Come il presidente Obama ha introdotto l'identità di genere nella scuole americane

Senza che nessuno ne abbia mai dato una chiara definizione, e senza alcun dibattito pubblico, la gender identity è diventata un principio guida nelle istituzioni scolastiche Usa. Il ruolo proattivo dell'ex-presidente e della potentissima famiglia Pritzker, leader nell'industria farmaceutica
Condividi questo articolo

Un decennio fa la maggior parte degli insegnanti, dei presidi e degli studenti delle scuole primarie e secondarie non aveva mai sentito i termini "transgender" o "identità di genere". In un decennio tutto è cambiato.

Ormai ogni insegnante, preside e studente in tutta l'America ha sentito questi termini, anche se non sono ben sicuri di che cosa significhino. Il concetto di "identità di genere", spesso cambia a seconda di chi sta parlando. Non c'è mai stata una definizione giuridica o logica stabile del termine e spesso le definizioni sono tautologiche, cioè "L' identità di genere è il senso interno e profondo di una persona o la consapevolezza psicologica del proprio genere." Ciò che sembra stia accadendo è che "identità di genere" è diventata un eufemismo per dissociazione del corpo. Ai bambini viene insegnato che possono essere maschi o femmine, che il sesso viene assegnato alla nascita e che possono scegliere di quale sesso sono in seguito.

Come è successo?

Il presidente Obama e i suoi responsabili hanno avuto una parte di primo piano nell'istituzione dell'ideologia dell'identità di genere nelle scuole primarie e secondarie.

Nel 2008 Obama era solo una speranza negli occhi di Penny Pritzker . Oscuro senatore dell'Illinois, Obama era fondamentalmente sconosciuto. Penny Pritzker, famiglia dei miliardari di Chicago Pritzker che condividono massicci investimenti nel complesso medico industriale (MIC), ha lavorato per portare Obama alla Casa Bianca, riuscendo a garantirgli non solo un mandato ma due, presentandolo ai titani della finanza, incluso il capo di Goldman Sachs. Ha aiutato a finanziare i suoi comitati di sostegno e in seguito è diventata la sua Segretaria al Commercio.

Penny Pritzker non è l'unico Pritzker importante nella storia di come l'ideologia dell'identità di genere sia entrata nelle scuole dei nostri figli, ma Obama è stata immediatamente ai suoi ordini.

Nel 2009, subito dopo essere stato eletto, ha trasformato in legge il Matthew Shepard e James Byrd, Jr. Hate Crimes Prevention Act, che ha esteso la copertura della legge federale sui crimini d'odio per includere quelli basati sull'"identità di genere" della vittima. Cosa fosse l'identità di genere non è mai stato definito.

Nel 2010 ha avviato campagne antibullismo nelle scuole per studenti LGBT e ha iniziato a far passare rapidamente altre leggi "transgender". Questo è stato l'anno in cui GLSEN (Gay Lesbian Straight Education Network) ha iniziato a fare pressioni sulle scuole dell'Illinois per la protezione contro il bullismo nei confronti degli studenti LGBT e degli studenti con un' "identità di genere" che li avrebbe potuti rendere vittime di bullismo. È stata la prima spinta per portare l'“identità di genere” come concetto nelle scuole dei bambini. Tra i sostenitori di GLSEN c'è Walt Disney Corporation che ha donato cento milioni di dollari agli ospedali pediatrici in America e in Europa molti dei quali hanno "cliniche di genere" per i giovani .

Questa attività di lobbying delle scuole contro il bullismo nei confronti di giovani e dei bambini LGBT con "identità di genere" è iniziata cinque anni dopo che la T+ ha iniziato ad apparire sotto la bandiera dei diritti umani LGB e le organizzazioni "transgender" sono cresciute a livello globale. Senza alcuna spiegazione, Improvvisamente, "transgender" e "identità di genere" erano ovunque.

GLSEN è anche finanziato dalla Fondazione Arcus , una delle più grandi ONG LGBT negli Stati Uniti, che guida l'ideologia dell'identità di genere a livello globale. Il fondatore della Arcus Foundation, Jon Stryker, finanzia la sua fondazione milioni di dollari attraverso la sua società, Stryker Medical. GLSEN è anche finanziato dalla Gill Foundation , un'altra massiccia ONG LGBT che guida l'ideologia dell'"identità di genere" all'insegna della sicurezza e dell'anti-bullismo per i bambini.

