Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili

Heather Mason, ex-detenuta e attivista per i diritti delle donne, racconta a RT News la realtà delle donne che nelle carceri subiscono abusi e violenze sessuali da parte di uomini "transgender" con il corpo maschile intatto in cella insieme a loro. Ecco le loro lettere
Condividi questo articolo

Nel 2017, mentre il movimento #MeToo esplodeva in tutto il mondo occidentale, il primo ministro canadese Justin Trudeau ha dato spontaneamente e senza preavviso il via libera al trasferimento di detenuti maschi che si definiscono donne nelle prigioni federali femminili del Canada.

Le detenute nelle carceri canadesi sono a rischio di violenza da parte di detenuti di sesso maschile che si identificano come donne, ma nessuno è disposto a discutere la questione per paura di essere etichettato come transfobico.

Il movimento #MeToo ha rivelato al mondo che le donne sono sottoposte troppo spesso ad atti criminali di aggressione sessuale sul posto di lavoro, ma la gamma delle denunce è molto più ampia - le donne sono abitualmente sottoposte a piccole violazioni della dignità umana, umiliazioni quotidiane che la società più o meno condona. Queste umiliazioni sono devastanti a livello emotivo. Fanno perdere il senso di dignità e del proprio valore ai propri occhi. Possiamo privarci di molte cose, ma non della nostra dignità di esseri umani.

Heather Mason, che ha scontato la pena nel sistema carcerario canadese, ha dichiarato di aver sperimentato in prima persona i pericoli che derivano dall'inserire uomini nelle prigioni femminili. Il Canada permette agli uomini di scegliere di scontare la loro pena in una prigione femminile se dichiarano di identificarsi come donne - indipendentemente dal fatto che si siano sottoposti o meno a chirurgia o terapia ormonale.

Qui la sua intervista a RT News

RT News "Inmates of intimidation"

"Nobody wants to speak about it. They don’t want to report on it. We’re being told that we’re lying, that it’s not happening, that we have bigoted views, that we’re transphobic."

"Nessuno vuole parlarne. Non vogliono denunciare la situazione. Ci rispondono che mentiamo, che non sta succedendo, che abbiamo opinioni bigotte, che siamo transfobiche."

Qui l'intervista in Italiano

Traduzione dell'intervista in Italiano su YouTube

Heather Mason, fondatrice di caWsbar e membro del consiglio di amministrazione di Strenght is SISterhood, si batte per mantenere le carceri femminili differenziate per sesso e lotta per abrogare la politica del governo che permette ai detenuti di sesso maschile di auto-ammettersi nelle carceri femminili auto-certificandosi come donne. Trovate qui l'ultima campagna di raccolta fondi di Heather Mason.

Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Women's rights activist Heather Mason

In seguito alla decisione di Trudeau, le donne imprigionate sono ora in ogni modo vittime degli uomini detenuti insieme a loro, come permesso dal Correctional Services Canada (CSC). Se si lamentano, sono soggette a punizioni ufficiali. Ci sono sei prigioni federali per donne, che ospitano circa 800 detenute. Attualmente ci sono in tutto 10 – 15 detenuti maschi sparsi in queste strutture.

Quelle che seguono sono lettere uscite clandestinamente dalle prigioni e diffuse da persone che hanno a cuore i diritti delle donne. I nomi e i luoghi delle autrici delle lettere non possono essere rivelati.

Chi crede a queste donne?

Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Lettere di donne incarcerate in Canada - Gender Dissent
Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Lettere di donne incarcerate in Canada - Gender Dissent
Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Lettere di donne incarcerate in Canada - Gender Dissent
Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Lettere di donne incarcerate in Canada - Gender Dissent
Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Lettere di donne incarcerate in Canada - Gender Dissent
Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Lettere di donne incarcerate in Canada - Gender Dissent
Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Lettere di donne incarcerate in Canada - Gender Dissent
Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Lettere di donne incarcerate in Canada - Gender Dissent
Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Lettere di donne incarcerate in Canada - Gender Dissent

Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
22 Maggio 2024
Germania: pedofili in festa. Meno rischi penali per il possesso di materiale pedopornografico
Con una modifica legislativa il Bundestag diminuisce le pene per chi possiede e/o distribuisce immagini pornografiche di bambine e bambini, comportamenti declassati a reati minori. Novità accolta entusiasticamente dai gruppi pedofili che spingono per abbassare a 12 anni l’età il limite del consenso sessuale
Anche la libera pedofilia fa parte dell'ombrello transumano: arrivare progressivamente, meglio se velocemente, ad abbattere perfino questo limite, ammettere e perfino incoraggiare il sesso trans-age -del resto bambine e bambini stanno al centro delle politiche transumane-. Un'innovazione legislativa approvata dal Bundestag muove un passo in questa direzione. Ce lo racconta Geneviève Gluck Il Parlamento tedesco ha votato a maggioranza per eliminare una sezione del codice penale che rendeva il possesso di materiale pedopornografico un reato penale. Una volta in vigore […]
Leggi ora
20 Maggio 2024
Perché l'Italia non ha firmato la dichiarazione UE sui diritti LGBTIQ (ne ha firmato un'altra però)
Passata sotto silenzio la dichiarazione contro l’omolesbobitransfobia sottoscritta in Europa da tutti gli stati membri. Grande clamore mediatico invece su una seconda dichiarazione non firmata dall’Italia perché fortemente sbilanciata sull’identità di genere sul modello del fu-ddl Zan: ecco tutti i punti critici
Qualche giorno fa in occasione della Giornata Internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia (IDAHOT) in Europa è passata all'unanimità -Italia compresa, quindi- la seguente risoluzione: 1498th Meeting of the Committee of Ministers (7 May 2024) - EU Statement ahead of the International Day Against Homophobia, Biphobia and Transphobia on 17 May07.05.2024 Press and information team of the Delegation to the COUNCIL OF EUROPE in StrasbourgI have the honour to speak on behalf of the European Union and its […]
Leggi ora
16 Maggio 2024
UK: a scuola non si parlerà più di identità di genere
Nuovo giro di vite del governo Sunak dopo il rapporto Cass che mette in guardia anche sui rischi della transizione sociale dei minori, la cosiddetta "identità alias" che è già stata adottata anche da molte scuole italiane: in classe non si insegnerà più che si può cambiare sesso e l'educazione sessuale sarà calibrata in base all'età. E mai senza il consenso dei genitori
Dopo anni e anni che i transattivisti di associazioni come Stonewall e Mermaids fanno il bello e il cattivo tempo con i loro corsi di educazione sessuale nelle scuole inglesi di ogni ordine e grado, il governo di Rishi Sunak annuncia oggi con la ministra dell’Istruzione Gillian Keegan nuove linee guida obbligatorie per scolari e studenti su questi temi. In classe non si insegnerà più che si può cambiare la propria identità di genere, come è stato fino ad ora […]
Leggi ora
14 Maggio 2024
Da Gaza alle sale parto occidentali, Judith Butler vede fascisti dappertutto
Fasciste, ovviamente, anche noi femministe gender critical, "alleate della destra e del Vaticano". L'intellettuale californiana, rinunciando a ogni sottigliezza filosofica, compila un'agenda politica che coincide con la piattaforma degli universitari in lotta. E auspica un'alleanza tra trans, antifa, movimento pro-Pal, senza casa, persone nere, migranti e anche donne -intese come una delle tante minoranze- per edificare "una democrazia radicale ispirata agli ideali del socialismo". Un resoconto della tappa bolognese del suo trionfale tour europeo
Forse oggi si potrebbe parlare di "Agenda Butler": la sua piattaforma coincide perfettamente con la piattaforma di lotta delle-degli studenti in tutto l'Occidente, con poche certezze sul fatto se sia nato prima l'uovo o la gallina. Certo Judith Butler è a tutti gli effetti la madre delle Gender Theory a cui queste/i studenti (comunque una minoranza) aderiscono con entusiasmo; a loro volta queste/i studenti con le loro mobilitazioni sono fonte di ispirazione per Butler, le loro piattaforme sono anche una […]
Leggi ora
6 Maggio 2024
La chirurgia trans aumenta il rischio-suicidio
Un recentissimo studio su 90 milioni di pazienti dimostra che le persone trans operate corrono "un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico" e necessitano di un supporto psichiatrico. Quindi il coronamento del lungo e faticoso percorso di transizione con la chirurgia "affermativa" non assicura il raggiungimento del benessere sperato
"La chirurgia per l’affermazione di genere è associata a un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, suicidio/autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico rispetto ai gruppi di controllo in questo database del mondo reale. Poiché il suicidio è una delle cause di morte più comuni tra gli adolescenti e gli individui di mezza età, è chiaro che dobbiamo lavorare per prevenire questi esiti sfortunati. Ciò rafforza ulteriormente la necessità di un’assistenza psichiatrica completa negli anni che seguono la chirurgia per […]
Leggi ora
5 Maggio 2024
Saman: la "loro cultura" come attenuante
Il matrimonio della ragazza era «combinato e non forzato» e nel giudizio «bisogna tenere conto anche della cultura del reo»: le motivazioni della sentenza (firmata da giudici donne) per il brutale assassinio della giovane pakistana lasciano sconcertate. Così come l'autosessismo della madre che sarebbe l'esecutrice materiale del delitto. Di questo passo, secondo le proiezioni Unicef, la bambine continueranno a essere vendute a uomini almeno per i prossimi 300 anni
Nella foto, un manifesto con il volto di Saman composto dalle foto di tante donne vittime della violenza maschile. La storia di Saman Abbas è una ferita aperta. Uccisa dalla sua famiglia tre anni fa, il corpo occultato ritrovato a più di un anno dalla morte. All’inizio di quest’anno il funerale, con grande partecipazione della gente comune. Pochi giorni fa sono arrivate le motivazioni della sentenza del processo in primo grado alla famiglia di Saman del dicembre scorso: ergastolo ai […]
Leggi ora