante che la corte distrettuale federale abbia deciso che queste esperienze - queste opportunità perse - semplicemente non contano.

Ma non sono ancora sconfitta. E nemmeno le mie colleghe atlete.

Attraverso i nostri avvocati della Alliance Defending Freedom, io e le mie colleghe stiamo presentando un appello alla sentenza della corte distrettuale federale. Stiamo portando il nostro caso alla Corte d'Appello degli Stati Uniti per un secondo passaggio, in cui chiederemo ancora una volta che la corte riconosca il nostro diritto a una competizione equa - un diritto che Title IX (l’emendamento che proibisce la discriminazione sulla base del sesso nei programmi di istruzione sostenuti dallo Stato) promette alle ragazze e alle donne da 50 anni. E stiamo combattendo non solo per noi stesse, ma per tutte le atlete. Così, mentre ci prepariamo per questa nuova fase della causa, mi sistemo nuovamente ai blocchi di partenza, ma per un diverso tipo di gara. E questa volta, sono fiduciosa che possiamo vincere.

Chelsea Mitchell, articolo originale qui, traduzione di Maria Celeste.

Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerete altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento. Se pensate che il nostro lavoro possa essere utile per la vostra vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.  

Potete inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
5 Giugno 2023
Los Angeles: randelli queer sulle famiglie
Padri e madri che manifestavano pacificamente contro l'evento del Pride organizzato nella scuola dei loro bambini -asilo ed elementari- sono stati aggrediti fisicamente con pugni e mazze da baseball da militanti Lgbtq+ e Antifa. In California non puoi più decidere nulla sull'educazione dei tuoi figli
Le immagini che vedete vengono da Los Angeles, dove venerdì scorso un gruppo di genitori ha protestato contro un evento organizzato a scuola in occasione del Pride LGBTQ e destinato ai bambini dell’asilo e delle elementari. Un gruppo di estremisti di sinistra sono sopraggiunti a disturbare la manifestazione e hanno aggredito i genitori con mazze da baseball e pugni, dando inizio a una rissa violenta che è finita solo dopo l’intervento della polizia. Alla vigilia dell’"assemblea PRIDE" organizzata alla Saticoy […]
Leggi ora
4 Giugno 2023
SI' ALLA LEGGE ITALIANA SULL'UTERO IN AFFITTO REATO UNIVERSALE: L'APPELLO DI TUTTE LE MAGGIORI RETI ABOLIZIONISTE MONDIALI
CIAMS, STOP SURROGACY NOW, FINRRAGE, LA JAPAN COALITION e altre associazioni. E insieme a loro figure eminenti del femminismo internazionale come SYLVIANE AGACINSKI, GENA COREA e PHYLLIS CHESLER. Che unitamente a noi chiedono ai parlamentari italiani di approvare la legge che il prossimo 19 giugno approderà alla Camera
Rete per l'Inviolabilità del Corpo Femminile, Radfem Italia, FINAARGIT (Rete femminista internazionale contro ogni riproduzione artificiale, ideologia gender e transumanesimo) condividono da sempre l'obiettivo dell'abolizione universale dell'utero in affitto. Insieme sosteniamo la proposta di legge sulla maternità surrogata che il prossimo 19 giugno andrà in discussione alla Camera, che estende la punibilità della pratica anche qualora realizzata in uno Stato estero e che costituisce un deciso passo avanti in direzione dell'abolizione universale, offrendo -qualora approvata- un modello per altre legislazioni […]
Leggi ora
30 Maggio 2023
Spagna: anche il sesso woke tra le ragioni della fine di Podemos
Ley Trans. Legge “solo sì è sì” che ha ridotto le pene ai criminali sessuali. E ora anche un Manifesto per l’educazione sessuale per tutt* che mette a rischio la sicurezza di bambine e bambini. Lo spirito è sempre lo stesso: una sessualità queer promossa dalla ministra uscente Irene Montero. Che però a quanto pare elettrici ed elettori non gradiscono. Un’analisi della docente Juana Gallego, femminista colpita dalla cancel culture
