Come hanno fatto a vincere la guerra contro Roe

Non avere trasformato la Roe v. Wade in legge è stato l'errore capitale della sinistra americana, a cominciare da Barack Obama. L'aborto era una questione del tutto secondaria per i liberal assorbiti dalle trans-politics, che hanno passato gli anni a cancellare la parola "donna" rinominandola come "mestruatore" e "portatore di utero", anziché occuparsi dei diritti delle donne
Condividi questo articolo

Come hanno fatto i pro-life americani a vincere la guerra contro la sentenza Roe v. Wade? Nell’articolo di cui vi presentiamo ampli stralci la giornalista Sarah Ditum spiega come l’incuria e l’arroganza dei democratici hanno involontariamente aiutato a riportare indietro di 50 anni i diritti delle donne in America.


"Quando è diventato certo che il diritto all'aborto delle donne americane sarebbe stato revocato? La sentenza della Corte Suprema secondo la quale "Roe era terribilmente sbagliata fin dall'inizio" è trapelata quasi due mesi fa, quindi irilascio formale della sentenza è stato un boccone amaro, ma non certo una sorpresa.

Certamente il maggiore responsabile è Donald Trump. La sua amministrazione, che dava l'impressione di essere composta da fedelissimi improvvisati e che infatti ha avuto vita breve, è riuscita in qualche modo a nominare ben tre -tre!- giudici della Corte Suprema, tutti conservatori fino al midollo.

Ma non avrebbe mai potuto raggiungere questo obiettivo senza l'aiuto della giudice Ruth Bader Ginsburg, icona liberale della giurisprudenza, che ha perso l'occasione di ritirarsi sotto l'amministrazione Obama e ha continuato a lavorare fino al suo ultimo respiro a 87 anni, nel 2020.

Mentre Ginsburg riscuoteva applausi per i suoi allenamenti con il personal trainer, l'altra parte aspettava comodamente che morisse. La ricompensa per il suo servizio sarebbe stata di essere sostituita dalla giudice Amy Coney Barrett, una fedele pro-life che ha avuto la parte decisiva nella condanna di Roe (e che probabilmente sosterrà anche il rovesciamento dei diritti dei gay).

Ginsburg avrebbe potuto godersi i suoi ultimi giri di vittoria come eroina femminista senza alcun costo per la causa, se solo Barack Obama avesse mantenuto una delle sue promesse elettorali e firmato il disegno di legge sulla libertà di scelta.

Questa legislazione, che avrebbe codificato Roe v. Wade , avrebbe dovuto essere "la prima cosa che farò da presidente", come aveva detto nel 2007. Una volta diventato presidente, però, è stata retrocessa a "non è la mia massima priorità legislativa". Scopriamo così che è abbastanza difficile per l'arco della giustizia piegarsi verso la Storia se il ragazzo in carica non si preoccupa di applicare un minimo sforzo alla questione.

[...]

Tredici stati hanno già in vigore "leggi trigger" pronte per la fine di Roe, il che significa che l'aborto sarà bandito nel giro di un mese. Gli oppositori dell'aborto erano pronti per tutto questo. Gli oppositori dell'aborto erano pronti da molto tempo.

Perché, allora, i pro-choice americani sono stati assolutamente inetti di fronte a tutto ciò? Mi riferisco a Obama, a Ginsburg, e anche organizzazioni come Planned Parenthood e ACLU, che hanno passato gli ultimi anni a fare campagne contro la parola "donna" invece che a difendere i diritti delle donne.

[...]

Mentre la destra erodeva diligentemente i diritti delle donne, la sinistra rispondeva offrendo alle donne un ricatto. Restate con noi, perché gli altri sono anche peggio. Certo, non è dignitoso essere definite un "mestruatore" o un "portatore di utero", ma questo è il prezzo da pagare per entrare nella grande tenda liberale. Se non volete essere ridotte al vostro sistema riproduttivo, sarà meglio che iniziate a ridurvi da sole al vostro sistema riproduttivo.

Che scherzo crudele. La destra ha vinto la guerra contro Roe perché ha preso sul serio l'aborto. La sinistra ha perso perché l'ha trattato come una banalità, un affare già concluso, qualcosa con cui potevano minacciare le donne ("figuratevi se potrete perdere questo!"), ma non l'ha mai difeso attivamente.

[...]

Vale la pena ricordare che le donne americane non hanno un congedo di maternità obbligatorio a livello nazionale. [...] Si potrebbe pensare che una politica pro-vita inizi con la protezione dell'occupazione per le donne che dovrebbero allevare questi bambini sacri, ma purtroppo no. Nella destra americana c'è un'incapacità terminale di immaginare che la donna che porta a termine una gravidanza indesiderata sarà la stessa donna che non potrà pagare l'affitto quattro settimane dopo perché non può andare al lavoro.

Ma non è molto diversa la sinistra che insiste nel dire che non si tratta di una "donna", ma semplicemente di un insieme di organi che partorisce, che allatta, che sanguina. 

Obama è riuscito a non usare la parola "donna" nel suo tweet sulla sentenza della Corte Suprema. E così anche Alexandria Ocasio-Cortez, la starlet femminista preferita dai democratici. L'America, semplicemente, non è un paese per donne, e con la fine di Roe le cose peggiorano notevolmente.