Nel 2010 i concetti mutevoli di "bambini transgender" o bambini con "identità di genere" innate in base alle quali venivano bullizzati erano giusto un fioco segnale intercettato dai radar, e nonostante ciò alcune delle persone più importanti e più ricche d'America stavano prendendo misure per la loro protezione nelle nostre istituzioni. Vale la pena di notare che sebbene queste nuove identità siano entrate nelle scuole K-12 sotto la bandiera dell'identità sessuale, le lezioni sul "transgender" e l'"identità di genere" sono state portate nelle scuole sia nei nuovi corsi di educazione sessuale sia come parte delle campagne anti-bullismo dalle quali i genitori non potevano escludere i propri figli.

Come il presidente Obama ha introdotto l'identità di genere nella scuole americane
Jennifer Pritzker

Nel 2013 Jennifer Pritzker, cugina di Penny Pritzker, altra miliardaria della famiglia filantropica -l'unico miliardario trans nel mondo, ndr- ha dichiarato di avere cambiato nome da James a Jennifer, nome che esprimeva il suo status immaginario di donna. A 63 anni, con due matrimoni alle spalle e tre figli, ha assunto il ruolo di promuovere l'"identità di genere" nelle nostre istituzioni culturali attraverso la sua Fondazione Tawani , compreso il finanziamento dell'Equality Illinois Education Project , altro presunto programma anti-bullismo utilizzato per portare la debole ideologia dell'“identità di genere” nelle scuole dei bambini.

Nel 2015, mentre i concetti ancora incerti di "transgender" e "identità di genere" erano sempre più usati dai media e dai reality show, e le star di Hollywood facevano sfilare i loro figli come bambini del sesso opposto, Obama è diventato il primo presidente a pronunciare la parola "transgender" in uno discorso sullo stato dell'unione. Ha ospitato un summit giovanile alla Casa Bianca per la Gioventù LGBT e ha indetto un incontro specifico per studenti “transgender” guadagnandosi il titolo di “Trans President”. Lo stava facendo questo per quel segmento infinitesimale della popolazione di bambini nelle scuole primarie e secondarie che avevano un problema di disforia riguardo ai loro genitali? Se sì, perché? Che cos'è un "bambino transgender?" Che cos'è l'"identità di genere" e perché i bambini improvvisamente ne hanno una? Noi, il popolo americano, ce lo stiamo ancora chiedendo.

Non siamo i soli a mettere in discussione la costruzione dei "bambini transgender". Nel Regno Unito, la dott.ssa Heather Brunskell Evans riferisce di gruppi di pressione che guidano la narrativa di "identità di genere" e di identità mediche "transgender" nei bambini che non trovano alcun fondamento nella realtà materiale.

Arriviamo al 2019. JB Pritzker, governatore dell'Illinois, fratello di Penny Pritzker e cugino di Jennifer Pritzker, ha investito venticinque milioni di dollari in iniziative per la prima infanzia. Ha anche abbandonato ogni pretesa di fare campagne anti-bullismo per gli studenti LGB nelle scuole elementari e ha lanciato un ordine esecutivo creando una Task Force affermativa e inclusiva per "migliorare l'ambiente di apprendimento per scolari 'transgender', 'non binari' e di genere non conforme, affermandoli e sostenendoli ". A capo della task force, il direttore associato dei programmi e delle iniziative comunitarie presso il Lurie Children's Hospital di Chicago (Jennifer Pritzker ha fornito i fondi per la "clinica di genere" del Lurie Children's Hospital nel 2013). Sebbene il rapporto della task force si proponga come linee guida, è chiaro che nelle scuole dell'Illinois tutti si atterranno ai dettami di un'ideologia che non è mai stata discussa, valutata o approvata in una pubblica discussione, ideologia che mette i bambini contro la realtà biologica dei loro corpi sessuati.

Almeno ora sappiamo chi ha pagato per questi precetti.

Jennifer Bilek

articolo originale qui, traduzione di Marina Terragni

Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerete altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento. Se pensate che il nostro lavoro possa essere utile per la vostra vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.  

