Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili

Heather Mason, ex-detenuta e attivista per i diritti delle donne, racconta a RT News la realtà delle donne che nelle carceri subiscono abusi e violenze sessuali da parte di uomini "transgender" con il corpo maschile intatto in cella insieme a loro. Ecco le loro lettere
Condividi questo articolo

Nel 2017, mentre il movimento #MeToo esplodeva in tutto il mondo occidentale, il primo ministro canadese Justin Trudeau ha dato spontaneamente e senza preavviso il via libera al trasferimento di detenuti maschi che si definiscono donne nelle prigioni federali femminili del Canada.

Le detenute nelle carceri canadesi sono a rischio di violenza da parte di detenuti di sesso maschile che si identificano come donne, ma nessuno è disposto a discutere la questione per paura di essere etichettato come transfobico.

Il movimento #MeToo ha rivelato al mondo che le donne sono sottoposte troppo spesso ad atti criminali di aggressione sessuale sul posto di lavoro, ma la gamma delle denunce è molto più ampia - le donne sono abitualmente sottoposte a piccole violazioni della dignità umana, umiliazioni quotidiane che la società più o meno condona. Queste umiliazioni sono devastanti a livello emotivo. Fanno perdere il senso di dignità e del proprio valore ai propri occhi. Possiamo privarci di molte cose, ma non della nostra dignità di esseri umani.

Heather Mason, che ha scontato la pena nel sistema carcerario canadese, ha dichiarato di aver sperimentato in prima persona i pericoli che derivano dall'inserire uomini nelle prigioni femminili. Il Canada permette agli uomini di scegliere di scontare la loro pena in una prigione femminile se dichiarano di identificarsi come donne - indipendentemente dal fatto che si siano sottoposti o meno a chirurgia o terapia ormonale.

Qui la sua intervista a RT News

RT News "Inmates of intimidation"

"Nobody wants to speak about it. They don’t want to report on it. We’re being told that we’re lying, that it’s not happening, that we have bigoted views, that we’re transphobic."

"Nessuno vuole parlarne. Non vogliono denunciare la situazione. Ci rispondono che mentiamo, che non sta succedendo, che abbiamo opinioni bigotte, che siamo transfobiche."

Qui l'intervista in Italiano

Traduzione dell'intervista in Italiano su YouTube

Heather Mason, fondatrice di caWsbar e membro del consiglio di amministrazione di Strenght is SISterhood, si batte per mantenere le carceri femminili differenziate per sesso e lotta per abrogare la politica del governo che permette ai detenuti di sesso maschile di auto-ammettersi nelle carceri femminili auto-certificandosi come donne. Trovate qui l'ultima campagna di raccolta fondi di Heather Mason.

Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Women's rights activist Heather Mason

In seguito alla decisione di Trudeau, le donne imprigionate sono ora in ogni modo vittime degli uomini detenuti insieme a loro, come permesso dal Correctional Services Canada (CSC). Se si lamentano, sono soggette a punizioni ufficiali. Ci sono sei prigioni federali per donne, che ospitano circa 800 detenute. Attualmente ci sono in tutto 10 – 15 detenuti maschi sparsi in queste strutture.

Quelle che seguono sono lettere uscite clandestinamente dalle prigioni e diffuse da persone che hanno a cuore i diritti delle donne. I nomi e i luoghi delle autrici delle lettere non possono essere rivelati.

Chi crede a queste donne?

Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Lettere di donne incarcerate in Canada - Gender Dissent
Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Lettere di donne incarcerate in Canada - Gender Dissent
Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Lettere di donne incarcerate in Canada - Gender Dissent
Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Lettere di donne incarcerate in Canada - Gender Dissent
Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Lettere di donne incarcerate in Canada - Gender Dissent
Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Lettere di donne incarcerate in Canada - Gender Dissent
Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Lettere di donne incarcerate in Canada - Gender Dissent
Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Lettere di donne incarcerate in Canada - Gender Dissent
Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Lettere di donne incarcerate in Canada - Gender Dissent

Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
26 Maggio 2022
Femminista norvegese rischia 3 anni di carcere per avere detto che un uomo non può essere madre
Christine Ellington, referente per la Norvegia di WDI, indagata dalla polizia per crimine d'odio nei confronti di tale Jentoft che si dice "lesbica". E che ha denunciato, con il sostegno di Amnesty International. Oggi dirsi donna è possibile per tutti. Tranne che per le donne
Mentre Netflix è sotto attacco transattivista per avere trasmesso lo stand-up dell’attore Ricky Gervais, che ha osato ironizzare sulle “donne con il pene”, in Norvegia si scherza molto meno. Christina Ellington, rappresentante di WDI (Women’s Declaration International) è indagata dalla polizia e rischia 3 anni di galera per avere twittato che i maschi non possono essere lesbiche e per avere detto in tv a  tale Jentoft, maschio che si identifica come una donna lesbica: "Tu sei un uomo. Non puoi essere […]
Leggi ora
24 Maggio 2022
Il Congresso USA promuove una Carta dei Diritti delle Donne ispirata dai testi del femminismo
Potersi dire donne, non essere ridotte a "mestruatori" o "buchi davanti", avere i propri spazi riservati: i repubblicani americani assumono la resistenza del femminismo contro il progressismo woke e propongono una legge di portata storica. Le associazioni delle donne, da WoLF a WDI, approvano. Ma a dividere resta la questione dell'aborto, con la sentenza della Corte suprema in dirittura d'arrivo
Mentre ACLU (American Civil Liberties Union), la più grande associazione americana per i diritti civili, sta conducendo una campagna per sostenere che escludere dalle carceri femminili maschi incriminati per reati sessuali è un fatto discriminatorio e incostituzionale, il 19 maggio scorso un gruppo di rappresentanti repubblicani al Congresso USA, americani, prima firmataria Debbie Lesko, ha presentato una risoluzione per introdurre una Carta dei Diritti delle Donne, allo scopo di definire legalmente cosa sia una "donna", riconoscere che le donne e […]
Leggi ora
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
13 Maggio 2022
Destra, sinistra, umano, transumano
Il tema dei "diritti" -dall'identità di genere all'utero in affitto- non è complementare o a latere, ma delinea l'orizzonte verso il quale ci si muove. Ma la prospettiva post-umana perseguita dai progressisti non è unica e ineluttabile. L'alternativa esiste: una civiltà a radice femminile
Ripresentando il ddl Zan, al Senato con scarsissime possibilità che passi -quando invece altre soluzioni, tipo il ddl Scalfarotto, avrebbero assicurato una legge contro l'omobitransfobia- il segretario PD Letta ha più volte sottolineato che il tema dei diritti è decisivo per il suo partito. Tema dei diritti che tuttavia è sempre posto come complementare, a latere di questioni ritenute ben più rilevanti: la guerra, certo, i temi economici ma anche semplicemente la legge elettorale. In verità il più della partita […]
Leggi ora
10 Maggio 2022
Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane
La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui). Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical. Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen […]
Leggi ora
4 Maggio 2022
Aborto in USA: qualcosa non torna
Una "manina" fa uscire in largo anticipo una sentenza della Corte Suprema che renderebbe illegale l'interruzione di gravidanza. A vantaggio di chi, e perché? Con quali conseguenze sulle elezioni di midterm, in cui Biden era dato perdente? E che cosa c'entra con tutto questo il femminismo gender critical, a cui alcuni osservatori liberal intendono dare la colpa?
Una vera bomba politica scagliata a pochi mesi dalle elezioni di midterm la bozza della sentenza della Corte Suprema americana, fortunosamente fuoruscita, che renderebbe l'aborto illegale negli Stati Uniti, rovesciando la storica sentenza Roe v. Wade che lo rese legale nel 1973. Intanto è una bozza, la sentenza definitiva è attesa per giugno. Si tratta inoltre di capire di chi sia la "manina" che l'ha fatta uscire, e perché. Potrebbe essere stato qualcuno dei giudici conservatori (Clarence Thomas, Samuel Alito che avrebbe […]
Leggi ora