Ero la ragazza più veloce del Connecticut. Finché non ho dovuto gareggiare con uomini

Un silenzio omertoso copre lo scandalo dell'invasione degli sport femminili da parte degli "ultracorpi" maschili. Ma finalmente alcune atlete, destinate a sicura sconfitta, cominciano a parlare
Condividi questo articolo

Anna Vanbellinghen è un'atleta belga -sollevamento pesi- e alle prossime Olimpiadi di Tokyo dovrà affrontare tra le sue competitor anche il neozelandese Laurel Hubbard, primo atleta olimpico trans. Vanbellinghen dice che avere qualche chance con Hubbard è impossibile, che questa faccenda è "un brutto scherzo" per le atlete. E' la prima tra le olimpioniche rompere il silenzio, e finora l'unica. Vanbellinghen comprende che le atlete trans devono poter gareggiare e si augura che si trovi una soluzione, ma non può essere questa: "E' una cosa molto sleale, per lo sport e per le atlete".

Ero la ragazza più veloce del Connecticut. Finché non ho dovuto gareggiare con uomini

Tra le pochissime ad avere protestato contro questa palese ingiustizia, l'americana Chelsea Mitchell. Ecco che cosa racconta.

Febbraio 2020. Sono accovacciata sulla linea di partenza della corsa di 55 metri indoor del liceo. Questo dovrebbe essere uno dei giorni più belli della mia vita. Sto correndo nel campionato statale e sono classificata come la più veloce liceale femminile nei 55 metri. Dovrei sentirmi fiduciosa. Dovrei sapere che ho una forte possibilità di vincere.

Invece non posso che pensare come tutto il mio allenamento, tutto quello che ho fatto per massimizzare le mie prestazioni potrebbe non bastare, semplicemente perché c'è un corridore sulla linea con un enorme vantaggio fisico: un corpo maschile.

Ho vinto quella gara, e ne sono grata. Ma poi, volta dopo volta, ho perso.

Ho perso quattro titoli del campionato statale femminile, due premi all-New England e numerosi altri posti sul podio a favore di corridori maschi. Sono stato sbattuta al terzo posto nella corsa di 55 metri nel 2019, dietro due corridori maschi. Dopo ogni sconfitta, diventa sempre più difficile provare di nuovo.

È un'esperienza devastante. Mi dice che non sono abbastanza brava; che il mio corpo non è abbastanza buono; e che non importa quanto duramente lavoro, è improbabile che io abbia successo perché sono una donna.

Questa esperienza è il motivo per cui io e tre mie colleghe atlete abbiamo intentato una causa l'anno scorso con Alliance Defending Freedom contro la Connecticut Interscholastic Athletic Conference (CIAC): perché le ragazze e le donne non devono essere private del loro diritto a una competizione equa.

La CIAC permette ai maschi biologici di competere negli sport femminili. Di conseguenza, due maschi hanno iniziato a correre sulla pista delle ragazze nel 2017. Solo nelle stagioni 2017, 2018 e 2019 questi maschi hanno vinto 15 titoli del campionato statale di atletica femminile (titoli detenuti nel 2016 da nove ragazze diverse) e hanno avuto più di 85 opportunità di partecipare a competizioni di livello superiore per atlete donne.

Questo perché i maschi hanno enormi vantaggi fisici. I loro corpi sono semplicemente e mediamente più grandi e più forti dei corpi femminili. Per ogni singola ragazza in pista è una cosa ovvia.

Ero la ragazza più veloce del Connecticut. Finché non ho dovuto gareggiare con uomini

Ma i funzionari del Connecticut sono determinati a ignorare l'ovvio. E sfortunatamente, una corte distrettuale federale ha recentemente respinto la nostra causa. Questa decisione dice alle donne e alle ragazze che i loro sentimenti e le loro opportunità non contano, e che non possono aspettarsi che qualcuno difenda la loro dignità e i loro diritti.

Questo è sbagliato. E intacca la fiducia delle donne nelle proprie capacità.

Mi è successo più e più volte. Ogni volta che cammino verso la linea di partenza, cerco di dire a me stessa che posso superare gli ostacoli - posso vincere, anche se le probabilità sono contro di me.

Ma oltre al disagio psicologico dello sperimentare sconfitte ingiuste più e più volte, la politica della CIAC causa danni tangibili alle donne. Ruba alle ragazze la possibilità di correre davanti agli scout del college che si presentano per le gare d'elite, e di competere per le borse di studio e di tutte le opportunità che vengono con il reclutamento di un college. Non saprò mai se il mio reclutamento al college sia stato influenzato dalla perdita di quei quattro titoli di campione statale a favore di un maschio. Quando i college guardavano il mio record, non hanno visto la ragazza più veloce del Connecticut. Hanno visto un secondo o terzo posto.

