Jasmine Jones, assistente legale del Transgender Gender-Variant & Intersex Justice Project in San Francisco

California: 261 detenuti che "si identificano" come donne chiedono il trasferimento in carceri femminili

Condividi questo articolo

Questa storia che arriva dalla California racconta molto bene che cos'è l'identità di genere: 261 detenuti che chiedono di essere trasferiti nelle carceri femminili -dove, se così si può dire, la vita è un po' meno dura che nelle carceri maschili- sostenendo di "identificarsi" come donne. La gran parte di questi detenuti conserva intatto il proprio corpo maschile e di femminile c'è solo l'"autopercezione", vera o presunta. Tra le detenute c'è grande allarme per evidenti ragioni. In Canada, come abbiamo raccontato qui, il trasferimento in carceri femminili di uomini self-identificati come donne ha comportato un netto peggioramento delle condizioni di vita delle detenute. Ci sono stati casi di stupro e perfino di gravidanze indesiderate. Là dove le legislazioni introducono l'identità di genere -come nel caso del ddl Zan presto in discussione al Senato- la condizione delle donne peggiora drasticamente. In fondo alla strada c'è questo. L'impatto di queste leggi su molti aspetti della vita delle donne è drammatico. Il caso delle carceri lo rende lampante.


Jasmine Jones, assistente legale del Transgender Gender-Variant & Intersex Justice Project di San Francisco, è in contatto con alcune donne detenute in prigioni femminili che hanno espresso le loro preoccupazioni a seguito di una nuova legge che permette ai detenuti di essere alloggiati in base alla loro identità di genere.

Kelly Blackwell desidera fuggire dalla sua vita di donna transgender in una prigione maschile della California, dove lotta ogni giorno per evitare di essere vista in mutandine e reggiseno. Kelly ha raccontato che una volta è stata ammonita dopo aver reagito quando un detenuto nella sua cella le ha chiesto del sesso orale.

Dopo più di trent’anni, di cui venti di terapia ormonale, la sua occasione è arrivata lo scorso autunno, quando la nuova legislazione ha dato ai detenuti transgender, intersessuali e non binari il diritto, indipendentemente dall'anatomia, di scegliere se essere alloggiati in un carcere maschile o femminile.

Stando ai dati del Dipartimento di Correzione e Riabilitazione della California la domanda è stata alta, con 261 richieste di trasferimento da quando la SB 132 è entrata in vigore il 1° gennaio. È l'inizio di un'operazione estremamente delicata che si svolge in uno dei più grandi sistemi carcerari del paese.

"Non voglio avere intorno uomini predatori e un personale che discrimina le donne trans", ha detto Blackwell, 53 anni, in una telefonata dalla prigione statale di Mule Creek, a est di Sacramento.

Ma a più di due ore di distanza, alla Central California Women's Facility di Chowchilla, c'è paura. Le detenute dicono che le guardie le hanno avvertite che "gli uomini stanno arrivando", e di aspettarsi violenza sessuale.

“Gli agenti ci hanno detto che se pensiamo che sia brutto ora, dobbiamo esser preparate al peggio. Che dovremo cavarcela, dovremo fare delle rinunce" racconta Tomiekia Johnson, 41 anni. "Dicono che avremo bisogno di una struttura che sarà come un reparto maternità. Dicono che avremo un programma per detenuti in cui i detenuti diventano tate".

Poco più dell'1% della popolazione carceraria della California - 1.129 detenuti - si sono identificati come non binari, intersessuali o transgender, e tutti hanno sperimentato una forte violenza in prigione. Uno studio della UC Irvine del 2007 che includeva interviste con 39 detenuti transgender ha scoperto che il tasso di aggressione sessuale è 13 volte più alto per le persone transgender, con il 59% dei soggetti che riferisce di averle vissute.

Finora, il sistema carcerario ha trasferito quattro detenuti al carcere femminile di Chowchilla, ha approvato 21 richieste di alloggio basate sul genere e non ne ha negata nessuna. Delle 261 domande, tutte tranne sei hanno richiesto di essere alloggiate in una struttura femminile.

