Candidata iraniana al Nobel per la Pace lancia il “No Hijab Day”
In solidarietà con le donne che in Iran e in Afghanistan rischiano le frustate e il carcere se rifiutano di coprirsi il capo, Masih Alinejad invita alla mobilitazione. Preoccupata che la nuova legge Usa anti-atti "islamofobi" metta a tacere ogni critica. E per quel femminismo liberal occidentale che parla del velo come libertà. Per questo viene accusata "di non amare l'Islam"

Condividi questo articolo

Nell’ambito della campagna social media “Let Us Talk”, l’attivista iraniana per i diritti umani e candidata al Premio Nobel per la pace Masih Alinejad ha lanciato il “No Hijab Day” allo scopo di aumentare la consapevolezza sulle donne iraniane e afghane costrette a indossare il velo contro la loro volontà.

Alinejad giudica molto severamente il femminismo liberale e “intersezionale” che parla disinvoltamente dell’hijab come libera scelta.

L’Iran richiede le donne a indossare l’hijab fino dai 7 anni. Le donne possono essere imprigionate, frustate o multate se non si coprono i capelli.

Il “No Hijab Day” di Alinejad è stato lanciato in occasione del “World Hijab Day”, che al contrario incoraggia le donne a indossare l’hijab a sostegno delle musulmane prese di mira a causa della loro fede

Secondo Alinejad le donne oppresse dalle leggi islamiche hanno invece diritto parlare contro l’hijab senza essere etichettate come anti-musulmane.

Lo scorso 15 dicembre negli Stati Uniti è stato approvato un disegno di legge contro l’islamofobia e Alinejad ha espresso la sua preoccupazione che la legge possa mettere a tacere le legittime critiche nei confronti di organizzazioni come i talebani e regimi come quello iraniano che opprimono le donne. Per questo è stata a sua volta accusata di islamofobia.

Molte utenti di Twitter hanno sostenuto le campagne “Let Us Talk” e “No Hijab Day” condividendo foto di se stesse senza velo e clip di filmati pre-rivoluzione che mostrano donne iraniane a capo scoperto.

In Iran alcune attiviste anti-hijab sono in carcere in Iran per aver protestato pacificamente. Saba Kord Afshari è stata condannata a 24 anni di carcere per essersi tolta il velo durante una protesta nel gennaio 2018. 

“Mentre le donne in Occidente celebrano la ‘Giornata mondiale dell’hijab’, cinque attiviste dei ‘Mercoledì bianchi’ -manifestazioni contro l’hijab obbligatorio, ndr- sono in prigione solo per aver pacificamente protestato. Non puoi definirti femminista e celebrare qualcosa che è diventato uno strumento nelle mani degli islamisti per opprimere le donne e metterle a tacere” ha detto Alinejad. “Non ho mai sentito la ‘Giornata mondiale dell’hijab’ difendere quelle donne iraniane e afghane che vengono picchiate e frustate per non aver indossato l’hijab”.

Nobel Prize Nominee Masih Alinejad Stands Up for Iranian Women on World Hijab Day 

Marina Terragni

Puoi darci il tuo contributo CLICCANDO QUI

oppure inviando a

ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Condividi questo articolo
Torna in alto