Traduzione di Maria Celeste

Articolo integrale qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
6 Agosto 2022
California, transificio di bambine/i
Lo stato americano si propone come meta di turismo "sanitario" per le/i minori che non riescono ad accedere alla transizione nel luogo in cui vivono. Esautorando i genitori e sollevando gli operatori da ogni rischio di causa in caso di successivi "pentimenti". Intanto in UK, dopo la chiusura della Tavistock, occhi puntati su una clinica scozzese dove il modello sperimentale (bloccanti della pubertà e chirurgia) continua a essere applicato
Negli Stati Uniti è in corso una vera e propria guerra sull’ideologia dell’identità di genere e la sua promozione nelle scuole. Una “guerra culturale” che vede contrapposte le élite, che finanziano e promuovono la gender ideology, e la gente comune che vi si oppone (vedere qui il caso Disney). Mentre Biden fin dal primo giorno ha fatto molte concessioni legislative all’attivismo trans a livello federale, i repubblicani hanno intercettato lo scontento della cittadinanza con diverse contro-leggi a livello statale, come […]
Leggi ora
3 Agosto 2022
Operaia sì. Ministra no. Donna nemmeno
Se c’è una cosa su cui i politici italiani sono tutti d’accordo è la cancellazione delle donne, a partire dal linguaggio. Mentre la sinistra "progressista" ci cancella con asterischi e schwa -lingua finto-inclusiva che riporta tutto al maschile- la destra rifiuta di usare il femminile per le donne di autorità nelle istituzioni. Ma la parole sono importanti perché fanno realtà
Incredibilmente -e con voto segreto, scelleratamente concesso dalla presidente Casellati- qualche giorno fa il Senato ha respinto l'emendamento Maiorino che autorizzava a chiamare le donne delle istituzioni con il loro nome. Questione che ha una profonda rilevanza politica. Sono molti i poeti che nel corso dei secoli si sono avvalsi di licenze poetiche, ovvero intenzionali errori grammaticali, metrici e sintattici con l'intenzione di sottolineare un concetto o alterare la sonorità del componimento. Il 27 luglio 2022 a palazzo Madama è […]
Leggi ora
29 Luglio 2022
UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical
L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro […]
Leggi ora
28 Luglio 2022
Argentina: stop al linguaggio neutro nelle scuole
E' stato il primo paese a introdurre l’auto-identificazione di genere. Dieci anni dopo è tra i primi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole in quanto "nemmeno così inclusivo: crea una barriera per i bambini con difficoltà di apprendimento”
Nel 2012 l’Argentina è stato il primo paese al mondo a introdurre il self-id o auto-identificazione di genere nel suo ordinamento giuridico. Dieci anni dopo è uno dei primi paesi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole. Come insegnano le madri del femminismo radicale e del pensiero della differenza, il neutro è uno specchietto per le allodole che di fatto riporta al centro il punto di vista maschile. Se l’illusione del neutro salta meno all’occhio nella lingua inglese, è subito […]
Leggi ora
25 Luglio 2022
Campo aperto, liste chiuse
L'occhio di tigre non vuole vedere che tu puoi riassemblare e ricombinare lo schieramento quanto vuoi, ma se le facce e i nomi restano gli stessi sei molto poco credibile. E se l'unico obiettivo riconoscibile dal più dell'elettorato è sbarrare la strada all'avversaria politica -per una volta una donna, il che rende tutto ancora più surreale- le probabilità di successo non sono molte
Lavori in corso per la costruzione del grande rassemblement o campo aperto (quello largo è stato dismesso). La discussione è solo tra uomini (con la parziale eccezione di Emma Bonino) e il cemento che tiene insieme il progetto di coalizione è "fermare Meloni": di programmi politici si discute poco, e che cosa possano avere in comune Calenda, Fratoianni e Di Maio è tutto da capire. Osservatori e sociologi della politica si sgolano a far notare che costruire un progetto "contro" […]
Leggi ora
6 Luglio 2022
Maya Forstater, licenziata per aver detto che il sesso non si può cambiare, vince in tribunale: fu discriminazione
Decisiva per il femminismo gender critical in tutto il mondo la vittoria di Maya, ricercatrice che perse il suo lavoro per un tweet in cui scriveva che il sesso biologico è immutabile e che le donne hanno diritti basati sul sesso. La Gran Bretagna ribadisce il diritto a criticare l'identità di genere: minacce e accuse di transfobia sono illegittime. "Un'ulteriore prova" dice Forstater "che il vento sta cambiando". La sentenza definitiva del tribunale del lavoro ha anche condannato a un risarcimento la società che non ha rinnovato il contratto alla ricercatrice, cofondatrice di Sex Matters. Un trionfo su tutta la linea
Un anno fa, giugno 2021, Feminist Post ha pubblicato un articolo sul caso di Maya Forstater, la ricercatrice britannica il cui contratto di lavoro non fu rinnovato dal suo datore di lavoro per aver espresso delle opinioni critiche sul concetto di identità di genere ed aver riaffermato l’importanza dei diritti delle donne fondati sul sesso. L’articolo si chiudeva ricordando ai lettori e alle lettrici che il caso di Maya non era ancora concluso e, anche se la sentenza d'appello del […]
Leggi ora