CBS news sotto attacco queer per una trasmissione sui detransitioner

Una puntata sui detransitioner di 60 Minutes, storico programma del canale americano CBS News, è stata oggetto di avvertimenti e minacce dei transattivisti già in fase di preparazione. Il diktat è sempre lo stesso: tacere. Ammessa solo la propaganda glitterata
Condividi questo articolo

La strategia dell’attivismo queer ordina sempre il silenzio.

Se i politici stanno discutendo una proposta di legge per introdurre l’auto-determinazione di genere è preferibile che i media non ne parlino, e se ne parlano dovranno dire che la legge è solamente “contro la discriminazione delle persole LGBT” e tacere sul resto. Ogni opinione minimamente dissonante viene messa a tacere con insulti, minacce (in gergo chilling effect) e oscuramento (no platform).

Tutto questo accade anche in Italia, si veda per esempio il silenzio totale quando il DDL Zan fu approvato alla Camera l’ottobre scorso.

Più recentemente, l’Agenzia Dire ha subito un attacco per aver pubblicato un breve articolo -vedere qui- in cui non si osannava Ellen/Elliot Page che mostra le cicatrici da mastectomia non necessaria. L’accusa è di presunta “transfobia” e addirittura di “violenza nei confronti delle persone trans”. Le critiche e anche le minacce ricevute hanno sortito l’effetto desiderato dagli attivisti dell’identità di genere: l’Agenzia Dire infatti ha chiesto scusa e ha promesso che darà ai suoi giornalisti delle ‘linee guida’ su come trattare il tema della transizione -vedere qui-.

Nell’articolo che segue vi raccontiamo il recente attacco subito da un canale americano per un servizio sui detransitioner, ragazze e ragazzi che da adolescenti sono stati avviati alla transizione medica e hanno poi preso la sofferta decisione di “ritornare” del loro sesso, ovvero di fare la “detransizione”.

Per ascoltare le esperienze delle detransitioner potete vedere il nostro webinar “Tornare donne, storie di de-transizione” -vedere qui- e leggere qui la testimonianza della nostra collaboratrice Valentina Beoni, finora l’unica detransitioner italiana ad aver parlato pubblicamente.


Perché gli attivisti dell’ideologia dell’identità di genere, che sostengono di volere una migliore assistenza sanitaria per le persone trans-identificate, lottano disperatamente per mettere a tacere le voci dei detransitioner?

Questa domanda proibita e senza risposta è recentemente tornata alla ribalta a causa di “60 Minutes”, storico programma di attualità del canale americano CBS News, che ha avuto la temerarietà di mandare in onda un approfondimento sui detransitioner (disponibile qui).

L'ideologia di genere è tema di primo piano negli Stati Uniti da quando l'amministrazione Biden ha reso prioritario lo smantellamento dei diritti delle donne basati sul sesso al servizio del diritto degli uomini di identificarsi come donne e usufruire di spazi, categorie e linguaggi femminili. L'opposizione – i repubblicani, che sono considerati di destra, anche se questo è un errore poiché entrambi i partiti sono neoliberali – ha iniziato il contrattacco legiferando contro la "transizione di genere" pediatrica medicalizzata, seguendo l'esempio di Regno Unito, Svezia e Finlandia, dove i tribunali e le istituzioni mediche sono arrivati a considerare questi interventi trattamenti sperimentali, senza alcuna prova solida di beneficio (vedere qui).

Considerando questa notizia degna di nota, Lesley Stahl, giornalista veterana e rispettata che lavora da 30 anni a “60 minutes”, ha presentato un pezzo su queste nuove leggi con interviste a clinici e attivisti, così come ad alcuni giovani detransitioner. Questo ha fatto infuriare i sostenitori dell’identità di genere. Quando a marzo è trapelata la notizia che questo servizio era in preparazione è iniziata una campagna di intimidazione da parte degli attivisti trans.

Gli attivisti dell’identità di genere sono ben organizzati, e Lesley Stahl ha dichiarato di non aver mai ricevuto così tante critiche su un pezzo prima ancora che andasse in onda.

Quando è andato in onda, il segmento di quasi 14 minuti si è rivelato molto sbilanciato a favore di chi fa propaganda all’identità di genere. Il servizio era incentrato sulla presunta "guerra culturale" che i legislatori repubblicani starebbero conducendo “contro le persone transgender”, ed è stato completato con la testimonianza di un operatore sanitario al servizio dell’industria della transizione, il quale ha assicurato a Stahl che l'assistenza sanitaria “trans-affermante” (che chiede l’accesso sempre più facile ai bloccanti della pubertà, ormoni, chirurgia) è la migliore e unica opzione “etica” per trattare la disforia di genere. Stahl ha fatto poco per mettere in discussione l’affermazione che le persone trans-identificate sarebbero vittime emarginate e starebbero “soffrendo un’epidemia di violenza”. Per inciso, due degli operatori sanitari intervistati erano uomini trans-identificati (trans MtF) - una scelta ironica considerando tutto il discorso sulla comunità trans che sarebbe “fortemente discriminata” anche in ambito lavorativo.

In ogni caso Stahl ha parlato anche con tre giovani che sono stati avviati frettolosamente all’assunzione di ormoni e a interventi chirurgici e poi hanno fatto la “detransizione”.

