Elizabeth, l'ultima matriarca

La regina scomparsa ha saputo esercitare il proprio potere in modo così abile da renderlo invisibile. Un'influenza profonda che non ha mai prodotto contraccolpi. Sapienza, ferreo senso del dovere, pragmatismo, controllo emotivo e nessun narcisismo: questi i tratti di una sovranità che ne fanno un modello di autorità femminile
Condividi questo articolo

Gaby Hinsliff per The Guardian

Ferma tutti gli orologi. Stacca il telefono.

Per una volta, i versi di apertura della poesia di WH Auden, Funeral Blues, sembrano adatti al momento. Piaccia o meno, gran parte della vita pubblica si fermerà nei giorni di lutto mentre le emittenti sospendono i loro programmi e si prepara il funerale di stato.

Per quanto possa essere stato prevista da tempo, la morte della monarca che ha regnato più a lungo nella storia britannica è un momento significativo e preoccupante per la vita della nazione. E mai più, forse, di quando coincide con l'arrivo di un nuovo presidente del Consiglio nel mezzo di una crisi economica emergente. C'è stato qualcosa di terribilmente toccante nella sua insistenza, anche in quelli che ora sappiamo erano i suoi giorni di vita, nell'aver voluto personalmente incaricare Liz Truss.

La regina è stata una presenza costante e stabile sullo sfondo di milioni di vite per 70 anni, una voce rassicurante in tempi difficili. Ma è la profondità della sapienza accumulata in decenni che forse solo ora può essere pienamente apprezzata. Quei modi bonari e da nonna celavano un'intelligenza acuta e occasionalmente caustica.

La sua era una forma di potere femminile esercitato in modo così abile da essere quasi invisibile. La natura ampia dei poteri costituzionali che deteneva - sciogliere il parlamento o negare il consenso alla legislazione - erano tollerati all'interno di una democrazia moderna proprio perché erano usati con parsimonia. Ha aiutato a plasmare e guidare i governi attraverso le sue udienze settimanali con 14 precedenti primi ministri, che a turno hanno scavalcato con cautela i corgies addormentati nel suo studio a Buckingham Palace. Ma le sue opinioni politiche l'hanno accompagnata nella tomba (...)

La regina ha rappresentato la rara abilità femminile di esercitare una profonda influenza senza scatenare una reazione, e la portata di quell'influenza è rimasta così avvolta nel mistero. Non ha tanto normalizzato l'idea di una donna al comando, piuttosto ha fatto in gran parte dimenticare alla nazione che era quello che era, pur mantenendo la capacità di congelare uomini adulti con uno sguardo.

Come ha notato Tony Blair nella sua autobiografia, descrivendo una cena al vertice del G8 di leader mondiali in cui alcuni si sono lasciati ingannare dall'atmosfera rilassata: “Non si fa amicizia con la regina. Di tanto in tanto può esserti amica, ma non cercare di ricambiare o in cambio avrai The Look".

L'attrice Olivia Colman che ha interpretato Elisabetta II nella serie Netflix The Crown, una volta l'ha definita "l'ultima femminista ". Ma la regina non avrebbe mai rivendicato una cosa del genere per se stessa, anche se tutti i soldi c'è la sua faccia. C'è di più nel femminismo che essere una donna che esercita il potere, e sebbene abbia approvato modifiche legali che impediscono alle figlie primogenite dei futuri monarchi di essere scavalcate dai loro fratelli minori nella linea di successione, non si è sforzata di lasciare un'eredità per le donne. Quando ha messo in evidenza il suo genere - come ha fatto in modo favoloso nel 1998, scegliendo di guidare personalmente la sua Land Rover durante la visita del principe ereditario saudita nella tenuta di Balmoral -in un momento in cui alle donne saudite non era permesso guidare - la sua solidarietà femminile era tanto più sorprendente, essendo così rara.

Ha trattato il femminismo in gran parte come una questione politica su cui è rimasta neutrale, mentre negli ultimi anni ha concesso a sua nuora Camilla la licenza per parlare di questioni come gli abusi domestici o la violenza sessuale contro le donne. Ma se non era un'icona femminista, forse è diventata la matriarca definitiva, una parola che denota non solo una posizione all'interno della famiglia ma una precisa fase della vita.