Potete inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora
6 Agosto 2022
California, transificio di bambine/i
Lo stato americano si propone come meta di turismo "sanitario" per le/i minori che non riescono ad accedere alla transizione nel luogo in cui vivono. Esautorando i genitori e sollevando gli operatori da ogni rischio di causa in caso di successivi "pentimenti". Intanto in UK, dopo la chiusura della Tavistock, occhi puntati su una clinica scozzese dove il modello sperimentale (bloccanti della pubertà e chirurgia) continua a essere applicato
Negli Stati Uniti è in corso una vera e propria guerra sull’ideologia dell’identità di genere e la sua promozione nelle scuole. Una “guerra culturale” che vede contrapposte le élite, che finanziano e promuovono la gender ideology, e la gente comune che vi si oppone (vedere qui il caso Disney). Mentre Biden fin dal primo giorno ha fatto molte concessioni legislative all’attivismo trans a livello federale, i repubblicani hanno intercettato lo scontento della cittadinanza con diverse contro-leggi a livello statale, come […]
Leggi ora
29 Luglio 2022
UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical
L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro […]
Leggi ora
28 Luglio 2022
Argentina: stop al linguaggio neutro nelle scuole
E' stato il primo paese a introdurre l’auto-identificazione di genere. Dieci anni dopo è tra i primi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole in quanto "nemmeno così inclusivo: crea una barriera per i bambini con difficoltà di apprendimento”
Nel 2012 l’Argentina è stato il primo paese al mondo a introdurre il self-id o auto-identificazione di genere nel suo ordinamento giuridico. Dieci anni dopo è uno dei primi paesi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole. Come insegnano le madri del femminismo radicale e del pensiero della differenza, il neutro è uno specchietto per le allodole che di fatto riporta al centro il punto di vista maschile. Se l’illusione del neutro salta meno all’occhio nella lingua inglese, è subito […]
Leggi ora
20 Luglio 2022
Dove sta andando la Casa delle Donne di Roma?
"La Casa siamo tutte" recita il bello slogan dello storico enclave di Trastevere. Ma in quello spazio, che è pubblico e dovrebbe essere aperto, l'agibilità è solo transfemminista. E dopo il sostegno acritico al ddl Zan -per fermare i femminicidi!-, il sì all'utero in affitto e al "sex work", ora anche l'inno agli ultracorpi maschili negli sport femminili: forse è il momento che si apra una riflessione
La Casa Internazionale delle Donne di Roma condivide la proposta dell'università della Pennsylvania di nominare Lia Thomas "atleta donna dell'anno". Lia Thomas, di cui abbiamo parlato più volte qui, è la celebre nuotatore che ha sbaragliato più volte le avversarie gareggiando nelle categorie femminili, ma che ha avuto quanto meno il merito di far finalmente esplodere la questione degli ultracorpi maschili negli sport delle donne. Il post condiviso dalla Casa Internazionale delle Donne, un piccolo confusionario trattato di femminismo Intersezionale, […]
Leggi ora
6 Luglio 2022
Maya Forstater, licenziata per aver detto che il sesso non si può cambiare, vince in tribunale: fu discriminazione
Decisiva per il femminismo gender critical in tutto il mondo la vittoria di Maya, ricercatrice che perse il suo lavoro per un tweet in cui scriveva che il sesso biologico è immutabile e che le donne hanno diritti basati sul sesso. La Gran Bretagna ribadisce il diritto a criticare l'identità di genere: minacce e accuse di transfobia sono illegittime. "Un'ulteriore prova" dice Forstater "che il vento sta cambiando". La sentenza definitiva del tribunale del lavoro ha anche condannato a un risarcimento la società che non ha rinnovato il contratto alla ricercatrice, cofondatrice di Sex Matters. Un trionfo su tutta la linea
Un anno fa, giugno 2021, Feminist Post ha pubblicato un articolo sul caso di Maya Forstater, la ricercatrice britannica il cui contratto di lavoro non fu rinnovato dal suo datore di lavoro per aver espresso delle opinioni critiche sul concetto di identità di genere ed aver riaffermato l’importanza dei diritti delle donne fondati sul sesso. L’articolo si chiudeva ricordando ai lettori e alle lettrici che il caso di Maya non era ancora concluso e, anche se la sentenza d'appello del […]
Leggi ora