Ma non importa quanto spazio il servizio abbia dedicato a coloro che hanno fatto la transizione in età avanzata, e che probabilmente hanno alle spalle anni di normale funzione sessuale da adulti, che sostengono a parole la presunta “legittimità” di trattamenti sperimentali sui giovani. Basta che anche un solo giovane, che sembra appena uscito dalla sua adolescenza, parli di come rimpiange la sua castrazione, per fare capire alla gente la dura realtà dietro ai glitter e ai colori pastello dell’attivismo trans.

Lesley Stahl ha dichiarato di aver intervistato 30 detransitioner; 5 sono apparsi nel servizio e solo a 3 è stato dato spazio per parlare. Dopo la messa in onda del programma televisivo, i detransitioner presenti sono intervenuti sui social media per dire che si sentivano delusi. Non era stato concesso loro abbastanza spazio. Il loro punto di vista non è stato chiarito. Questo è deplorevole poiché questi giovani rappresentano forse le voci più importanti nella discussione sul genere e sull’identità di genere, e sono straordinariamente compassionevoli e riflessivi. Dicono di avere empatia per le persone trans-identificate e vogliono anche una migliore assistenza sanitaria. Dicono di volere il meglio per gli altri che si identificano come trans. Ma dicono anche che la loro medicalizzazione è stata troppo veloce, che hanno avuto altri problemi di salute che sono stati ignorati, che rimpiangono i cambiamenti irreversibili che sono stati fatti ai loro corpi e che non hanno potuto ottenere alcuna “assistenza sanitaria trans” per la loro “detransizione”.

Dicono di essere state (e stati) messe a tacere, insultate e minacciate dalla stessa comunità che una volta le lodava. Gli apostati sono sempre odiati dai veri credenti e da chi li controlla.

La loro esistenza e la sfida all’ideologia trans minacciano le organizzazioni LGBTQ+, gonfiate e generosamente finanziate (vedere qui) che una volta facevano un buon lavoro a sostegno degli omosessuali, come GLAAD, ma che ora fanno soldi promuovendo l'industria della transizione. Gruppi che una volta difendevano la libertà di parola di veri e propri nazisti, come l'ACLU (vedere qui), ora demonizzano persone realmente emarginate.

L'identità di genere è una fantasia, e davanti alla dura realtà dei detransitioner, nessuno potrà fingere di crederci.

Tania Alessandrini, introduzione e traduzione di Maria Celeste

Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerete altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento. Se pensate che il nostro lavoro possa essere utile per la vostra vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.  

Potete inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
25 Febbraio 2024
Il "latte" degli uomini
Il Servizio Sanitario Nazionale inglese assicura che il latte prodotto da un corpo maschile -stimolato con terapia farmacologica ad hoc- è buono per il neonato come quello di sua madre, che viene cancellata. Minimizzando i rischi per la salute del bambino ampiamente compensati dai benefici ideologici e simbolici. È il transumano, bellezze!
Il "latte" degli uomini è un esempio perfetto di quello che chiamiamo transumano. Il latte delle donne invece è umano, troppo umano, è il modello perfetto dell'umano che resiste e perciò l'allattamento naturale va degradato, sbeffeggiato, stigmatizzato come qualcosa di cui vergognarsi e da tenere nascosto. Anzi, è un atto perfino inutile e poco etico. Viceversa promuovere e magnificare l'"allattamento" maschile indica plasticamente la strada da percorrere. Secondo la prestigiosa rivista Pediatrics, organo dell’American Academy of Pediatrics, è «rischioso» definire […]
Leggi ora
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
11 Gennaio 2024
Bambini stupratori: rapporto shock in UK
In Gran Bretagna 18 stupri al giorno vengono commessi da minori sui loro coetanei: nel 2022 questi casi sono stati 15 mila quasi sempre a opera di giovanissimi maschi. Un rapporto della polizia britannica dimostra come il libero accesso alla pornografia violenta online sta normalizzando i comportamenti sessuali criminali in Inghilterra e in tutti gli altri Paesi occidentali
Da anni segnaliamo i danni psicologici e materiali prodotti su un'intera generazione dal libero accesso alla pornografia violenta online, consumata da bambini e bambine a partire dai 7 anni ma anche molto prima: gli stupri di gruppo commessi dai minori sono solo la punta dell'iceberg di questo fenomeno drammatico che oggi è stato analizzato e quantificato da uno studio delle polizia britannica. Su questo tema potete trovare articoli precedenti qui, qui, qui, qui, qui e qui. Siamo state quasi solo […]
Leggi ora
7 Gennaio 2024
New Hampshire: mai più chirurgia sui minori per il "cambio di sesso"
Lo stato americano ha approvato un disegno di legge che vieta ai chirurghi di effettuare sugli under 18 anni operazioni come la rimozione delle ovaie e del seno per le femmine e del pene e testicoli per i maschi. Il ddl afferma che questi interventi violano il "consenso informato" del paziente e sottolinea che gli studi non hanno dimostrato una diminuzione del rischio suicidio dei minori dopo gli interventi. Anzi: il pericolo aumenta
Il New Hampshire si appresta a vietare ai minori di 18 anni di sottoporsi ad interventi per il cambio di sesso. Giovedì scorso la Camera del New Hampshire ha approvato, anche con l’aiuto di alcuni deputati democratici, un disegno di legge in tal senso. L’House Bill 619 proibisce ai medici di eseguire “qualsiasi intervento chirurgico di riassegnazione del genere genitale”, cioè l’asportazione di utero, ovaie e seno nel caso delle donne; di testicoli e pene per l’uomo, a chiunque nel […]
Leggi ora