E non sta succedendo solo a me. La mia amica e collega Selina Soule è stata esclusa dalle qualifiche per la finale del campionato statale dei 55 metri e dall'opportunità di qualificarsi per il campionato del New England a causa di un corridore maschio nel 2019. Nel frattempo, Alanna Smith, un'atleta femminile molto talentuosa, è stata la seconda classificata nei 200 metri ai campionati regionali del New England, ma è scesa al terzo posto sconfitta da un concorrente maschile.

È scoraggiante che la corte distrettuale federale abbia deciso che queste esperienze - queste opportunità perse - semplicemente non contano.

Ma non sono ancora sconfitta. E nemmeno le mie colleghe atlete.

Attraverso i nostri avvocati della Alliance Defending Freedom, io e le mie colleghe stiamo presentando un appello alla sentenza della corte distrettuale federale. Stiamo portando il nostro caso alla Corte d'Appello degli Stati Uniti per un secondo passaggio, in cui chiederemo ancora una volta che la corte riconosca il nostro diritto a una competizione equa - un diritto che Title IX (l’emendamento che proibisce la discriminazione sulla base del sesso nei programmi di istruzione sostenuti dallo Stato) promette alle ragazze e alle donne da 50 anni. E stiamo combattendo non solo per noi stesse, ma per tutte le atlete. Così, mentre ci prepariamo per questa nuova fase della causa, mi sistemo nuovamente ai blocchi di partenza, ma per un diverso tipo di gara. E questa volta, sono fiduciosa che possiamo vincere.

Chelsea Mitchell, articolo originale qui, traduzione di Maria Celeste.

Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerete altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento. Se pensate che il nostro lavoro possa essere utile per la vostra vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.  

Potete inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
25 Febbraio 2024
Il "latte" degli uomini
Il Servizio Sanitario Nazionale inglese assicura che il latte prodotto da un corpo maschile -stimolato con terapia farmacologica ad hoc- è buono per il neonato come quello di sua madre, che viene cancellata. Minimizzando i rischi per la salute del bambino ampiamente compensati dai benefici ideologici e simbolici. È il transumano, bellezze!
Il "latte" degli uomini è un esempio perfetto di quello che chiamiamo transumano. Il latte delle donne invece è umano, troppo umano, è il modello perfetto dell'umano che resiste e perciò l'allattamento naturale va degradato, sbeffeggiato, stigmatizzato come qualcosa di cui vergognarsi e da tenere nascosto. Anzi, è un atto perfino inutile e poco etico. Viceversa promuovere e magnificare l'"allattamento" maschile indica plasticamente la strada da percorrere. Secondo la prestigiosa rivista Pediatrics, organo dell’American Academy of Pediatrics, è «rischioso» definire […]
Leggi ora
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
11 Gennaio 2024
Bambini stupratori: rapporto shock in UK
In Gran Bretagna 18 stupri al giorno vengono commessi da minori sui loro coetanei: nel 2022 questi casi sono stati 15 mila quasi sempre a opera di giovanissimi maschi. Un rapporto della polizia britannica dimostra come il libero accesso alla pornografia violenta online sta normalizzando i comportamenti sessuali criminali in Inghilterra e in tutti gli altri Paesi occidentali
Da anni segnaliamo i danni psicologici e materiali prodotti su un'intera generazione dal libero accesso alla pornografia violenta online, consumata da bambini e bambine a partire dai 7 anni ma anche molto prima: gli stupri di gruppo commessi dai minori sono solo la punta dell'iceberg di questo fenomeno drammatico che oggi è stato analizzato e quantificato da uno studio delle polizia britannica. Su questo tema potete trovare articoli precedenti qui, qui, qui, qui, qui e qui. Siamo state quasi solo […]
Leggi ora
7 Gennaio 2024
New Hampshire: mai più chirurgia sui minori per il "cambio di sesso"
Lo stato americano ha approvato un disegno di legge che vieta ai chirurghi di effettuare sugli under 18 anni operazioni come la rimozione delle ovaie e del seno per le femmine e del pene e testicoli per i maschi. Il ddl afferma che questi interventi violano il "consenso informato" del paziente e sottolinea che gli studi non hanno dimostrato una diminuzione del rischio suicidio dei minori dopo gli interventi. Anzi: il pericolo aumenta
Il New Hampshire si appresta a vietare ai minori di 18 anni di sottoporsi ad interventi per il cambio di sesso. Giovedì scorso la Camera del New Hampshire ha approvato, anche con l’aiuto di alcuni deputati democratici, un disegno di legge in tal senso. L’House Bill 619 proibisce ai medici di eseguire “qualsiasi intervento chirurgico di riassegnazione del genere genitale”, cioè l’asportazione di utero, ovaie e seno nel caso delle donne; di testicoli e pene per l’uomo, a chiunque nel […]
Leggi ora