Bullismo e contagio sociale dietro all’epidemia di «bambini trans» nelle scuole inglesi

Le bambine e i bambini che tornano da scuola dicendo di « essere trans » spesso soffrono di autismo o difficoltà di apprendimento e hanno subito episodi di bullismo. In UK i genitori denunciano il ruolo di compagni e insegnanti e accusano le scuole di non adempiere al loro dovere di cura verso gli alunni vulnerabili
Condividi questo articolo

Da quando abbiamo fondato Our Duty nel 2018, abbiamo raccolto le esperienze di genitori con bambini che vorrebbero mettersi su un percorso che termina con la mutilazione, la sterilizzazione, la perdita della funzione sessuale e il rimpianto, per tutta la vita.

Le loro testimonianze rivelano come i bambini vengono incoraggiati ad abbracciare un'identità transgender da altri alunni, con la connivenza degli insegnanti e spesso, deliberatamente, all'insaputa dei loro genitori. 

[...]

Cominciamo con la testimonianza di una madre di un ragazzo con autismo, ADHD, epilessia, problemi di salute mentale (comprese fantasie di suicidio) e difficoltà di apprendimento, che è stato incoraggiato dalle ragazze della sua scuola a indossare una gonna. 

[Le ragazze] gli portavano delle gonne da indossare e lo incoraggiavano ad andare in bagno e a cambiarsi. Quando è uscito, hanno applaudito... gli hanno anche dato dei collant da indossare. Mio figlio è poi andato alla lezione di matematica dove l'insegnante lo ha anche applaudito. La scuola ci ha contattato e ci ha chiesto di scrivere una lettera dicendo perché non volevamo che nostro figlio indossasse una gonna a scuola; quando abbiamo sollevato le nostre preoccupazioni riguardo alle ragazze che lo incoraggiavano, la scuola ha risposto che erano semplicemente di supporto. Le ragazze hanno poi incoraggiato mio figlio a indossare un vestito lungo per il ballo e lo hanno invitato a casa loro per prepararsi. La scuola mi ha contattato per dirmi che si sono offerte di fare una colletta per comprargli un vestito. Non sapevo davvero cosa dire a quel punto; ero sbalordita.

Questo è un classico esempio di affermazione sociale, un intervento psicologico incredibilmente potente incentrato sull'accettazione della nuova identità, del nuovo nome e dei « pronomi preferiti ». L'obiettivo è quello di cementare il senso di essere "nati nel corpo sbagliato" e di avere bisogno di un intervento medico per essere felici. L’ affermazione sociale rende quasi impossibile un'ulteriore esplorazione che non preveda medicalizzazione, nonché un’inversione di marcia dal percorso dei bloccanti della pubertà, ormoni cross-sex e chirurgia.

Ma c'è un lato ancora più sinistro in questa storia. Come hanno notato la psichiatra Lisa Littman, la reporter investigativa Abigail Shrier e molti altri, i bambini autistici sono particolarmente vulnerabili all'ideologia transgender; gli studi hanno dimostrato che le persone transgender e gender non-conforming hanno 6 volte più probabilità di essere autistici (molte persone autistiche non vengono diagnosticate, quindi è probabile che questa sia una sottostima significativa).

[...]

Abbiamo anche la testimonianza di un’altra madre, la cui figlia frequenta la stessa scuola di cui sopra. Anche a questa ragazza è stato diagnosticato l'autismo; come molti bambini che affrontano l'inizio della pubertà al giorno d’oggi, era autolesionista e aveva iniziato a indossare una fascia per appiattire il seno. La sua convinzione di avere una identità transgender era sostenuta da altre ragazze, che non solo assecondavano la sua illusione di essere un ragazzo, ma avevano anche iniziato a prendere di mira i suoi genitori.

Sono rimasta sorpresa quando ho ricevuto un messaggio da una delle sue compagne di scuola. Diceva : «Tua figlia è un ragazzo transgender, noi usiamo i pronomi lui/lui e pensiamo che tu dovresti fare lo stesso». Ero scioccata, sconvolta e arrabbiata. Come poteva qualcun altro conoscere nostra figlia meglio di noi? Avevano cercato di spingerla a dircelo. Ho guardato i messaggi sul telefono di mia figlia e stavano cercando di convincerla a dire a tutti gli insegnanti di usare il suo nuovo nome e i pronomi e hanno anche detto che volevano dirlo ai loro genitori e agli amici, ai quali "sarebbe andato bene ".

La madre continua a descrivere l'immensa pressione esercitata da queste amiche su sua figlia per realizzare la sua identità transgender. L'hanno esortata a dire ai genitori e agli insegnanti che era trans, le hanno detto che si sarebbe sentita meglio una volta iniziato a prendere il testosterone, e che "chi ti ama ti amerà sempre, non importa quanti interventi chirurgici farai". Hanno chiamato il suo nome di battesimo deadname ("nome morto") e si sono persino offerte di comprarle un binder (fascia per nascondere il seno). Con tutta questa coercizione, tutto questo bullismo, dov'era la scuola? Dov'erano gli insegnanti?

Avrei voluto andare a casa di quelle ragazze e parlare con i loro genitori, ma mi è stato consigliato che dovevo lasciare intervenire la scuola. Ho informato a scuola di quello che era successo e ho mostrato loro tutti gli screenshot di coercizione. La preside ha negato che si trattasse di bullismo e ha detto di aver fatto una "tranquilla chiacchierata" con le ragazze e i loro genitori. Non è stato fatto nulla più. [...]

I genitori che contestano gli insegnanti sull'ideologia transgender nelle scuole sono abituati ad essere ignorati o, peggio, bollati come transfobici pieni d'odio intenti ad immiserire i figli negando la loro nuova identità. Nel frattempo, le scuole si vantano delle loro credenziali LGBTQIA+ e delle loro relazioni con lobbisti come Stonewall e Gendered Intelligence, le stesse organizzazioni che sono veloci a bollare chiunque critichi l'ideologia dell’identità di genere come bigotti e "razzisti sessuali".

La cosa più frustrante del sostegno delle scuole all'ideologia dell’identità di genere e ai bulli che la promuovono è che stanno ignorando la guida del governo sulla pianificazione delle lezioni su relazioni, sesso e salute. Le linee guida del governo non potrebbero essere più chiare: consigliano agli insegnanti di non rafforzare gli stereotipi dannosi suggerendo che i bambini appartengono a un genere diverso in base alla loro personalità, interessi o vestiti, e dicono chiaramente che non dovrebbero suggerire ai bambini gender non-conforming che la loro personalità o il loro corpo è sbagliato e deve essere cambiato.

L'unico modo per porre fine al bullismo è opporsi, ma ci sono poche vie ufficiali per sfidare le politiche scolastiche. Nel Regno Unito, l'unico potere formale che i genitori hanno per contestare il contenuto delle lezioni è l'obiezione religiosa attraverso il sistema SACRE ; non c'è un altro canale ufficiale che permetta loro di chiedere conto alle scuole come negli Stati Uniti. 

Ma cio’ non significa che i genitori siano impotenti. Scrivete alla vostra scuola per chiedere se sono a conoscenza e stanno seguendo le linee guida del governo; se siete a conoscenza di insegnanti che difendono attivamente l'ideologia di genere, contestateli. Scrivete ai governatori, al vostro deputato, agli amministratori dell'Academy Trust e ai direttori dei servizi per l'infanzia della LEA. Leggete i materiali educativi di Transgender Trend e Safe School Alliance, e le opinioni dei genitori colpiti su Our Duty.

Quando i genitori si uniscono, spesso riescono a contrastare l'ideologia dell’identità di genere. Ci sono storie di successo degne di nota: in primo luogo, la Safe Schools Alliance ha costretto il Consiglio della Contea di Oxfordshire a ritirare il toolkit trans dopo aver minacciato un'azione legale; inoltre, i genitori di una scuola di Rhondda Cynon Taf hanno avuto successo in un’iniziativa simile

Se hai dubbi sul perché dovresti farlo, immagina tua figlia con la barba, cicatrici da doppia mastectomia e infertile; immagina tuo figlio con il seno e una ferita in mezzo alle gambe. Molti di noi non hanno bisogno di immaginarlo, è realtà.

Gli insegnanti attivisti non possono continuare a promuovere incontrastati questo scempio. Se non prendono sul serio il loro dovere di cura, allora spetta ai genitori ricordare loro che le loro parole possono fare danni che durano tutta la vita.

articolo integrale qui, traduzione di Maria Celeste


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
11 Novembre 2022
Iranian Beauty
In Iran la bellezza femminile diventa la leva di una vera rivoluzione: niente di simile alla mortificazione-mercificazione dei corpi che in Occidente viene propagandata come libertà. La lotta per poter essere donne rivela l'ipocrisia del queer
Sono ormai quasi due mesi che è iniziata la rivolta delle ragazze iraniane contro il velo, un'onda incontenibile che ogni giorno produce di nuove immagini, nuovi contenuti, una ventata di aria fresca rispetto a certe narrazioni sulle donne nel mondo islamico, ma anche uno specchio che rivela quanto di artefatto ci sia dietro tante parole d’ordine politicamente corrette del femminismo intersezionale o transfemminismo. Primo: il velo non è una libera scelta né tantomeno quell'empowerment femminista su cui ci bombarda da […]
Leggi ora
7 Novembre 2022
Belgio, nuova legge sul femminicidio. Da studiare
In Europa la violenza maschile è la principale causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni. Il Belgio si attrezza con una nuova legge che per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche fondate su statistiche ufficiali. Avendo ben presente che la violenza è un dispositivo del dominio maschile
Fermare la strage delle donne. E’ questo il senso della nuova “legge sulla prevenzione e la lotta contro i femminicidi, i delitti basati sul genere e le violenze che li precedono” adottata in prima lettura nel Consiglio dei ministri lo scorso 25 ottobre in Belgio. Depositata dalla Segretaria di Stato per la Parità di Genere, Sarah Schlitz (Ecolo/Verdi), la legge quadro per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche di lotta fondate su statistiche ufficiali. E in […]
Leggi ora
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora
6 Ottobre 2022
"Distruggi i diritti delle donne": JK Rowling contro la premier scozzese e la sua legge trans
Come in Spagna anche in Scozia il femminismo combatte contro una legge voluta dalla prima ministra Nicola Sturgeon che introduce l'autodeterminazione di genere senza alcuna diagnosi medica e abbassando a 16 anni l'età per l'accesso. E anche stavolta l'autrice di Harry Potter è al fianco delle donne, delle bambine e dei bambini
JK Rowling si fotografa con una maglietta che dice: "Nicola Sturgeon, distruttrice dei diritti delle donne" per sostenere le donne che protestano davanti al parlamento scozzese contro la controversa legge di riforma del riconoscimento di genere voluta dalla Prima Ministra scozzese. Le attiviste di For Women Scotland (Scozia per le donne) si sono riunite questa mattina davanti al Parlamento scozzese per una manifestazione contro il disegno di legge promosso da Sturgeon, che renderebbe più facile l’autodeterminazione di genere –lo abbiamo […]
Leggi ora
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora
4 Ottobre 2022
USA, coppia gay fa causa: l'utero in affitto è un "diritto", va pagato dall'assicurazione sanitaria
La richiesta dei due uomini punta a far riconoscere come "disabilità" il fatto di non disporre di un utero: pretesa assurda, invidiosa e rivelatrice. Se vincessero in tribunale in tutta l'America assicurazioni e datori di lavoro dovrebbero rimborsare le gestazioni per altri for men
Una coppia gay ha avviato una causa al tribunale del lavoro di New York chiedendo che l’assicurazione fornita dal datore di lavoro paghi al posto loro tutti i costi dell’utero in affitto, al fine di garantire “pari opportunità nell’accesso alle cure della fertilità”. A tutti gli effetti si richiede che una coppia di maschi gay diventi per legge una categoria protetta in quanto entrambi privi di utero e privi di accesso a un utero. Se vincessero la causa, in tutti […]
Leggi ora