Elizabeth, l'ultima matriarca

La regina scomparsa ha saputo esercitare il proprio potere in modo così abile da renderlo invisibile. Un'influenza profonda che non ha mai prodotto contraccolpi. Sapienza, ferreo senso del dovere, pragmatismo, controllo emotivo e nessun narcisismo: questi i tratti di una sovranità che ne fanno un modello di autorità femminile
Condividi questo articolo

Gaby Hinsliff per The Guardian

Ferma tutti gli orologi. Stacca il telefono.

Per una volta, i versi di apertura della poesia di WH Auden, Funeral Blues, sembrano adatti al momento. Piaccia o meno, gran parte della vita pubblica si fermerà nei giorni di lutto mentre le emittenti sospendono i loro programmi e si prepara il funerale di stato.

Per quanto possa essere stato prevista da tempo, la morte della monarca che ha regnato più a lungo nella storia britannica è un momento significativo e preoccupante per la vita della nazione. E mai più, forse, di quando coincide con l'arrivo di un nuovo presidente del Consiglio nel mezzo di una crisi economica emergente. C'è stato qualcosa di terribilmente toccante nella sua insistenza, anche in quelli che ora sappiamo erano i suoi giorni di vita, nell'aver voluto personalmente incaricare Liz Truss.

La regina è stata una presenza costante e stabile sullo sfondo di milioni di vite per 70 anni, una voce rassicurante in tempi difficili. Ma è la profondità della sapienza accumulata in decenni che forse solo ora può essere pienamente apprezzata. Quei modi bonari e da nonna celavano un'intelligenza acuta e occasionalmente caustica.

La sua era una forma di potere femminile esercitato in modo così abile da essere quasi invisibile. La natura ampia dei poteri costituzionali che deteneva - sciogliere il parlamento o negare il consenso alla legislazione - erano tollerati all'interno di una democrazia moderna proprio perché erano usati con parsimonia. Ha aiutato a plasmare e guidare i governi attraverso le sue udienze settimanali con 14 precedenti primi ministri, che a turno hanno scavalcato con cautela i corgies addormentati nel suo studio a Buckingham Palace. Ma le sue opinioni politiche l'hanno accompagnata nella tomba (...)

La regina ha rappresentato la rara abilità femminile di esercitare una profonda influenza senza scatenare una reazione, e la portata di quell'influenza è rimasta così avvolta nel mistero. Non ha tanto normalizzato l'idea di una donna al comando, piuttosto ha fatto in gran parte dimenticare alla nazione che era quello che era, pur mantenendo la capacità di congelare uomini adulti con uno sguardo.

Come ha notato Tony Blair nella sua autobiografia, descrivendo una cena al vertice del G8 di leader mondiali in cui alcuni si sono lasciati ingannare dall'atmosfera rilassata: “Non si fa amicizia con la regina. Di tanto in tanto può esserti amica, ma non cercare di ricambiare o in cambio avrai The Look".

L'attrice Olivia Colman che ha interpretato Elisabetta II nella serie Netflix The Crown, una volta l'ha definita "l'ultima femminista ". Ma la regina non avrebbe mai rivendicato una cosa del genere per se stessa, anche se tutti i soldi c'è la sua faccia. C'è di più nel femminismo che essere una donna che esercita il potere, e sebbene abbia approvato modifiche legali che impediscono alle figlie primogenite dei futuri monarchi di essere scavalcate dai loro fratelli minori nella linea di successione, non si è sforzata di lasciare un'eredità per le donne. Quando ha messo in evidenza il suo genere - come ha fatto in modo favoloso nel 1998, scegliendo di guidare personalmente la sua Land Rover durante la visita del principe ereditario saudita nella tenuta di Balmoral -in un momento in cui alle donne saudite non era permesso guidare - la sua solidarietà femminile era tanto più sorprendente, essendo così rara.

