Canada: infermiera gender critical rischia il posto
Amy Hamm lavora in un reparto di psichiatria ed è sotto inchiesta per avere promosso in rete i diritti delle donne basati sul sesso e la tutela dei minori. Il BCCNM, ente che regolamenta la professione infermieristica, intende sospenderla a meno che non partecipi a un programma di rieducazione ma Amy si oppone: l’udienza è in corso. La giornalista USA Megyn Kelly l’ha intervistata

Condividi questo articolo

L’infermiera canadese Amy Hamm – una delle fondatrici della coalizione no-profit Canadian Women Sex Based Rights (caWsbar) – lavora in un reparto di psichiatria acuta specializzato in salute mentale e consumo di sostanze.

Amy rischia di perdere la propria licenza infermieristica e il lavoro poiché avrebbe promosso in rete i diritti delle donne basati sul sesso e la tutela dei minori. Negli ultimi anni, Amy è stata oggetto di un’indagine da parte del British Columbia College of Nurses & Midwives (BCCNM).

BCCNM le ha chiesto di firmare un consenso che prevedeva la sospensione temporanea dal luogo di lavoro, l’ammissione di aver fatto dichiarazioni transfobiche e la partecipazione volontaria ad un programma di rieducazione. Amy ha rifiutato, sostenendo che le sue opinioni erano di natura politica e non correlate al suo lavoro. Amy è solo una delle molte femministe gender critical la cui sopravvivenza è minacciata dai transattivisti.

Amy Eileen Hamm

La controversia è in corso da ormai quasi tre anni e nonostante Amy stia ancora lavorando come infermiera reat tuttora sotto indagine e rischia ogni giorno di perdere il posto.

Amy, madre single di due figli di tre e sei anni, è rappresentata dal The Justice Centre for Constitutional Freedoms.

L’udienza, ancora in corso, può essere visionata online qui.

Megyn Kelly, giornalista americana e conduttrice di “The Megyn Kelly Show”, ha intervistato Amy.

Qui l’intervista su YouTube.

(a cura di Angela T.)


Condividi questo articolo
Torna in alto