La portavoce delle prigioniere Terry Thornton ha dichiarato che le restrizioni del COVID-19 hanno rallentato i trasferimenti, e che i funzionari non possono stimare quanto tempo ci vorrebbe per un trasferimento in circostanze normali, menzionando la disponibilità dei letti come fattore determinante.

Il Los Angeles Times ha parlato con più di una dozzina di detenuti nelle prigioni femminili e maschili per capire come la nuova legge si stia attuando. Anche se i sostenitori della legge e i detenuti dicono che i trasferimenti sono stati accolti bene, molti sostengono che la disinformazione diffusa dal personale della prigione sta fomentando la transfobia, e che bisogna fare di più per educare i detenuti.

Alcune prigioniere sono preoccupate del fatto che i detenuti facciano false dichiarazioni sulla loro identità di genere per essere trasferiti nelle prigioni femminili, e dicono che il personale ha detto loro che tutto questo ha rallentato il processo.

Thornton ha detto al Times che il sistema carcerario ha organizzato una discussione in municipio con l'Inmate Advisory Council a Chowchilla e con le donne trans alla San Quentin State Prison. L'incontro e le discussioni in corso "hanno aiutato a scacciare ogni paura", ha detto, aggiungendo che le accuse di cattiva condotta del personale sono state prese sul serio e indagate.

Alla domanda se i detenuti nelle prigioni maschili che cercano di manipolare il sistema di trasferimento sia stato un problema significativo, la Thornton ha detto che "l'identità di genere di una persona è auto dichiarata, e il CDCR valuterà qualsiasi richiesta presentata da una persona incarcerata per un alloggio basato sul genere". Ha detto che il sistema carcerario ha richiesto diversi milioni di dollari dallo stato per aiutare a implementare la legge.

Negli ultimi anni, il Connecticut e il Massachusetts hanno approvato una legislazione simile a quella della California, che dà anche ai detenuti il diritto di essere perquisiti e indirizzati in base alla loro identità di genere. Le leggi allineano gli stati con il Prison Rape Elimination Act, federale, o PREA, che vieta le decisioni di alloggio basate solo sui genitali di un detenuto, e richiede alle agenzie di considerare caso per caso se l’alloggio garantirebbe la sua salute e sicurezza. Nonostante il PREA, i sostenitori dicono che è raro che i detenuti transgender vengano trasferiti.

La nuova legge della California persegue altri cambiamenti nel trattamento dei prigionieri transgender da parte dello stato. Nel 2018, è entrata in vigore una legge che rimuove gli ostacoli per i prigionieri di cambiare il loro genere e nome. E nel 2015, la California è diventata il primo stato a creare una politica per i detenuti transgender allo scopo di richiedere un intervento chirurgico di affermazione del genere finanziato dallo stato. Secondo l'agenzia delle prigioni, da gennaio 2015 a febbraio 2021, 65 delle 205 richieste di chirurgia sono state approvate e nove sono state completate.

Secondo la politica carceraria, le persone transgender e intersessuali - quest'ultimo è un termine usato per descrivere le condizioni di una persona nata con un'anatomia riproduttiva o sessuale che non sembra adattarsi alle tipiche definizioni di "femmina" o "maschio" - sono collocate, per quanto possibile, in prigioni specifiche per garantire che possano ricevere determinati trattamenti medici e psicologici. Con la nuova legge, a tutti i detenuti saranno chiesti al momento dell'ammissione l’identità di genere, i pronomi, se preferiscano il femminile o il maschile, e se vogliono essere alloggiati in un istituto che si allinea con la loro identità di genere.

I detenuti possono richiedere trasferimenti al loro consulente correzionale, e questi vengono poi considerati da un comitato che include il direttore, la custodia, il personale medico e di salute mentale, e un manager di conformità PREA. Il personale esamina la fedina penale del detenuto, i suoi bisogni di salute, il livello di custodia, la sentenza e i problemi di sicurezza.

Michelle Calvin ha detto che i detenuti l'hanno accolta con cura quando si è trasferita a febbraio da Mule Creek alla prigione di Chowchilla. Ma c'era anche tensione. I detenuti in due stanze hanno rifiutato di averla come compagna.

"Ci sono molte donne qui che mi accettano; ce ne sono alcune che non lo fanno", ha detto Calvin, 50 anni. "Ci saranno avversità ovunque e lo capisco".