Alle elezioni amministrative di ieri in Spagna la sinistra ha rovinosamente perso -come in Italia, del resto. In particolare si è registrata la bruciante sconfitta di Podemos che in molte regioni arriva quasi a estinguersi. Nelle analisi sul voto spagnolo forse non si dà sufficiente rilievo a due leggi-manifesto di Podemos, e in particolare della ministra transfemminista Irene Montero: la legge “Solo sì è sì”, che ha ridotto le pene per i crimini sessuali, e la Ley Trans, che ha […]
Leggi ora
13 Maggio 2023
Nelle norme contro la violenza sulle donne si parli di sesso e non di "identità di genere": lettera aperta al Parlamento Europeo
La violenza contro le donne non si potrà contrastare se i testi di leggi e trattati non faranno chiaramente riferimento al sesso e non al “genere”. Ci uniamo a gruppi femministi e gender critical in un appello ai parlamentari europei che si esprimeranno sulla proposta antiviolenza della Commissione: scrivete chiaramente nel testo che le donne e le ragazze sono le persone di sesso femminile e non lasciate alcuno spiraglio alla gender ideology
Anche noi abbiamo sottoscritto la lettera alla Commissione europea sulla lotta alla violenza contro le donne e agli abusi domestici redatta da WORIADS, coalizione di cittadine-i gender critical che ha l’obbiettivo di informare e sensibilizzare le istituzioni europee sui pericoli dell’identità di genere. La lettera chiede che le norme europee sulla violenza contro le donne riconoscano chiaramente la categoria del sesso biologico. Riportiamo a seguire il testo completo che sarà inviato ai membri del Parlamento Europeo che si esprimeranno sulla […]
Leggi ora
8 Maggio 2023
ANCHE LA GERMANIA AVRA' LA SUA LEY TRANS
Il Bundestag si prepara a votare una proposta sul modello dell’orribile legge spagnola che consente la libera scelta del genere anche ai minori con una semplice autodichiarazione all’anagrafe (oltre alla possibilità di cambiare più volte idea). Anche qui in prima linea una donna di sinistra omologa di Irene Montero: la ministra Verde per gli Affari Femminili Lisa Paus. Ma servirà il parere della Corte Costituzionale Federale che esprime molti dubbi sulla cancellazione della categoria “sesso”
Che cos'è una donna? La risposta che il ministro della Giustizia Buschmann (FDP, Partito Liberale Democratico) e la ministra per gli Affari Femminili Lisa Paus (Verdi, nella foto) danno a questa domanda è: una donna è chi dichiara di essere una donna. Questo è il fulcro del "progetto di legge sull'autodeterminazione in materia di registrazione di genere" che entrambi i ministeri hanno ora presentato. Con una semplice dichiarazione all'anagrafe, in futuro tutti potranno cambiare il proprio sesso: da maschio a […]
Leggi ora
1 Maggio 2023
UK: "I nostri figli indottrinati a scuola". Genitori di bambini "trans" fanno causa al governo
“Avete rovinato i nostri figli”: famiglie di minori che si dichiarano “dell’altro sesso” chiamano in giudizio il Dipartimento dell’Istruzione britannico per avere consentito il trans-indottrinamento nelle scuole a opera di Stonewall e di altre potenti organizzazioni Lgbtq -la stessa propaganda che da noi si sarebbe voluta introdurre con il ddl Zan-. E per non essere state informate per tempo sui disagi dei ragazzi. L’iniziativa potrebbe travolgere come una valanga il governo inglese che corre ai ripari ordinando un’inchiesta indipendente ed elaborando nuove linee guida
Un gruppo di genitori di cosiddetti “bambini trans” farà causa al Ministero dell'Istruzione inglese (Department of Education) per aver instradato i loro figli verso la devastante transizione medica. In particolare, i genitori accusano il ministero di non aver fornito indicazioni agli insegnanti e di non aver fatto nulla per impedire che un'ideologia di genere "dannosa", spinta dai gruppi di pressione LGBT, prendesse piede in migliaia di scuole. Della transpropaganda nelle scuole abbiamo parlato molte volte: per approfondire vedere qui, e […]
Leggi ora