Ha trattato il femminismo in gran parte come una questione politica su cui è rimasta neutrale, mentre negli ultimi anni ha concesso a sua nuora Camilla la licenza per parlare di questioni come gli abusi domestici o la violenza sessuale contro le donne. Ma se non era un'icona femminista, forse è diventata la matriarca definitiva, una parola che denota non solo una posizione all'interno della famiglia ma una precisa fase della vita.

Il potere matriarcale è il tipo di potere esercitato dalle donne anziane che sono riuscite a farsi apprezzare per la loro saggezza ed esperienza, e non vengono messe da parte quando la loro giovinezza svanisce; che si sono guadagnate il ​​diritto di compiacersi di se stesse, eppure scelgono di offrire conforto e consiglio alle giovani generazioni. Una vera matriarca è formidabile, ma abbastanza matura da mettere da parte la meschina vanità. Il ruolo del monarca come lo definisce l'esperto costituzionalista vittoriano Walter Bagehot - incoraggiare e mettere in guardia il proprio governo, pur avendo la grazia di non imporre le proprie opinioni - avrebbe potuto essere scritto per una matriarca. Ma se il potere della regina risiedeva in quello che sua figlia, la principessa Anna, una volta chiamava il suo pragmatismo, il nuovo re potrebbe rivelarsi un po' meno imperscrutabile.

Forse questo rappresenta un segno del tempo. Il ferreo senso del dovere e i modi emotivamente contenuti della regina risuonavano profondamente con le generazioni più anziane, ma le più giovani vedono sempre più la soppressione dei sentimenti come malsana. La sua apparente riluttanza a mostrare pubblicamente i suoi sentimenti per la morte di sua nuora Diana, principessa del Galles, ha segnato una delle poche volte in cui la monarca è sembrata perdere la sintonia con il suo paese (...) 

Nella biografia del principe Carlo, Jonathan Dimbleby ha descritto la regina come una madre "non tanto indifferente quanto piuttosto distaccata". Ma se era potuta sembrare distante quando i suoi figli erano piccoli, forse è perché non aveva avuto scelta.

La principessa Elisabetta aveva solo 25 anni e i figli Carlo e Anna rispettivamente tre e uno quando nel 1952 la morte di suo padre la catapultò nel ruolo totalizzante per il quale era stata preparata fin dall'infanzia, ma non si sarebbe mai aspettata di dover assumere tanto presto. Qualsiasi rimpianto materno per quei primi anni di pesanti aspettative e lunghi viaggi all'estero forse si è espresso nella determinazione a permettere al principe William di godersi del tempo con i suoi figli piccoli prima di assumere il carico di lavoro di un futuro erede, e nell'evidente gioia per i suoi nipoti e pronipoti.

La regina era diventata fragile negli ultimi tempi, in particolare dopo la morte del suo amato duca di Edimburgo, ma il senso del tempo che stava per scadere ha probabilmente intensificato la sua autorità morale. Consigliata dai medici di riposare evitando di partecipare alla conferenza sul clima Cop 26 nel 2021, nel videomessaggio che ha inviato al suo posto aveva espresso una tranquilla urgenza. "Nessuno di noi vive per sempre" ha detto, con una fotografia del suo defunto marito accanto a lei. “Ma lo stiamo facendo non per noi stessi, ma per i nostri figli e i figli dei nostri figli”. 

Fermate gli orologi, davvero.