Tyeasha Moore, alloggiata a poche porte di distanza da Calvin, si è subito scaldata al nuovo arrivato. Calvin era "più che disponibile" a rispondere alle sue molte domande, compreso il motivo per cui ha scelto di venire in quella prigione, e se altri detenuti l'avrebbero seguita.

Ma Moore, 43 anni, ha detto che ha anche sentito gli operatori interrogare i detenuti alloggiati con Calvin, chiedendo se lei si era esposta, se aveva spiegato loro il suo comportamento sessuale o se aveva detto cose che li avevano messi a disagio. Ha detto che l'interrogatorio ha fomentato l'ansia e le false voci che Calvin ha una relazione.

Il sistema carcerario ha assicurato di avere formato il personale in tutto lo stato sul lavoro con i detenuti transgender, intersessuali e non binari, comprese le informazioni sugli alloggi sicuri, le procedure di ricerca e l'uso dei pronomi. Ma alcuni dicono che non è stato abbastanza efficace.

Mychal Concepcion, un uomo transgender nella prigione femminile di Chowchilla, ha detto che il panico diffuso sui trasferimenti deriva in gran parte dagli operatori che chiedono alle detenute: "Cosa farai quando arriveranno gli uomini?”

"Le donne si lamentano del fatto che questi sono uomini che vengono qui perché traumatizzati dagli uomini, e quindi non dovrebbero vivere con loro", ha detto Concepcion, 51 anni. "Ho detto ripetutamente che sono donne, ma che indirizzano la loro rabbia verso di me".

Johnson, la detenuta che ha rivelato che il personale le aveva detto di aspettarsi violenza con i trasferimenti, ha detto che è sopravvissuta alla violenza domestica da parte di un uomo e che sarebbe scioccante vivere con persone transgender non operate.

"Penso che dovrebbero essere al sicuro, ma questo viola anche il mio diritto di essere al sicuro", ha detto.

Anche Tiffany Tooks, una donna transgender nella prigione di Chowchilla, ha cercato di affrontare le preoccupazioni. Si è trasferita da Mule Creek nel 2019 dopo aver subito l’intervento.

"Per me, è stato tutto", ha detto, spiegando come i detenuti l'hanno accolta bene dopo che si è aperta sulle sue esperienze, essendo in prigione da più di 20 - che includevano l'essere violentata e sentire i detenuti fare commenti sessualmente degradanti quando la vedevano nella doccia-. "Sento che è mio dovere aiutare le donne che vengono qui ".

Tooks ha detto che all'inizio di marzo, ha partecipato a una riunione con il direttore, il personale della prigione e altri detenuti transgender per affrontare il problema dei detenuti che cercano di trasferirsi con falsi pretesti.

"L'idea era determinare chi sono veramente i detenuti transgender, e comprendere la paura delle detenute che gli uomini si infiltrino in questo sistema carcerario e causino problemi", ha detto.

Diversi detenuti transgender nelle prigioni maschili sostengono che il problema è rilevante.

Una donna transgender in un carcere maschile, che ha chiesto di non essere identificata per paura di ritorsioni, ha detto che conosce almeno cinque detenuti che hanno fatto domanda di trasferimento con falsi pretesti e che gli agenti le hanno chiesto di aiutare a identificare tali detenuti.

"Volevano che in un ambiente confidenziale dicessi loro chi è transgender e chi no, così possono bloccare i trasferimenti alcuni di questi ragazzi nella prigione femminile", ha detto. "Gli ho detto che non ho problemi con questo.... Sentiamo che ci stanno scavalcando alle spalle".

Jasmine Jones, un'assistente legale del Transgender Gender-Variant & Intersex Justice Project, che fornisce servizi di supporto ai detenuti, è stata in contatto con diverse decine di detenute nelle strutture femminili preoccupate per i trasferimenti, spiegando loro che è stata violentata più volte in prigione e ha tentato il suicidio quattro volte.

Ha detto che la sua storia è risuonata in molte, ma che è ancora preoccupata per i detenuti che si presentano come non binari o transgender. Jones ha detto che la legge avrebbe dovuto concentrarsi in primo luogo su coloro che hanno effettuato la transizione o sono in fase di transizione prima di consentire il trasferimento di altri.

