Canada: rischio bavaglio per il femminismo gender critical

Condividi questo articolo

Le femministe radicali canadesi danno l'allarme: un nuovo progetto di legge del governo liberale di Justin Trudeau, il Bill C-10, potrebbe fortemente limitare o addirittura impedire loro di pubblicare sui social network e su tutto il web podcast o filmati contro l'identità di genere o su altri temi gender critical.

Canada: rischio bavaglio per il femminismo gender critical

La legge introdurrebbe in Canada l'Internet più regolamentato nel mondo libero. Bill C-10 è stata pensata per promuovere "contenuti canadesi" online, ma un emendamento approvato nei giorni scorsi potrebbe consentire al governo di ordinare la cancellazione di qualsiasi caricamento su Facebook, YouTube , Instagram o Twitter effettuato da un utente canadese. Il disegno di legge è presentato anche come un argine all'odio online. In verità già oggi in Canada puoi essere perseguito se pubblichi online un contenuto diffamatorio, che viola il copyright, le leggi sull'istigazione all'odio o trasmette contenuti illegali come la pedopornografia. Ma Bill C-10 propone di sottoporre interi settori del mondo online canadese alla supervisione dei contenuti da parte di un ente regolatorio, inclusi podcast, video online e siti web. Secondo gli oppositori il Bill C-10 "non si limita a violare la libertà di espressione, ma costituisce un vero e proprio assalto al free speech e alle fondamenta della democrazia". Inizialmente il progetto di legge esentava i social media e veniva presentato come un modo per regolamentare i servizi di streaming tipo Netflix e Crave. Ma venerdì la clausola che esentava i social media è stata cancellata. Questo comporta il fatto che ogni singolo canadese che pubblica su Instagram, Facebook, TikTok, Twitter o YouTube può essere trattato come un'emittente soggetto a supervisione e sanzione. I fornitori di social media dovrebbero rispondere a ogni post sulle loro piattaforme, come se fosse un programma televisivo o radiofonico. In effetti, C-10 è stato acclamato dai sostenitori specificamente per il suo potere di mettere a tacere le voci online, compresi siti di notizie, podcast, blog, siti di gruppi politici o di attivisti e persino siti Web stranieri che potrebbero essere visti in Canada, anche se si assicura che Bill C-10 è pensata solo per regolare le azioni dei "giganti del web". Michael Geist, docente all'Università di Ottawa in Diritto di Internet e Commercio elettronico, è stato uno dei più decisi critici del Bill C-10, ritenuto "pericoloso" e "imperdonabile".

Canada: rischio bavaglio per il femminismo gender critical

Particolarmente preoccupante che, come vedere sopra, la raccolta di firme in corso contro Bill C-10 sia stata segnalata da Shinigami Eyes, estensione di Google scaricata da decine di migliaia di persone che fa apparire in rosso i nomi di siti e singoli utenti di tutto il mondo bollati come omofobici e transfobici. lettera scarlatta che tocca a ogni singola femminista e a ogni sito web gender critical: per esempio, come potete vedere, anche a Feminist Post.

Canada: rischio bavaglio per il femminismo gender critical

Dal fatto che anche la petizione contro Bill C-10 appaia nelle liste dei segnalati si deduce che chi si oppone alla legge è classificato come omotransfobico. E quindi che la legge canadese sarà ampiamente utilizzata per colpire persone e opinioni gender critical, già preselezionate con Shinigami Eyes.

Marina Terragni

per saperne di più cliccare qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
6 Ottobre 2022
"Distruggi i diritti delle donne": JK Rowling contro la premier scozzese e la sua legge trans
Come in Spagna anche in Scozia il femminismo combatte contro una legge voluta dalla prima ministra Nicola Sturgeon che introduce l'autodeterminazione di genere senza alcuna diagnosi medica e abbassando a 16 anni l'età per l'accesso. E anche stavolta l'autrice di Harry Potter è al fianco delle donne, delle bambine e dei bambini
JK Rowling si fotografa con una maglietta che dice: "Nicola Sturgeon, distruttrice dei diritti delle donne" per sostenere le donne che protestano davanti al parlamento scozzese contro la controversa legge di riforma del riconoscimento di genere voluta dalla Prima Ministra scozzese. Le attiviste di For Women Scotland (Scozia per le donne) si sono riunite questa mattina davanti al Parlamento scozzese per una manifestazione contro il disegno di legge promosso da Sturgeon, che renderebbe più facile l’autodeterminazione di genere –lo abbiamo […]
Leggi ora
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora
4 Ottobre 2022
USA, coppia gay fa causa: l'utero in affitto è un "diritto", va pagato dall'assicurazione sanitaria
La richiesta dei due uomini punta a far riconoscere come "disabilità" il fatto di non disporre di un utero: pretesa assurda, invidiosa e rivelatrice. Se vincessero in tribunale in tutta l'America assicurazioni e datori di lavoro dovrebbero rimborsare le gestazioni per altri for men
Una coppia gay ha avviato una causa al tribunale del lavoro di New York chiedendo che l’assicurazione fornita dal datore di lavoro paghi al posto loro tutti i costi dell’utero in affitto, al fine di garantire “pari opportunità nell’accesso alle cure della fertilità”. A tutti gli effetti si richiede che una coppia di maschi gay diventi per legge una categoria protetta in quanto entrambi privi di utero e privi di accesso a un utero. Se vincessero la causa, in tutti […]
Leggi ora
1 Ottobre 2022
Ragazze che si tolgono il seno
La propaganda transattivista invita le bambine a disagio con le proprie forme femminili a comprimere il seno con apposite fasce (binder), primo passo verso la mastectomia finale. La stessa violenza misogina della tradizionale "stiratura del seno" praticata in Africa. In UK l'associazione di beneficienza Mermaids -finanziata con fondi pubblici- sotto accusa per aver inviato fasce ad adolescenti contro il parere dei genitori
La stiratura del seno (breast ironing) è un'orribile pratica tuttora in uso in alcune regioni dell'Africa, in particolare nel Camerun. Si tratta della distruzione della mammelle delle adolescenti prodotta con strumenti arroventati -vecchi ferri da stiro, spatole, sassi o conchiglie- e in genere praticata dalle donne adulte della famiglia. Lo scopo è rendere le ragazze meno attraenti per sottrarle a stupri e gravidanze precoci che potrebbero infangare l'onore del gruppo familiare. La pratica causa gravi danni alla salute delle adolescenti, […]
Leggi ora
27 Settembre 2022
Il femminismo e la destra
In risposta a Julie Bindel, che considera il muro eretto dalla sinistra transattivista ma anche i rischi di un'alleanza con la destra: in Italia la novità storica -una donna di destra premier, Giorgia Meloni- complica ulteriormente il quadro. Che fare allora? Quello che sta capitando in Spagna sull'orribile Ley Trans forse indica una strada buona per tutte
Julie Bindel e Harvey Jeni prendono il toro per le corna: visto che da troppo tempo con la sinistra non c'è possibilità di dialogo, il femminismo radicale e gender critical può guardare a destra senza correre rischi? Tema che in Italia abbiamo ben presente e che ha agitato tutta la campagna elettorale conclusasi con la vittoria schiacciante di una donna di destra, Giorgia Meloni, che non si è mai dichiarata femminista. Il fatto che oggi la destra in Italia sia […]
Leggi ora
24 Settembre 2022
SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS
A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- […]
Leggi ora