Elizabeth, l'ultima matriarca

La regina scomparsa ha saputo esercitare il proprio potere in modo così abile da renderlo invisibile. Un'influenza profonda che non ha mai prodotto contraccolpi. Sapienza, ferreo senso del dovere, pragmatismo, controllo emotivo e nessun narcisismo: questi i tratti di una sovranità che ne fanno un modello di autorità femminile
Condividi questo articolo

Gaby Hinsliff per The Guardian

Ferma tutti gli orologi. Stacca il telefono.

Per una volta, i versi di apertura della poesia di WH Auden, Funeral Blues, sembrano adatti al momento. Piaccia o meno, gran parte della vita pubblica si fermerà nei giorni di lutto mentre le emittenti sospendono i loro programmi e si prepara il funerale di stato.

Per quanto possa essere stato prevista da tempo, la morte della monarca che ha regnato più a lungo nella storia britannica è un momento significativo e preoccupante per la vita della nazione. E mai più, forse, di quando coincide con l'arrivo di un nuovo presidente del Consiglio nel mezzo di una crisi economica emergente. C'è stato qualcosa di terribilmente toccante nella sua insistenza, anche in quelli che ora sappiamo erano i suoi giorni di vita, nell'aver voluto personalmente incaricare Liz Truss.

La regina è stata una presenza costante e stabile sullo sfondo di milioni di vite per 70 anni, una voce rassicurante in tempi difficili. Ma è la profondità della sapienza accumulata in decenni che forse solo ora può essere pienamente apprezzata. Quei modi bonari e da nonna celavano un'intelligenza acuta e occasionalmente caustica.

La sua era una forma di potere femminile esercitato in modo così abile da essere quasi invisibile. La natura ampia dei poteri costituzionali che deteneva - sciogliere il parlamento o negare il consenso alla legislazione - erano tollerati all'interno di una democrazia moderna proprio perché erano usati con parsimonia. Ha aiutato a plasmare e guidare i governi attraverso le sue udienze settimanali con 14 precedenti primi ministri, che a turno hanno scavalcato con cautela i corgies addormentati nel suo studio a Buckingham Palace. Ma le sue opinioni politiche l'hanno accompagnata nella tomba (...)

La regina ha rappresentato la rara abilità femminile di esercitare una profonda influenza senza scatenare una reazione, e la portata di quell'influenza è rimasta così avvolta nel mistero. Non ha tanto normalizzato l'idea di una donna al comando, piuttosto ha fatto in gran parte dimenticare alla nazione che era quello che era, pur mantenendo la capacità di congelare uomini adulti con uno sguardo.

Come ha notato Tony Blair nella sua autobiografia, descrivendo una cena al vertice del G8 di leader mondiali in cui alcuni si sono lasciati ingannare dall'atmosfera rilassata: “Non si fa amicizia con la regina. Di tanto in tanto può esserti amica, ma non cercare di ricambiare o in cambio avrai The Look".

L'attrice Olivia Colman che ha interpretato Elisabetta II nella serie Netflix The Crown, una volta l'ha definita "l'ultima femminista ". Ma la regina non avrebbe mai rivendicato una cosa del genere per se stessa, anche se tutti i soldi c'è la sua faccia. C'è di più nel femminismo che essere una donna che esercita il potere, e sebbene abbia approvato modifiche legali che impediscono alle figlie primogenite dei futuri monarchi di essere scavalcate dai loro fratelli minori nella linea di successione, non si è sforzata di lasciare un'eredità per le donne. Quando ha messo in evidenza il suo genere - come ha fatto in modo favoloso nel 1998, scegliendo di guidare personalmente la sua Land Rover durante la visita del principe ereditario saudita nella tenuta di Balmoral -in un momento in cui alle donne saudite non era permesso guidare - la sua solidarietà femminile era tanto più sorprendente, essendo così rara.

Ha trattato il femminismo in gran parte come una questione politica su cui è rimasta neutrale, mentre negli ultimi anni ha concesso a sua nuora Camilla la licenza per parlare di questioni come gli abusi domestici o la violenza sessuale contro le donne. Ma se non era un'icona femminista, forse è diventata la matriarca definitiva, una parola che denota non solo una posizione all'interno della famiglia ma una precisa fase della vita.

Il potere matriarcale è il tipo di potere esercitato dalle donne anziane che sono riuscite a farsi apprezzare per la loro saggezza ed esperienza, e non vengono messe da parte quando la loro giovinezza svanisce; che si sono guadagnate il ​​diritto di compiacersi di se stesse, eppure scelgono di offrire conforto e consiglio alle giovani generazioni. Una vera matriarca è formidabile, ma abbastanza matura da mettere da parte la meschina vanità. Il ruolo del monarca come lo definisce l'esperto costituzionalista vittoriano Walter Bagehot - incoraggiare e mettere in guardia il proprio governo, pur avendo la grazia di non imporre le proprie opinioni - avrebbe potuto essere scritto per una matriarca. Ma se il potere della regina risiedeva in quello che sua figlia, la principessa Anna, una volta chiamava il suo pragmatismo, il nuovo re potrebbe rivelarsi un po' meno imperscrutabile.

