Detransizione: primo studio scientifico

Condotta dalla psichiatra Lisa Littman che ha intervistato 100 detransitioner, la ricerca mette in luce la complessità di queste esperienze. Sempre più fondati i dubbi sull'utilità e l'efficacia delle "terapie" farmacologiche e chirurgiche. Vediamo perché
Condividi questo articolo

Dopo un’accurata valutazione scientifica durata un anno, sono stati pubblicati i risultati della prima ricerca sistematica sui detransitioner.

Lo studio della psichiatra americana Lisa Littman è intitolato “Soggetti trattati per disforia di genere con transizione medica e/o chirurgica che hanno in seguito fatto una detransizione: Sondaggio su 100 detransitioner” (testo integrale qui)

A differenza di studi precedenti, questa ricerca è condotta esclusivamente su persone che hanno subito una medicalizzazione per una diagnosi di disforia di genere, e in seguito hanno deciso di interromperla.

Lisa Littman ha condotto un sondaggio su 100 partecipanti, 67% nate donne e 31% nati uomini, proporzione che rispecchia la situazione attuale, in cui sono soprattutto le donne a cercare una “transizione” come per “fuggire da una casa in fiamme”, come abbiamo raccontato qui.

Il questionario, alla cui stesura hanno collaborato due detransitioner, comprende domande a scelta multipla e domande aperte. Le categorizzazioni dei risultati e le ipotesi derivano dunque interamente dalle risposte delle/dei detransitioner.

Dallo studio emergono alcune caratteristiche ricorrenti nelle esperienze di transizione e detransizione, tra cui le seguenti:

  • Non esistono dati clinici su quanto sia comune la scelta della detransizione; Littman stima che sia molto più comune di quanto le cliniche del genere affermano. Solo il 24% dei partecipanti allo ha informato della propria detransizione i medici o le cliniche della transizione che hanno diagnosticato la disforia di genere e iniziato la medicalizzazione.
  • Le risposte sui fattori psicologici e sociali (Tabella 2), nonché le multiple e complesse ragioni e autovalutazioni e l’insoddisfazione generale (69,7%) per la transizione riportate dai partecipanti suggeriscono secondo Littman che l’attuale approccio non tiene conto a sufficienza delle concause e del contesto in cui la disforia di genere emerge e che porta a diagnosi errate o inappropriate, che hanno come conseguenza la detransizione.
  • L’esperienza di transizione e detransizione e`diversa a seconda del sesso: è emerso che le nate donne erano più giovani quando hanno intrapreso transizione e detransizione, e che la transizione medicalizzata è durata meno che per gli uomini. Età media transizione per donne 20 anni, uomini 26; età media detransizione per donne 23,6 anni, uomini 32,7. Durata della transizione medica per donne 3,2 anni, uomini 5,4.
  • Lo studio fornisce ulteriori informazioni sulle complesse relazioni tra omofobia e misoginia interiorizzata, disforia di genere e desiderio di transizione. Quasi un quarto dei partecipanti (23.0%) dichiarano di avere transizionato anche per il disagio di essere attratti dallo stesso sesso, per il “desiderio di non essere omosessuali” o per difficoltà ad accettare di essere lesbica, gay o bisessuale.
  • Lo studio conferma che la disforia di genere, specialmente negli adolescenti, spesso è temporanea, come indicato da precedenti ricerche e che può essere causata da fattori psicologici in combinazione con influenza sociale (vedere qui).
  • Infine, molti dei partecipanti hanno valutato la propria esperienza con i professionisti che li hanno avuti in cura, e “credono di non aver ricevuto una valutazione adeguata prima della transizione”. Lisa Littman ipotizza che l’aumento delle e dei detransitioner possa essere dovuto all’approccio cosiddetto “affermativo” o “modello di cura del consenso informato”, che prevede di avviare alla transizione medica coloro che lo chiedono dopo una breve valutazione, promosso negli Stati Uniti dall’Accademia Americana di Pediatria e Planned Parenthood.