Ma Jen Orthwein, avvocato che rappresenta i detenuti transgender e ha lavorato sul disegno di legge, ha detto che non tutti i detenuti vogliono o hanno accesso alla terapia ormonale o alla chirurgia, e che "qualsiasi espressione di femminilità in un carcere maschile mette le persone in pericolo".

A Mule Creek, Blackwell ha detto che quando le è stato approvato il trasferimento ha provato sollievo ma anche preoccupazione per l'ingresso in un nuovo ambiente. Ha detto che fa male sapere che alcune sono in ansia per il suo arrivo, e ha affermato che le donne transgender non hanno intenzione di essere predatrici. "Non vogliono fare cose del genere perché quella è stata la nostra vita", ha detto. "Tutto ciò in cui speriamo davvero è comprensione e compassione".

articolo originale qui (traduzione di Elisa Vilardo)


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
11 Gennaio 2024
Bambini stupratori: rapporto shock in UK
In Gran Bretagna 18 stupri al giorno vengono commessi da minori sui loro coetanei: nel 2022 questi casi sono stati 15 mila quasi sempre a opera di giovanissimi maschi. Un rapporto della polizia britannica dimostra come il libero accesso alla pornografia violenta online sta normalizzando i comportamenti sessuali criminali in Inghilterra e in tutti gli altri Paesi occidentali
Da anni segnaliamo i danni psicologici e materiali prodotti su un'intera generazione dal libero accesso alla pornografia violenta online, consumata da bambini e bambine a partire dai 7 anni ma anche molto prima: gli stupri di gruppo commessi dai minori sono solo la punta dell'iceberg di questo fenomeno drammatico che oggi è stato analizzato e quantificato da uno studio delle polizia britannica. Su questo tema potete trovare articoli precedenti qui, qui, qui, qui, qui e qui. Siamo state quasi solo […]
Leggi ora
7 Gennaio 2024
New Hampshire: mai più chirurgia sui minori per il "cambio di sesso"
Lo stato americano ha approvato un disegno di legge che vieta ai chirurghi di effettuare sugli under 18 anni operazioni come la rimozione delle ovaie e del seno per le femmine e del pene e testicoli per i maschi. Il ddl afferma che questi interventi violano il "consenso informato" del paziente e sottolinea che gli studi non hanno dimostrato una diminuzione del rischio suicidio dei minori dopo gli interventi. Anzi: il pericolo aumenta
Il New Hampshire si appresta a vietare ai minori di 18 anni di sottoporsi ad interventi per il cambio di sesso. Giovedì scorso la Camera del New Hampshire ha approvato, anche con l’aiuto di alcuni deputati democratici, un disegno di legge in tal senso. L’House Bill 619 proibisce ai medici di eseguire “qualsiasi intervento chirurgico di riassegnazione del genere genitale”, cioè l’asportazione di utero, ovaie e seno nel caso delle donne; di testicoli e pene per l’uomo, a chiunque nel […]
Leggi ora
31 Dicembre 2023
La pubertà forse andrebbe bloccata a TUTTI: deriva transumana dell'Organizzazione Mondiale della Sanità
Con un vero e proprio blitz natalizio l’OMS annuncia di voler elaborare nuove linee guida gender-affermative e mette in piedi un panel formato per tre quarti da transattivisti favorevoli alla medicalizzazione dei bambini. Preferibilmente tutti, anche quelli che non soffrono di disforia. Perché scegliere di che sesso sei deve diventare un diritto universale. Una petizione internazionale chiede di fermare l’iniziativa
Pochi giorni prima di Natale l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che svilupperà nuove linee guida sulla “salute delle persone trans e di genere diverso”, con particolare attenzione all’accesso agli ormoni e agli interventi chirurgici (quelle che definisce “cure inclusive di genere”). ”) e al riconoscimento giuridico dell’autoidentificazione di genere (self id). L’OMS ha inoltre annunciato di aver formato un gruppo per sviluppare le linee guida. Di questo gruppo di esperti fanno parte molti apparatchik della World Professional Association of Transgender Health (WPATH), tra cui […]
Leggi ora