articolo originale qui, traduzione di Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
26 Novembre 2022
Riforma del Reddito di Cittadinanza: si tenga conto della differenza sessuale
La situazione occupazionale e i livelli retributivi delle donne -con forte variabilità regionale- sono molto diversi tra donne e uomini. Così è stato anche per il reddito, che ha avuto effetti positivi anche sulla natalità. Ecco perché il cambiamento dell'istituto richiede un'attenta valutazione del cosiddetto "impatto di genere": una riforma "uguale" potrebbe avere effetti diseguali in base al sesso
Ormai a 360°, sia pure con impostazioni e soluzioni diverse, si riconosce la necessità di una riforma del reddito di cittadinanza. Il governo Meloni ha presentato il suo piano in progress. Ma la considerazione di quello che viene definito "impatto di genere" -cioè la valutazione degli effetti della riforma sulle donne- appare ancora insufficiente, generalmente sottovalutato dalle analisi. In una situazione sociale e in un mercato del lavoro come quello italiano che vede le donne fortemente svantaggiate tanto nei livelli […]
Leggi ora
7 Novembre 2022
Belgio, nuova legge sul femminicidio. Da studiare
In Europa la violenza maschile è la principale causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni. Il Belgio si attrezza con una nuova legge che per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche fondate su statistiche ufficiali. Avendo ben presente che la violenza è un dispositivo del dominio maschile
Fermare la strage delle donne. E’ questo il senso della nuova “legge sulla prevenzione e la lotta contro i femminicidi, i delitti basati sul genere e le violenze che li precedono” adottata in prima lettura nel Consiglio dei ministri lo scorso 25 ottobre in Belgio. Depositata dalla Segretaria di Stato per la Parità di Genere, Sarah Schlitz (Ecolo/Verdi), la legge quadro per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche di lotta fondate su statistiche ufficiali. E in […]
Leggi ora
29 Ottobre 2022
Il nome della premier
Giorgia Meloni non è femminista. La sua storia non è questa. Non ha condiviso le lunghe battaglie sulla lingua, sulla declinazione al femminile anziché al neutro-maschile. Ma il linguaggio oggi è un campo di battaglia che struttura le più importanti questioni politiche. E merita da parte sua un supplemento di riflessione
Giorgia Meloni non è femminista. Non è questa la sua storia. Nessuna donna di destra o centrodestra che abbia assunto importanti incarichi politici, da Thatcher a Merkel, si è mai detta femminista. Ne consegue la non-sensibilità alla declinazione femminile del proprio incarico, a cui il femminismo invece dà importanza. Anche se Angela Merkel alla fine del suo lungo cancellierato, nel corso di un incontro con la scrittrice Chimamanda Ngozi Adichie, ha accettato di dirsi femminista. Secondo Alice Schwarzer, fondatrice della […]
Leggi ora
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora
16 Ottobre 2022
Il simbolico è politico
Il no di Giorgia Meloni ai desiderata di Silvio Berlusconi è stato definito una nemesi: una giovane donna che affonda il vecchio leader -"drago divoratore di vergini" lo ha definito l'ex-moglie- e non si fa intimorire da amici e nemici. Un imprevisto nella nostra politica misogina. Anche se la futura premier non si è mai definita femminista
Supponente, prepotente, arrogante e offensiva. E lei che a breve giro risponde di non essere ricattabile. Insomma, parafrasando un altro celebre scambio di battute, "non a disposizione". I maggiori quotidiani hanno già parlato di nemesi. Il Cavaliere messo sotto da una donna molto più giovane di lui, Giorgia Meloni, che a 45 anni potrebbe essere la prima a guidare un governo in Italia: i conti duri con il padre, del resto, fanno parte della sua biografia. Sul fronte opposto, il […]
Leggi ora
6 Ottobre 2022
"Distruggi i diritti delle donne": JK Rowling contro la premier scozzese e la sua legge trans
Come in Spagna anche in Scozia il femminismo combatte contro una legge voluta dalla prima ministra Nicola Sturgeon che introduce l'autodeterminazione di genere senza alcuna diagnosi medica e abbassando a 16 anni l'età per l'accesso. E anche stavolta l'autrice di Harry Potter è al fianco delle donne, delle bambine e dei bambini
JK Rowling si fotografa con una maglietta che dice: "Nicola Sturgeon, distruttrice dei diritti delle donne" per sostenere le donne che protestano davanti al parlamento scozzese contro la controversa legge di riforma del riconoscimento di genere voluta dalla Prima Ministra scozzese. Le attiviste di For Women Scotland (Scozia per le donne) si sono riunite questa mattina davanti al Parlamento scozzese per una manifestazione contro il disegno di legge promosso da Sturgeon, che renderebbe più facile l’autodeterminazione di genere –lo abbiamo […]
Leggi ora