Forse questo rappresenta un segno del tempo. Il ferreo senso del dovere e i modi emotivamente contenuti della regina risuonavano profondamente con le generazioni più anziane, ma le più giovani vedono sempre più la soppressione dei sentimenti come malsana. La sua apparente riluttanza a mostrare pubblicamente i suoi sentimenti per la morte di sua nuora Diana, principessa del Galles, ha segnato una delle poche volte in cui la monarca è sembrata perdere la sintonia con il suo paese (...) 

Nella biografia del principe Carlo, Jonathan Dimbleby ha descritto la regina come una madre "non tanto indifferente quanto piuttosto distaccata". Ma se era potuta sembrare distante quando i suoi figli erano piccoli, forse è perché non aveva avuto scelta.

La principessa Elisabetta aveva solo 25 anni e i figli Carlo e Anna rispettivamente tre e uno quando nel 1952 la morte di suo padre la catapultò nel ruolo totalizzante per il quale era stata preparata fin dall'infanzia, ma non si sarebbe mai aspettata di dover assumere tanto presto. Qualsiasi rimpianto materno per quei primi anni di pesanti aspettative e lunghi viaggi all'estero forse si è espresso nella determinazione a permettere al principe William di godersi del tempo con i suoi figli piccoli prima di assumere il carico di lavoro di un futuro erede, e nell'evidente gioia per i suoi nipoti e pronipoti.

La regina era diventata fragile negli ultimi tempi, in particolare dopo la morte del suo amato duca di Edimburgo, ma il senso del tempo che stava per scadere ha probabilmente intensificato la sua autorità morale. Consigliata dai medici di riposare evitando di partecipare alla conferenza sul clima Cop 26 nel 2021, nel videomessaggio che ha inviato al suo posto aveva espresso una tranquilla urgenza. "Nessuno di noi vive per sempre" ha detto, con una fotografia del suo defunto marito accanto a lei. “Ma lo stiamo facendo non per noi stessi, ma per i nostri figli e i figli dei nostri figli”. 

Fermate gli orologi, davvero.

articolo originale qui, traduzione di Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
25 Febbraio 2024
Il "latte" degli uomini
Il Servizio Sanitario Nazionale inglese assicura che il latte prodotto da un corpo maschile -stimolato con terapia farmacologica ad hoc- è buono per il neonato come quello di sua madre, che viene cancellata. Minimizzando i rischi per la salute del bambino ampiamente compensati dai benefici ideologici e simbolici. È il transumano, bellezze!
Il "latte" degli uomini è un esempio perfetto di quello che chiamiamo transumano. Il latte delle donne invece è umano, troppo umano, è il modello perfetto dell'umano che resiste e perciò l'allattamento naturale va degradato, sbeffeggiato, stigmatizzato come qualcosa di cui vergognarsi e da tenere nascosto. Anzi, è un atto perfino inutile e poco etico. Viceversa promuovere e magnificare l'"allattamento" maschile indica plasticamente la strada da percorrere. Secondo la prestigiosa rivista Pediatrics, organo dell’American Academy of Pediatrics, è «rischioso» definire […]
Leggi ora
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
11 Gennaio 2024
Bambini stupratori: rapporto shock in UK
In Gran Bretagna 18 stupri al giorno vengono commessi da minori sui loro coetanei: nel 2022 questi casi sono stati 15 mila quasi sempre a opera di giovanissimi maschi. Un rapporto della polizia britannica dimostra come il libero accesso alla pornografia violenta online sta normalizzando i comportamenti sessuali criminali in Inghilterra e in tutti gli altri Paesi occidentali
Da anni segnaliamo i danni psicologici e materiali prodotti su un'intera generazione dal libero accesso alla pornografia violenta online, consumata da bambini e bambine a partire dai 7 anni ma anche molto prima: gli stupri di gruppo commessi dai minori sono solo la punta dell'iceberg di questo fenomeno drammatico che oggi è stato analizzato e quantificato da uno studio delle polizia britannica. Su questo tema potete trovare articoli precedenti qui, qui, qui, qui, qui e qui. Siamo state quasi solo […]
Leggi ora
7 Gennaio 2024
New Hampshire: mai più chirurgia sui minori per il "cambio di sesso"
Lo stato americano ha approvato un disegno di legge che vieta ai chirurghi di effettuare sugli under 18 anni operazioni come la rimozione delle ovaie e del seno per le femmine e del pene e testicoli per i maschi. Il ddl afferma che questi interventi violano il "consenso informato" del paziente e sottolinea che gli studi non hanno dimostrato una diminuzione del rischio suicidio dei minori dopo gli interventi. Anzi: il pericolo aumenta
Il New Hampshire si appresta a vietare ai minori di 18 anni di sottoporsi ad interventi per il cambio di sesso. Giovedì scorso la Camera del New Hampshire ha approvato, anche con l’aiuto di alcuni deputati democratici, un disegno di legge in tal senso. L’House Bill 619 proibisce ai medici di eseguire “qualsiasi intervento chirurgico di riassegnazione del genere genitale”, cioè l’asportazione di utero, ovaie e seno nel caso delle donne; di testicoli e pene per l’uomo, a chiunque nel […]
Leggi ora