Il potere matriarcale è il tipo di potere esercitato dalle donne anziane che sono riuscite a farsi apprezzare per la loro saggezza ed esperienza, e non vengono messe da parte quando la loro giovinezza svanisce; che si sono guadagnate il ​​diritto di compiacersi di se stesse, eppure scelgono di offrire conforto e consiglio alle giovani generazioni. Una vera matriarca è formidabile, ma abbastanza matura da mettere da parte la meschina vanità. Il ruolo del monarca come lo definisce l'esperto costituzionalista vittoriano Walter Bagehot - incoraggiare e mettere in guardia il proprio governo, pur avendo la grazia di non imporre le proprie opinioni - avrebbe potuto essere scritto per una matriarca. Ma se il potere della regina risiedeva in quello che sua figlia, la principessa Anna, una volta chiamava il suo pragmatismo, il nuovo re potrebbe rivelarsi un po' meno imperscrutabile.

Forse questo rappresenta un segno del tempo. Il ferreo senso del dovere e i modi emotivamente contenuti della regina risuonavano profondamente con le generazioni più anziane, ma le più giovani vedono sempre più la soppressione dei sentimenti come malsana. La sua apparente riluttanza a mostrare pubblicamente i suoi sentimenti per la morte di sua nuora Diana, principessa del Galles, ha segnato una delle poche volte in cui la monarca è sembrata perdere la sintonia con il suo paese (...) 

Nella biografia del principe Carlo, Jonathan Dimbleby ha descritto la regina come una madre "non tanto indifferente quanto piuttosto distaccata". Ma se era potuta sembrare distante quando i suoi figli erano piccoli, forse è perché non aveva avuto scelta.

La principessa Elisabetta aveva solo 25 anni e i figli Carlo e Anna rispettivamente tre e uno quando nel 1952 la morte di suo padre la catapultò nel ruolo totalizzante per il quale era stata preparata fin dall'infanzia, ma non si sarebbe mai aspettata di dover assumere tanto presto. Qualsiasi rimpianto materno per quei primi anni di pesanti aspettative e lunghi viaggi all'estero forse si è espresso nella determinazione a permettere al principe William di godersi del tempo con i suoi figli piccoli prima di assumere il carico di lavoro di un futuro erede, e nell'evidente gioia per i suoi nipoti e pronipoti.

La regina era diventata fragile negli ultimi tempi, in particolare dopo la morte del suo amato duca di Edimburgo, ma il senso del tempo che stava per scadere ha probabilmente intensificato la sua autorità morale. Consigliata dai medici di riposare evitando di partecipare alla conferenza sul clima Cop 26 nel 2021, nel videomessaggio che ha inviato al suo posto aveva espresso una tranquilla urgenza. "Nessuno di noi vive per sempre" ha detto, con una fotografia del suo defunto marito accanto a lei. “Ma lo stiamo facendo non per noi stessi, ma per i nostri figli e i figli dei nostri figli”. 

Fermate gli orologi, davvero.

articolo originale qui, traduzione di Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora
12 Aprile 2024
Chiuse in un recinto. Come a Kabul
Lettera aperta al Sindaco Gualtieri e alle altre autorità competenti sull’incredibile scena di discriminazione nel quartiere Centocelle a Roma: donne isolate come animali impuri per le celebrazioni di fine Ramadan. Chi ha dato il permesso per l’inaccettabile manifestazione? E che iniziative si intendono intraprendere contro questa barbarie misogina?
Al Sindaco di Roma Roberto Gualtieri Al Presidente del Municipio V Mauro Caliste Alla Commissione Pari Opportunità del Comune di Roma e p.c. Alla Ministra Pari Opportunità e Famiglia Eugenia Roccella Al Ministro dell'Interno Matteo Piantedosi Gentile Sindaco, gentile Presidente, gentili membri della Commissione Pari Opportunità, manifestiamo sgomento e sconcerto a fronte delle modalità con cui nel Municipio V della Capitale -piazza dei Mirti, quartiere Centocelle, a pochi metri dalla scuola intitolata ad Artemisia Gentileschi- si sono svolte le celebrazioni […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora