Come il presidente Obama ha introdotto l'identità di genere nella scuole americane

Senza che nessuno ne abbia mai dato una chiara definizione, e senza alcun dibattito pubblico, la gender identity è diventata un principio guida nelle istituzioni scolastiche Usa. Il ruolo proattivo dell'ex-presidente e della potentissima famiglia Pritzker, leader nell'industria farmaceutica
Condividi questo articolo

Un decennio fa la maggior parte degli insegnanti, dei presidi e degli studenti delle scuole primarie e secondarie non aveva mai sentito i termini "transgender" o "identità di genere". In un decennio tutto è cambiato.

Ormai ogni insegnante, preside e studente in tutta l'America ha sentito questi termini, anche se non sono ben sicuri di che cosa significhino. Il concetto di "identità di genere", spesso cambia a seconda di chi sta parlando. Non c'è mai stata una definizione giuridica o logica stabile del termine e spesso le definizioni sono tautologiche, cioè "L' identità di genere è il senso interno e profondo di una persona o la consapevolezza psicologica del proprio genere." Ciò che sembra stia accadendo è che "identità di genere" è diventata un eufemismo per dissociazione del corpo. Ai bambini viene insegnato che possono essere maschi o femmine, che il sesso viene assegnato alla nascita e che possono scegliere di quale sesso sono in seguito.

Come è successo?

Il presidente Obama e i suoi responsabili hanno avuto una parte di primo piano nell'istituzione dell'ideologia dell'identità di genere nelle scuole primarie e secondarie.

Nel 2008 Obama era solo una speranza negli occhi di Penny Pritzker . Oscuro senatore dell'Illinois, Obama era fondamentalmente sconosciuto. Penny Pritzker, famiglia dei miliardari di Chicago Pritzker che condividono massicci investimenti nel complesso medico industriale (MIC), ha lavorato per portare Obama alla Casa Bianca, riuscendo a garantirgli non solo un mandato ma due, presentandolo ai titani della finanza, incluso il capo di Goldman Sachs. Ha aiutato a finanziare i suoi comitati di sostegno e in seguito è diventata la sua Segretaria al Commercio.

Penny Pritzker non è l'unico Pritzker importante nella storia di come l'ideologia dell'identità di genere sia entrata nelle scuole dei nostri figli, ma Obama è stata immediatamente ai suoi ordini.

Nel 2009, subito dopo essere stato eletto, ha trasformato in legge il Matthew Shepard e James Byrd, Jr. Hate Crimes Prevention Act, che ha esteso la copertura della legge federale sui crimini d'odio per includere quelli basati sull'"identità di genere" della vittima. Cosa fosse l'identità di genere non è mai stato definito.

Nel 2010 ha avviato campagne antibullismo nelle scuole per studenti LGBT e ha iniziato a far passare rapidamente altre leggi "transgender". Questo è stato l'anno in cui GLSEN (Gay Lesbian Straight Education Network) ha iniziato a fare pressioni sulle scuole dell'Illinois per la protezione contro il bullismo nei confronti degli studenti LGBT e degli studenti con un' "identità di genere" che li avrebbe potuti rendere vittime di bullismo. È stata la prima spinta per portare l'“identità di genere” come concetto nelle scuole dei bambini. Tra i sostenitori di GLSEN c'è Walt Disney Corporation che ha donato cento milioni di dollari agli ospedali pediatrici in America e in Europa molti dei quali hanno "cliniche di genere" per i giovani .

Questa attività di lobbying delle scuole contro il bullismo nei confronti di giovani e dei bambini LGBT con "identità di genere" è iniziata cinque anni dopo che la T+ ha iniziato ad apparire sotto la bandiera dei diritti umani LGB e le organizzazioni "transgender" sono cresciute a livello globale. Senza alcuna spiegazione, Improvvisamente, "transgender" e "identità di genere" erano ovunque.

GLSEN è anche finanziato dalla Fondazione Arcus , una delle più grandi ONG LGBT negli Stati Uniti, che guida l'ideologia dell'identità di genere a livello globale. Il fondatore della Arcus Foundation, Jon Stryker, finanzia la sua fondazione milioni di dollari attraverso la sua società, Stryker Medical. GLSEN è anche finanziato dalla Gill Foundation , un'altra massiccia ONG LGBT che guida l'ideologia dell'"identità di genere" all'insegna della sicurezza e dell'anti-bullismo per i bambini.

Nel 2010 i concetti mutevoli di "bambini transgender" o bambini con "identità di genere" innate in base alle quali venivano bullizzati erano giusto un fioco segnale intercettato dai radar, e nonostante ciò alcune delle persone più importanti e più ricche d'America stavano prendendo misure per la loro protezione nelle nostre istituzioni. Vale la pena di notare che sebbene queste nuove identità siano entrate nelle scuole K-12 sotto la bandiera dell'identità sessuale, le lezioni sul "transgender" e l'"identità di genere" sono state portate nelle scuole sia nei nuovi corsi di educazione sessuale sia come parte delle campagne anti-bullismo dalle quali i genitori non potevano escludere i propri figli.

Come il presidente Obama ha introdotto l'identità di genere nella scuole americane
Jennifer Pritzker

Nel 2013 Jennifer Pritzker, cugina di Penny Pritzker, altra miliardaria della famiglia filantropica -l'unico miliardario trans nel mondo, ndr- ha dichiarato di avere cambiato nome da James a Jennifer, nome che esprimeva il suo status immaginario di donna. A 63 anni, con due matrimoni alle spalle e tre figli, ha assunto il ruolo di promuovere l'"identità di genere" nelle nostre istituzioni culturali attraverso la sua Fondazione Tawani , compreso il finanziamento dell'Equality Illinois Education Project , altro presunto programma anti-bullismo utilizzato per portare la debole ideologia dell'“identità di genere” nelle scuole dei bambini.

Nel 2015, mentre i concetti ancora incerti di "transgender" e "identità di genere" erano sempre più usati dai media e dai reality show, e le star di Hollywood facevano sfilare i loro figli come bambini del sesso opposto, Obama è diventato il primo presidente a pronunciare la parola "transgender" in uno discorso sullo stato dell'unione. Ha ospitato un summit giovanile alla Casa Bianca per la Gioventù LGBT e ha indetto un incontro specifico per studenti “transgender” guadagnandosi il titolo di “Trans President”. Lo stava facendo questo per quel segmento infinitesimale della popolazione di bambini nelle scuole primarie e secondarie che avevano un problema di disforia riguardo ai loro genitali? Se sì, perché? Che cos'è un "bambino transgender?" Che cos'è l'"identità di genere" e perché i bambini improvvisamente ne hanno una? Noi, il popolo americano, ce lo stiamo ancora chiedendo.

Non siamo i soli a mettere in discussione la costruzione dei "bambini transgender". Nel Regno Unito, la dott.ssa Heather Brunskell Evans riferisce di gruppi di pressione che guidano la narrativa di "identità di genere" e di identità mediche "transgender" nei bambini che non trovano alcun fondamento nella realtà materiale.

Arriviamo al 2019. JB Pritzker, governatore dell'Illinois, fratello di Penny Pritzker e cugino di Jennifer Pritzker, ha investito venticinque milioni di dollari in iniziative per la prima infanzia. Ha anche abbandonato ogni pretesa di fare campagne anti-bullismo per gli studenti LGB nelle scuole elementari e ha lanciato un ordine esecutivo creando una Task Force affermativa e inclusiva per "migliorare l'ambiente di apprendimento per scolari 'transgender', 'non binari' e di genere non conforme, affermandoli e sostenendoli ". A capo della task force, il direttore associato dei programmi e delle iniziative comunitarie presso il Lurie Children's Hospital di Chicago (Jennifer Pritzker ha fornito i fondi per la "clinica di genere" del Lurie Children's Hospital nel 2013). Sebbene il rapporto della task force si proponga come linee guida, è chiaro che nelle scuole dell'Illinois tutti si atterranno ai dettami di un'ideologia che non è mai stata discussa, valutata o approvata in una pubblica discussione, ideologia che mette i bambini contro la realtà biologica dei loro corpi sessuati.

Almeno ora sappiamo chi ha pagato per questi precetti.

Jennifer Bilek

articolo originale qui, traduzione di Marina Terragni

Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerete altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento. Se pensate che il nostro lavoro possa essere utile per la vostra vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.  

Potete inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
1 Febbraio 2023
Olanda: se blocchi lo sviluppo di bambine e bambini li spingi a diventare trans
Il protocollo -mettere in pausa la pubertà per consentire ai minori di “scegliere” il sesso- l’hanno inventato loro. Ma anche gli olandesi ora ammettono che in 9 casi su 10 i blocker non danno più tempo per "decidere" ma sono l’inizio della transizione. Una profezia che si auto-avvera. E che gli effetti di questi farmaci non sono affatto reversibili
La clinica universitaria Amsterdam UMC, pioniera nell'uso dei bloccanti della pubertà, ha ammesso che i bambini che assumono questi farmaci possono trovarsi bloccati in una maggiore medicalizzazione. L’ammissione arriva in seguito alla pubblicazione all'inizio di questo mese di un nuovo studio retrospettivo che esamina 20 anni di interventi ormonali noti come "protocollo olandese", condotto su 1.766 bambini e adolescenti tra il 1972 e il 2018 presso la famosa clinica di Amsterdam e pubblicato su The Journal of Sexual Medicine. Ma […]
Leggi ora
30 Gennaio 2023
Nasce GenerAzioneD, associazione italiana di genitori di minori che si definiscono "trans"
Un sito di orientamento e di informazione per sostenere e accompagnare madri e padri che si trovino a vivere questa complessa esperienza: testimonianze, interviste, e link per contribuire a un dibattito approfondito che oggi non trova spazio sui media mainstream
Si è costituita l’associazione culturale, apolitica, aconfessionale e priva di scopi di lucro GenerAzioneD Scopo primario dell’associazione è quello di informare in merito alle problematiche della disforia/incongruenza di genere in bambini, adolescenti e giovani adulti. Attraverso la divulgazione di testimonianze, notizie, articoli nazionali e internazionali in traduzione e la promozione di occasioni di confronto, GenerAzioneD si propone di favorire la trasparenza necessaria affinché venga garantita la migliore assistenza possibile alle persone coinvolte.  GenerAzioneD nasce infatti dall’incontro di alcuni genitori accumunati dall’esperienza di avere figli […]
Leggi ora
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
21 Gennaio 2023
Anche in Italia si apre -finalmente!- il dibattito sui bloccanti della pubertà
A rompere il silenzio la Società Psicoanalitica Italiana che chiede una discussione scientifica aperta su questi trattamenti che definisce "sperimentali", non supportati da adeguati studi e a forte rischio etico perché predeterminano il destino di bambine e bambini
In notevole ritardo rispetto al Grande Nord europeo, alla Gran Bretagna all'Australia, ad alcuni stati USA -che hanno bruscamente frenato sull'uso del puberty blocker come "terapia" per bambine e bambini dai comportamenti non conformi al genere, anche in Italia si rompe finalmente il silenzio con una lettera indirizzata al governo da parte della Società Psicoanalitica Italiana, che invita alla prudenza e all'apertura di una discussione scientifica pubblica. A seguire riproduciamo le interviste realizzate da Marina Terragni per Il Foglio e […]
Leggi ora