Maria Celeste



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
29 Giugno 2022
Finiscono le scuole, ricominciano i prelievi coatti dei bambini
Nonostante una recente sentenza della Cassazione abbia definito "fuori dallo stato di diritto" il prelievo coatto dei minori, questa mattina in provincia di Lodi un bambino di 11 anni è stato strappato a sua madre, trattenuta con la forza e con l'inganno mentre il figlio veniva prelevato. Ecco come sono andati i fatti nel racconto di una testimone
Questa mattina in provincia di Lodi, a Casalmaiocco, un bambino di 11 anni, Gioele, è stato strappato con la forza ed allontanato in modo improvviso e traumatico dalla madre con cui viveva. Ecco i fatti come vengono raccontati da un'attivista di MaternaMente presente in quel momento: "Deborah e suo figlio erano stati convocati per un incontro dai servizi sociali stamattina. L'incontro si è  svolto online e i ss hanno usato toni rassicuranti. La mamma si è poi recata in comune per […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
New England Journal of Medicine: il divieto di aborto è una catastrofe sanitaria
La prestigiosa rivista lancia l'allarme: saranno soprattutto le donne povere e di colore a pagare il prezzo della sentenza della Corte Suprema, ricacciate ad abortire nella clandestinità con gravi rischi per la loro salute. Anche la pillola del giorno dopo e perfino la spirale potrebbero essere vietati e perseguiti come mezzi abortivi
La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in Dobbs v. Jackson Women's Health Organization rappresenta uno straordinario capovolgimento (...) Eppure non era inaspettato. Nel lungo e doloroso preludio alla decisione, molti stati hanno gravemente limitato l'accesso all'assistenza sanitaria riproduttiva. La foglia di fico che copriva queste restrizioni era che l'aborto indotto era una procedura pericolosa che richiedeva una regolamentazione più severa per proteggere la salute delle donne che cercavano tale assistenza. I fatti smentiscono questa falsa retorica.  Gli ultimi dati disponibili negli Stati Uniti […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
Come hanno fatto a vincere la guerra contro Roe
Non avere trasformato la Roe v. Wade in legge è stato l'errore capitale della sinistra americana, a cominciare da Barack Obama. L'aborto era una questione del tutto secondaria per i liberal assorbiti dalle trans-politics, che hanno passato gli anni a cancellare la parola "donna" rinominandola come "mestruatore" e "portatore di utero", anziché occuparsi dei diritti delle donne
Come hanno fatto i pro-life americani a vincere la guerra contro la sentenza Roe v. Wade? Nell’articolo di cui vi presentiamo ampli stralci la giornalista Sarah Ditum spiega come l’incuria e l’arroganza dei democratici hanno involontariamente aiutato a riportare indietro di 50 anni i diritti delle donne in America. "Quando è diventato certo che il diritto all'aborto delle donne americane sarebbe stato revocato? La sentenza della Corte Suprema secondo la quale "Roe era terribilmente sbagliata fin dall'inizio" è trapelata quasi due mesi fa, […]
Leggi ora
25 Giugno 2022
Elezioni di midterm negli USA: dopo la sentenza sull'aborto le donne saranno decisive?
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti in una quasi-guerra civile? Il voto di novembre sarà il primo banco di prova. Le donne potrebbero costituire il nucleo forte di quel fronte moderato che negli USA non riesce a trovare espressione politica
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto, tenendo insieme le cattoliche e le agnostiche, le donne di sinistra e quelle di destra in difesa della legge 194/78? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti, per descrivere con un eufemismo la quasi-guerra civile in corso negli Stati Uniti? Le elezioni di midterm a novembre, che vedevano favoriti i repubblicani, saranno il primo banco di prova: quante elettrici, sia pure […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ma le donne esistono ancora
Il titolo non ci piace troppo, in particolare quel laconico "ancora", ma grazie a La Repubblica per avere ospitato il nostro intervento nel dibattito che si è aperto a partire dal testo di Michela Marzano intitolato "Se non è il sesso a fare la donna". Lo ripubblichiamo qui perché non lo trovate sull'online
Pubblicato su La Repubblica il nostro testo nel dibattito aperto da Michela Marzano con il suo intervento sulle "donne con il pene" e altre meraviglie. Manteniamo il titolo originale che è stato dato al nostro intervento per non fare confusione, anche se non ci piace granché. Ecco il testo integrale a seguire. Che cos’è una donna? È quella che ci ha messi al mondo, tutte e tutti. Su questo non può esserci alcun dubbio. Il che non significa affatto che […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ciao ciao "Lia": stop mondiale ai nuotatori trans nelle gare femminili
Nonostante lo scandaloso e opportunistico silenzio dei media sportivi, La Federazione Mondiale del Nuoto chiude ai corpi maschili nelle gare femminili (qualcosa del genere è stato deciso anche per il ciclismo). Presto, si spera, arriveranno tutte le altre categorie. I casi "Lia" Thomas, trans ruba-trofei, non si ripeteranno più. Onore alle atlete che hanno combattuto contro questa colossale ingiustizia. E a tutte noi che resistiamo da anni alla violenza misogina della gender ideology
Lottare serve: un pezzo dopo l'altro il muro della trans-ideologia sta crollando. E mentre i democratici americani -parola di Hillary Clinton- prendono clamorosamente le distanze dal transattivismo perché si rendono conto che su questi temi rischiano di giocarsi la presidenza degli Stati Uniti, la Fina (Fédération Internationale de Natation), organo di governo mondiale del nuoto, ha votato a favore di nuove regole secondo le quali gli atleti transgender non potranno gareggiare nelle competizioni d'élite femminili se hanno attraversato una qualsiasi parte del […]
Leggi ora